La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Proposte per un nuovo Piano Energetico Nazionale Eugenio Saraceno - ASPO Italia Torino, 3 Maggio 2008 ASPO: Associazione per lo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Proposte per un nuovo Piano Energetico Nazionale Eugenio Saraceno - ASPO Italia Torino, 3 Maggio 2008 ASPO: Associazione per lo."— Transcript della presentazione:

1 Proposte per un nuovo Piano Energetico Nazionale Eugenio Saraceno - ASPO Italia Torino, 3 Maggio 2008 ASPO: Associazione per lo studio del Picco del Petrolio

2 Perché stilare un nuovo P.E.N. I più aggiornati modelli di previsione della produzione di materie prime energetiche fossili e fissili mostrano che non sarà possibile soddisfare la domanda mondiale prevista nei prossimi decenni per queste ultime dagli scenari IEA; I più aggiornati modelli di previsione della produzione di materie prime energetiche fossili e fissili mostrano che non sarà possibile soddisfare la domanda mondiale prevista nei prossimi decenni per queste ultime dagli scenari IEA; I modelli dei climatologi riuniti in IPCC mostrano che se le emissioni di gas serra non saranno ridotte rapidamente il pianeta rischia di andare incontro a gravi sconvolgimenti climatici; I modelli dei climatologi riuniti in IPCC mostrano che se le emissioni di gas serra non saranno ridotte rapidamente il pianeta rischia di andare incontro a gravi sconvolgimenti climatici; LItalia è un paese con forte dipendenza dalle fonti energetiche fossili, in particolare quelle costosamente importate ed è, per la propria posizione geografica e le caratteristiche climatiche, particolarmente esposta ai gravi rischi dei cambiamenti del clima. LItalia è un paese con forte dipendenza dalle fonti energetiche fossili, in particolare quelle costosamente importate ed è, per la propria posizione geografica e le caratteristiche climatiche, particolarmente esposta ai gravi rischi dei cambiamenti del clima.

3 Gestire la complessità di una possibile crisi energetica e climatica Mentre si susseguono le avvisaglie di entrambi gli ordini di problemi urge sviluppare una strategia energetica e climatica coraggiosa e senza rimpianti che ponga i presupposti per mitigare le possibili conseguenze delle crisi energetica e climatica incombenti. Una traccia per un nuovo Piano Energetico Nazionale, che manca dallagenda della politica dal lontano 1988

4 Il prossimo quinquennio: due criticità strettamente correlate : Verifica del raggiungimento degli obbiettivi del Protocollo di Kyoto : Secondo le previsioni dei più autorevoli studiosi in ASPO ed in altre istituzioni, è anche il periodo in cui sarà manifestamente chiaro che la produzione mondiale di petrolio ha iniziato a ridursi, nonostante gli investimenti degli operatori del settore ed i notevoli rialzi dei prezzi registrati.

5 Idee guida per il P.E.N. Utilizzare risparmio energetico e sostituzione con fonti rinnovabili per ridurre i consumi di combustibili fossili di una quantità tale da permettere il rispetto delle quote di emissioni relative allItalia nellambito del protocollo di Kyoto. Prendere in esame provvedimenti anche su temi strettamente correlati con lenergia e il clima quali rifiuti, acqua, agricoltura Non contare sul contributo di un eventuale riavvio dei programmi nucleari, la messa in esercizio di un nuovo impianto può richiedere oltre dieci anni mentre i problemi energetici e climatici sono già qui e ora In prospettiva seguire le evoluzioni tecnologiche delle Nuove Fonti Rinnovabili quali solare fotovoltaico ed eolico troposferico (KiteGen), ed anche delle nuove tecnologie nucleari quali quelle basate sul torio o sulla fertilizzazione.

6 Le previsioni presenti nel Piano Nazionale di Allocazione delle emissioni di gas serra prevedono che lItalia mancherà gli obbiettivi di Kyoto di 100 MTon di CO2 equivalente che sarebbero sanate con progetti JI e CDM Emissioni di GHG e consumo di combustibili fossili in Italia Annoemissioni di GHG (MTon CO2Eq) Di cui da settore energetico Di cui da altri settori Note ,4095,6 Dato storico ,9444,5099,4 Dato storico ,5461,0097,5 Dato storico ,42452,4297 Dato provvisorio ,3518,3095 Scenario tendenziale PNA ,7480,7095 Scenario Riferimento PNA ,0095 Obbiettivo Kyoto

7 Quali emissioni ridurre? Di quanto? Si ipotizza di ridurre i consumi di fossili fino a 149 Mtep così ripartiti: CARBONE 18,0(+0,6 MTep rispetto al 2007) GAS 70,0(-1 MTep) PETROLIO 61,0(-21,4 MTep) TOTALE149,0(-21,8 MTep) Dai modelli oggi illustrati si deduce che per le materie prime energetiche la sequenza di picco interesserà nellordine petrolio-gas-carbone il criterio di intervento proposto consiste dunque nel ridurre molto il consumo di petrolio (tendenza già in atto), stabilizzare il consumo di gas e di energia elettrica (la tendenza attuale è allaumento) Per quanto riguarda il carbone, essendo il relativo picco ancora abbastanza lontano può essere tollerato un modesto aumento dei consumi

8 Per rispettare lobbiettivo si dovrebbe ridurre al 2012 il consumo di combustibili fossili di 22 MTep rispetto al 2007 Riduzione dei consumi di combustibili fossili e di emissioni di GHG Anno / Fonte Mton CO2 / MTep 2007 dati provvisori2012 tendenziale (previsione ASPO.It) 2012 Scenario PEN ASPO.It MTepMton CO2 EQ. MTepMton CO2 EQ. MTepMton CO2 EQ. CARBONE 3,917,3067,4717,4067,8618,0070,20 PETROLIO -82,40-76,60-61,00 di cui usi energetici 3,171,50221,6564,80200,8848,00148,8 GAS 2,371,00163,3075,55173,7670,00161 TOTALE -170,70452,42169,55442,50149,00380

9 Contributi Potenziali: Energie Rinnovabili Solare FV: no limiti di disponibilità; i vincoli sono costi e stabilità della rete (fonte energetica intermittente) Solare FV: no limiti di disponibilità; i vincoli sono costi e stabilità della rete (fonte energetica intermittente) Energia Eolica: molte autorizzazioni pendenti, ma i siti di qualità sono limitati, vincolo su stabilità della rete Energia Eolica: molte autorizzazioni pendenti, ma i siti di qualità sono limitati, vincolo su stabilità della rete Stabilità della rete: FV+Eolico<11GW (teoricamente 20% potenza max) Stabilità della rete: FV+Eolico<11GW (teoricamente 20% potenza max) Solare termico: Stima ESTIF 10 MTep Solare termico: Stima ESTIF 10 MTep Biomasse: può essere considerato un potenziale intorno ai 10 MTep, di cui per le direttive europee circa 2 MTep di biocarburanti Biomasse: può essere considerato un potenziale intorno ai 10 MTep, di cui per le direttive europee circa 2 MTep di biocarburanti Idroelettrico: grande taglia, poche opportunità, buone prospettive per mini e micro idro (1-10 GW) Idroelettrico: grande taglia, poche opportunità, buone prospettive per mini e micro idro (1-10 GW) Geotermia: quasi saturo settore produzione elettrica, buone prospettive per il calore a bassa entalpia (0,4 MTep al 2010 libro bianco UE) Geotermia: quasi saturo settore produzione elettrica, buone prospettive per il calore a bassa entalpia (0,4 MTep al 2010 libro bianco UE)

10 Contributi Potenziali: Risparmio Energetico Coibentazione edifici: 30% (standard tedeschi) Coibentazione edifici: 30% (standard tedeschi) Efficienza usi energia elettrica (illuminazione, elettrodom.,motori industr.): 20% (stima Greenpeace) Efficienza usi energia elettrica (illuminazione, elettrodom.,motori industr.): 20% (stima Greenpeace) Potenziale risparmio con caldaie a condensazione in condomini: 13% (4 MTep - stime WWF) Potenziale risparmio con caldaie a condensazione in condomini: 13% (4 MTep - stime WWF) Cogenerazione vs generazione separata: 13% Cogenerazione vs generazione separata: 13% Aumento efficienza impianti termoelettrici: 2% Aumento efficienza impianti termoelettrici: 2% Utilizzo pompa di calore vs caldaia termica: 33% Utilizzo pompa di calore vs caldaia termica: 33% Trasporto pubblico vs auto privata: 75% Trasporto pubblico vs auto privata: 75% Trasporto merci su idrovia vs TIR: 70% Trasporto merci su idrovia vs TIR: 70% Trasporto merci su rotaia vs TIR: 60% Trasporto merci su rotaia vs TIR: 60% Veicolo elettrico vs auto privata: 50% Veicolo elettrico vs auto privata: 50% Veicoli più efficienti e riduzione km: 5-10% Veicoli più efficienti e riduzione km: 5-10%

11 Altri Contributi: Gestione Territorio, Rifiuti, Risp. Idrico Obbiettivo raccolta differenziata: media 50% (resa porta a porta 70%) Possibilità di recuperare materiale organico (frazione organica RSU, zootecnia, sfalci) per ridurre lutilizzo di fertilizzanti chimici (da idrocarb.) Possibilità di recuperare materiale organico (frazione organica RSU, zootecnia, sfalci) per ridurre lutilizzo di fertilizzanti chimici (da idrocarb.) Migliorare il recupero di plastiche, vetro e metalli consente di impiegare meno energia di processo e materie prime. Per la sola plastica si può ottenere un risparmio di 0,5 MTep di prodotti petrolchimici portando la differenziata a 50% Migliorare il recupero di plastiche, vetro e metalli consente di impiegare meno energia di processo e materie prime. Per la sola plastica si può ottenere un risparmio di 0,5 MTep di prodotti petrolchimici portando la differenziata a 50% Valorizzazione energetica del non riciclabile mediante tecnologie a basso impatto. Valorizzazione energetica del non riciclabile mediante tecnologie a basso impatto. Risparmio idrico: Riduzione delle perdite di rete Riduzione delle perdite di rete Piccoli invasi lungo corsi dacqua minori, anche per produzione idroelettrica e pompaggi. In particolare nel centro sud. Piccoli invasi lungo corsi dacqua minori, anche per produzione idroelettrica e pompaggi. In particolare nel centro sud. Risparmio idrico settori civile, industria, agricoltura Risparmio idrico settori civile, industria, agricoltura Recupero acque piovane utile anche per evitare danni alle fognature Recupero acque piovane utile anche per evitare danni alle fognature Gestione Territorio - Riforestazione e difesa del suolo : Accumulo di biomassa anche come riserva per usi energetici Accumulo di biomassa anche come riserva per usi energetici Contributo alla riduzione dei gas serra Contributo alla riduzione dei gas serra Contribuisce ad evitare nuove alluvioni Contribuisce ad evitare nuove alluvioni Ridurre la cementificazione del territorio è uno dei contributi principali. Ridurre la cementificazione del territorio è uno dei contributi principali.

12 Obbiettivi P.E.N.: sostituzione con fonti rinnovabili Aumento di produzione elettricità da fonti rinnovabili: +21 TWh (eolico +6,8 TWh, solare +4TWh, geotermico +1,4 TWh, mini idro +3 TWh, biomasse +5,8 TWh) Aumento di produzione elettricità da fonti rinnovabili: +21 TWh (eolico +6,8 TWh, solare +4TWh, geotermico +1,4 TWh, mini idro +3 TWh, biomasse +5,8 TWh) Maggiore utilizzo biomasse per riscalda- mento in zone rurali e montane: +1 MTep Maggiore utilizzo biomasse per riscalda- mento in zone rurali e montane: +1 MTep Solare termico: +1,65 MTep Solare termico: +1,65 MTep Biocarburanti: +2 MTep (di cui 1 MTep di biodiesel ad uso agricolo) Biocarburanti: +2 MTep (di cui 1 MTep di biodiesel ad uso agricolo) Geotermia a bassa entalpia: + 0,3 MTep Geotermia a bassa entalpia: + 0,3 MTep

13 Obbiettivi P.E.N.: risparmio energetico Recupero Efficienza edifici: 1,2 MTep (4%) Recupero Efficienza edifici: 1,2 MTep (4%) Recupero Efficienza usi energia elettrica: 44TWh (12%) Recupero Efficienza usi energia elettrica: 44TWh (12%) Recupero Efficienza caldaie: 2,4 MTep (8%) Recupero Efficienza caldaie: 2,4 MTep (8%) Risparmio per Cogenerazione: 0,75 MTep Risparmio per Cogenerazione: 0,75 MTep Risparmio per utilizzo pompe di calore: 0,264 MTep Risparmio per utilizzo pompe di calore: 0,264 MTep Trasporto pubblico vs auto privata: 1,9 MTep Trasporto pubblico vs auto privata: 1,9 MTep Trasporto merci su idrovia vs TIR: 1,25 MTep Trasporto merci su idrovia vs TIR: 1,25 MTep Trasporto merci su rotaia vs TIR: 1,15 MTep Trasporto merci su rotaia vs TIR: 1,15 MTep Veicolo elettrico vs auto privata: 3,7 MTep Veicolo elettrico vs auto privata: 3,7 MTep Treno AV vs aereo (tratte brevi): 0,3 MTep Treno AV vs aereo (tratte brevi): 0,3 MTep Veicoli più efficienti e riduzione km: 1,75 MTep Veicoli più efficienti e riduzione km: 1,75 MTep

14 Obbiettivi P.E.N.: ulteriori risparmi Conseguenza del minor consumo di petrolio: Minori consumi di raffinazione: 1,4 MTep Minori consumi di raffinazione: 1,4 MTep Conseguenza di traffico dirottato su ferro e acqua, minor necessità infrastrutture stradali Minori consumi bitume: 0,5 MTep Minori consumi bitume: 0,5 MTep Minori consumi carbone (cementiero): 0,2 MTep Minori consumi carbone (cementiero): 0,2 MTep Conseguenza incremento raccolta differenziata e fertilizzanti organici: minori consumi petrolchimica: 0,5 MTep minori consumi petrolchimica: 0,5 MTep

15 Risorse e Strumenti (1) Le risorse attualmente esistenti comprendono: CIP6: nel 2006 incentivi di 6120 mln di euro di cui 4840 destinate a RSU e residui di processo (39 TWh), solo 1280 destinate alle rinnovabili (7,1 TWh). Gli oneri di questo incentivo sono finanziati con apposita componente A3 nelle tariffe di distribuzione dellelettricità. CIP6 è stato abolito per le fonti non rinnovabili; era una distorsione del mercato elettrico con oneri di ben altra natura. CIP6: nel 2006 incentivi di 6120 mln di euro di cui 4840 destinate a RSU e residui di processo (39 TWh), solo 1280 destinate alle rinnovabili (7,1 TWh). Gli oneri di questo incentivo sono finanziati con apposita componente A3 nelle tariffe di distribuzione dellelettricità. CIP6 è stato abolito per le fonti non rinnovabili; era una distorsione del mercato elettrico con oneri di ben altra natura. Certificati Verdi (CV): nel mln di euro destinate alle rinnovabili (4 TWh) Gli oneri di questo incentivo sono a carico dei produttori di energia elettrica che li scaricano sugli utenti. Essi sono obbligati a produrre una percentuale di energia rinnovabile o a comprare CV da altri produttori di energia rinnovabile fino a soddisfare lobbligo. Certificati Verdi (CV): nel mln di euro destinate alle rinnovabili (4 TWh) Gli oneri di questo incentivo sono a carico dei produttori di energia elettrica che li scaricano sugli utenti. Essi sono obbligati a produrre una percentuale di energia rinnovabile o a comprare CV da altri produttori di energia rinnovabile fino a soddisfare lobbligo. Conto Energia (CE): incentivo a impianti FV, (da 370 a 460 /MWh) a regime con lobbiettivo dei 3 GW installati il costo annuale ammonterebbe a circa 1360 mln Conto Energia (CE): incentivo a impianti FV, (da 370 a 460 /MWh) a regime con lobbiettivo dei 3 GW installati il costo annuale ammonterebbe a circa 1360 mln

16 Risorse e Strumenti (2) Certificati Bianchi (CB): incentivo a risparmio energetico 100/Tep, obbiettivi 2008 fissati a 1,2 MTep per lenergia elettrica e 1 MTep per il gas. Gli oneri di questo incentivo sono finanziati con apposita componente nelle tariffe di elettricità e gas, ma il risparmio complessivo degli utenti per ogni Tep non consumato è 6-12 volte maggiore dellonere Certificati Bianchi (CB): incentivo a risparmio energetico 100/Tep, obbiettivi 2008 fissati a 1,2 MTep per lenergia elettrica e 1 MTep per il gas. Gli oneri di questo incentivo sono finanziati con apposita componente nelle tariffe di elettricità e gas, ma il risparmio complessivo degli utenti per ogni Tep non consumato è 6-12 volte maggiore dellonere Detrazioni IRPEF: per interventi di efficienza energetica, elettrodomestici con minori consumi etc. Detrazioni IRPEF: per interventi di efficienza energetica, elettrodomestici con minori consumi etc. Rottamazioni: nel ad automobile + esenzione bollo (2 mln di auto immatricolate – costo totale 2 Mld / 13 mln di auto euro 0-1 = 13 Mld!!!!) Rottamazioni: nel ad automobile + esenzione bollo (2 mln di auto immatricolate – costo totale 2 Mld / 13 mln di auto euro 0-1 = 13 Mld!!!!) Ecopass e parchimetri: buoni risultati per riduzione traffico e inquinamento Ecopass e parchimetri: buoni risultati per riduzione traffico e inquinamento Grandi opere: bene gli investimenti in infrastrutture ferroviarie e ferrotranviarie ma le nuove opere stradali e aeroportuali sono realmente necessarie con la crisi petrolifera? Grandi opere: bene gli investimenti in infrastrutture ferroviarie e ferrotranviarie ma le nuove opere stradali e aeroportuali sono realmente necessarie con la crisi petrolifera?

17 Riassetto risorse - energia Eliminazione del CIP6 per assimilate e RSU (6,12 Mld annui) e ripartizione delle risorse liberate su: Conto Energia: FV 400/MWh, Certificati Verdi: altre Fonti Rinnovabili 132/MWh, Ex CIP6: Utilizzerà la componente A3 per incentivare le convenzioni già in essere solo per rinnovabili e cogenerazione, fino a scadenza delle stesse. Istituzione dei Certificati Grigi (CG) per la valorizzazione energetica dei rifiuti 130 /MWh; con questo strumento i recuperi energetici saranno incentivati fino alla fine delle convenzioni in essere con oneri gravanti su chi produce i rifiuti, secondo il principio chi inquina paga. Le nuove convenzioni saranno incentivate solo se a basso impatto.

18 Riassetto risorse - energia Simulazione redistribuzione risorse ex CIP6 solo su FER e cogenerazione (impianti già incentivati) Simulazione storno da CIP6 incentivi per recuperi energetici da rifiuti

19 Riassetto risorse – risparmio Certificati Bianchi: incentivano con 100 /Tep per 5 anni tutti gli obbiettivi di risparmio energetico. Se i prezzi degli idrocarburi aumentassero ulteriormente lincentivo potrebbe salire grazie alla maggiore convenienza del risparmio. Detrazioni IRPEF: per interventi di miglioramento efficienza: elettrodomestici, edifici, solare termico, geotermia a bassa entalpia, pompe di calore geotermiche. Potrebbe essere necessario andare oltre il 55% per velocizzare il raggiungimento degli obbiettivi. Mutui per lefficienza: da istituti finanziari privati, garantiti con fondi pubblici – lutente ripaga il mutuo con i risparmi conseguiti in bolletta grazie agli interventi di efficienza

20 Riassetto risorse – risparmio Simulazione costi incentivo / costi evitati nellipotesi di obbligo CB gas 4,6 MTep ed elettricità 9,5 MTep. Il costo di un Tep è in euro e riferito al gas ed allenergia elettrica per usi domestici tasse incluse alle tariffe medie del 2007

21 Riassetto risorse - mobilità Incentivare il trasporto pubblico e privato mediante veicoli elettrici e favorire luso della bicicletta: Contributo rottamazioni: solo per mezzi elettrici, nuovi o trasformati e cicli (recupero di oltre 2 mld solo nel 2008!!) Contributo rottamazioni: solo per mezzi elettrici, nuovi o trasformati e cicli (recupero di oltre 2 mld solo nel 2008!!) Ecopass e parchimetri in tutti i grandi centri: veicoli elettrici esenti. Utilizzare le maggiori risorse così ottenute per aumento del trasporto pubblico, delle Piste Ciclabili e delle Zone Pedonali Ecopass e parchimetri in tutti i grandi centri: veicoli elettrici esenti. Utilizzare le maggiori risorse così ottenute per aumento del trasporto pubblico, delle Piste Ciclabili e delle Zone Pedonali Piani dei comuni per incentivare la concentrazione di uffici e fabbriche in zone coperte dal trasporto pubblico. Piani dei comuni per incentivare la concentrazione di uffici e fabbriche in zone coperte dal trasporto pubblico. A medio e lungo termine riduzione di inquinamento urbano e conseguente riduzione della spesa sanitaria A medio e lungo termine riduzione di inquinamento urbano e conseguente riduzione della spesa sanitaria In prospettiva nelle zone urbane solo mezzi pubblici, bici e veicoli elettrici

22 Riassetto risorse - merci A cosa servono nuove autostrade ed aeroporti se non avremo abbastanza petrolio? Concentrare gli investimenti per le infrastrutture a beneficio di trasporti su rotaia e via dacqua : Ripristinare la navigabilità nel bacino del Po Ripristinare la navigabilità nel bacino del Po Autostrade del mare: passare dalle parole ai fatti Autostrade del mare: passare dalle parole ai fatti Nodi logistici intermodali: distribuzione sul territorio Nodi logistici intermodali: distribuzione sul territorio In prospettiva il trasporto merci su medie e lunghe distanze deve essere operato per almeno l80% del percorso su rotaia o via dacqua. La distribuzione nei centri urbani dovrebbe avvenire con mezzi elettrici. Esempio: costo di 1 km di autostrada; 20 mln Esempio: costo di 1 km di autostrada; 20 mln Costo ripristino 1 km di idrovie: 1 mln Costo ripristino 1 km di idrovie: 1 mln

23 Riassetto risorse – agricoltura e acqua Incentivare il risparmio idrico, la produzione agricola carbon free, le filiere corte. biocombustibili autoprodotti in agricoltura, defiscalizzazione completa biocombustibili autoprodotti in agricoltura, defiscalizzazione completa Fertilizzanti autoprodotti - liquami, ceneri di biomasse Fertilizzanti autoprodotti - liquami, ceneri di biomasse Favorire colture organiche (riduzione pesticidi) Favorire colture organiche (riduzione pesticidi) Favorire il consumo di prodotti agricoli locali Favorire il consumo di prodotti agricoli locali Certificati Azzurri per il risparmio idrico, analoghi ai CB, incentivo per ogni mc di acqua risparmiata (industria, civile, agricoltura) o recuperata (piovana) Certificati Azzurri per il risparmio idrico, analoghi ai CB, incentivo per ogni mc di acqua risparmiata (industria, civile, agricoltura) o recuperata (piovana) Riforestazione aree dissestate, protezione del suolo Riforestazione aree dissestate, protezione del suolo Fermare lo sprawl e la cementificazione del territorio Fermare lo sprawl e la cementificazione del territorio

24 Riassetto risorse – Rifiuti Strategia per la corretta gestione dei rifiuti 1. Riduzione: disincentivare leccesso di imballaggi e i prodotti usa e getta, ad esempio maggiorando lIVA su di essi. Incentivare la vendita di prodotti sfusi e/o alla spina. 2. Restituzione: ripristinare la pratica del vuoto a rendere. 3. Consegna e Raccolta differenziate: In molte realtà territoriali si è ottenuto un risparmio adottando la raccolta differenziata porta a porta. 4. Pretrattamento e recupero (riciclaggio): le maggiori risorse dovute alla leva fiscale sugli imballaggi vanno ad incentivare il recupero di materia, in ragione della quantità riciclata. 5. Smaltimento residui. Mediante discarica o valorizzazione energetica (CG)

25 Riepilogo interventi (1) Settore civile: -8,6 MTep Petrolio -2,3 Gas -6 Energia elettrica -0,3 Settore industriale:-8,6 MTep Petrolio -3,3 Gas -0,85 Carbone -0,4

26 Riepilogo interventi (2) Settore trasporti e agricoltura: -7,9 MTep benzina -5,6, gasolio -5,8, jet -0,3, lubrificanti -0,15 gpl +0,36, bunker +0,6 Energia elettrica +14 TWh (+3 MTep)

27 Riepilogo variazioni consumi

28 Grazie per lAttenzione Eugenio Saraceno - ASPO Italia Eugenio Saraceno - ASPO Italia Il Piano Energetico Nazionale ASPO Italia è scaricabile liberamente in _content&task=view&id=205&Itemid=38 _content&task=view&id=205&Itemid=38


Scaricare ppt "Proposte per un nuovo Piano Energetico Nazionale Eugenio Saraceno - ASPO Italia Torino, 3 Maggio 2008 ASPO: Associazione per lo."

Presentazioni simili


Annunci Google