La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Luciano giromini – la misura in psicologia – 2009 database e distribuzioni distribuzione di frequenza es.1 variabili rilevate unità statistiche Titolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Luciano giromini – la misura in psicologia – 2009 database e distribuzioni distribuzione di frequenza es.1 variabili rilevate unità statistiche Titolo."— Transcript della presentazione:

1 luciano giromini – la misura in psicologia – 2009 database e distribuzioni distribuzione di frequenza es.1 variabili rilevate unità statistiche Titolo di studio 1medie 2elementari 3medie 4 5superiori 6 7medie 8laurea 9superiori 10laurea Titolo di studio frequenze assolute modalità: nini elementari1 medie4 superiori3 laurea2 somma (Σ)10 n 1 + n 2 + … + n k = Σ n i = n i=1 k n 1 + n 2+n3+n4 = = 10 (= n)

2 database e distribuzioni frequenze relative es 1 dividendo ogni n i per n si ottengono le frequenze relative, che hanno il pregio di eliminare leffetto della numerosità n della popolazione f i = n i / n Titolo di studio frequenze assolute frequenze relative modalità:ni fifi elementari1 0.1 medie4 0.4 superiori3 0.3 laurea2 0.2 somma (Σ)10 1 Σ f i = 1 i=1 k luciano giromini – la misura in psicologia – 2009 Titolo di studio frequenze assolute modalità:ni elementari1 medie4 superiori3 laurea2 somma (Σ)10

3 luciano giromini – la misura in psicologia – 2009 database e distribuzioni distribuzione di frequenza es.2 variabili rilevate unità statistichediagnosi 1AD/HD 2DPTS 3 4DDM 5AD/HD 6DPTS 7DDM 8 9AD/HD 10DDM 11DOC 12DBP 13DBP 14DPTS DIAGNOSI frequenze assolute MODALITA ni AD/HD3 DPTS4 DDM4 DOC1 DBP2 somma (Σ)14 n 1 + n 2 + … + n k = Σ n i = n i=1 k n 1 + n 2+n3+n4+N5 = = 14 (= n)

4 database e distribuzioni frequenze relative es 2 dividendo ogni n i per n si ottengono le frequenze relative, che hanno il pregio di eliminare leffetto della numerosità n della popolazione f i = n i / n DIAGNOSIfrequenze assolutefrequenze relative MODALITAnifi AD/HD30.21 DPTS40.29 DDM40.29 DOC10.07 DBP20.14 somma (Σ)141 Σ f i = 1 i=1 k luciano giromini – la misura in psicologia – 2009 DIAGNOSI frequenze assolute MODALITAni AD/HD3 DPTS4 DDM4 DOC1 DBP2 somma (Σ)14

5 database e distribuzioni frequenze cumulate ES 3 la frequenza cumulata N i associata alla modalità i-esima (i=1,2,…,k) indica il numero di unità statistiche che hanno manifestato una modalità inferiore o uguale alla i-esima. Impatto sintomatologia Frequenze assoluteFrequenze cumulate modalità n i N i basso 4 4 medio 711 alto 1526 sommatoria 26 N k = n = N luciano giromini – la misura in psicologia – 2009 casiimpattocasiimpatto 1medio14alto 2 15alto 3basso16alto 4 17basso 5medio18alto 6 19alto 7medio20medio 8basso21alto 9 22alto 10medio23medio 11medio24alto 12alto25basso 13alto26alto

6 database e distribuzioni ES 4 Uno psicologo utilizza la Scala per la Valutazione Globale del Funzionamento (VGF, da 0 a 100, ad un punteggio di 100 corrisponde il miglior funzionamento) per confrontare il funzionamento psicologico dei pazienti di una clinica per tossicodipendenti (n=68) con quello dei pazienti di una clinica per psicotici (n=24). Considera, per comodità, scarso un punteggio minore o uguale a 50 e buono un punteggio superiore a 50. I risultati mostrano 24 pazienti con funzionamento scarso nella clinica per tossicodipendenti e 18 pazienti con funzionamento scarso nella clinica per psicotici. COSTRUIRE LE DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA (ASSOLUTE E RELATIVE) VGFassrel mod:nini fifi scarso buono60.25 Σ241 VGFassrel mod:nini fifi scarso buono Σ681 clinica per psicoticiclinica per tossicodipendenti Che tipo di variabile è la VGF utilizzata da questo psicologo? Variabile qualitativa (scala ordinale) luciano giromini – la misura in psicologia – 2009


Scaricare ppt "Luciano giromini – la misura in psicologia – 2009 database e distribuzioni distribuzione di frequenza es.1 variabili rilevate unità statistiche Titolo."

Presentazioni simili


Annunci Google