La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

METODI DIRETTI PER LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE. 2 METODI E STRUMENTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "METODI DIRETTI PER LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE. 2 METODI E STRUMENTI."— Transcript della presentazione:

1 METODI DIRETTI PER LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE

2 2 METODI E STRUMENTI

3 IL SUCCESSO DELLUSO DEI MULTIPLI Luso dei multipli nella valutazione delle imprese (VALUTAZIONE RELATIVA) ha avuto un grande successo negli ultimi 10 – 15 anni; i fattori che ne hanno favorito lo sviluppo sono: Lievitazione prezzi di borsa con conseguente divario tra capitalizzazione e valori contabili dei capitali netti Lievitazione prezzi di borsa con conseguente divario tra capitalizzazione e valori contabili dei capitali netti Grande peso degli intangibili Grande peso degli intangibili Prevalere dei metodi analitici Prevalere dei metodi analitici Vantaggio informativo riconosciuto ai multipli in contesti di previsione incerta Vantaggio informativo riconosciuto ai multipli in contesti di previsione incerta 3

4 CONDIZIONI FAVOREVOLI PER LUTILIZZO DEI METODI DIRETTI 4 imprese di piccole dimensioni in cui i beni stimabili con i metodi diretti siano di particolare rilevanza; quando sia necessaria una prima valutazione il più possibile celere; come metodo di controllo o di primo valore, associandovi i risultati ottenuti con altri metodi; se lapplicazione di altre metodologie conduca risultati scarsamente affidabili; quando a causa di oscillazioni dei dati presi come base da altre metodologie non sia possibile individuare un chiaro trend; nel caso in cui non sussistano rischi di duplicazioni di valori;

5 IL GIUDIZIO INTEGRATO DI VALUTAZIONE Processo valutativo basato su tre pilastri fondamentali Processo valutativo basato su tre pilastri fondamentali 1) FORMULE : conducono a valutazioni assolute 2) PREZZI PROBABILI : espressi dai multipli, conducono a valutazioni relative 3) BASE INFORMATIVA I tre pilastri non possono essere concepiti isolatamente e non può nemmeno essere stilata una graduatoria degli stessi, pertanto cominciare dalle formule o dalla base informativa è assolutamente ininfluente. Il fatto che i pilastri, cioè i capisaldi del processo, siano in misura superiore ad uno, sta a significare che le informazioni apportate da ognuno di essi sono poco correlate fra loro 5

6 IL METODO DEI MOLTIPLICATORI 6 Distinguiamo due approcci, di cui spesso è possibile limpiego congiunto: 1) Lapproccio delle società comparabili: si stima il prezzo di unazienda non quotata, prendendo come riferimento un insieme di società quotate operanti nel medesimo settore e ritenute il più possibile omogenee; 2) Lapproccio delle transazioni comparabili: si stima il valore di unazienda prendendo come riferimento le transazioni di aziende comparabili avvenute recentemente;

7 7 E possibile distinguere le seguenti fasi operative: 1.Individuazione di un insieme di aziende similari e comparabili; 2.Calcolo dei moltiplicatori determinato sulla base dei valori forniti da tali aziende; 3.Confronto delle caratteristiche e delle particolarità dellazienda oggetto di valutazione e di quelle similari; 4.Scelta dei moltiplicatori; 5.Applicazione dei moltiplicatori ai valori parametro dellazienda da valutare (Earning, EBIT, EBITDA, Sales, Book Value, Cash Flow ecc.). Nel caso di multiplo asset side, è necessario procedere alla sottrazione dall Enterprise Value del valore dei debiti aziendali.

8 8 Il principale è il Price/Earning (P/E). Esso è pari a: P/E= prezzo dellazione utile netto per azione Multipli equity side: P/E Il rapporto prezzo/utili risulta da tempo essere di gran lunga il più gettonato, in quanto fornisce in modo immediato uninformazione chiara ed intelligibile sullo stato di salute di una società per azioni, specie se raffrontato ai P/E di altre società di uno stesso settore, e spesso basta per gli investitori più alla mano a far cliccare su un titolo ancorché su un altro. In realtà, per apprendere al meglio il messaggio che contiene, questo ratio andrebbe letto allinterno di un contesto più ampio, comprendente i fondamentali dellazienda cui si riferisce.

9 9 Multipli equity side: P/E Il motivo per cui è importante sapere quante volte l utile entra nel prezzo risiede nel concetto stesso di investimento: infatti volendo paragonare linvestimento in azioni ad un qualsiasi altro investimento, l azionista investe del denaro, e si attende di veder ripagare col tempo linvestimento fatto mediante un rendimento costituito in questo caso proprio dai dividendi, ed una volta recuperato linvestimento si aspetta di vedere degli utili che presumibilmente continueranno ad entrare dopo il periodo di recupero, come remunerazione del rischio assunto. Indubbiamente tale quoziente ha una grande utilità, fornendo uninformazione rapida e sintetica, ma come è stato detto precedentemente tale informazione va letta alla luce di un quadro analitico più completo. Va oltretutto ricordato che per molte imprese neonate o in crisi, tale rapporto non può essere usato per il semplice fatto che il denominatore, ovvero lutile, è negativo.

10 10 Multipli equity side: P/BV Il Price/book value (P/BV) esprime un multiplo del patrimonio netto. Esso è pari a: P/BV= Prezzo dellazione__________________ patrimonio netto contabile per azione Questo quoziente fornisce un dato estremamente indicativo, mettendo in relazione la valutazione di mercato di un titolo, con il suo valore contabile, e rivelando immediatamente con un numero se il mercato sovrastima o sottostima lattività in questione. Naturalmente il prezzo di mercato tende ad essere più alto del valore contabile, dal momento che include aspettative circa il futuro, tuttavia succede spesso di incontrare azioni valutate meno del valore di libro.

11 11 Multipli equity side: P/BV I VANTAGGI di questo rapporto sono diversi, infatti fornisce una stima semplice ed intuitiva, in grado di sostituire per certi versi lutilizzo dei complessi calcoli legati allattualizzazione dei flussi di cassa; consente inoltre di valutare titoli con utili negativi, cosa che non è possibile fare con il rapporto P/E. Tra gli SVANTAGGI spiccano invece lutilizzo di differenti sistemi contabili, che possono rendere inutili i raffronti, e la difficoltà riscontrabile nella valutazione di aziende di servizi, le quali contabilmente offrono attivi inconsistenti.

12 Multipli equity side: P/CF 12 Il Price/Cash Flow (P/CF) è il rapporto tra prezzo unitario dellazione e flusso di cassa per azione. Ovvero: P/BV= Prezzo dellazione Cash Flow netto per azione È il rapporto tra il prezzo di mercato dellazione e il cash flow generato dalla società, rapportato al numero di azioni in circolazione. Questo multiplo esprime il tempo necessario affinché la somma investita in azioni ritorni allinvestitore sotto forma di cash flow. Viene utilizzato soprattutto per la valutazione di società operanti in settori che richiedono forti spese dinvestimento iniziali, e conseguenti ingenti carichi di ammortamenti. Meno alto è questo rapporto e meno la società deve indebitarsi.

13 Definizione di Enterprise Value 13 L'enterprise value di una società quotata è un indicatore molto utilizzato nell'analisi finanziaria che ne individua il valore complessivo. L'EV corrisponde alla capitalizzazione di borsa del titolo quotato, ricavabile come prodotto tra il prezzo corrente di un titolo e il numero di azioni che compongono il capitale sociale. A tale valore è necessario, poi, aggiungere l'indebitamento finanziario netto. In formule, l'EV è dato da: EV = (p * n° azioni) + indebitamento finanziario - liquidità

14 14 Multipli asset side: EV/EBIT Il moltiplicatore esprime il valore dellintera azienda in relazione di un risultato si avvicina al risultato operativo lordo aziendale. EV/EBIT = Enterprise Value EBIT Il multiplo restituisce un buon valore, che ci indicherebbe leventuale sottovalutazione di un titolo, quando questindicatore ha un valore inferiore a 8, ed una sopravvalutazione con un valore superiore a 15. Fondamentalmente è un multiplo poco usato nelle valutazioni. E preferibile utilizzare il multiplo EV/EBITDA.

15 Multipli asset side: EV/EBITDA 15 Il moltiplicatore esprime il valore dellintera azienda in relazione del margine operativo lordo aziendale. EV/EBITDA= Enterprise Value EBITDA E un multiplo spesso utilizzato insieme o in alternativa al P/E. Un vantaggio di questo multiplo è che risulta neutrale alla struttura del capitale della società analizzata. Il suo reciproco, EBITDA/EV è usato come misuratore dei ritorni di cassa sugli investimenti.

16 16 Multipli asset side: EV/SALES Il moltiplicatore esprime il valore dellintera azienda in relazione alle vendite: EV/Sales = Enterprise Value Sales L'EV/Sales di una società quotata è un multiplo di mercato riferito a grandezze reddituali molto utilizzato nell'analisi finanziaria, in particolare nella valutazione di società quotate che ancora non hanno realizzato utili.

17 Uniformità tipiche nel comportamento dei moltiplicatori fondamentali 17

18 18 Usi inadeguati ed impropri dei multipli Lutilità e limportanza dei moltiplicatori sono state più volte messe a repentaglio da due fatti: 1) improvvisazione e carenza di metodi di calcolo 2) applicazione con modalità improprie e per fini cui non sono in grado di rispondere Sono infatti visti come metodi di secondordine rispetto alle valutazioni analitiche. Una situazione non raramente riscontrabile riguarda lattribuzione ai multipli di una finta funzione di controllo dei metodi analitici, mentre sono in realtà questi ultimi che vengono adattati ai primi.


Scaricare ppt "METODI DIRETTI PER LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE. 2 METODI E STRUMENTI."

Presentazioni simili


Annunci Google