La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Natalia GINZBURG senza una mente politica. Opere 1942 La strada che va in città 1952 Tutti i nostri ieri 1961 Le voci della sera 1962 Le piccole virtù

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Natalia GINZBURG senza una mente politica. Opere 1942 La strada che va in città 1952 Tutti i nostri ieri 1961 Le voci della sera 1962 Le piccole virtù"— Transcript della presentazione:

1 Natalia GINZBURG senza una mente politica

2 Opere 1942 La strada che va in città 1952 Tutti i nostri ieri 1961 Le voci della sera 1962 Le piccole virtù 1963 Lessico famigliare 1967 Ti ho sposato per allegria 1970 Mai devi domandarmi 1973 Caro Michele 1974 Vita immaginaria 1977 Famiglia 1983 Famiglia Manzoni 1984 La città e la casa 1990 Serena Cruz o la vera giustizia 2001 Non possiamo saperlo

3 LUnità (47-51 e poi negli anni Ottanta), La Stampa (dagli anni Sessanta, specialmente 77-78), Il Corriere della Sera, Il Mondo (1975, Cinema e altro), la Repubblica Elzeviri, Recensioni, Articoli di prima pagina Scritti autobiografici, scritti di critica, di costume, polemici e di attualità Assoluta impronta originale, incompetenza come arma di libertà Gli arabeschi della memoria Saggi, articoli, interventi Da alcuni anni, scrivo degli elzeviri sui giornali. La ragione per cui li scrivo, e la ragione per cui se non li scrivo mi sento in colpa, non mi è molto chiara. […] Lunica cosa che posso dire è che, a forza di scrivere elzeviri, ho capito che quello che mi piace fare, negli elzeviri, è raccontare tutto ciò che mi passa per la testa Elzeviri, in «Corriere della Sera», 30 giugno 1974

4 Gli arabeschi della memoria Saggi, articoli, interventi Pensare a un mondo nuovo e migliore, avendo intorno a noi questo scenario può sembrare roseo ottimismo, un inutile roseo arabesco tracciato nel vuoto. In verità però la fede nel futuro può nascere nel cuore del pessimismo più cupo. Essa può essere illogica, incoerente, utopistica. La qualità della vita, in «La Stampa», 5 maggio 1978 È forse come tracciare degli arabeschi su un muro. Ma penso che ognuno di tanto in tanto si configuri un mondo governato come a lui piacerebbe, penso che ognuno di tanto in tanto si metta a tracciare qualche arabesco su un muro Arabeschi (1986), ora in Non possiamo saperlo, cit., p Larabesco, vena utopica Tempo (presente, passato e futuro) Libertà e diritto di usare limmaginazione ovvero le immagini (vd. Pasolini e le lucciole o Sciascia e Moro)

5 1962 Le piccole virtù 1970 Mai devi domandarmi 1974 Vita immaginaria 1990 Serena Cruz o la vera giustizia 2001 Non possiamo saperlo Gli arabeschi della memoria Saggi, articoli, interventi

6 Le piccole virtù e la trilogia della memoria Quando scrivo delle storie sono come uno che è in patria, sulle strade che conosce dallinfanzia e fra le mura e gli alberi che sono suoi. Il mio mestiere è scrivere delle storie, cose inventate e cose che ricordo della mia vita ma comunque storie, cose dove non centra la cultura ma soltanto la memoria e la fantasia. Questo è il mio mestiere e io lo farò fino alla morte. Il mio mestiere (49), in Opere I, pp

7 1952 Tutti i nostri ieri 1961 Le voci della sera 1963 Lessico famigliare Così arrivai alla pura memoria: vi arrivai a passi di lupo, prendendo vie traverse, dicendomi che le fonti della memoria erano quelle a cui non dovevo mai bere, lunico luogo al mondo in cui dovevo rifiutarmi di andare. E non so se scriverò ancora libri: ma so che se scrivessi ancora dovrei ritrovarmi in quello stato di assoluta e pura libertà. N. Ginzburg, Nota a Cinque romanzi brevi, cit., p La trilogia della memoria

8 I rapporti umani E adesso siamo veramente adulti, pensiamo un mattino guardando nello specchio il nostro viso solcato, scavato: guardandolo senza nessuna fierezza, senza nessuna curiosità: con un po di misericordia. […]. E adesso siamo veramente adulti, pensiamo, e ci sentiamo stupiti che essere adulti sia questo, non davvero tutto quello che da ragazzi avevamo creduto, non davvero la sicurezza di sé, non davvero un sereno possesso su tutte le cose della terra. Siamo adulti perché abbiamo alle spalle la presenza muta delle persone morte, a cui chiediamo un giudizio sul nostro comportamento […]. Siamo adulti per quel breve momento che un giorno ci è toccato di vivere, quando abbiamo guardato come per lultima volta tutte le cose della terra, e abbiamo rinunciato a possederle, le abbiamo restituite alla volontà di Dio: e dun tratto le cose della terra ci sono apparse al loro giusto posto sotto il cielo, e così anche gli esseri umani, e noi stessi sospesi a guardare dallunico posto giusto che ci sia dato: esseri umani, cose e memorie, tutto ci è apparso al suo posto giusto sotto il cielo. I rapporti umani, in Opere, I, pp

9 LESSICO FAMIGLIARE Noi siamo cinque fratelli. Abitiamo in città diverse, alcuni di noi stanno allestero: e non ci scriviamo spesso. Quando cincontriamo, possiamo essere, luno con laltro, indifferenti o distratti. Ma basta fra noi una parola. Basta una parola, una frase: una di quelle frasi antiche, sentite e ripetute infinite volte, nel tempo della nostra infanzia. Ci basta dire: Non siamo venuti a Bergamo per fare campagna o De cosa spussa lacido solfidrico, per ritrovare a un tratto i nostri antichi rapporti, e la nostra infanzia e giovinezza, legata indissolubilmente a quelle frasi, a quelle parole. Una di quelle frasi o parole, ci farebbe riconoscere luno con laltro, noi fratelli, nel buio duna grotta, fra milioni di persone. Quelle frasi sono il nostro latino, il vocabolario dei nostri giorni andati, sono come i geroglifici degli egiziani o degli assiro-babilonesi, la testimonianza di un nucleo vitale che ha cessato di esistere, ma che sopravvive nei suoi testi, salvati dalla furia delle acque, dalla corrosione del tempo. Quelle frasi sono il fondamento della nostra unità familiare, … N. Ginzburg, Lessico famigliare, pp «un elogio dellappartenenza (alla famiglia, alla tribù, alla comunità, allantifascismo), un elogio della coesione famigliare come strumento di difesa della tribù attraverso il linguaggio» C. Garboli, Prefazione a N. Ginzburg, Opere, cit., p. XXXIV.

10 la sola differenza (degli ebrei) è nello sforzo di non differenziarsi la sola differenza (degli ebrei) è nello sforzo di non differenziarsi (G.Debenedetti) Tutti o quasi tutti siamo donne, o ebrei, o omosessuali, oppure siamo diversi semplicemente per inclinazione alla diversità, per malinconia, per timidezza, per nevrosi, per silenzio. Siamo tutti diversi. Lessenziale è portare giustamente la propria diversità, lessenziale è non farne né uninsegna né ununiforme, e mescolarla silenziosamente nelle infinite diversità degli altri, in quelle che noi riteniamo le comunità dei non diversi e normali. Ragioni dorgoglio, Corriere della Sera, 5 dic. 1975, in Non possiamo saperlo, p. 45.

11 1973 Caro Michele 1977 Famiglia 1984 La città e la casa Da Caro Michele in poi la Ginzburg «non smetterà più di sventrare la famiglia, e di farla a pezzi con gioia non meno selvaggia e tribale di quella spesa per consacrarla». C. Garboli, Prefazione, a N. Ginzburg, Opere,I, p. XXIX TITINA Sì, le famiglie. Ogni famiglia era una specie di guscio chiuso. Adesso non ci sono più le famiglie, chi va, chi viene, le porte sono sempre aperte a tutti, bisogna occuparsi del primo venuto come se fosse un tuo stretto parente, gli estranei vengono in casa tua e fanno il nido. N. Ginzburg, La segretaria, in Opere, I, pp Roma, la città del presente La dissoluzione della famiglia La forma epistolare (non più un io narrante, ma un punto di vista frantumato) Trilogia dei romanzi romani

12 I ragazzi oggi non hanno memoria, e soprattutto non la coltivano, e tu sai che anche Michele non aveva memoria, o meglio non si piegava mai a respirarla e coltivarla. A coltivare le memorie ci siamo forse ancora tu, tua madre, e io, tu per temperamento, io e forse tua madre per temperamento e perché della nostra vita presente non cè nulla che valga i luoghi e gli attimi incontrati lungo il percorso. Mentre io li vivevo o li guardavo, quegli attimi o quei luoghi, essi avevano uno straordinario splendore, ma perché io sapevo che mi sarei curvato a ricordarli. Mi ha sempre addolorato profondamente che Michele non volesse e non potesse conoscere questo splendore, e andasse avanti senza mai voltare la testa indietro. Credo però che lui contemplasse questo splendore dentro di me. E tante volte ho pensato che forse mentre moriva egli ha in un lampo conosciuto e percorso tutte le strade della memoria, e questo pensiero è per me consolante, perché ci si consola con nulla quando non abbiamo più nulla, e perfino aver visto in quella cucina quella maglietta cenciosa che non ho raccolto, è stata una strana, gelida, desolata consolazione per me. Caro Michele, in Opere,II, pp Caro Michele ovvero il requiem della memoria

13 Che cosè una famiglia? - si chiede la scrittrice - è un punto dove un gruppo di persone sta insieme, in una casa o in una stanza o in una roulotte. Si formano fra loro legami che possono essere forti o deboli, labili o tenaci. Da quel punto, il bambino guarda il resto del mondo. Le famiglie possono essere pessime, repressive, ossessive, o indifferenti, o disamorate, o distratte, o tossiche, tarate, verminose. Molto spesso lo sono. Però a un bambino sono necessarie. Serena Cruz o la vera giustizia (1990), p. 76. Serena Cruz o lultima difesa della famiglia

14 Ritratti di amici Lamico misurava la città col suo lungo passo, testardo e solitario; si rintanava nei caffè più appartati e fumosi, si liberava svelto del cappotto e del cappello, ma teneva buttata attorno al collo la sua brutta sciarpetta chiara; si attorcigliava intorno alle dita le lunghe ciocche dei suoi capelli castani, e poi si spettinava allimprovviso con mossa fulminea. Riempiva fogli e fogli della sua calligrafia larga e rapida, cancellando con furia; e celebrava, nei suoi versi, la città. Ritratto dun amico (1957), in Le piccole virtù, ora in Opere, I, p. 798 Era stato lontano e diverso dalla gente che camminava per strada. Adesso, sembrava mescolarsi alla gente. Al suo desiderio di stravaganza, era venuto ad accoppiarsi un desiderio di rassomigliare a tutti. Non avrei dovuto stupirmene, dato che le sventure e la guerra avevano operato trasformazioni in ognuno. … Aveva un cappotto color tabacco dal bavero liso e logoro, una cravatta logora e una magrezza nel viso e nel collo che mi faceva pensare a mio padre. Egli ora mi sembrava umile. … A Firenze, in quei giorni, scopersi che nella sua vanità poteva esistere anche lumiltà. Fu quella lultima volta che lo vidi. Come sempre quando mincontrava, citò il mio verso «Lavoratori», con un sorriso solare, e un largo gesto di benedizione. Lasciammo la trattoria, e lo vidi ancora una volta camminare nella notte romana, come tanti anni fa, al tempo di Cristo, con il suo passo ozioso, randagio e leggero Ricordo di Carlo Levi (1975), in Non possiamo saperlo, p. 22 Il passo e la voce Il primo incontro I segni del tempo Il valore dellamicizia

15 Lo sguardo ovvero lanima della scrittura altrui Non si è mai trasformato nellaspetto fisico, è rimasto un ragazzo: ma nella mente e nellanimo ha subíto, a un certo punto, una profonda trasformazione. Questo ha detto Citati, e lha detto, che io sappia, lui solo. Quali fossero le ragioni e le strade di questa trasformazione, non ci è dato saperlo. Essa è trapelata forse in un suo modo di camminare, di sorridere, di guardare. Si è riflessa nel suo scrivere … In quel libro stupendo che è Le città invisibili, secondo me il più bello dei suoi libri, questa trasformazione è già avvenuta. Il mondo è là, radioso, multiforme, variegato e screziato, e intatto nel suo splendore: ma è come se lo sguardo che lo indaga, lo scevera e lo contempla sia consapevole di abbandonarlo per sempre. Dora innanzi, quello sguardo si poserà altrove, non più sulle immensità luminose del cielo e del mare e sullintrico delle varie vicende umane: dora innanzi, quelle immensità le cercherà altrove, nei gusci degli insetti o nelle crepe delle rocce […]. Sulle «città invisibili» si è addensato il dolore della memoria. In ogni altra opera di Calvino, la memoria è assente, o meglio, quando è presente, non è mai dolorosa. Qui, nelle «città invisibili», non sognate ma ricordate, regna la memoria dolorosa di un tempo che non potrà mai ritornare. Sulle città, altissime sotto il cielo, brulicanti e splendenti, formicolanti di errori umani, traboccanti di merci e di cibi, affollate di traffici, dominio dei topi e delle rondini, cala il tramonto. Lo sguardo che le saluta è uno sguardo che dice addio, a un mondo molto amato, fissandolo da una nave che sallontana. I l sole e la luna, in Non possiamo saperlo, pp

16 Il cinema a memoria ovvero i pensieri di uno spettatore La memoria è lunica vera chiave di giudizio per quanto riguarda i film. Di un film noi conserviamo unicamente quello che amiamo; tutto il resto si dissolve in cenere Cinematografo, «La Stampa», 7 novembre 1971 Il silenzio che allinizio ci investe è come una raffica di vento che ci trasporti nelle profondità dun pianeta diverso dal nostro. Placata quella raffica di vento, noi ci accorgiamo dessere caduti in uno stato di immobilità, come se fossimo stati colpiti da una malattia o da un freddo improvviso, e ci sembra davere perduto ogni nostra sensibilità abituale. Dello sgomento che avevamo provato allinizio, non cè in noi più traccia. Non sentiamo né orrore, né ripugnanza, né ribrezzo. O meglio, il ribrezzo e lorrore sono in noi leggeri e gelidi, e a poco a poco non ne avvertiamo più il minimo segno. In seguito, quando ricordiamo il film, ciò che ricordiamo con vero orrore sono degli accordi di pianoforte, un fruscio di vesti o un luccichio danelli, voci untuose e vellutate, e specchi e tappeti e cristalli, come se il vero orrore fosse tutto addensato nello scenario […]. Ma nel corso del film, davanti alle azioni turpi e alle risate lunghe e lugubri, e davanti agli escrementi e al sangue, non sentiamo nulla, salvo un senso di oppressione al respiro, e un senso di immobilità. «Salò» di Pasolini, «Il Mondo», 4 dicembre 1975, ora in Non possiamo saperlo, pp Impressioni e sensazioni anziché giudizi La memoria, costruisce il racconto e fonda il giudizio Nel cinema come nella letteratura: la memoria delle letture dellinfanzia (la marchesa Colombi) e della giovinezza (Proust) Autori paterni e fraterni

17 Stretta connessione fra ordine linguistico ed etico Confronto generazionale come confronto verbale La virtù della chiarezza militante e la metamorfosi delle parole (passato e presente) Scollamento fra realtà e linguaggio mediatico. La parola pane, p. Violazione semantica e oltraggio alla memoria (pp ) La parola intellettuali (p. 104) Gli intellettuali e le parole Ci troviamo così circondati di parole che non sono nate dal nostro vivo pensiero, ma sono state fabbricate artificialmente con motivazioni ipocrite, per opera di una società che ne fa sfoggio e crede con esse di aver risanato il mondo. Luso delle parole (1989), in Non possiamo saperlo, cit., p Si parla di «questione morale». Ma la questione morale non è soltanto invocare che nella vita pubblica ci si astenga, come ovunque altrove, da furti, da inganni o da imbrogli. È anche rispettare le parole, difendere la salute delle parole. Studiarsi di situarle sempre nella loro giusta sede. Sul pentimento e sul perdono (1988), in Non possiamo saperlo, p. 125.

18 Senza una mente politica Io non credo che i romanzieri, e i romanzi che scrivono, custodiscano dentro di sé dei messaggi politici, destinati a rendere migliore il mondo. Non credo che i romanzieri, e i romanzi che scrivono, possano mai essere utili alla vita pubblica. Credo fermamente nella loro splendida, meravigliosa, libera inutilità. Penso che a volte alcuni romanzieri, come persone, possano provare un senso di collera, di sdegno civile, e limpulso a essere utili alla vita pubblica, magari in un campo quanto mai ristretto, quanto mai limitato. Vi porteranno magari un poco della loro esperienza umana, avendo essi a lungo osservato gli eventi umani, le fisionomie umane, quando oziavano o quando scrivevano. Vi porteranno anche il carico delle loro inettitudini, goffaggini, ignoranze, incoerenze e perplessità. Vi porteranno anche il loro profondo e ostinato amore per lozio, per la contemplazione, per una vita solitaria e appartata, e il desiderio di unepoca in cui vi sia vasto spazio per quelli che non hanno voglia di far nulla. Senza una mente politica (1983), in Non possiamo saperlo (2001), p. 104.

19 Lurlo e il sogno: - Contro le offese alla verità e alla giustizia (vari affaire, da Moro a Sofri a Serena Cruz, e vari fatti di cronaca: Il papa, Il crocifisso a scuola) - Il diritto dellutopia (Pagate i maestri come i ministri, p. ) Commedia (la nutella) e tragedia (rammendare): giudizio sullattualità da un punto di vista familiare Dimensione materna: discorso sui vizi e le virtù Alla ricerca di grandi virtù Lonestà non è abile, e non è affatto astuta. Non le importa nulla di essere astuta. Non adopera, nelle sue scelte, lastuzia, ma ubbidisce unicamente a sé stessa. È intuitiva, ma solo nel discernere ciò che le rassomiglia da ciò che la offende. Non cerca vittorie. È costantemente disposta a perdere. La sola cosa che davvero le sta a cuore è non truffare, non frodare, non tradire né gli altri, né sé stessa. Vuole muoversi, quando è possibile, non al chiuso ma allaperto, non nella notte ma nel giorno. Ama le vie dirette e detesta le vie traverse. Non si cura di essere derisa, schernita, umiliata, di essere considerata ingenua, di essere sola nelle sua decisioni, e di essere priva di pungiglioni e di artigli, quei pungiglioni e quegli artigli che la società di oggi tanto ammira e ama. Lonestà non vuol essere ammirata, né vuol essere amata. Presta fede unicamente a sé stessa, e va dritta per la sua strada… Lonestà, in «lUnità», 20 maggio 1984, pp. 1-2

20 1972 la questione palestinese 1975 laborto 1977 coraggio e viltà degli intellettuali 1978 il caso moro 1989 Serena Cruz Querelles Le ragioni delle viscere Dallo sterminio degli ebrei nei lager ha preso origine quellistinto di violenza, di dispregio dellesistenza umana, di devastazione molto spesso calcolata a freddo e decisa a un tavolo, che vediamo oggi apparire nei più diversi punti del mondo. E del resto come pensare diversamente? Come credere che gli anni del genocidio siano passati sopra lumanità senza segnarla, senza marchiarla a sangue, senza far sì che il mondo cambiasse di colpo connotati e colore? Come pensare che dopo il genocidio il mondo sia rimasto come prima? Non ha forse lasciato dietro di sé, il genocidio, unidea nuova della morte, nuova e atroce, e la sensazione diffusa che la specie umana sia qualcosa che si può freddamente umiliare, atterrire, calpestare e devastare, perché il suo valore è inesistente? E non portiamo tutti sulle spalle, oggi, il peso immane duna tragedia che ha colpito lumanità e la grande fatica di ricostruire dentro di noi una visione del futuro dove la vita di ogni singolo possa di nuovo rappresentare, agli occhi di tutti, un bene inestimabile, qualcosa che a qualunque prezzo è necessario proteggere, difendere, salvare?

21 Disegnare arabeschi su un muro … negli anni di piombo Degradare e umiliare la qualità della vita significa spogliare di ogni reale valore e pregio sia la vita, sia la morte. Significa rivolgere alla vita delle richieste minime e miserabili, e rivolgere alla morte uno sguardo spento e vuoto. Senza luce e senza gloria le richieste indirizzate alla vita, senza luce e senza gloria lo sguardo indirizzato alla morte. Significa ritenere che alcuni beni umani, come la rettitudine, lonestà, la misericordia, il coraggio, la fedeltà al proprio simile, la fedeltà alla propria parola e al proprio pensiero, debbano essere cancellati dalla terra e non ne rimanga memoria… Pensare a un mondo nuovo e migliore, avendo intorno a noi questo scenario può sembrare roseo ottimismo, un inutile roseo arabesco tracciato nel vuoto. In verità però la fede nel futuro può nascere nel cuore del pessimismo più cupo. Essa può essere illogica, incoerente, utopistica. Per sentire ricondotta in alto la qualità della vita, a noi singoli basta poco […]. Ad alcuni di noi, è bastato, nei giorni scorsi, rileggere le parole, che non so quale giornale ha riportato, dellultima lettera di Guglielmo Jervis, morto della Resistenza. «Non piangetemi, non chiamatemi povero. Muoio per aver servito unidea». Vorremmo anche noi, nel momento della morte, riuscire a rivolgere gli occhi a un futuro alto e ignoto, e non sappiamo se ci riuscirà, essendo le forze del male così imprevedibili e così sottili, e la natura umana così fragile, così imprevedibile e così pietosa. «Muoio per aver servito unidea» egli dice, e a noi sembra che sia proprio questo di cui oggi la gente ha una sete disperata, il servire unidea, cioè il custodirla dentro di noi e offrirla in regalo agli altri. La qualità della vita, in «La Stampa», 5 maggio 1978


Scaricare ppt "Natalia GINZBURG senza una mente politica. Opere 1942 La strada che va in città 1952 Tutti i nostri ieri 1961 Le voci della sera 1962 Le piccole virtù"

Presentazioni simili


Annunci Google