La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il rischio vulcanico Massimo Coltorti Dipartimento di Scienze della Terra Università di Ferrara.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il rischio vulcanico Massimo Coltorti Dipartimento di Scienze della Terra Università di Ferrara."— Transcript della presentazione:

1 Il rischio vulcanico Massimo Coltorti Dipartimento di Scienze della Terra Università di Ferrara

2 Distribuzione dei vulcani nel mondo

3 Margini divergenti (o costruttivi)

4 Margini convergenti (o distruttivi)

5 Generalizzando si può dire che lattività di un vulcano può essere suddivisa in due tipologie: Esplosiva - Esplosiva (pliniana e/o freatomagmatica) - Effusiva - Effusiva (hawaiiana e/o stromboliana)

6 Da questi due tipi principali di eruzioni si originano - i vulcani a scudo - gli strato-vulcani

7 I vulcani a scudo sono caratterizzati da: - una predominanza di colate laviche - un pendio con angoli di riposo molto bassi, normalmente inferiori a 10° Esempi: Hawaii, Islanda, Ile de La Reunion Gli strato-vulcani sono caratterizzati da: - alternanza di colate laviche, prodotti piroclastici (tufi) e domi - un angolo di riposo del pendio molto più accentuato (fino a 50°) Esempi: St.Helens, Vesuvio, Pinatubo

8 Una eruzione di tipo hawaiiano o stromboliano darà luogo ad effusioni di lava (a corde o scoriacea), fontane di lava, coni di scorie e colonne di cenere che possono arrivare ad una altezza di diversi chilometri generando un vulcano a scudo

9 Vulcano a scudo

10 Cono di scorie

11 Lava pahoehoe e fontane di lava

12 Colata di lava basaltica, poco viscosa, tipo pahoehoe …stessa colata, più fluida, in prossimità della bocca eruttiva

13 Una eruzione di tipo pliniano darà luogo ad una colonna eruttiva che può arrivare fino ad una altezza di 50 chilometri. Associati alla colonna eruttiva si avranno ricaduta di ceneri e lapilli e flussi piroclastici (nubi ardenti) ad alta velocità (fino a diverse centinaia di km/h) e alta temperatura (500-700 °C) generando uno strato-vulcano

14 Vari esempi di strato-vulcano

15 Colonna eruttiva di una eruzione pliniana Vulcano Unzen, Giappone

16 Flussi piroclastici di media intensità... sulla terra … e sullacqua

17 E evidente che il livello di pericolosità associato ad un vulcano a scudo è di gran lunga inferiore a quello associato ad uno strato-vulcano

18 I fattori che condizionano il tipo di vulcano e, quindi, la sua pericolosità possono essere riassunti in: - Posizione rispetto alle placche tettoniche - Composizione del magma primario - Spessore e struttura crostale - Presenza della camera magmatica - Sistema di alimentazione

19 Fra questi la presenza di una camera magmatica, determinata sulla base dei dati geologici, geofisici, petrologici e geochimici è ritenuto il fattore più importante. Infatti generalmente essa e presente al di sotto degli strato-vulcani, mentre è assente nei vulcani a scudo.

20 La presenza di una camera magmatica è determinante per il tipo di attività di un vulcano perché consente larresto del magma durante la sua risalita verso la superficie con conseguente differenziazione, arricchimento in SiO 2 e gas. Il più alto contenuto in SiO 2 determina un aumento della viscosità del magma che, unitamente ad una maggiore concentrazione dei gas, sono i fattori che possono portare ad una eruzione di tipo esplosivo

21 Forme e processi che si sviluppano nelle camere magmatiche

22 Diagrammi di variazione Vengono utilizzati per valutare su base chimica quali minerali cristallizzano allinterno della camera magmatica. Da notare laumento del contenuto in SiO 2 nei magmi più differenziati, che comporta un notevole aumento della viscosità.

23 Un magma più viscoso (più differenziato) può contenere al suo interno (a parità di pressione) una maggiore quantità di gas, che, però comporta una maggiore capacità esplosiva F

24 Camera magmatica rifornita dal basso ma chiusa verso lalto Camera magmatica rifornita dal basso ed aperta verso lalto

25 Grimsvotn Islanda 18 Dicembre 1998

26 Inondazione seguita alleruzione sottoglaciale del dicembre 1998

27 - I primi sintomi di attività magmatica iniziarono già il 20 maggio, cioè ca. 3 mesi prima. - Leruzione portò la cenere fino a 80 km altezza, e la sua parte più fine fece più volte il giro della terra. - Ad una distanza di 210 km dal vulcano la luce diurna venne oscurata per 22 ore. - Il rumore dellesplosione fu udito fino a 4800 km di distanza (Isola Rodriguez, Oceano Indiano) - Il collasso delledificio vulcanico che dai 122-417 m sprofondò fino ai meno 275 slm, creò delle onde di marea (tsunami) fino a 40 m di altezza, distruggendo 295 città ed uccidendo 36.000 persone. Krakatoa, Indonesia 26-27 Agosto1883

28 Flusso piroclastico o nube ardente Mt. Peleè, Martinica 8 Maggio 1902

29 - La ripresa dellattività magmatica fu segnalata fin dal 20 Marzo. - Leruzione fu probabilmente innescata da un terremoto che generò una frana di dimensioni gigantesche (2,3 km 3 ). Lesplosione laterale che ne seguì rase al suolo tutti gli alberi fino a ca. 25 km a nord. - Blocchi e frammenti furono ritrovati anche a 500 m di altezza su di una collina distante ca. 10 km. - Limprovvisa perdita di pressione nella camera magmatica sottostante generò una colonna eruttiva alta fino a 30 km, che oscurò il sole fino a 250 km verso est. St. Helens, Washington, 18 Maggio 1980

30 Il vulcano era inattivo da 460 anni. Lattenta osservazione dei fenomeni premonitori dellattività vulcanica permise levacuazione di 56.000 persone. Altissimo rimane a tuttoggi il rischio di colate di fango o lahars, causate dallenorme quantità di materiale depositato sui fianchi del vulcano unita alle intense piogge monsoniche. Pinatubo, Filippine 15 Giugno 1991

31 Vulcano Vesuvio Campi Flegrei I vulcani italiani Stromboli Etna

32 Etna - Agosto 2001

33 Stromboli è lisola più settentrionale dellarcipelago Eoliano,raggiunge unaltezza di 924 m s.l.m. Ha una superficie di 12 km 2,una forma approssimativamente ellittica allungata in direzione NE E la parte emersa di un vulcano composito la cui base si trova 1500 m sotto il livello del mare Si eleva al di sopra di una crosta continentale spessa circa 18 Km,che degrada verso la piana abissale tirrenica,assottigliandosi progressivamente E interamente composto da rocce di origine vulcanica,le più antiche delle quali risalgono a 100.000 anni fa

34 1 Strombolicchio 2 Paleostromboli I Paleostromboli I/II Paleostromboli III 5 Scari / Vancori 6 Neostromboli 7 Stromboli Recente

35 Colate laviche lungo la Sciara del fuoco

36 Collasso principale e relativa onda di tsunami Ore 13:19 Nei primi fotogrammi si osserva sullo sfondo le nubi di vapore e di cenere che si generano nel corso dell'evento di frana principale. Nei fotogrammi successivi è visibile il ritiro del mare e la successiva onda di tsunami che colpisce Punta Labronzo.. Ore 13:11 Flusso piroclastico che arriva sul mare ai piedi della Sciara del Fuoco, Questo flusso genera una onda di tsunami di dimensioni limitate. Inizio dei fenomeni di instabilità della Sciara del Fuoco

37 Effetti del maremoto del 30 Dicembre 2002

38 Eruzione del 5 Aprile 2003 Filmato in Video-player

39 IL VESUVIO

40 La zona gialla: circa 1800 Km 2 di forma ellittica che potrebbero essere interessate dalla caduta di grandi quantità di ceneri e pomici. La zona Rossa: circa 250 Km 2 che potrebbero essere invasi da colate, flussi piroclastici, depositi di fall. Rischio Vesuvio


Scaricare ppt "Il rischio vulcanico Massimo Coltorti Dipartimento di Scienze della Terra Università di Ferrara."

Presentazioni simili


Annunci Google