La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le rinunzie e le transazioni Art. 2113 c.c.. A cosa serve Il contratto si conclude mediante lo scambio del consenso. La volontà del contraente debole.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le rinunzie e le transazioni Art. 2113 c.c.. A cosa serve Il contratto si conclude mediante lo scambio del consenso. La volontà del contraente debole."— Transcript della presentazione:

1 Le rinunzie e le transazioni Art c.c.

2 A cosa serve Il contratto si conclude mediante lo scambio del consenso. La volontà del contraente debole non è libera

3 I rimedi possibili (nella fase di prima contrattazione) Rappresentanza a soggetto non debole (il sindacato stipula il contratto collettivo) Specialità introdotte dalla legge con riguardo alle modalità di estrinsecazione della volontà del soggetto debole

4 I rapporti contrattuali in costanza di rapporto Una volta concluso il contratto, è possibile modificarlo? Quale sarà latteggiamento dei contraenti?

5 Lobiettivo Salvaguardare la posizione del lavoratore, rendendo inefficaci le pattuizioni che non avrebbe sottoscritto se fosse stato libero di scegliere Salvaguardare le scelte del lavoratore, lasciando efficaci le pattuizioni sottoscritte in piena volontà

6 Art c.c. Rinunzie e transazioni. Le rinunzie e le transazioni, che hanno per oggetto diritti del prestatore di lavoro derivanti da disposizioni inderogabili della legge e dei contratti o accordi collettivi concernenti i rapporti di cui all'art. 409 del codice di procedura civile, non sono valide. L'impugnazione deve essere proposta, a pena di decadenza, entro sei mesi dalla data di cessazione del rapporto o dalla data della rinunzia o della transazione, se queste sono intervenute dopo la cessazione medesima. Le rinunzie e le transazioni di cui ai commi precedenti possono essere impugnate con qualsiasi atto scritto, anche stragiudiziale, del lavoratore idoneo a renderne nota la volontà. Le disposizioni del presente articolo non si applicano alla conciliazione intervenuta ai sensi degli artt. 185, 410 e 411 del codice di procedura civile

7 Rinunzie: atti unilaterali di disposizione del proprio diritto Transazioni: Contratti in cui le parti si fanno reciproche concessioni

8 Diritti derivanti da disposizioni inderogabili: Diritti di cui si può disporre solo in determinate condizioni Diritto alla retribuzione e diritti economici in genere …che hanno per oggetto diritti del prestatore di lavoro derivanti da disposizioni inderogabili della legge e dei contratti o accordi collettivi… Diritti indisponibili : Diritti di cui non si può mai disporre Diritto alle ferie, diritto alla salute.

9 Diritti relativamente disponibili e norme inderogabili in giurisprudenza Il signor Rossi, alla cessazione del rapporto di lavoro, in data , rinuncia per iscritto ad un credito per emolumenti arretrati. Nel mese di dicembre 2002, oberato dalle spese natalizie, si pente della decisione. Può impugnare la rinuncia? Ballestrero, De Simone, Diritto del lavoro, domande e percorsi di risposta, Milano, Giuffrè

10 Rinuncia a diritti futuri e a diritti già maturati Rinuncia a diritti futuri garantiti da norme inderogabili = atto in deroga a norma inderogabile = atto nullo Rinuncia a diritti derivanti da norme inderogabili ma già entrati nel patrimonio del prestatore = annullabilità ex art c.c.

11 In generale gli atti giuridici possono essere Validi Annullabili [perdono efficacia ex nunc] Nulli [perdono efficacia ex tunc] Inesistenti …non sono valide…

12 Latto è valido se non viene impugnato Il termine di 6 mesi è di decadenza e non di prescrizione Il termine decorre dal momento in cui il lavoratore riacquista la libertà di decidere Lazione di annullamento si prescrive poi in 5 anni dalla data dellimpugnazione stragiudiziale L'impugnazione deve essere proposta, a pena di decadenza, entro sei mesi dalla data di cessazione del rapporto o dalla data della rinunzia o della transazione, se queste sono intervenute dopo la cessazione medesima.

13 Le rinunzie e le transazioni di cui ai commi precedenti possono essere impugnate con qualsiasi atto scritto, anche stragiudiziale, del lavoratore idoneo a renderne nota la volontà Abitualmente per interrompere gli effetti decadenziale e di prescrizione occorre un atto giudiziale (una citazione, un ricorso), oppure un atto scritto con particolari forme (lofferta reale, la costituzione in mora) In questo caso basta che vi sia un atto scritto. La forma della raccomandata o equivalente serve ai fini della prova dei termini (la data certa)

14 Invalidità comminata dallart c.c. Annullabilità

15 Quietanza a saldo Il signor Distratti al momento della cessazione del rapporto di lavoro firma un modulo predisposto dal datore in cui afferma di aver percepito quanto a lui dovuto in virtù del cessato rapporto e di non aver più nulla a pretendere (quietanza a saldo). Sette mesi dopo, a seguito di una più attenta verifica, si rende conto di vantare ancora un credito di Euro per lavoro straordinario non pagato. Può fondatamente agire in giudizio per recuperare la somma? Ballestrero, De Simone, Diritto del lavoro, domande e percorsi di risposta, Milano, Giuffrè

16 Quietanza a saldo Le clausole di stile non ho altro da pretendere non sono rinunzie: occorre la consapevolezza dellatto Quietanza a saldo (dichiarazione del lavoratore di aver ricevuto qualcosa con rinuncia ad ogni eventuale futura pretesa) non hanno rilevanza negoziale sotto laspetto dispositivo e dunque non entrano nel campo di applicazione dellart c.c.

17 Ho effettuato 100 ore di straordinario; me ne sono state pagate 20; non sono in grado di provare in giudizio di averne fatte 100; il datore, in via transattiva, mi pagherebbe altre 40 ore, ma non vuole grane...

18 Le disposizioni del presente articolo non si applicano alla conciliazione intervenuta ai sensi degli artt. 185, 410 e 411 del codice di procedura civile In sede di conciliazione giudiziale (di fronte al giudice In sede di conciliazione intersindacale (DPL) In sede di conciliazione sindacale In sede di certificazione

19 Attenzione In tutte le sedi prospettate, il ruolo del collegio non è quello di verificare la congruità della proposta o di decidere in merito alla proposta Il compito è quello di verificare che la volontà del lavoratore si formi senza vizi e senza pressioni

20 Prescrizione dei diritti nel rapporto di lavoro I rapporti con lart c.c.

21 Tipi di prescrizione Prescrizione breve quinquennale per i diritti retributivi (art c.c., nn. 4 e 5)) Prescrizione ordinaria decennale per diritti diversi da quelli retributivi (art c.c.) Prescrizione presuntiva (1 anno/3 anni rispettivamente per retribuzioni mensili o corrisposte per periodi inferiori al mese/per retribuzioni corrisposte per periodi superiori al mese. Art c.c., n. 2), art c.c., n. 1))

22 Prescrizione e decadenza Prescrizione = estinzione del diritto causata dallinerzia del titolare per il tempo previsto dalla legge Decadenza = il decorso del tempo produce la preclusione allesercizio del diritto. La decadenza può essere legale o contrattuale

23 Istanze a conflitto Esigenza di certezza del diritto del datore di lavoro versus Esigenza di giustizia del lavoratore

24 Rapporti tra rinunce e transazioni ex art c.c. e prescrizione-decadenza Abdicazione di posizioni soggettive di vantaggio garantite dalla legge o dai contratti collettivi al prestatore di lavoro = Necessità di applicare delle regole anche alla prescrizione e alla decadenza che tengano conto della soggezione del lavoratore al datore di lavoro = Principio della disponibilità limitata dei diritti del prestatore di lavoro

25 Corte costituzionale 10 giugno 1966, n. 63 Dichiara lillegittimità degli art. del c.c. sulla prescrizione limitatamente alla parte in cui consentono che la prescrizione del diritto alla retribuzione decorra durante il rapporto di lavoro = Principio dellirrinunciabilità del diritto alla retribuzione durante il rapporto di lavoro Timore del licenziamento = differimento decorrenza prescrizione al termine del rapporto Alle stesse conclusioni perviene la Corte per la decadenza

26 La giurisprudenza successiva al 1966 La Corte costituzionale ridimensiona la portata della sentenza del 1966: stabilisce che la prescrizione decorre in tutti i rapporti dotati di stabilità reale del posto di lavoro = pubblico impiego, art. 18 S.L. La prescrizione non decorre nei casi in cui vige licenziamento ad nutum e stabilità obbligatoria La prescrizione decennale decorre in costanza di rapporto A ciò si uniforma la Cassazione

27 Diritti assoggettati a prescrizione ordinaria e diritti assoggettati a prescrizione quinquennale Il sig. Catarella, impiegato presso lAugello s.r.l., avendo svolto per 12 anni, sino alla cessazione del rapporto di lavoro, mansioni di coordinamento e controllo della produzione, corrispondenti alla qualifica di quadro ai sensi del C.C., pur essendo inquadrato come impiegato, ricorre al giudice rivendicando il riconoscimento della qualifica superiore e le relative differenze retributive. Potranno essere accolte le sue richieste? Ballestrero, De Simone, Diritto del lavoro, domande e percorsi di risposta, Milano, Giuffrè


Scaricare ppt "Le rinunzie e le transazioni Art. 2113 c.c.. A cosa serve Il contratto si conclude mediante lo scambio del consenso. La volontà del contraente debole."

Presentazioni simili


Annunci Google