La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lega Italiana Protezione Uccelli DIEGO RUBOLINI, MARCO GUSTIN, ROBERTO GARAVAGLIA, GIUSEPPE BOGLIANI Uccelli e linee elettriche: la ricerca in Italia Dipartimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lega Italiana Protezione Uccelli DIEGO RUBOLINI, MARCO GUSTIN, ROBERTO GARAVAGLIA, GIUSEPPE BOGLIANI Uccelli e linee elettriche: la ricerca in Italia Dipartimento."— Transcript della presentazione:

1 Lega Italiana Protezione Uccelli DIEGO RUBOLINI, MARCO GUSTIN, ROBERTO GARAVAGLIA, GIUSEPPE BOGLIANI Uccelli e linee elettriche: la ricerca in Italia Dipartimento di Biologia Animale Università di Pavia Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano G. Motta

2 Linee AT (>40 kV) Collisione Linee MT (1-40 kV) Folgorazione Collisione o folgorazione? Fune di guardia Isolatori a perno Mensola Isolatori sospesi Amarro

3 n = 59 articoli n = 49 articoli Linee elettriche e uccelli nel tempo e nello spazio nello spazio...

4 Linee elettriche e uccelli in Italia Rassegna delle informazioni disponibili ( bibliografia, archivi LIPU, Amm. Provinciali, etc.) Valutazione dellimportanza delle interazioni uccelli- linee elettriche in Italia Promozione di una raccolta dati su vasta scala (manuale, scheda, collaborazione EBN Italia, Vertebrati) Scopi Il progetto Realizzazione di una lista di specie sensibili

5 Mortalità per collisione 1 - Lomellina (PV) CESI Sito Fonte 2 - Valle Sottolido (FE) LIPU - Costa 1997 3 - Cava Pianetti (MC) P.F. Micheloni 4a - Molentargius (CA) Secci 1982 4b - Molentargius (CA) LIPU - Grussu 1997 1 2 3 4

6 Mortalità per collisione 1 - Lomellina (PV)MT10.5 7 -0.70 Sito Tip. km n gg mortalità linealineauccelli (ind/km/aa) 2 - Valle Sottolido (FE)AT 0.5 0 300.00 3 - Cava Pianetti (MC)AT 0.4 61 64086.9 4a - Molentargius (CA)AT10.5 411 73019.6 4b - Molentargius (CA)AT 5.8 209 365 36.3 Valore mediano19.6

7 Mortalità per folgorazione 1 - Lomellina (PV) CESI Sito Fonte 2 - Piemonte (CN) LIPU - Vaschetti & Fasano 1997 3 - Comacchio (FE) LIPU - Costa 1997 4 - Ferrara (FE) CESI 5 - Valle Mandriole (FE) LIPU - Costa 1997 1 6 3,4,5 2 6 - Pianura emiliana M. Chiavetta in Penteriani 1998 ?

8 Mortalità per folgorazione 1 - Lomellina (PV)10.5 7 - 3.00 0.13 Sito km n gg mortalità linea uccelli ind/km/aa ind/palo/aa 2 - Piemonte (CN) 5.1 10 365 2.100.11 3 - Comacchio (FE) 0.5 1 48 15.20.76 4 - Ferrara (FE) 2.0 41 - 20.51.86 5 - Valle Mandriole (FE) 3.4 3 45 7.300.36 Valore mediano 3.0*0.13* 6 - Pianura emiliana22.0 52 335 2.600.13 * escluso Ferrara (FE)

9 Collisione in Italia Impatto particolarmente elevato in alcune situazioni localizzate (zone umide) Fenomeno legato alle linee AT: estrema variabilità del tasso di mortalità Difficoltà della stima di un tasso di collisione lungo linee MT Informazioni frammentarie e disomogenee: impossibile estrapolare i valori ottenuti alla rete elettrica nazionale

10 Informazioni più omogenee e generalizzabili rispetto a collisione: fenomeno più facilmente controllabile e quantificabile (facilità ritrovamento carcasse, morte certa degli animali) Folgorazione in Italia Escludendo la situazione di Ferrara (elevata mortalità), il tasso di mortalità sembra piuttosto costante (0.11-0.36 ind/km/aa, mediana = 0.13 ind/km/aa) Tasso di folgorazione simile a quello riscontrato in Spagna (0.22 ind/km/aa)

11 Considerazioni generali Stime di minima: non tengono conto di errori dovuti a contattabilità, crippling bias, rimozione carcasse. Con le opportune correzioni tali valori potrebbero aumentare di 2-3 volte nel caso della mortalità per collisione e del 20-80% nel caso della mortalità per folgorazione Valori ottenuti scarsamente rappresentativi del territorio per collisione, forse più generalizzabili per folgorazione: tratti di linea scelti in modo non casuale in gran parte dei casi Folgorazione: data la relativa omogeneità dei valori ottenuti, estrapolando il tasso di mortalità allintera rete MT nazionale in conduttori nudi (oltre 320 000 km), si può stimare che il numero di uccelli che muoiono per folgorazione in Italia allanno è elevato (ordine di grandezza: milione di individui) A questo valore vanno aggiunti gli uccelli morti per collisione e per folgorazione lungo linee BT, e i dati andrebbero aumentati con gli opportuni fattori di correzione

12 Lista delle specie sensibili allinterazione con linee elettriche in Italia Fonti: ampia ricerca bibliografica (report ornitologici e articoli pubblicati), raccolta di segnalazioni inedite, segnalazioni ricevute in seguito alla pubblicizzazione del progetto Oltre 1300 segnalazioni appartenenti ad oltre 90 specie di uccelli, in gran parte inedite Problemi: difficoltà ad attribuire levento a collisione o folgorazione da parte di molti segnalatori Confronto con lista degli uccelli italiani (Brichetti & Massa 1997), a livello di numero di specie per ordine

13 Composizione della lista Stabiliti 6 raggruppamenti di ordini di carattere morfologico-ecologico per i confronti: Gaviiformes, Anseriformes, Podicipediformes, Pelecaniformes = Anatre e affini Ciconiiformes, Phoenicopteriformes = Aironi e affini Charadriiformes = Laro-limicoli Galliformes, Gruiformes = Gruiformi e affini Falconiformes, Accipitriformes = Rapaci diurni Strigiformes = Rapaci notturni Passeriformes, Apodiformes, Piciformes, Columbiformes, Caprimulgiformes = Passeriformi e affini

14 Composizione della lista Gruppo n specie segnalate n specie CISO % Anatre e affini 13 6021.7 Aironi e affini 8 1650.0 Laro-limicoli 24 9824.5 Gruiformi e affini 9 3030.0 Rapaci diurni 13 4032.5 Rapaci notturni 5 1050.0 Passeriformi e affini 2321410.7 Altri 0 32 0.0 Totale 9550019.0

15 Composizione della lista 2 = 28, p = 0.0002

16 Composizione della lista Lista 10 specie con più segnalazioni: Allocco degli Urali Strix uralensis 1 Aquila reale Aquila chrysaetos 4 Astore Accipiter gentilis 2 Cicogna bianca Ciconia ciconia 57 Falco pescatore Pandion haliaeetus 11 Fenicottero Phoenicopterus ruber 296 Gallina prataiola Tetrax tetrax 1 Grifone Gyps fulvus 15 Gufo reale Bubo bubo 169 Pollo sultano Porphyrio porphyrio 4 Schiribilla grigiata Porzana pusilla 1 Tarabuso Botaurus stellaris 20 1. Fenicottero Phoenicopterus ruber 296 2. Storno Sturnus vulgaris 245 3. Gufo reale Bubo bubo 169 4. Poiana Buteo buteo 80 5. Cicogna bianca Ciconia ciconia 57 6. Cornacchia grigia Corvus cornix 50 7. Gheppio Falco tinnunculus 40 8. Gabbiano comune Larus ridibundus 36 9. Gabbiano reale Larus cachinnans 30 10. Germano reale Anas platyrhynchos 29 Specie di particolare interesse per lavifauna italiana:

17 Conclusioni Impossibile ed inefficiente agire sullintero sistema elettrico, necessità di interventi ad hoc: importanza dellindividuazione di situazioni critiche Alcuni gruppi presentano una frequenza di specie maggiore rispetto allatteso (rapaci, alcuni uccelli acquatici), altri inferiore (Passeriformi e affini) Linee elettriche come potenziale fattore limitante per le popolazioni di alcuni uccelli italiani (in particolare specie di grosse dimensioni e a riproduzione lenta, es. Cicogna bianca, Gufo reale, Grifone)?


Scaricare ppt "Lega Italiana Protezione Uccelli DIEGO RUBOLINI, MARCO GUSTIN, ROBERTO GARAVAGLIA, GIUSEPPE BOGLIANI Uccelli e linee elettriche: la ricerca in Italia Dipartimento."

Presentazioni simili


Annunci Google