La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof.ssa Romina Vinci a.s. 2011-2012. Linizio dellEtà Contemporanea Si tratta di una serie di eventi che mette in discussione il vecchio sistema delle.

Copie: 1
Prof.ssa Romina Vinci a.s Linizio dellEtà Contemporanea Si tratta di una serie di eventi che mette in discussione il vecchio sistema delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof.ssa Romina Vinci a.s. 2011-2012. Linizio dellEtà Contemporanea Si tratta di una serie di eventi che mette in discussione il vecchio sistema delle."— Transcript della presentazione:

1 Prof.ssa Romina Vinci a.s

2 Linizio dellEtà Contemporanea Si tratta di una serie di eventi che mette in discussione il vecchio sistema delle classi sociali, che fino al Settecento in Francia erano così suddivise: Primo stato CLERO 0,5% della popolazione Secondo Stato NOBILI 1,5% della popolazione Terzo Stato CONTADINI E OPERAI 89,5% della popolazione BORGHESI 8,5% della popolazione

3 Un sistema fiscale iniquo Non tutti i cittadini pagavano le tasse in ugual misura: Primo e Secondo stato (2% della popolazione) possedevano la maggior parte dei territori e dei beni immobili della Francia ma pagavano pochissime tasse Il Terzo stato(98% della popolazione) pagava la maggior parte di ciò che entrava nelle casse dello stato

4 Lo Stato sta per fallire Nel Settecento la Francia versa in una grave crisi economica, le tasse non sono sufficienti per pagare le spese statali, in particolare Le spese militari per le numerose guerre combattute Le spese per la gestione della Reggia di Versailles e per il mantenimento della nobiltà di corte che ivi trascorrevano parte dellanno Spese dovute agli interessi che la Francia doveva restituire a coloro che avevano prestato denaro per far fronte alle guerre e alla gestione di Versailles

5 La politica fiscale del sovrano Il re Luigi XVI affida le gestione della finanza pubblica a Jacques Necker, affinché attui una riforma fiscale Ridurre i privilegi di Clero e nobiltà e far pagare anche a queste due classi sociali le tasse

6 La convocazione degli Stati Generali Primo e Secondo stato si rifiutano e chiedono la convocazione degli Stati Generali Il 5 maggio 1789 a Versailles, circa 1200 membri degli Stati generali si riuniscono, ma nasce un primo contrasto che riguarda il sistema di votazione: Primo e Secondo stato vogliono che si voti per Stato, in modo da vincere sicuramente per poter mantenere i propri privilegi Il Terzo stato chiede la votazione per testa, in modo che la più ampia rappresentanza possa avere maggiore potere decisionale

7 Il re, per non inimicarsi lAristocrazia, scioglie lassemblea Il Terzo Stato, con alcuni rappresentanti del primo e del Secondo Stato, formò lAssemblea Nazionale. Il re fece chiudere la stanza delle riunioni, ma lAssemblea nazionale si trasferì nella Sala della Pallacorda e giura di uscirne solo dopo avere stilato una Nuova Costituzione per la Francia. È il 20 giugno 1789, e pochi giorni dopo lAssemblea Nazionale inizia i lavori per redigere la nuova costituzione

8 La presa della Bastiglia Luigi XVI, sempre più intimorito dallAssemblea 1. licenzia Necker 2. Raduna lesercito per sciogliere lAssemblea con la forza Il popolo non è intenzionato a continuare a subire la monarchia ed esasperato dalla miseria crescente e dalle tasse sempre più alte, assale un luogo che ha un significato politico importante: la fortezza della Bastiglia. È il 14 luglio 1789 Parigi viene gestita da un Consiglio Rivoluzionario che prende il nome di Municipalità. La rivolta dilaga in tutta la Francia e viene creata la Guardia Nazionale, con lo scopo di smantellare lorganizzazione feudale in Francia

9 La Dichiarazione dei diritti dellUomo e del Cittadino Il 4 agosto 1789 lAssemblea Nazionale Costituente vota un documento abolisce i privilegi feudali. Pochi giorni dopo viene emanato un documento che sancisce i diritti di LIBERTÀ, UGUAGLIANZA E FRATERNITÀ, basato sui principi dellIlluminismo e che 1. Abolisce le distinzioni basate sulla nascita 2. Garantisce ai cittadini la libertà di associazione e di manifestazione del pensiero 3. Dichiara la sovranità popolare È la Dichiarazione dei diritti dellUomo e del Cittadino

10 Luigi XVI non si arrende alla perdita del suo potere assoluto e per lennesima volta raduna lesercito a Versailles per difendere il vecchio regime I rivoluzionari invasero la reggia e costrinsero il re e la sua famiglia a trasferirsi a Parigi, sotto il controllo del popolo Nel 1791 tenta la fuga allestero, ma viene bloccato e ricondotto a Parigi. Il re, dopo la fuga perde di credibilità e si diffonde sempre di più il pensiero di un gruppo politico, I GIACOBINI, sostenuti di Maximilien Robespierre

11 La Francia diventa monarchia costituzionale Nel 1791 lAssemblea Costituente stende una Costituzione che delinea una MONARCHIA COSTITUZIONALE che prevede la separazione dei tre poteri dello Stato. Potere legislativo: Affidato allAssemblea legislativa, eletta ogni due anni Potere esecutivo: Affidato al re e ai ministri Potere giudiziario: Affidato ai magistrati, eletti direttamente dal popolo

12 La legge fiscale Per sanare i conti venne emanata una legge fiscale, che imponeva delle tasse sui terreni, sui beni immobili e sui guadagno del commercio Furono soppressi gli ordini religiosi che non avevano utilità sociale e ne furono confiscati i beni. In cambio lo stato si impegnava a stipendiare i sacerdoti e a garantire il finanziamento delle spese di culto

13 LAssemblea legislativa Una volta stilata la Costituzione, lAssemblea nazionale Costituente si scioglie e lascia il posto alla ASSEMBLEA LEGISLATIVA Composta quasi esclusivamente da membri dellalta borghesia, il proletariato ne era escluso. Allinterno dellassemblea nascono diverse correnti di pensiero, e ciascuna occupava una parte ben precisa dellaula

14 Giacobini: divisi in Foglianti Cordiglieri Girondini, che difendono gli interessi della borghesia e sono progressisti Montagnardi: favorevoli a riforme profonde Sedevano alla sinistra del presidente Conservatori favorevoli alla monarchia. Sedevano alla destra del presidente Estremisti, sostenevano rivendicazioni sociali radicali, come leliminazione della proprietà privata Sedevano allestrema sinistra del presidente Al centro vi era la Palude, deputati che non avevano un programma ben preciso e che votavano talvolta per la Destra e talvolta per la Sinistra

15 La Francia e la guerra contro Austria e Prussia Austria e Prussia erano preoccupate perché temevano che anche nei loro paesi si diffondesse lidea della monarchia costituzionale. In Francia le varie fazioni sostengono una eventuale guerra per diverse ragioni 1. Il re si augura che una sconfitta della Francia possa riportare lassolutismo 2. I moderati consideravano la guerra un modo per verificare la lealtà del re 3. Gli estremisti vedono la guerra come un modo per portare la libertà a tutti i popoli dEuropa

16 Il 20 aprile 1792 venne dichiarata guerra allAustria Inizialmente la Francia subì numerose sconfitte e i prussiani, che si erano schierati a favore dellAustria, entrarono in suolo francese Il popolo francese vede nelle sconfitte un complotto del clero e dellaristocrazia per far ritornare il re, perciò il 10 agosto 1792 assalì la residenza del re, che venne arrestato e deposto dalle sue funzioni

17 La caduta della monarchia Venne istituita la Convenzione Nazionale, un nuovo organismo di governo repubblicano. Il 21 settembre 1792 viene proclamata la Repubblica francese e viene decretata la fine della monarchia in Francia, durata più di 1000 anni. Anche il parlamento cambia assetto e scompaiono i Foglianti

18 Il re venne accusato di tradimento e condannato a morte il 21 gennaio Alla fine dello stesso anno venne condannata a morte anche la moglie Maria Antonietta

19 I sovrani degli altri stati sono preoccupati perché le idee repubblicane si diffondono sempre di più in tutta Europa 1.Austria 2.Prussia 3.Russia 4.Inghilterra 5.Spagna 6.Olanda 7.Regno di Sardegna 8.Stati italiani Si riuniscono nella PRIMA COALIZIONE contro la Francia Nel frattempo, in Vandea, scoppia una rivolta controrivoluzionaria scatenata dal peggioramento delle condizioni di vita della popolazione in seguito agli anni della rivoluzione.

20 La dittatura Allinterno della convenzione vennero creati due organismi: Tribunale rivoluzionario Con il compito di controllare e arrestare coloro che fossero sospettati di tramare contro la Repubblica (ad esempio nobili che non dimostravano di essere diventati sostenitori della Repubblica) Comitato di salute pubblica Lorgano di controllo del potere dittatoriale

21 Venne decretato larruolamento di massa di tutti i cittadini Venne riorganizzato lesercito Vennero imposte nuove tasse ai ceti più ricchi Fu stabilito il prezzo di alcuni beni di prima necessità La costituzione del 1793 istituì 1.il suffragio universale maschile senza distinzione di censo 2.Listruzione di base gratuita 3.Il diritto di insurrezione contro gli stati tirannici


Scaricare ppt "Prof.ssa Romina Vinci a.s. 2011-2012. Linizio dellEtà Contemporanea Si tratta di una serie di eventi che mette in discussione il vecchio sistema delle."

Presentazioni simili


Annunci Google