La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La rivoluzione francese Una controversa storiografica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La rivoluzione francese Una controversa storiografica."— Transcript della presentazione:

1 La rivoluzione francese Una controversa storiografica

2 Revisionismi INTERPRETAZIONE CLASSICA (VULGATA) Rivoluzione borghese Sviluppo delle forze produttive Società feudale Monarchia decadente Origine della democrazia moderna Libertà/uguaglianza INTERPRETAZIONE REVISIONISTA Rivoluzione liberale, interrotta Inesistenza di una borghesia Nobiltà dinamica Origine del totalitarismo Terrore giacobino Dispotismo napoleonico

3 La borghesia francese: una realtà o un mito storiografico?

4 La crisi finanziaria francese sotto il regno di Luigi XVI 1774: Luigi XVI chiama alle Finanze A. R. J. Turgot – tentativo, fallito, di riforma radicale 1776: il banchiere ginevrino J. Necker è nominato ministro delle Finanze –Compte rendu au Roi 1783: Ch.-A. de Calonne alle Finanze (guerra americana) – fallita riorma della tassazione 1787: Loménie de Brienne alle Finanze (crisi agricola) 1788 Necker richiamato alle Finanze : convocazione degli Stati Generali

5 Luigi XVI e Maria Antonietta

6 Da Turgot a Necker

7 Il bilancio della monarchia francese a fine Settecento (in migliaia di livres) Anni EntrateUsciteDeficit

8 Le cinque stagioni della rivoluzione francese – la Costituente (monarchia su modello inglese) = prima rivoluzione – la Legislativa (girondini) – la Convenzione (giacobini) = seconda rivoluzione – il Direttorio (repubblica collegiale) il Consolato (Bonaparte)

9 La presa della Bastiglia (14 luglio 1789)

10 – la Costituente (monarchia su modello inglese) - Stati Generali – Assemblea Nazionale - 14 luglio 1789: presa della Bastiglia - Costituzione 1791 (monarchia costituzionale) - 21 giugno 1791: fuga del re a Varennes

11 Luglio 1789: gli Stati Generali di Francia

12 Il giuramento della Pallacorda (20 giugno 1789)

13 La dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino

14 La fuga di Varennes (caricatura)

15 La morte di Luigi XVI

16 – la Legislativa (i girondini al potere) 1 ottobre 1791: Assemblea Legislativa 20 aprile 1792: Guerra difensiva contro la prima Coalizione delle potenze europee (Austria, Prussia, emigrati) 10 agosto 1792: caduta della monarchia - Governo girondino 20 settembre 1792: vittoria di Valmy

17 I protagonisti: Condorcet, Danton, Robespierre

18 – la Convenzione (i giacobini al potere) 21 settembre 1792: Convenzione Nazionale 21 gennaio 1793: decapitazione del re 6 aprile 1793: Comitato di salute pubblica (M. Robespierre) - La politica del terrore rivoluzionario 27 luglio 1794: IX Termidoro – arresto e condanna di Robespierre

19 La morte di Marat

20 Il Comitato di salute pubblica Il 6 aprile 1793, Barère de Vieuzac presentò e fece votare il decreto seguente: 1. È formato un Comitato di salute pubblica composto da nove membri della Convenzione nazionale. 2. Il Comitato delibera in segreto; è incaricato di sorvegliare e accelerare lazione del Comitato esecutivo provvisorio e può sospenderne i membri arrestati. 3. È autorizzato a prendere misure di difesa generale esterne e interne; non può in nessun caso emettere mandati di arresto senza renderne conto senza indugio alla Convenzione. 4. La Tesoreria mette a disposizione del Comitato centomila lire per le spese segrete. 5. Ogni settimana fa un rapporto delle sue operazioni e della situazione della Repubblica. 6. È stabilito un registro delle deliberazioni. 7. Il Comitato è rinnovato ogni mese. 8. La Tesoreria resta indipendente dal Comitato.

21 Dal Terrore a Termidoro: come finire la rivoluzione? Tribunale rivoluzionario Lesecuzione di Robespierre

22 – il Direttorio (repubblica collegiale) Il Direttorio era composto da 5 membri con poteri simili agli odierni ministri. Il suo principale componente è Paul Barras. Coloro che avevano posto fine al governo di Robespierre si posero infatti un preciso obbiettivo: evitare in qualsiasi modo che il potere potesse nuovamente concentrarsi nelle mani di un'unica persona. La preoccupazione di evitare un nuovo accentramento di poteri fu tale che la costituzione prevedeva che il direttorio fosse rinnovabile per un quinto ogni anno e ad esso fu inoltre sottratto sia il comando delle forze armate sia liniziativa legislativa La costituzione del 5 fruttidoro dellanno III - promulgata nel settembre del fu redatta sulla base di una rigida applicazione del principio della separazione dei poteri cercando oltretutto di tenere lEsecutivo per quanto possibile sotto scacco. Il Governo fu pertanto affidato a un direttorio di cinque membri, alle cui dipendenze vi erano altri sei ministri. In questa forma il governo direttoriale tradisce la propria somiglianza con il sistema presidenziale, nel quale, appunto, il Presidente si avvale della collaborazione di ministri da lui nominati. I membri del direttorio erano nominati da uno dei due organi legislativi: il Consiglio degli Anziani, sulla base di una lista decupla presentata dallaltra assemblea legislativa, il Consiglio dei Cinquecento, che votava le leggi.

23 il Consolato (Bonaparte) 18 brumaio anno VII (9 novembre 1799): colpo di stato di Napoleone Bonaparte Costituzione del Consolato: Bonaparte Primo Console e poi dal 1802 Console a vita, con i pieni poteri

24 Napoleone Bonaparte primo Console


Scaricare ppt "La rivoluzione francese Una controversa storiografica."

Presentazioni simili


Annunci Google