La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bologna 9 Maggio 20111 LORGANIZZAZIONE SOCIO-SANITARIA NELLA REGIONALIZZAZIONE DELLA SANITA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bologna 9 Maggio 20111 LORGANIZZAZIONE SOCIO-SANITARIA NELLA REGIONALIZZAZIONE DELLA SANITA."— Transcript della presentazione:

1 Bologna 9 Maggio LORGANIZZAZIONE SOCIO-SANITARIA NELLA REGIONALIZZAZIONE DELLA SANITA

2 Bologna 9 Maggio Parola Chiave :Integrazione socio sanitaria: Invecchiamento … aumento patologie croniche invalidanti …immigrazione …. Nuove povertà …. Alcolismo …. Nuove dipendenze … variazioni climatiche …. Cambiamenti socio culturali …. Riduzione disponibiltà finanziarie … taglio del fondo sociale

3 Bologna 9 Maggio Il sistema sanitario si trasforma in un sistema socio sanitario dove le due anime dellassistenza al benessere della persona collaborano in modo sinergico

4 Bologna 9 Maggio Legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 "Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 248 del 24 ottobre 2001

5 Bologna 9 Maggio Art L'articolo 114 della Costituzione è sostituito dal seguente: "Art La Repubblica è costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato. I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni sono enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi fissati dalla Costituzione. Roma è la capitale della Repubblica. La legge dello Stato disciplina il suo ordinamento".

6 Bologna 9 Maggio L'articolo 117 della Costituzione è sostituito dal seguente: "Art La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali.

7 Bologna 9 Maggio Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie: a) politica estera e rapporti internazionali dello Stato; rapporti dello Stato con l'Unione europea; diritto di asilo e condizione giuridica dei cittadini di Stati non appartenenti all'Unione europea; b) immigrazione; c) rapporti tra la Repubblica e le confessioni religiose; d) difesa e Forze armate; sicurezza dello Stato; armi, munizioni ed esplosivi; e) moneta, tutela del risparmio e mercati finanziari; tutela della concorrenza; sistema valutario; sistema tributario e contabile dello Stato; perequazione delle risorse finanziarie; f) organi dello Stato e relative leggi elettorali; referendum statali; elezione del Parlamento europeo;

8 Bologna 9 Maggio g) ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nazionali; h) ordine pubblico e sicurezza, ad esclusione della polizia amministrativa locale; i) cittadinanza, stato civile e anagrafi; l) giurisdizione e norme processuali; ordinamento civile e penale; giustizia amministrativa; m) determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale; n) norme generali sull'istruzione; o) previdenza sociale; p) legislazione elettorale, organi di governo e funzioni fondamentali di Comuni, Province e Città metropolitane; q) dogane, protezione dei confini nazionali e profilassi internazionale; r) pesi, misure e determinazione del tempo; coordinamento informativo statistico e informatico dei dati dell'amministrazione statale, regionale e locale; opere dell'ingegno; s) tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e dei beni culturali.

9 Bologna 9 Maggio COMPITI REGIONALI Sono materie di legislazione concorrente quelle relative a: rapporti internazionali e con l'Unione europea delle Regioni; commercio con l'estero; tutela e sicurezza del lavoro; istruzione, salva l'autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione professionale; professioni; ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all'innovazione per i settori produttivi;

10 Bologna 9 Maggio Legge 833 /78 La legge regionale stabilisce altresì norme per la gestione coordinata ed integrata dei servizi dell'unità sanitaria locale con i servizi sociali esistenti nel territorio

11 Bologna 9 Maggio Decreto Legislativo 19 giugno 1999, n. 229 "Norme per la razionalizzazione del Servizio sanitario nazionale 2-sexies. La regione disciplina altresi': a) l'articolazione del territorio regionale in unita' sanitarie locali, le quali assicurano attraverso servizi direttamente gestiti l'assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro, l'assistenza distrettuale e l'assistenza ospedaliera c) la definizione dei criteri per l'articolazione delle unita' sanitarie locali in distretti, da parte dell'atto di cui all'articolo 3, comma 1-bis, tenendo conto delle peculiarita' delle zone montane e a bassa densita' di popolazione;

12 Bologna 9 Maggio Art. 3-quater (Distretto) 1. La legge regionale disciplina l'articolazione in distretti dell'unita' sanitaria locale. Il distretto e' individuato, sulla base dei criteri di cui all'articolo 2, comma 2-sexies, lettera c), dall'atto aziendale di cui all'articolo 3, comma 1-bis, garantendo una popolazione minima di almeno sessantamila abitanti, salvo che la regione, in considerazione delle caratteristiche geomorfologiche del territorio o della bassa densita' della popolazione residente, disponga diversamente.

13 Bologna 9 Maggio Il distretto assicura i servizi di assistenza primaria relativi alle attivita' sanitarie e sociosanitarie di cui all' articolo 3-quinquies, nonche' il coordinamento delle proprie attivita' con quella dei dipartimenti e dei servizi aziendali, inclusi i presidi ospedalieri, inserendole organicamente nel Programma delle attivita' territoriali. Al distretto sono attribuite risorse definite in rapporto agli obiettivi di salute della popolazione di riferimento. Nell'ambito delle risorse assegnate, il distretto e' dotato di autonomia tecnico-gestionale ed economico- finanziaria, con contabilita' separata all'interno del bilancio della unita' sanitaria locale.

14 Bologna 9 Maggio Art. 3-quinquies (Funzioni e risorse del distretto) 2. Il distretto garantisce: a) assistenza specialistica ambulatoriale; b) attivita' o servizi per la prevenzione e la cura delle tossicodipendenze; c) attivita' o servizi consultoriali per la tutela della salute dell'infanzia, della donna e della famiglia; d) attivita' o servizi rivolti a disabili ed anziani; e) attivita' o servizi di assistenza domiciliare integrata; f) attivita' o servizi per le patologie da HIV e per le patologie in fase terminale. 3. Trovano inoltre collocazione funzionale nel distretto le articolazioni organizzative del dipartimento di salute mentale e del dipartimento di prevenzione, con particolare riferimento ai servizi alla persona.

15 Bologna 9 Maggio Art. 3-septies (Integrazione sociosanitaria) 1. Si definiscono prestazioni sociosanitarie tutte le attivita' atte a soddisfare, mediante percorsi assistenziali integrati, bisogni di salute della persona che richiedono unitariamente prestazioni sanitarie e azioni di protezione sociale in grado di garantire, anche nel lungo periodo, la continuita' tra le azioni di cura e quelle di riabilitazione.

16 Bologna 9 Maggio Le prestazioni sociosanitarie comprendono: a) prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, cioe' le attivita' finalizzate alla promozione della salute, alla prevenzione, individuazione, rimozione e contenimento di esiti degenerativi o invalidanti di patologie congenite e acquisite; b) prestazioni sociali a rilevanza sanitaria, cioe' tutte le attivita' del sistema sociale che hanno l'obiettivo di supportare la persona in stato di bisogno, con problemi di disabilita' o di emarginazione condizionanti lo stato di salute.

17 Bologna 9 Maggio Legge 8 novembre 2000, n. 328 "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali"

18 Bologna 9 Maggio Art. 8. (Funzioni delle regioni) 3. Alle regioni, nel rispetto di quanto previsto dal decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, spetta in particolare l'esercizio delle seguenti funzioni: a) determinazione, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, tramite le forme di concertazione con gli enti locali interessati, degli ambiti territoriali, delle modalità e degli strumenti per la gestione unitaria del sistema locale dei servizi sociali a rete. Nella determinazione degli ambiti territoriali, le regioni prevedono incentivi a favore dell'esercizio associato delle funzioni sociali in ambiti territoriali di norma coincidenti con i distretti sanitari già operanti per le prestazioni sanitarie, destinando allo scopo una quota delle complessive risorse regionali destinate agli interventi previsti dalla presente legge;

19 Bologna 9 Maggio Piano sanitario Nazionale : Promuovere il territorio quale sede di assistenza e di governo dei percorsi sanitari e socio sanitari promuovere una rete integrata di servizi sanitari e sociali per lassistenza ai malati cronici, agli anziani e ai disabili

20 Bologna 9 Maggio E oggi? Ogni distretto è stato creato, costruito, trasformato e ritrasformato in base ai contesti locali, ai Direttori Generali, ai sindaci, …….. E non ultimi ai Direttori dei Distretti.

21 Bologna 9 Maggio Distretto Operativo Emergenza quotidiana -Progetti a breve termine -Grande volumi attività -Performance misurabili -Gratificazione nel soddisfare le esigenze degli utenti -Molta distanza dai vertici aziendali -Grande vicinanza alle prime linee -Scarsa autorevolezza aziendale

22 Bologna 9 Maggio Distretto Gestionale -Gestione per progetti -Progetti a medio-lungo termine -Medi volumi attività -Performance in parte misurabili -Gratificazione nel gestire la condivisione -Frustrazione nel perseguire obiettivi -Poca distanza dai vertici aziendali -Medio alta autorevolezza aziendale

23 Bologna 9 Maggio Distretto teorico tutelante: -Gestione per progetti gestiti da altri -Progetti a lungo-infinito termine -Nulli volumi attività -Performance assolutamente non misurabili -Gratificazione nel gestire lallineamento aziendale -Frustrazione nel capire gli obiettivi -Coincidenza con i vertici aziendali -Alta autorevolezza aziendale (almeno percepita)

24 Bologna 9 Maggio Distretto Misto -A volte gestione per progetti -Progetti a breve-medio-lungo termine -Volumi attività variabili -Performance in parte misurabili -Gratificazione nel gestire il caos -Frustrazione nel non avere obiettivi -Distanza non individuabile dai vertici aziendali -Considerato un venduto alla Direzione, ma inaffidabile dalla Direzione

25 Bologna 9 Maggio Lorganizzazione distrettuale in liguria Riferimenti normativi: Legge Regionale n.12/2006 Legge Regionale n.41/2006 D.G.R. 1662/2008

26 Bologna 9 Maggio Legge regionale n.12/2006 La legge regionale istituisce - il distretto sociosanitario, dimensione territoriale in cui si integrano le funzioni sociali complesse e le funzioni sanitarie. I confini territoriali del distretto sociosanitario coincidono con i confini del distretto sanitario - gli ambiti territoriali sociali, comprendono il territorio di più comuni che si associano per gestire i servizi sociali di base. Gli ambiti territoriali sociali sono ricompresi nel territorio del distretto sociosanitario

27 Bologna 9 Maggio La rappresentanza dellATS è affidata alla Conferenza dei Sindaci che elegge un Presidente e ha sede presso il Comune con il maggior numero di abitanti Comitato dei sindaci di Distretto socio sanitario Conferenza dei Sindaci dellASL

28 Bologna 9 Maggio Disciplina le modalità di realizzazione del Piano Sociosanitario del Distretto : Analisi e valutazione dei bisogni della popolazione Obiettivi per migliorare le condizioni di vita e di salute Individuazione e quantificazione delle risorse umane e finanziarie disponibiolil Programma degli investimenti sociali e sociosanitari Funzionamento della UVM Interazioni con le politiche della scuola, formazione, lavoro cultura etc,

29 Bologna 9 Maggio Sportello integrato socio sanitario: Organizza laccesso unificato alle prestazioni Svolge compiti di informazione sullofferta dei servizi, orientamento e supporto alla fruizione delle prestazioni socio sanitarie e segnala le situazioni complesse ai servizi sociosanitaria

30 Bologna 9 Maggio Delibera di Giunta Regionale n.1662/2008 Il distretto Sanitario rappresenti la sede di governo e di erogazione delle prestazioni relative alle cure primarie…le Aziende Sanitarie devono collocarvi, oltre che le attivita di medicina generale e pediatrica, tutte le prestazioni ambulatoriali, da integrare con quelle ospedaliere, quali:

31 Bologna 9 Maggio a. Gli interventi a favore dello sviluppo dei minori, tutela maternità e nucleo familiare b. Le cure domiciliari c. Gli interventi per la cura e riabilitazione della disabilità d. Lerogazione delle prestazioni protesiche e di carattere integrativo e. Lerogazione delle prestazioni sociosanitarie come autosufficienza etc. f. Collegamenti con le equipes della Salute Mentale e Dipendenze e del Dip. di Prevenzione

32 Bologna 9 Maggio g. Accesso e avvio alla residenzialità e semiresidenzialità extraospedaliera e. Erogazione diretta dei farmaci

33 Bologna 9 Maggio Articolazione Dipartimento Area di carattere gestionale che Raccorda i distretti, gestisce le convenzioni e provvede agli affari finanziari del Dipartimento e provvede alle incombenze dellaccreditamento Area tecnico clinica che provvede al Governo Clinico relativamente ai LEA collegati a minori, anziani, disabili e predisponendo protocolli con Dip. Sal Ment e di Prevenzione

34 Bologna 9 Maggio Che deve fare il distretto Deve assumere la responsabilità della gestione corrente delle risorse umane e dellerogazione di tutte le attività sopra individuatee che allo stesso è assicurata autonomia tecnico funzionale utilizzando il budget concordato con il Dipartimento e con i Distretti

35 Bologna 9 Maggio Deve provvedere ad omogeneizzare nel territorio di propria competenza lerogazione dei servizi razionalizzando e gestendo unitariamente i servizi di carattere generale,amministrativi, tecnici e contabili e puntando su economie di scala

36 Bologna 9 Maggio POPOLAZIONE LIGURE ProvinciaTotaleMaschiFemmine IM SV GE SP totale

37 Bologna 9 Maggio Indice di vecchiaia

38 Bologna 9 Maggio LA SANITA LIGURE Fino al 2010: 5 ASL 3 AO 3 IRCS (Galliera,Gaslini, IST) Dal 2010 : 5 ASL 1 AO 2 IRCS

39 Bologna 9 Maggio Distretti Sanitari In Liguria esistono 19 Distretti Socio Sanitari così suddivisi per Provincia: Imperia :3 Savona :4 Genova :9 La Spezia:3

40 Bologna 9 Maggio Alcuni dati sui distretti Lestensione territoriale media del distretto è di circa 260 Kmq La popolazione media residente è di ab.ca

41 Bologna 9 Maggio La media del personale medico assegnato al Distretto è di 1.8 unità La media del personale infermieristico assegnato al distretto è di 24 unità 16 distretti gestiscono direttamente lA.D.I.

42 Bologna 9 Maggio Distretti gestiscono direttamente lAssistenza Protesica 16 Distretti gestiscono direttamente i trasporti sanitari e le cure allestero 11 su 19 Distretti partecipano al monitoraggio dellappropriatezza farmaceutica

43 Bologna 9 Maggio In 12 distretti su 19 il Direttore del Distretto partecipa ai Comitati Aziendali In 12 distretti su 19 esiste la Commissione sulla prescrizione ambulatoriale In 11 distretti su 19 esistono procedure scritte per la dimissione protetta In 7 distretti su 19 esistono procedure scritte per gli interventi domiciliari dei medici ospedalieri

44 Bologna 9 Maggio In tutti i distretti esiste un regolamento UVM Il numero medio annuale di UVM effettuate in regione è di 33

45 Bologna 9 Maggio DIRETTORI SOCIALI, CHI SONO: ASSISTENTI SOCIALI SCELTI DAI COMUNI IN GENERE FUNZIONARI CHE RICEVONO UNINCARICO DIRIGENZIALE FIGURE DEBOLI SPESSO OSTEGGIATE DAGLI ALTRI DIRIGENTI COMUNALI IL LORO COSTO VIENE SUDDIVISO SU TUTTI I COMUNI DELLAMBITO SOCIALE

46 Bologna 9 Maggio CRITICITA RAPPORTI CON LOSPEDALE RESISTENZA DELLE VECCHIE STRUTTURE TERRITORIALI AL CAMBIAMENTO VISIONE DEL DISTRETTO COME CONTENITORE DOVE SCARICARE PROBLEMI E RESPONSABILITA MA NON RISORSE


Scaricare ppt "Bologna 9 Maggio 20111 LORGANIZZAZIONE SOCIO-SANITARIA NELLA REGIONALIZZAZIONE DELLA SANITA."

Presentazioni simili


Annunci Google