La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AMBULANZA V.d.S. Domenico Ronchi V.d.S. Silvia Pezzoli Croce Rossa Italiana - Regione Marche Formazione Istruttori PSTI Corso di Aggiornamento Istruttori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AMBULANZA V.d.S. Domenico Ronchi V.d.S. Silvia Pezzoli Croce Rossa Italiana - Regione Marche Formazione Istruttori PSTI Corso di Aggiornamento Istruttori."— Transcript della presentazione:

1 AMBULANZA V.d.S. Domenico Ronchi V.d.S. Silvia Pezzoli Croce Rossa Italiana - Regione Marche Formazione Istruttori PSTI Corso di Aggiornamento Istruttori PSTI Castelplanio Febbraio 2010

2 CARATTERISTICHE TECNICHE VANO SANITARIO DOTAZIONI DI BASE OBIETTIVI

3 T.U. norme sulla circolazione AUTOVEICOLI PER TRASPORTI SPECIFICI: destinati al trasporto di persone in particolari condizioni e distinti da una particolare attrezzatura relativa a tale scopo AMBULANZA: Autoveicolo destinato al trasporto di infermi o infortunati Tipo di patente Cabina guida e vano sanitario

4 Attualmente, le Autorità europee regolamentano le Ambulanze quali veicoli ad uso speciale di categoria M (cioè per trasporto persone) allAllegato XI della Direttiva 2001/116/CE. CARATTERISTICHE TECNICHE:

5 ENI (Ente Nazionale Unificazione) EN EN 1865 D.M. Trasporti n.553 del 17/12/87 D.M. Trasporti del 05/11/96 D.M. Trasporti n.487 del 20/11/97 CARATTERISTICHE TECNICHE: Allegato 3 al T.U. per le norme della circolazione dei veicoli della C.R.I. D.G.R. n.793 del 07/05/2002 Norma nazionale OPERAZIONE FLOTTA MODERNA Regolamento Regionale

6 TESTO UNICO DELLE NORME PER LA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI DELLA CROCE ROSSA ITALIANA Ideato e realizzato dalla Commissione OFM Operazione Flotta Moderna costituita con Ordinanza Commissariale n. 699/04 del 6 ottobre 2004 NORMATIVA AMMINISTRATIVA E TECNICA PER LIMMATRICOLAZIONE DEI VEICOLI E PER IL RILASCIO DELLE PATENTI CRI E PER LA CONDUZIONE E LA GESTIONE DEI VEICOLI TARGATI CRI (articolo 138 D. Lgs 30/04/1992, n° 285 e successive modificazioni) Ufficio Centrale della Motorizzazione CRI CARATTERISTICHE TECNICHE:

7 Ambulanza di tipo B Ambulanza di tipo A Ambulanza di tipo A1 sono stabilite in funzione della tipologia di ambulanza CARATTERISTICHE TECNICHE: Norma nazionale

8 attrezzata essenzialmente per il trasporto di INFERMI O INFORTUNATI in situazione non di emergenza, con eventuale dotazione di SEMPLICI attrezzature di assistenza Ambulanza di tipo B: Ambulanza di TRASPORTO D.M. Trasporti n.553 del 17/12/87 All.3 al T.U. norme della circolazione veicoli CRI

9 attrezzata per il trasporto di infermi o infortunati E PER IL SERVIZIO DI PRIMO O DI PRONTO SOCCORSO dotate di SPECIFICHE attrezzature di assistenza Ambulanza di tipo A: Ambulanza di SOCCORSO D.M. Trasporti n.553 del 17/12/87 All.3 al T.U. norme della circolazione veicoli CRI

10 Adibita al trasporto ed al TRATTAMENTO DI BASE ed al MONITORAGGIO DEI PAZIENTI Ambulanza di tipo A1: Ambulanza di SOCCORSO PER EMERGENZE SPECIALI D.M. Trasporti n.487 del 20/11/97

11 Attrezzata specificamente per il soccorso di infanti o di neonati Ambulanza di tipo A1: Ambulanza PEDIATRICA O NEONATALE D.M. Trasporti n.553 del 17/12/87 All.3 al T.U. norme della circolazione veicoli CRI

12 dispositivo supplementare di segnalazione visiva a luce lampeggiante blu SEGNI DISTINTIVI T.U. delle norme sulla disciplina sulla circolazione stradale All.02 TU norme circolazione veicoli CRI installati 4, in alto e saldamente ancorati al veicolo, garantire propagazione sul piano verticale Facilmente accessibile dal conducente, e attivabile solo con chiave inserita e motore acceso Servono per segnalare la presenza di un veicolo adibito a servizi urgenti ed ottenere la via libera durante lespletamento degli stessi dispositivo supplementare di allarme

13 Lambulanza deve essere di colore bianco Fascia pellicola retroriflettente vinilica di colore arancione rosso (tipo A=H20cm; tipo B=H10cm) lungo le fiancate, la parte posteriore e nella parte interna porta posteriore Tipo A: nella parte anteriore scritta AMBULANZA (6x60 cm) dritta o rovesciata retroriflettente SEGNI DISTINTIVI D.M. Trasporti n.553 del 17/12/87

14 Simbolo internazionale di soccorso in materiale retroriflettente su sfondo di colore azzurro su ogni fiancata, anteriormente e posteriormente Denominazione dellente che abbia la disponibilità o la proprietà del mezzo sulle due fiancate SEGNI DISTINTIVI 22 cm 5 cm D.M. Trasporti n.553 del 17/12/87

15 SEGNI DISTINTIVI 4 disp.suppl. di segnalazione a colore lampeggiante blu ed un dispositivo di allarme acustico bitonale omologati Nella parte anteriore scritta AMBULANZA (6x60 cm) dritta o rovesciata retroriflettente All.08 TU norme circolazione veicoli CRI

16 SEGNI DISTINTIVI 28 cm di diametro e nome del comitato di appartenenza 20 cm di diametro e nome del comitato di appartenenza Fascia pellicola retroriflettente vinilica di colore rosso (H20cm) lungo le fiancate, la parte posteriore e nella parte interna porta posteriore All.08 TU norme circolazione veicoli CRI

17 SEGNI DISTINTIVI Codice di identificazione degli apparati radio, autoadesivo rettangolare, di 11x15 cm, con contorni lettere e cifre di colore rosso Sigla Provincia in cui è gestita lambulanza AN Le prime due cifre del codice di avviamento postale della 60 1Radio mobile 1Gruppo di Appartenenza 38Numero del mezzo All.08 TU norme circolazione veicoli CRI

18 SEPARATO dalla cabina guida mediante divisorio inamovibile (possibile porta o sportello a chiusura scorrevole a perfetta tenuta); ammessa la presenza di vetri purché di sicurezza. UNA BARELLA (o più) e assicurata allambulanza longitudinalmente, trasversalmente e verticalmente VANO SANITARIO:

19 almeno 3 sedili,uno dei quali situato in posizione contromarcia in prossimità della testa della o delle barelle almeno un posto a sedere oltre a quello del conducente VANO SANITARIO: Tipo A : Tipo B : Ancorati al veicolo Necessarie le cinture di sicurezza Ammessi i sedili ribaltabili

20 Presenza di PORTA POSTERIORE ad 1 o 2 ante; per la tipo A luce non inferiore a 120 cm. Tipo A: almeno una PORTA SCORREVOLE SULLA FIANCATA DESTRA con vano libero di larghezza non inferiore a 100 cm. Tutte le porte devono essere apribili sia dallesterno che dallinterno VANO SANITARIO:

21 Convenientemente illuminato e insonorizzato Materiali di rivestimento ignifughi o autoestinguenti Materiali non intaccabili se sottoposti a disinfezione VANO SANITARIO:

22 Sistema radio 1 estintore 2 Kg 2 torce/fiaccole Catene neve Alloggiamento 2 bombole da 7lit ( alternativo al vano sanitario ) Luce leggimappa 2 posti DOTAZIONI DI BASE Cabina guida D.M. Trasporti n.553 del 17/12/87 All.3 al T.U. norme della circolazione veicoli CRI

23 DOTAZIONI DI BASE Materiale di protezione Guanti monouso Mascherine Occhiali o visiere Camici monouso Box aghi/oggetti taglienti

24 DOTAZIONI DI BASE Vano sanitario

25 PRESIDI DI CARICAMENTO 1 barella autocaricante con cinture 1 sedia cardiopatici DOTAZIONI DI BASE Vano sanitario

26 PRESIDI DI CARICAMENTO 1 telo portaferiti (6 maniglie) 1 barella atraumatica a cucchiaio + cinture di sicurezza DOTAZIONI DI BASE Vano sanitario

27 PRESIDI RESPIRATORI Impianto di distribuzione ossigeno con 2 prese alimentato da 2 bombole di O2 di 7l con scambiatore automatico, riduttore, manometro, flussimetro Bombola di ossigeno portatile da 2 lit DOTAZIONI DI BASE Vano sanitario D.G.R. n.793/2002 All.3 T.U. norme circolazione veicoli CRI

28 PRESIDI RESPIRATORI Maschere facciali per ossigeno terapia Pallone autoespandibile con set di maschere adulti DOTAZIONI DI BASE Vano sanitario

29 DOTAZIONI DI BASE Zaino sanitario

30 zPINZA DISPLAY SATURIMETRO DOTAZIONI DI BASE Zaino sanitario

31 z SFIGMOMANOMETRO E FONENDOSCOPIO DOTAZIONI DI BASE Zaino sanitario

32 zPALLONE AMBU z MASCHERA z PALLONE z TUBO OSSIGENO z RESERVOIRE DOTAZIONI DI BASE Zaino sanitario

33 zLARINGOSCOPIO A TRE LAME DOTAZIONI DI BASE Zaino sanitario

34 zCANNULE ORO- FARINGEE O DI GUEDEL METODO PER MISURARE LA LUNGHEZZA ESATTA PER IL PAZIENTE INSERIMENTO CANNULA DOTAZIONI DI BASE Zaino sanitario

35 zINOLTRE NELLO ZAINO TROVIAMO: zGARZE STERILI zTELINI STERILI zGUANTI MONOUSO zACQUA OSSIGENATA zFORBICI zRASOI (TIPO BIC) zBISTURI zBENDE DI VARIE MISURE zGHIACCIO SPRAY zCHIACCIO IN BUSTE z FLACONE DI BETADINE z LACCIO EMOSTATICO z NASTRO TELATO ADESIVO VARIE ms. z TELI TERMICI z SIRINGHE VARIE MISURE z BUSTE DI FISIOLOGICA z PROLUNGHE PER INTUBARE z MASCHERE PER AMBU VARIE ms. z STERIL-STRIP (CEROTTI PER PUNTI) z SACCHETTI PER VOMITO DOTAZIONI DI BASE Zaino sanitario

36 MATERIALE VARIO Biancheria per barella, lenzuola, coperte, traversa, cuscino, sacchetti per rifiuti e secrezioni gastriche, estintore da 2kg Impianto elettrico a norma di legge dotato di centralina di controllo DOTAZIONI DI BASE Vano sanitario

37 GESTIONE RESIDUI BIOLOGICI Porta rifiuti estraibile Padella Pappagallo Sistema di aspirazione fisso Sacchetti per rifiuti e secrezioni gastriche DOTAZIONI DI BASE Vano sanitario

38 ???DOMANDE???

39 Abbiamo visto le caratteristiche tecniche dellambulanza di trasporto infermi e lallestimento del proprio vano sanitario espressione dellapplicazione delle normative vigenti in termini di sicurezza Per concludere…


Scaricare ppt "AMBULANZA V.d.S. Domenico Ronchi V.d.S. Silvia Pezzoli Croce Rossa Italiana - Regione Marche Formazione Istruttori PSTI Corso di Aggiornamento Istruttori."

Presentazioni simili


Annunci Google