La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Soft matter Camigliatello 22/07/051 SOFT MATTER Direttore Centro regionale LICRYL INFM/CNR dipartimento di Fisica UNICAL Preside facoltà di Scienze Presidente.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Soft matter Camigliatello 22/07/051 SOFT MATTER Direttore Centro regionale LICRYL INFM/CNR dipartimento di Fisica UNICAL Preside facoltà di Scienze Presidente."— Transcript della presentazione:

1 Soft matter Camigliatello 22/07/051 SOFT MATTER Direttore Centro regionale LICRYL INFM/CNR dipartimento di Fisica UNICAL Preside facoltà di Scienze Presidente Fondazione Cal-sci-oggi FONDAZIONE Calabria Scienza Oggi Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università della Calabria R.Bartolino

2 Soft matter Camigliatello 22/07/052 Ordine e disordine Gli stati di aggregazione della materia noti, le fasi solida, liquida e gassosa, sono caratterizzati da un diverso ordine nella disposizione spaziale delle particelle (a/m che li costituiscono). Immaginiamo di poter osservare un volume di un gas rarefatto di dimensioni microscopiche con un dispositivo che ci consenta di ingrandire e rallentare un milione di volte l immagine, vedremo un gran numero di palline ( molecole di acqua) di diametro prossimo al mm muoversi in maniera casuale ad una velocità di circa 2 mm al secondo. In effetti anche con un simile dispositivo sarebbe molto difficile seguire il moto delle palline poiché esse sono soggette a continui e casuali cambiamenti di traiettoria. Immaginiamo di poter fotografare in un determinato istante di tempo il campione di acqua ingrandito. Se, tracciata una circonferenza di raggio fissato (diciamo un mm dal momento che nel nostro mondo ingrandito un mm corrisponde a qualche nm del mondo reale) e concentrica ad una molecola scelta a caso, contassimo le molecole racchiuse nella circonferenza e sommassimo il risultato ottenuto al variare della molecola scelta come centro della circonferenza e ripetessimo questa operazione raddoppiando, triplicando, quadruplicando, ecc. il raggio della circonferenza noteremmo che il risultato sarebbe sempre, più o meno, lo stesso.

3 Soft matter Camigliatello 22/07/053 Ordine e disordine Infatti, il risultato delle somma effettuata per un valore di raggio r fissato è proporzionale alla probabilità di trovare una molecola ad una distanza r da un altra comunque scelta, ed essendo quella gassosa una fase completamente disordinata, questa probabilità deve essere costante su tutto lo spazio. La funzione da noi definita, che, data una lunghezza r fornisce la probabilità che un altra molecola si trovi a distanza r dalla prima è detta funzione di distribuzione delle coppie ed è una quantità accessibile sperimentalmente mediante esperimenti di diffusione neutronica. In modo analogo si possono definire funzioni di distribuzione per un numero maggiore di molecole, ad esempio la funzione ci da la probabilità di avere una particella nella posizione r1 quando ve ne sia una prima nella posizione r2 ed una terza nella posizione r3 (in questo caso le posizioni r1, r2 e r3 sono vettori e per questo sono state scritte in grassetto) ma ai nostri fini non sono necessarie. Valori massimi della funzione rappresentano punti dello spazio nei quali vi è una probabilità più grande di trovare una particella, nel nostro caso una molecola.

4 Soft matter Camigliatello 22/07/054 Disordine: gas quando le particelle sono distribuite in maniera casuale la funzione è costante per un largo intervallo di valori di r, questo tipo di sistemi sono detti completamente disordinati spazialmente: caso dei gas

5 Soft matter Camigliatello 22/07/055 Ordine :solidi cristallini se le particelle sono distribuite periodicamente, ossia se esse occupano nello spazio posizioni equamente distanti, la funzione rifletterà questa condizione mostrando un andamento periodico e l insieme di particelle risulterà essere completamente ordinato spazialmente.

6 Soft matter Camigliatello 22/07/056 Ed i Liquidi? Ordine a corta distanza: primi vicini e su scale di tempi che dipendono da questi vicini La funzione di correlazione dei liquidi presenta uno o due massimi e poi diventa uniforme

7 Soft matter Camigliatello 22/07/057 Passaggio da ordine a disordine A parte i gas nobili ogni molecola interagisce con quelle che le sono vicine in modo più o meno forte: dipende dalla struttura elettronica e magnetica della molecola Chiamiamo U (r ij ) lenergia di interazione Daltra parte ogni molecola possiede una energia cinetica di origine termica K(T) Grossolanamente possiamo dire che a temperature molto alte ogni sostanza tende ad essere nella fase gassosa A temperature molto basse prevale invece lenergia di legame e quindi tendiamo ad avere solidi E in tutti gli altri casi abbiamo situazioni intermedie con un equilibrio tra le due energie ( il sistema comunque tende a trovarsi ad un minimo di energia): vi è un evidente legame tra il bilancio energetico e la funzione di correlazione

8 Soft matter Camigliatello 22/07/058 CE dellaltro…. Perché Oltre ad un ordine di tipo spaziale, possiamo definire un ordine orientazionale. Naturalmente ciò ha senso nel caso si possa assegnare un orientazione ad ogni particella, quindi quando le particelle non sono sferiche come nel caso considerato, ma hanno ad esempio una forma allungata, ellissoidale. Perciò, un sistema per essere completamente ordinato dovrà avere ordine orientazionale e spaziale a lungo raggio (su distanze meso o macroscopiche). In un sistema di particelle non sferiche, i diversi tipi di ordine (lungo le tre direzioni spaziali per quel che riguarda l ordine posizionale e relativamente all angolo azimutale e all angolo polare per quel che riguarda l ordine orientazionale) possono mancare parzialmente. Ad esempio, potremo avere uno stato in cui il sistema ha solo ordine orientazionale a lungo raggio, oppure ordine posizionale bidimensionale e ordine orientazionale entrambi a lungo raggio.

9 Soft matter Camigliatello 22/07/059 Ad esempio, potremo avere uno stato in cui il sistema ha solo ordine orientazionale a lungo raggio, oppure ordine posizionale bidimensionale e ordine orientazionale entrambi a lungo raggio. In natura se una cosa è possibile Nelle opportune condizioni Essa si verifica CE dellaltro….

10 Soft matter Camigliatello 22/07/0510 CRISTALLI LIQUIDI ed altro

11 Soft matter Camigliatello 22/07/0511 Questi stati che dal punto di vista dell ordine molecolare non sono né solidi, né liquidi né gassosi, ma, piuttosto hanno proprietà intermedie a quelle degli stati solido e liquido, sono propri di due classi di materiali i cristalli plastici ed i cristalli liquidi. primi sono completamente ordinati nello spazio ma non hanno alcun ordine orientazionale, i secondi danno luogo a diverse fasi intermedie (o mesofasi), caratterizzate da diversi tipi di ordine spaziale ma che comunque hanno sempre un ordine orientazionale a lungo raggio. E proprio l ordine orientazionale a lungo raggio all origine della caratteristica che ha reso i cristalli liquidi utili per tante applicazioni tecnologiche : l anisotropia di praticamente tutte le loro grandezze fisiche. Cosideriamo una delle grandezze fisiche che caratterizzano un materiale, ad esempio l indice di rifrazione n o la resistività elettrica. Nei materiali più comuni, come il vetro o l aria, queste grandezze sono esprimibili mediante un valore numerico (n = 1.3 o = 1.2 M /cm), quindi sono delle grandezze scalari.

12 Soft matter Camigliatello 22/07/0512 Nei materiali anisotropi, come alcuni solidi e i cristalli liquidi, il valore che la grandezza assume cambia a seconda della direzione lungo la quale essa viene misurata. E evidente che per esprimere questa grandezza sono necessari diversi valori numerici (almeno 3), diremo allora che la grandezza fisica ha caratteristica tensoriale. I cristalli liquidi oltre ad essere dei materiali anisotropi sono anche dei liquidi, cosicché reagiscono a degli stimoli esterni, elettrici magnetici o meccanici, orientandosi in maniera da rendere minima la perturbazione ; questo cambiamento dell orientazione del materiale si riflette in un cambiamento di tutte le altre proprietà fisiche, ad esempio quelle ottiche, per esempio è possibile orientare un cristallo liquido mediante un campo elettrico esterno sufficientemente intenso ponendolo tra le armature di un condensatore piano e, se le armature del condensatore sono trasparenti influenzare la propagazione di un raggio luminoso attraverso di esso. Questo è il principio di funzionamento dei displays a cristallo liquido più semplici, per ora tralasciamo l aspetto applicativo, che verrà trattato più avanti ed interessiamoci delle proprietà fisiche di questi materiali.

13 Soft matter Camigliatello 22/07/0513 CRISTALLI LIQUIDI da dove? La forma non è sufficiente ad assicurare una o più mesofasi ma è necessario che anche le forze di interazione tra le molecole siano anisotrope. molecole con simmetria cilindrica, parallelepipeda, molecole straordinariamente lunghe ( polimeri, ossia catene costituite dalla ripetizione di un unità fondamentale detta monomero)

14 Soft matter Camigliatello 22/07/0514

15 Soft matter Camigliatello 22/07/0515 CRISTALLI LIQUIDI: famiglie

16 Soft matter Camigliatello 22/07/0516 Invece di T si può cambiare U? Alcune mesofasi possono essere ottenute in soluzioni di amfifili e polipeptidi all aumentare della concentrazione del soluto, poichè ad es. l ambiente attorno alla parte polare dell anfifile è cambiato dalla presenza del solvente. Consideriamo il caso di un lipide in acqua: l acqua si mescola unicamente ai gruppi polari che costituiscono la testa delle molecole del lipide e che si trovano nel mezzo degli strati bimolecolari che compongono il materiale lipidico. A causa dell effetto di penetrazione dell acqua la struttura del lipide viene intercanalata e divelta fino a costituire una struttura stratificata con l acqua che inframezza un doppio strato di molecole lipidiche. Quando la quantità di acqua è sufficiente a creare dei canali attraverso i quali si abbia un libero flusso del liquido, la struttura cristallina solida del lipide transisce ad una mesofase stratificata lamellare di tipo smettico, però perchè sia possibile il fenomeno della penetrazione è necessario che la temperatura ecceda un valore minimo Tpen caratteristico della sostanza.

17 Soft matter Camigliatello 22/07/0517

18 Soft matter Camigliatello 22/07/0518 Lo studio dei sistemi liotropici è di notevole importanza per la comprensione dei sistemi biologici, infatti la membrana delle cellule che formano la materia vivente è costituita da amfifili e polipeptidi. Sistemi amfifili sono anche i saponi, cosicchè i sistemi liotropici trovano applicazione nell industria chimica e cosmetica. Ultimamente si è cominciata a studiare la possibilità di utilizzare dei liotropici per un migliore sfruttamento dei pozzi petroliferi. Si è infatti stimato che almeno il 30% del petrolio di un giacimento non può essere estratto perchè infiltrato nel terreno, l impiego dei liotropici per il lavaggio dei pozzi petroliferi esauriti e la successiva separazione del greggio dalle molecole amfifili renderebbe possibile l estrazione del petrolio residuo. A causa della mutua attrazione tra le loro code lipofili e della attrazione tra le loro teste polari ed il solvente, in un sistema binario costituito da un anfifile e da un solvente polare, le molecole anfifili si aggregano in gruppi costituendo degli aggregati chiamati micelle. Questi aggregati possono dare luogo a delle fasi liquido cristalline la struttura delle quali è definita in maniera principale dalle interazioni esistenti tra le teste porali. Viceversa le catene idrocarboniche molto flessibili e disordinate contribuiscono all aspetto liquido del sistema.

19 Soft matter Camigliatello 22/07/0519

20 Soft matter Camigliatello 22/07/0520 I Nematici (CLN) n : direttore, direzione di allineamento molecolare comune liquidi anisotropi: –anisotropia dielettrica: –anisotropia ottica: liquidi elastici: –costante elastica: K [Energia/Lunghezza] Caratteristiche:

21 Soft matter Camigliatello 22/07/0521 Interazioni del CLN col campo elettrico Densità di energia Transizione di Freedericksz

22 Soft matter Camigliatello 22/07/0522

23 Soft matter Camigliatello 22/07/0523 Classificazione degli attuali LCD Matrice passiva (MPX-LCD): bassa risoluzione e basso costo Matrice attiva (AM-LCD): alta risoluzione ma molto costosi perché ad ogni pixel è associato un transistor depositato sul vetro dello schermo Display innovativi : SBiND

24 Soft matter Camigliatello 22/07/0524 Display innovativi: SBiND Principio di funzionamento: Presenta due stati stabili ed otticamente distinti in assenza del campo elettrico esterno. La bistabilità è una proprietà intrinseca del pixel ed è controllata da E.

25 Soft matter Camigliatello 22/07/0525SBiND

26 Soft matter Camigliatello 22/07/0526 Cella sperimentale pronta per le misurazioni

27 Soft matter Camigliatello 22/07/0527 H T H T

28 Soft matter Camigliatello 22/07/0528 Tradizione ed innovazione

29 Soft matter Camigliatello 22/07/0529 Reticolo olografico a cristalli liquidi

30 Soft matter Camigliatello 22/07/ The microcavity laser array will be realized by embedding dye doped helixed liquid crystals in light sculptured polymeric microchannels in a single step process. Each microchannel behaves as a mirrorless optical cavity with a very high gain factor. ORGANIC LASERS mirrorless a feeback distribuito

31 Soft matter Camigliatello 22/07/0531

32 Soft matter Camigliatello 22/07/0532 Description: The Bragg reflection filter will be realised by introducing a POLICRYPS reflection grating between two consequent parts of a linear planar waveguide. Satisfying the Bragg conditions it is possible to obtain wavelength filter with a stop-band narrower than 1 nm. Switchable notch filter in planar optical waveguides. Can be used in all cases in which a particular wavelength has to be filtered with a narrow stop-band (telecom...). Switchable collinear notch filter

33 Soft matter Camigliatello 22/07/0533 GOCCIA DI CL

34 Soft matter Camigliatello 22/07/0534 SOFT MATTER e poi? Campo di ricerca intrinsecamente interdisciplinare e multidisciplinare Fisica-chimica-materiali-matematica-biologia- elettronica-telecom Campo di applicazione di nanoscienze e che da risultati nelle nanotecnologie Ricerca di base ed applicazioni

35 Soft matter Camigliatello 22/07/0535

36 Soft matter Camigliatello 22/07/0536

37 Soft matter Camigliatello 22/07/0537

38 Soft matter Camigliatello 22/07/0538


Scaricare ppt "Soft matter Camigliatello 22/07/051 SOFT MATTER Direttore Centro regionale LICRYL INFM/CNR dipartimento di Fisica UNICAL Preside facoltà di Scienze Presidente."

Presentazioni simili


Annunci Google