La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ESAMI DI QUALIFICA A.S. 2014-15. RIFERIMENTI NORMATIVI Delibera della Giunta regionale n. 739/2013 del 10/06/2013 Delibera (estratto) della Giunta regionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ESAMI DI QUALIFICA A.S. 2014-15. RIFERIMENTI NORMATIVI Delibera della Giunta regionale n. 739/2013 del 10/06/2013 Delibera (estratto) della Giunta regionale."— Transcript della presentazione:

1 ESAMI DI QUALIFICA A.S

2 RIFERIMENTI NORMATIVI Delibera della Giunta regionale n. 739/2013 del 10/06/2013 Delibera (estratto) della Giunta regionale n. 742/2013 del 10/06/2013

3 INDICAZIONI EMILIA ROMAGNA Il “Sistema Regionale di Formalizzazione e Certificazione delle competenze” (SRFC) della Emilia Romagna prevede che, preliminarmente all’accertamento tramite esame, si realizzi un accertamento tramite evidenze.

4 Commissione e referenti nel SRFC 1. Responsabile della formalizzazione e della certificazione (RFC) è il referente organizzativo-procedurale per l’erogazione del servizio 2. Esperto dei processi valutativi (EPV) è il referente tecnico- metodologico per le attività di accertamento e valutazione. E’ un docente formato a seguito di un bando specifico. 3. Esperto di area Professionale/Qualifica (EAPQ) rappresenta il referente tecnico-professionale di specifiche qualifiche regionali raggruppate e collocate in aree professionali NB: Tutti i ruoli impegnati nell’attuazione del Servizio SFRC si caratterizzano per la terzietà rispetto al processo di sviluppo delle competenze oggetto di accertamento e di valutazione

5 Strumenti di valutazione Format da utilizzare: dossier delle evidenze l’Esperto dei processi Valutativi valuta le evidenze sulla base del dossier presentato e compila il documento di valutazione delle competenze. Le evidenze riguardano gli esiti delle verifiche realizzate durante il percorso formativo e la documentazione inerente lo stage. le evidenze sono intese come prove che documentano le capacità e le conoscenze acquisite in percorsi di apprendimento formale e/o attraverso l’esperienza professionale, in correlazione agli standard delle qualifiche regionali.

6 LE EVIDENZE Le evidenze prodotte devono essere: pertinenti rispetto allo standard del SRQ di riferimento; correlate senza difficoltà agli elementi di una UC, ad un’intera UC o a più UC; esaustive, devono coprire gli indicatori previsti dallo standard del SRQ di riferimento; corrette, non devono presentare errori e devono essere rese disponibili secondo le modalità previste.

7 Raccolta evidenze Si sottolinea l’importanza di coinvolgimento del Consiglio di classe al fine di predisporre le verifiche sulle quali valutare le evidenze da certificare e da inserire nel singolo dossier dello studente, per la preparazione del documento di valutazione delle evidenze. Per compilare il documento di valutazione in relazione alle evidenze degli anni precedenti è possibile : ricavare le evidenze dalle verifiche degli anni passati, (quindi raccorglierle durante il percorso) proporre una verifica con le evidenze anche degli anni scorsi (coordinare le verifiche di competenza)

8 IL DOSSIER DELLE EVIDENZE Sul sito di istituto, alla pagina docenti ( MATERIALI ESAME DI QUALIFICA ), si può esaminare il dossier delle evidenze dello scorso anno corredato dai materiali d'esamewww.ipscarrara.gov.itdossier delle evidenze

9 Fine...


Scaricare ppt "ESAMI DI QUALIFICA A.S. 2014-15. RIFERIMENTI NORMATIVI Delibera della Giunta regionale n. 739/2013 del 10/06/2013 Delibera (estratto) della Giunta regionale."

Presentazioni simili


Annunci Google