La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Terzo gruppo I PUNTI SVILUPPATI: Funzioni e compiti del tutor formativo interno (docente) e esterno (aziendale) e del referente di progetto per la scuola.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Terzo gruppo I PUNTI SVILUPPATI: Funzioni e compiti del tutor formativo interno (docente) e esterno (aziendale) e del referente di progetto per la scuola."— Transcript della presentazione:

1 Terzo gruppo I PUNTI SVILUPPATI: Funzioni e compiti del tutor formativo interno (docente) e esterno (aziendale) e del referente di progetto per la scuola Modalità di scelta dei tutor Attività di formazione Ricognizione delle esperienze in atto: Puglia, Campania, Emilia Romagna, Calabria, Marche (Macerata), Molise (Isernia), Piemonte, Lazio IL SISTEMA TUTORIALE

2 Gli elementi comuni a tutte le sperimentazioni: Accordi territoriali a livello regionale Convenzioni tra scuole e aziende, enti, associazioni ecc. Macro progettazione dei percorsi in alternanza : primo anno: Attività di informazione, sensibilizzazione, orientamento, selezione degli allievi. Creazione della rete e definizione dei ruoli e compiti dei vari soggetti, individuazione delle competenze in uscita e prima stesura dei contenuti dei moduli di alternanza. Progettazione e avvio delle attività di formazione dei formatori (le figure di accompagnamento e di assistenza tutoriale). Ricerca delle aziende e abbinamento degli allievi secondo e terzo anno: attuazione alternanza scuola-lavoro.

3 Sistema di assistenza tutoriale costituito da tutor interno (docente della scuola), tutor esterno (referente aziendale), referente di progetto per la scuola. Assume il ruolo determinante di accompagnare linserimento degli studenti nellambiente di lavoro e di garantire la qualità e lefficacia del percorso di formazione concordato e coprogettato dalla scuola e dallazienda

4 IL TUTOR INTERNO (docente ) Svolge un ruolo di: raccordo e di snodo tra scuola, studente, famiglia, azienda; assistenza e di guida per il processo di apprendimento dello studente in alternanza. Attiva le collaborazioni con i docenti del Consiglio di classe Collabora con limpresa o lente alla formulazione del progetto educativo, coordinando le esigenze reciproche Garantisce il rispetto delle finalità formative durante lo svolgimento dellattività lavorativa Aggiorna il Consiglio di classe sullandamento dellesperienza seguendo tutto il processo didattico organizzativo Verifica, insieme al tutor aziendale, il corretto svolgimento dei percorsi definiti nel progetto educativo personalizzato, monitorandone gli esiti in itinere e al termine dellesperienza

5 È stato sottolineato che le competenze del tutor scolastico dipendono dalle modalità con cui lalternanza viene realizzata. Bisogna stare attenti a non ingessare il profilo del tutor che deve rimanere flessibile rispetto al progetto elaborato dallistituzione scolastica o formativa. Valorizzare AUTONOMIA delle scuole ed evitare modelli rigidi. Le modalità di scelta del tutor spettano allautonomia scolastica ATTENZIONE Rischio di inflazione semantica del termine TUTOR che nelle esperienze formative connota ruoli e funzioni molto diversificati Es. tutor daula nella formazione professionale, tutor per apprendistato, ecc. GLOSSARIO? Il gruppo ha comunque delineato alcune caratteristiche comuni del tutor, sebbene i pesi percentuali di ciascuna possano variare a seconda delle esperienze.

6 Al tutor formativo interno sono state attribuite le seguenti caratteristiche: Area del processo competenze relazionali, comunicative, organizzative, capacità di motivare, empatia nei confronti degli studenti, capacità di ascolto attivo, capacità di problem solving, capacità progettuali ecc. Area del contenuto conoscenze teorie dellapprendimento e della formazione, competenze metodologico-didattiche, capacità di avere una visione sistemica interdisciplinare, eventuali competenza tecniche specifiche, strettamente correlate alle scelte progettuali della scuola. In media 2 tutor per gruppi di 20 studenti

7 IL REFERENTE DI PROGETTO DELLA SCUOLA Svolge un ruolo di COORDINAMENTO generale delle attività Partecipa alla coprogettazione dei percorsi in alternanza in collaborazione con i soggetti coinvolti Coordina le attività allinterno della scuola Assicura la continuità del progetto per tutta la sua durata Garantisce il rispetto di standard condivisi Coinvolge e motiva i consigli di classe e i dipartimenti disciplinari Mantiene i rapporti con tutti i partner di progetto Cura il monitoraggio delle diverse esperienze e delle diverse fasi dellalternanza

8 Da molti è avvertita lesigenza di una cabina di regia allinterno della scuola per gestire lalternanza, anche nella prospettiva di una sua piena attuazione. Di fatto, una cabina di regia già esiste in molte progettazioni in corso es Puglia: Lesperienza è seguita da un gruppo di lavoro costituito da: Dirigente scolastico, referente di progetto, tutor e da un referente di SPEGEA, che ha sottoscritto accordo quadro con doppia valenza di ente di formazione e collegamento diretto con il mondo imprenditoriale. UNA CABINA DI REGIA?

9 Esperienze avviate o progettate e in procinto di partire: Puglia Emilia Romagna Piemonte LA FORMAZIONE DEI TUTOR Elementi comuni Necessità di una formazione il più possibile congiunta tra tutor formativi interni ed esterni Possibilità di allargare lesperienza anche ad altre figure interne( es. referente di progetto, coordinatore del consiglio di classe, dirigente scolastico, ecc.) ed esterne ( rappresentanti degli Enti locali, Associazioni di categoria ecc.) fondamentali per la realizzazione del progetto Monte orario limitato o comunque proporzionato rispetto alle esigenze di servizio ( monte orario medio: 24 ore) Necessità di uniformare i linguaggi per un dialogo efficace moduli sulla cultura di impresa, psicopedagogia, comunicazione efficace ed empowerment, sulle leggi della scuola e del mercato del lavoro ecc.

10 LA FORMAZIONE DEI TUTOR Lesperienza della Puglia: formazione dei tutor scolastici Destinatari = gruppo di 5/7 persone per ciascun Istituto ( es. referente di progetto, coordinatore del consiglio di classe, dirigente scolastico, ecc.) E una formazione allargata a tutti coloro che, nella Scuola, devono facilitare il processo Modalità formazione tutor interni= percorso di 12 h ( modulo propedeutico)+20 h ( modulo professionalizzante) + 8 h formazione congiunta Totale = 40 ore Modalità formazione tutor esterni= percorso di 12 h ( modulo professionalizzante) + 8 h formazione congiunta Totale = 20 ore Tempi= si prevede che le attività si concludano entro settembre 2004 Attività di accompagnamento = i tutor verranno seguiti durante il percorso da consulenti Spegea


Scaricare ppt "Terzo gruppo I PUNTI SVILUPPATI: Funzioni e compiti del tutor formativo interno (docente) e esterno (aziendale) e del referente di progetto per la scuola."

Presentazioni simili


Annunci Google