La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I distretti industriali del made in Italy e la qualità dei prodotti Franco Mosconi Professore di Economia Industriale Università di Parma Auditorium Giorgio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I distretti industriali del made in Italy e la qualità dei prodotti Franco Mosconi Professore di Economia Industriale Università di Parma Auditorium Giorgio."— Transcript della presentazione:

1 I distretti industriali del made in Italy e la qualità dei prodotti Franco Mosconi Professore di Economia Industriale Università di Parma Auditorium Giorgio Fini Confindustria Modena 26 settembre 2006 [ ]

2 AGENDA Intorno ai distretti industriali, due scuole di pensiero si confrontano: I) coloro che li vedono sul viale del tramonto; II) coloro che li considerano intoccabili e immutabili. Ma, a ben vedere, una terza scuola si sta facendo fortunatamente strada: Essa sottolinea la metamorfosi che sta interessando i distretti (apertura delle "filiere produttive"; formazione di "gruppi di imprese"; ruolo di leadership delle "Medie Imprese", eccetera). E' su quest'ultima che ci soffermeremo. Ora facciamo un passo indietro...

3 Quella dei Distretti Industriali è una storia antica Censimento USA del 1900 : punte alte di concentrazione e specializzazione industriale Alfred Marshall, Principles of Economics (1890): il distretto marshalliano Prof. P. Krugman che rilegge Marshall (Geography and Trade, 1991) Tre fattori: (i)Mercato congiunto per lavoratori con qualifiche specializzate (Bacini di manodopera; (ii) Input intermedi specifici di unindustria; (iii) Spillover (traboccamenti) tecnologici (localmente linformazione fluisce più facilmente)

4 La storia prosegue Michael Porter e la teoria del Vantaggio Competitivo delle Nazioni [1990] Il cluster di imprese Il diamante (i 4 determinanti)

5 La storia prosegue Cè Sassuolo e il distretto delle piastrelle di ceramica per lItalia come case-study principale ma nel viaggio di Porter attraverso lItalia emergono molti altri cluster

6 Il Cluster a' la Porter (1990) è un fenomeno diffuso in molti paesi industrializzati. Il caso della Germania

7 Il Cluster a la PORTER Perché una nazione "raggiunge il successo internazionale in una particolare industria (o in un segmento di industria)?". Le nazioni hanno maggiori probabilità di avere successo laddove il "diamante" "è il più favorevole". Il passo successivo è quello che conduce verso l'altra nota immagine evocata da Porter: il cluster, o "grappolo" di imprese. Difatti, è l'argomentazione, "le nazioni hanno successo non in settori industriali isolati, bensì in cluster di industrie, che sono fra di loro connessi mediante relazioni verticali e orizzontali". In Italia, ci dice uno dei tantissimi esempi portati nel volume, più del 40% delle esportazioni totali sono [erano all'epoca] dovute a cluster di industrie tutte collegate al sistema« food-fashion-home». Nella "dinamica" del vantaggio nazionale -ecco il terzo e ultimo passaggio- un ruolo del tutto particolare è giocato dalla "concentrazione geografica dell'industria". E' sì una concentrazione, in una singola città o regione, di imprese rivali [concorrenti], ma lo è anche e contestualmente di fornitori di qualità per quell'industria e di sofisticati clienti della medesima. Ne consegue che l'informazione fluisce liberamente, e anche Porter non può fare a meno di richiamare la lezione di Alfred Marshall, soprattutto laddove il grande economista inglese della seconda metà dell' Ottocento osservò che, in certi luoghi, un'industria è "nell'aria" (in the air).

8 La storia prosegue Arriva poi il momento del viaggio del Sole 24 Ore nei sistemi produttivi italiani: Bambole, gioielli, coltelli (1992)

9 E oggi? LIndustria Manifatturiera Non è Cosa del Passato Certo, è diminuita – e continuerà a diminuire la % di occupati che lavorano nellindustria (nuove tecnologie al posto dei lavoratori; low- skilled jobs delocalizzati; esternalizzazioni, eccetera). Ma il valore aggiunto prodotto non cala: anzi, aumenta laddove il saggio di crescita della produttività è positivo, e laddove lindustria si sposta verso nuovi settori (quelli high-tech e a elevata intensità di capitale umano qualificato). In breve, risiede nella manifattura il cuore del progresso tecnologico di un Paese. Da qui, limportanza dei collegamenti con lUniversità e, in generale, il mondo della ricerca. Vi è poi una crescente interdipendenza fra la manifattura e i servizi, in specie quelli di supporto alla produzione (R&S, design, progettazione, marketing, assistenza post-vendita…).

10 La Manifattura non è cosa del passato soprattutto in regioni come lEmilia-Romagna, il Piemonte, la Lombardia, il Triveneto (ma anche lungo la dorsale adriatica e in certe province della Toscana) MODENA -- assieme a RE e PR -- e unitamente a CN, AL, BI, NO, VA, CO, LC, LO, BS, SO, MN, VI, TV, BL, PD fa parte di quel gruppo di province italiane ove il peso del «valore aggiunto manifatturiero» sul totale del valore aggiunto provinciale si colloca fra nellintervallo 27-38% (fonte: Istituto Tagliacarne). Bastano, oggi, queste tradizioni manifatturiere ? [

11 L'Emilia-Romagna, una potenza commerciale fondata sul "made in Italy" Tradizioni manifatturiere che sono sempre state fonte di eccellenti performance sui mercati internazionali. Prendiamo il caso dell'Emilia-Romagna: nel essa ha realizzato un avanzo commerciale di 14,8 miliardi di euro; oltre 1/3 delle esportazioni regionali è concentrato nel comparto della meccanica (fonte: Banca d'Italia-Sede di Bologna, Note sull'andamento dell'economia dell'E-R nel 2005). Insomma, è una regione sottoposta ai nuovi venti della competizione che viene dall'Asia, ma il punto da cui parte per affrontare le nuove sfide non è di poco conto.

12 A Le tradizioni sono soprattutto nei Settori del Made in Italy E stata coniata limmagine delle Quattro A A limentare (+ agro-industria) A bbigliamento (ivi compreso tutto il sistema moda) A rredo casa A utomazione (leggi: meccanica di precisione)

13 Ciò vale per tutte le PMI: dalle Piccolissime alle Medie Prendiamo le oramai note «medie imprese industriali» censite dalla nota indagine Mediobanca-Unioncamere [ultima edizione, novembre 2005]; Sono circa nelle quattro regioni del Nord-est [gennaio 2006], di cui 570 in Emilia-Romagna. Ebbene, «Le produzioni prevalenti nel Nord-Ovest e del Nord-Est e Centro sono la meccanica e i beni per la persona e la casa (…) Nel Centro-Sud e nelle Isole prevale invece lalimentare.» «La presenza delle medie imprese industriali nei settori high-tech è scarsa.» Si badi bene: questo vivaio di medie imprese è il pezzo dellindustria italiana che dalla metà degli anni 90 ai primi anni Duemila ha realizzato le migliori performance. E non per caso !

14 Nellattuale fase di cambiamento tecnologico: > Gli investimenti in ricerca, > Lattività di innovazione, > La formazione del capitale umano L a p r o d u t t i v i t à trovano (trova) un impedimento nelle eccessiva frammentazione delle dimensioni aziendali. Il successo delle medie imprese industriali non è un accidente della storia. Nascono tante Piccole Imprese, ma poi devono crescere Studi recenti condotti presso lOcse [I. Visco et al.] e la Banca dItalia [Bianco, Giacomelli, Trento et al.] ci dicono che: Nel nostro paese ogni anno nasce un N° elevato di nuove imprese; I tassi di natalità e mortalità delle imprese sono per lo più compresi fra l8 e il 12% per tutti i paesi considerati; I tassi di sopravvivenza delle nuove imprese sono anchessi molto simili: circa la metà delle nuove imprese abbandona il mercato entro il quinto anno dallavvio dellattività; Se invece si considera la crescita delle nuove imprese emerge una netta differenza fra USA e Italia (e altri paesi dellUE): quelle americane, dopo due anni dalla nascita, hanno in media più che raddoppiato loccupazione, quelle europee hanno registrato aumenti inferiori al 25%.

15 La «Nuova Politica Industriale» (o per la «Competitività» di Tutte le Imprese) Profilo nazionale (e regionale) Due obiettivi fra loro collegati: SPERIMENTARE nuove specializzazioni, partendo dai punti di forza dellindustria italiana (e dellEmilia- Romagna, eccetera): ruolo dellUniversità e della Ricerca, e degli Enti di trasferimento tecnologico FAVORIRE la crescita dimensionale delle imprese (vere e proprie fusioni, altre forme di aggregazione, gruppi di imprese, eccetera): Ddl Bersani sullInnovazione industriale e Proposte Ing. Pistorio alla IV Giornata della Ricerca di Confindustria

16 La Metamorfosi dei Distretti Dellexport e della presenza sui mercati internazionali hanno sempre fatto un punto di forza. Poi sono arrivati i Paesi BRIC (Brasile, Russia, India, Cina) O G G I I) irrobustimento della struttura dimensionale, con lemergere di una élite di medie imprese (spesso organizzate in gruppi di imprese) e mediante la loro partecipazione allondata di M&A (fusioni e acquisizioni) in atto; II) presenza sempre più solida sui mercati internazionali, anche mediante investimenti diretti esteri (IDE); III) apertura delle filiere produttive con nuove reti di relazioni, estese anche oltre i confini.

17


Scaricare ppt "I distretti industriali del made in Italy e la qualità dei prodotti Franco Mosconi Professore di Economia Industriale Università di Parma Auditorium Giorgio."

Presentazioni simili


Annunci Google