La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Trasferimento d’azienda Art. 2112 c.c. Art. 47 l.n. 428/1990.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Trasferimento d’azienda Art. 2112 c.c. Art. 47 l.n. 428/1990."— Transcript della presentazione:

1 Trasferimento d’azienda Art c.c. Art. 47 l.n. 428/1990

2 Fonti normative  Art c.c.  Direttiva CE n. 77/187  Art. 47 l.n. 428/1990  Direttiva CE n. 98/50  D.lg.vo n. 18/2001  Direttiva CE n. 2001/23  Art. 32 d.lg.vo n. 276/2003

3 Tutela individuale del lavoratore Art c.c.

4 NOZIONE DI TRASFERIMENTO DI AZIENDA  Art c.c., V c.: qualsiasi operazione che, in seguito a cessione contrattuale o fusione, comporti il mutamento nella titolarità di un'attività economica organizzata, con o senza scopo di lucro, preesistente al trasferimento e che conserva nel trasferimento la propria identità a prescindere dalla tipologia negoziale o dal provvedimento sulla base del quale il trasferimento è attuato ivi compresi l'usufrutto o l'affitto di azienda.

5 NOZIONE DI TRASFERIMENTO DI AZIENDA  Art c.c., V c.: Le disposizioni del presente articolo si applicano altresì al trasferimento di parte dell'azienda, intesa come articolazione funzionalmente autonoma di un'attività economica organizzata, identificata come tale dal cedente e dal cessionario al momento del suo trasferimento

6 Ampiezza nozione di trasferimento di azienda Dall’articolazione funzionalmente autonoma preesistente al trasferimento ad articolazioni di azienda prive di autonomia fino al trasferimento (modifica introdotta dal d.lg.vo n. 276/2003) = Outsourcing di fasi o parti dell’attività

7 Attività economica organizzata  “entità economica che conserva la propria identità, intesa come insieme di mezzi organizzati al fine di svolgere un’attività economica, sia essa essenziale o accessoria” direttiva CE n.98/50  entità prive di elementi materiali o immateriali, es. successione nell’appalto pulizia locali

8 Principio della continuità del rapporto di lavoro  Art c.c., I c.: In caso di trasferimento d'azienda, il rapporto di lavoro continua con il cessionario ed il lavoratore conserva tutti i diritti che ne derivano. =  Successione nel contratto è un effetto necessario  Non è richiesto il consenso del lavoratore (salva applicazione art c.c., dimissioni con preavviso)

9 Principio della continuità del rapporto di lavoro Art c.c., IV c.:  Ferma restando la facoltà di esercitare il recesso ai sensi della normativa in materia di licenziamenti, il trasferimento d'azienda non costituisce di per sé motivo di licenziamento.  Il lavoratore, le cui condizioni di lavoro subiscono una sostanziale modifica nei tre mesi successivi al trasferimento d'azienda, può rassegnare le proprie dimissioni con gli effetti di cui all'art. 2119, I c. (per giusta causa con diritto ad indennità di mancato preavviso).

10 Applicazione della tutela dell’art c.c.: vantaggi e svantaggi  La tutela è vantaggiosa quando il trasferimento riguarda l’azienda o l’impresa nel suo complesso  E’ svantaggiosa quando oggetto del trasferimento è un’articolazione dell’impresa: possibile peggioramento condizioni di lavoro

11 Vincolo solidarietà Art c.c., II c.  Il cedente ed il cessionario sono obbligati, in solido, per tutti i crediti che il lavoratore aveva al tempo del trasferimento.  Con le procedure di cui agli articoli 410 e 411 del codice di procedura civile il lavoratore può consentire la liberazione del cedente dalle obbligazioni derivanti dal rapporto di lavoro.

12 Vincolo solidarietà  Art c.c., VI c.: Nel caso in cui l'alienante stipuli con l'acquirente un contratto di appalto la cui esecuzione avviene utilizzando il ramo d'azienda oggetto di cessione, tra appaltante e appaltatore opera il regime di solidarietà di cui all'articolo 29 del decreto legislativo 10 settembre 2003,n. 276

13 Conservazione trattamenti economici e normativi  Art c.c., III c.: Il cessionario è tenuto ad applicare i trattamenti economici e normativi previsti dai contratti collettivi nazionali, territoriali ed aziendali vigenti alla data del trasferimento, fino alla loro scadenza, salvo che siano sostituiti da altri contratti collettivi applicabili all'impresa del cessionario. L'effetto di sostituzione si produce esclusivamente fra contratti collettivi del medesimo livello.

14 La tutela collettiva nel trasferimento di azienda Art. 47 l.n. 428/1990

15 Obbligo di informazione sindacale  Quando si intenda effettuare un trasferimento d'azienda in cui sono complessivamente occupati più di quindici lavoratori, anche nel caso in cui il trasferimento riguardi una parte d'azienda, il cedente ed il cessionario devono darne comunicazione per iscritto almeno venticinque giorni prima che sia perfezionato l'atto di trasferimento alle rappresentanze sindacali

16 Obbligo di informazione sindacale: contenuto L'informazione deve riguardare:  a) la data o la data proposta del trasferimento;  b) i motivi del programmato trasferimento d'azienda;  c) le sue conseguenze giuridiche, economiche e sociali per i lavoratori;  d) le eventuali misure previste nei confronti di questi ultimi

17 Consultazione sindacale  Su richiesta scritta delle rappresentanze sindacali o dei sindacati di categoria, comunicata entro sette giorni dal ricevimento della comunicazione del trasferimento, il cedente e il cessionario sono tenuti ad avviare, entro sette giorni dal ricevimento della richiesta dei sindacati, un esame congiunto con i soggetti sindacali richiedenti.  La consultazione si intende esaurita qualora, decorsi dieci giorni dal suo inizio, non sia stato raggiunto un accordo

18 Condotta antisindacale  Il mancato rispetto, da parte del cedente o del cessionario, degli obblighi di informazione e consultazione sindacale costituisce condotta antisindacale ai sensi dell'articolo 28 della legge 20 maggio 1970, n. 300

19 Aziende in crisi  Qualora il trasferimento riguardi aziende o unità produttive in crisi aziendale accertata o sottoposte a procedura concorsuale e nel corso della consultazione sia stato raggiunto un accordo circa il mantenimento anche parziale dell'occupazione, ai lavoratori il cui rapporto di lavoro continua con l'acquirente non trova applicazione l'articolo 2112 del codice civile

20 Aziende in crisi  Il predetto accordo può altresì prevedere che il trasferimento non riguardi il personale eccedentario e che quest'ultimo continui a rimanere, in tutto o in parte, alle dipendenze dell'alienante.  I lavoratori che non passano alle dipendenze dell'acquirente, dell'affittuario o del subentrante hanno diritto di precedenza nelle assunzioni che questi ultimi effettuino entro un anno dalla data del trasferimento, ovvero entro il periodo maggiore stabilito dagli accordi collettivi. Nei confronti dei lavoratori predetti, che vengano assunti dall'acquirente, dall'affittuario o dal subentrante in un momento successivo al trasferimento d'azienda, non trova applicazione l'articolo 2112 del codice civile

21 Licenziamenti collettivi Artt. 4 e 24 L.n. 223/1991

22 Eccedenze di personale  Collocamento in mobilità = imprese in Cigs art. 4 l.n. 223/1991  Licenziamento collettivo per riduzione di personale = tutti i datori di lavoro Art. 24 l.n. 223/1991 Limite occupazionale per entrambe le procedure di 15 dipendenti

23 Art. 4 l.n. 223/1991 Mobilità  Impresa in Cigs che non riesce a reimpiegare tutti i lavoratori  Irrilevanza del numero dei lavoratori coinvolti

24 Art. 4 l.n. 223/1991 Procedura di mobilità  Obbligo di informazione ai sindacati e alla pubblica autorità  Eventuale esame congiunto  Eventuale mediazione degli organi pubblici  Ricerca di soluzioni alternative alla mobilità (deroga art c.c., piani sociali)

25 Art. 4 l.n. 223/1991 Mobilità: licenziamenti  Anche in assenza di accordo collettivo l’imprenditore può procedere al collocamento in mobilità, licenziando i lavoratori eccedenti  Criteri di scelta dei lavoratori  Comunicazione in forma scritta del licenziamento ai lavoratori - obbligo di preavviso  Inefficacia licenziamenti intimati senza forma scritta o senza rispettare la procedura - Annullabilità licenziamenti intimati in violazione dei criteri di scelta applicazione reintegrazione ex art. 18 S.L. – termine impugnazione 60 gg. (no termine x mancanza forma scritta)

26 Licenziamento per riduzione di personale Art. 24 ln. 223/1991  Riduzione o trasformazione di attività o di lavoro  5 licenziamenti in un arco di 120 gg. In un’unica unità produttiva o in più unità produttive nell’ambito provinciale  Cessazione di attività

27 Licenziamento per riduzione di personale:procedura Si applicano le norme dettate per la mobilità ovvero l’art. 4 l.n. 223/1991


Scaricare ppt "Trasferimento d’azienda Art. 2112 c.c. Art. 47 l.n. 428/1990."

Presentazioni simili


Annunci Google