La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

REALIZZATO DALLA 5 D Clicca sull immagine. ABBIGLIAMENTO DELL UOMO NOBILE CALZATURE DELL UOMO NOBILE MONILI UOMO NOBILE CALZATURE DELLO SCHIAVO ABBIGLIAMENTO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "REALIZZATO DALLA 5 D Clicca sull immagine. ABBIGLIAMENTO DELL UOMO NOBILE CALZATURE DELL UOMO NOBILE MONILI UOMO NOBILE CALZATURE DELLO SCHIAVO ABBIGLIAMENTO."— Transcript della presentazione:

1 REALIZZATO DALLA 5 D Clicca sull immagine

2 ABBIGLIAMENTO DELL UOMO NOBILE CALZATURE DELL UOMO NOBILE MONILI UOMO NOBILE CALZATURE DELLO SCHIAVO ABBIGLIAMENTO DELLO SCHIAVO ABBIGLIAMENTO MILITARE ACCESSORI MILITARI CALZATURE MILITARI (Ginestra Emanuele )

3 - Abbigliamento donna nobile -Monili donna nobile -Trucco donna nobileTrucco donna nobile -Calzature donna nobileCalzature donna nobile -Abbigliamento schiavaAbbigliamento schiava - Calzature schiavaCalzature schiava Emanuele e Ginestra

4 La tunica era lunga fino ai piedi. Ma essa era anche usata come pigiama per la notte, stranamente i romani mantenevano durante la notte i vestiti del giorno che veniva in genere cambiata la mattina seguente. Di solito la veste era di lino o lana di colore beige. I ricchi naturalmente la portavano candida. Solo i magistrati più importanti indossavano la toga con un bordo porpora. ( Alessandro, Elena, Emanuele, Ginestra)

5 Lo schiavo indossava una tunica stretta e corta fatta di stoffa bianca di cotone legata con una cintura e molte volte era bucata per via del lavoro svolto. Agli schiavi a volte, i padroni mettevano un collare dove vi era scritto in latino: « Arrestatemi se fuggo e riportatemi alla bella casa del mio padrone. ( Alessandro e Elena )

6 Gli uomini portavano il calceus, uno stivaletto alto, legato con quattro lacci di cuoio e chiuso da una lingua di pelle, con fibbie dargento o davorio,che serviva anche come elemento di differenziazione sociale, in quanto per i senatori era di colore rosso, mentre per gli altri era di colore nero Continua… Martina S. Karen

7 Le ciabattine sono una realizzazione con suola e pelle che i romani usavano in casa I sandali erano tenuti fermi ai piedi attraverso striscioline di cuoio che partivano direttamente dalla suola e che infilandosi dalle dita salivano sul collo del piede. Tirando e legando queste strisce come fossero dei lacci stringevano e si avvicinavano il collare con la suola del sandalo, raccogliendo e tenendo fermo il piede. Emanuele e Ginestra

8 Solo gli uomini nobili e più ricchi potevano permettersi di possedere dei monili grande di grande valore. Invece i più poveri, per esempio come gli schiavi non potevano permettersi di possedere monili. I monili solitamente erano tempestati di pietre preziose :smeraldi, rubini, oro,argento e bronzo ecc … Molte delle volte i soldati indossavano per fermare il mantello su una spalla una spilla talvolta riempita di oro e diamanti con rubini e pietre preziose. L oro a quel tempo era molto diffuso per questo veniva utilizzato molto anche sulle scarpe per esempio la famosa luna posta sui sandali dei senatori. Leo, Ari,Marti

9 Solo gli uomini nobili e più ricchi potevano permettersi di dere dei monili grande di grande valore. Invece i più poveri, per esempio come gli schiavi non potevano permettersi di possedere monili. I monili solitamente erano tempestati di pietre preziose :smeraldi, rubini, oro,argento e bronzo ecc … Molte delle volte i soldati indossavano per fermare il mantello su una spalla una spilla talvolta riempita di oro e diamanti con rubini e pietre preziose. L oro a quel tempo era molto diffuso per questo veniva utilizzato molto anche sulle scarpe per esempio la famosa luna posta sui sandali dei senatori. Leo, Ari,Marti

10 Durante la guerra i soldati indossavano le caligae, queste scarpe, che combinavano la economicità con la robustezza e la praticità, non erano, nonostante il loro aspetto, dei sandali, ma piuttosto degli scarponcini chiodati che tuttavia, essendo dotati di molte aperture, permettevano un buon comfort, specialmente se indossate sopra a calzini di lana, abitudine della quale esistono testimonianze scultore. Leo, Ari,Marti

11 Gli schiavi, avevano, scarpe basse (perones) una specie di zoccolo dalla suola di legno usati Dai contadini. Altri tipi più rozzi di calzatura erano: il pero, una pelle non conciata attorno al piede e anche lo Zoccolo con la suola di legno di cui si servivano anche gli schiavi. Emanuele e Ginestra

12 I soldati dovevano procurarsi un armamento. Il rimedio che i romani adottavano in caso di climi freddi era quello di vestire con tuniche una sopra laltra. I soldati romani adoperavano mantelli di foggia.La spada era un segno distintivo dello status di militare in quanto venivano indossate dal soldato. La corazza normalmente era in cuoio con borchie metalliche che lo rendevano impreziosito e poteva essere in argento o in bronzo. Le calzature erano sandali con la suola rivestita di ferro. Ginestra e Emanuele

13 I soldati dovevano provvedere a dotarsi di un armamento simile a quello dei loro simili Il rimedio che i romani adottavano in caso di climi freddi era quello di vestire con tuniche una sopra laltra. I soldati romani adoperavano mantelli di foggia.Il mantello più usato era il sagum a forma di rettangolo e fermato da una spilla su una spalla.Il cingulum,associato alla spada,era un segno distintivo dello status di militare in quanto venivano indossate dal soldato Anche senza la corazza. Normalmente era in cuoio con borchie metalliche che lo rendevano impreziosito e poteva essere in argento o in bronzo sbalzate o smaltate con decori. Leo Arianna Martina

14 Le donne indossavano una tunica in cotone o lino, lunga fino al ginocchio o corta fino all anca trattenuta alle spalle da fibule, i cui lembi cadendo lungo i fianchi, formavano delle specie di maniche. Emanuele e Ginestra Discorso diverso meritano i servi e le ancelle addetti alla cura dei loro padroni che indossavano vesti che dovevano riflettere il lusso della casa dove abitano. Le ancelle, vestite riccamente calzano sandali ornati e i capelli acconciati in bellissime pettinature.

15 Nell antica Roma, le scarpe indicavano a quale classe sociale appartenesse la persona. Infatti le donne schiave camminavano spesso a piedi nudi o calzavano scarpe basse o perones o gli zoccoli come la sculponea, una specie di zoccolo dalla suola di legno. Discorso diverso meritano invece i servi e le ancelle addetti alla cura della persona dei loro padroni. Essi infatti indossavano vesti che dovevano riflettere il lusso della casa dove abitano e calzavano sandali molto ornati e di varie forme. Lorenzo e Alba

16 Alba e Lorenzo Le donne, in casa, portavano i sandali; le scarpe più semplici in quanto consistevano in una suola fermata al piede da alcune strisce. Era sconveniente tenere i sandali e li sostituivano con scarpe a forma di stivale alte fino al polpaccio, con due aperture verticali sui lati. I calcei, vietati agli schiavi, erano confezionati in due tipi: di pelle rossa e ornati all'altezza della caviglia da una mezzaluna d'argento o d'avorio, di pelle nera e senza ornamenti. Le donne patrizie sfoggiavano stretti ed eleganti sandaletti doro o con decorazioni d oro o d argento.

17 Le donne usavano come biancheria intima delle mutandine, e una fascia per reggere il seno. sopra indossavano la tunica lunga sino ai piedi. Sopra di essa si posizionava la stola che veniva stretta alla vita da una cintura che poteva ripetersi anche sotto il seno. Sopra la stola si mettevano le sopravvesti, mantelli quadrati che coprivano le spalle e il capo, e la palla, un mantello rettangolare. Elisabetta, Erika e Silvia

18 Emanuele e Ginestra Le donne, in casa, portavano i sandali; le scarpe più semplici in quanto consistevano in una suola fermata al piede da alcune strisce. Era sconveniente tenere i sandali e li sostituivano con scarpe a forma di stivale alte fino al polpaccio, con due aperture verticali sui lati. I calcei, vietati agli schiavi, erano confezionati in due tipi: di pelle rossa e ornati all'altezza della caviglia da una mezzaluna d'argento o d'avorio, di pelle nera e senza ornamenti. Le donne patrizie sfoggiavano stretti ed eleganti sandaletti doro o con decorazioni d oro o d argento.

19 Nell antica Roma, le scarpe indicavano a quale classe sociale appartenesse la persona. Infatti le donne schiave camminavano spesso a piedi nudi o calzavano scarpe basse o perones o gli zoccoli come la sculponea, una specie di zoccolo dalla suola di legno. Discorso diverso meritano invece i servi e le ancelle addetti alla cura della persona dei loro padroni. Essi infatti indossavano vesti che dovevano riflettere il lusso della casa dove abitano e calzavano sandali molto ornati e di varie forme. Ginestra e Emanuele

20 MONILI DELLE DONNE ROMANE NOBILI L'uso dei gioielli realizzati in oro e gemme era molto diffuso. Erano molto usate le pietre preziose. Le perle, pescate nell'Oceano Indiano e nel Mar Rosso erano usate non solo nei gioielli, ma anche per ornare i vestiti e addirittura i calzari. Molto amati erano anche gli smeraldi, i granati e i diaspri, gemme che creavano un forte contrasto con l'oro. L oro era il componente principalmente usato per i monili, molto più dell'argento e del bronzo. Emanuele e Ginestra

21 Le facoltose matrone romane potevano contare su un fornitissimo arsenale di balletti, profumi, balsami e unguenti per la preparazione dei quali gli abiliunguentari dell'Urbe, le botteghe erano nel vicus Thuriarius e nell'antico vicus Unguentarius al Velabro, venivano, a buon titolo, "profumatamente" pagati. Martina S e Karen

22 Le donne indossavano una tunica in cotone o lino, lunga fino al ginocchio o corta fino all anca trattenuta alle spalle da fibule, i cui lembi cadendo lungo i fianchi, formavano delle specie di maniche. Elisabetta, Erika e Silvia Discorso diverso meritano i servi e le ancelle addetti alla cura dei loro padroni che indossavano vesti che dovevano riflettere il lusso della casa dove abitano. Le ancelle, vestite riccamente calzano sandali ornati e i capelli acconciati in bellissime pettinature.

23 Le donne usavano come biancheria intima delle mutandine, e una fascia per reggere il seno. sopra indossavano la tunica lunga sino ai piedi. Sopra di essa si posizionava la stola che veniva stretta alla vita da una cintura che poteva ripetersi anche sotto il seno. Sopra la stola si mettevano le sopravvesti, mantelli quadrati che coprivano le spalle e il capo, e la palla, un mantello rettangolare. Elisabetta e Erika

24 Le facoltose matrone romane potevano contare su un fornitissimo arsenale di balletti, profumi, balsami e unguenti per la preparazione dei quali gli abili unguentari dell'Urbe, le botteghe erano nel vicus Thuriarius e nell'antico vicus Unguentarius al Velabro, venivano, a buon titolo, "profumatamente" pagati. Ginestra e Emanuele


Scaricare ppt "REALIZZATO DALLA 5 D Clicca sull immagine. ABBIGLIAMENTO DELL UOMO NOBILE CALZATURE DELL UOMO NOBILE MONILI UOMO NOBILE CALZATURE DELLO SCHIAVO ABBIGLIAMENTO."

Presentazioni simili


Annunci Google