La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

NOI E LE GRANDI DOMANDE ELVIRA VALLERI 2010-11 1 Platone.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "NOI E LE GRANDI DOMANDE ELVIRA VALLERI 2010-11 1 Platone."— Transcript della presentazione:

1 NOI E LE GRANDI DOMANDE ELVIRA VALLERI Platone

2 La Scuola di Atene - Raffaello ELVIRA VALLERI Spesso si è visto nella scoperta platonica del mondo sovrasensibile latto di nascita della metafisica Quali significati indicare per quella posizione di Platone Diverse e complesse sono le interpretazioni Molteplici letture sono state date della trascendenza

3 La vita di Platone ELVIRA VALLERI Platone nasce nel 428 a.C ad Atene da famiglia aristocratica La vita di Platone tra regime aristocratico e democratico Non nasconde la delusione verso entrambi 399 a.C Il trauma delluccisione del suo maestro Socrate che riterrà sempre il più giusto degli uomini del suo tempo Dopo la morte di Socrate, per alcuni anni, Platone lascia Atene 388 a.C Platone si reca a Siracusa e cerca di far applicare la sua concezione etico- politica; tuttavia senza successo A Siracusa tornerà altre due volte nel 367 e nel 361 a.C

4 La Vita di platone ELVIRA VALLERI a. C fonda lAccademia Al ritorno dal primo viaggio a Siracusa, fonda lAccademia Nei successivi viaggi a Siracusa Tenta di attuare il progetto etico politico del 388, rischia invece di essere imprigionato e lesperimento fallisce Commenterà più tardi mi sarei vergognato troppo di apparire a me stesso come un uomo tutto parole ma incapace di impegnarsi in qualsiasi azione

5 LAccademia platonica ELVIRA VALLERI Accademia luogo posto in un ginnasio contiguo ad un giardino pubblico consacrato alleroe Akàdemos Nellaccademia si svolgeva una vita di comunità, in cui aveva un valore particolare il Simposio Simposio o banchetto in comune, occasione non solo di un pasto ma di scambi di idee Scambi che avevano nel DIALOGO /CONFRONTO il proprio momento di elezione LAccademia non era una vera e propria scuola, bensì un luogo di discussione e confronto come un seminario di ricerca Laccademia era frequentata da giovani intellettuali, uniti da interessi e programmi comuni I programmi erano diversi (pluridisciplinari) : filosofici, politici, matematici e astronomici

6 LAccademia ELVIRA VALLERI SI SEGNALANO, VIVENTE Platone, grandi matematici e astronomi Ma lAccademia fu anche un luogo di elaborazione, formazione e iniziativa politica Ne uscirono filosofi, come Dione, che si impegnarono in diverse città in tentativi di riforma costituzionale LAccademia funzionò per circa 9 SECOLI Venne ufficialmente chiusa nel 529 d.C da Giustiniano, in quanto istituzione non cristiana

7 Gli Scritti: un teatro filosofico ELVIRA VALLERI Possediamo 36 OPERE, anche se per alcuni lattribuzione rimane incerta 34 sono in forma di DIALOGO LApologia di Socrate è la ricostruzione del discorso tenuto – in propria difesa – da Socrate durante il processo Vi sono poi 13 Lettere Molto importante è la VII Lettera

8 Gli scritti ELVIRA VALLERI Socrate è il protagonista di quasi tutti i dialoghi, ad esclusione dellultimo: Le Leggi Platone NON compare mai come personaggio, né presenta le sue tesi o convinzioni Platone è il regista, oltre che lautore, di un teatro filosofico nel quale i problemi della filosofia vengono messi in scena, cioè rappresentati nel vivo della vita culturale e civile di Atene in un periodo compreso tra la morte di Pericle (428) e le Guerre del Peloponneso In queste rappresentazioni compaiono come interlocutori di Socrate i protagonisti o i comprimari delle vicende e dei dibattiti politico-culturali di Atene

9 Gli Scritti ELVIRA VALLERI

10 Ordinamento degli scritti ELVIRA VALLERI Combinazione di diversi criteri Permangono ancora molte incertezzeDivisione in 3 Momenti Criterio Stilometrico A partire dal 1800 si sono cercate variazioni stilistiche e letterarie rispetto allultima opera Le leggi Matrice socratica La datazione e la sequenza cronologica delle opere platoniche in relazione al ruolo svolto da Socrate Si riteneva che da una dottrina più vicina allinsegnamento di Socrate, Platone avesse progressivamente maturato una sua filosofia fino alle Leggi

11 I Dialoghi della giovinezza, maturità e vecchiaia ELVIRA VALLERI Giovinezza Stretto legame con Socrate e critica alla cultura dei sofisti Apologia di Socrate, Critone, Ione, Eutifrone, Liside, Carmide, Lachete, alcibiade primo Maturità Elaborazione della teoria delle idee e dello stato giusto Menone, Repubblica, Fedone, Simposio, Fedro Vecchiaia Revisione della teoria delle idee e del progetto politico Teeteto, Parmenide, Sofista Filebo, Timeo, Crizia, Leggi, Lettere

12 Continuità-discontinuità: Socrate -Platone ELVIRA VALLERI Le tesi di Platone che riprendono il pensiero platonico: centralità del dialogo, filosofia come ricerca, invito a ragionare costantemente, istanza etica come asse del pensiero e dellopera di rigenerazione morale della polis ateniese, la critica al relativismo gnoseologico ed etico, lunicità della virtù Tuttavia -a differenza di Socrate- Platone mette per iscritto le proprie riflessioni; Platone scrive i suoi Dialoghi, tuttavia dichiara la propria preferenza per la comunicazione orale

13 INTRECCI…SUGGESTIONI…INTERPRETAZIONI Mito e filosofia ELVIRA VALLERI

14 Il mito ELVIRA VALLERI Presenza dei miti nei dialoghi platonici Vari e complessi problemi interpretativi Dalla semplificazione del discorso ai sentieri interrotti della conoscenza

15 Il mito di Theuth ELVIRA VALLERI Diffidenza di Platone verso la cultura scritta apertamente dichiarata nel mito di Theuth Al mitico dio egizio Theuth che magnifica la virtù della scrittura alfabetica (da lui stesso inventata) come una sorta di farmaco per la memoria e la sapienza Il re Thamus obietta che la scrittura conferisce la falsa convinzione di possedere un sapere, mentre questa non è altro che unapparenza di sapere Il sapere autentico è solo quello che si raggiunge attraverso il dialogo e la ricerca personale Inoltre lo scritto ripete solo ciò che contiene senza poter dialogare e rispondere alle domande del lettore. Inoltre può andare nelle mani di colui che non lo capisce

16 Lo scritto per esortare alla filosofia ELVIRA VALLERI Il testo scritto e la sua funzione protrettica: per esortare alla filosofia e introdurre i giovani allo studio della filosofia LORALITA della quale parla Platone NON è quella tradizionale della recitazione poetica o del discorso politico- giudiziario, ma quella modernissima della dialettica socratica dei discorsi brevi Il testo scritto può inoltre offrire e diffondere un modello di riflessione, un metodo di ragionamento basato sul dialogo

17 Un ordine oggettivo del sapere:le idee ELVIRA VALLERI Qual è la natura delle idee Prima domanda Che rapporto vi è tra le idee e le cose? Seconda domanda

18 Le dottrine non scritte ELVIRA VALLERI

19 La ricerca di essenze stabili Proprio su tale questione si registra la prima discontinuità tra Socrate e Platone Per Socrate il fondamento delloggettività dei valori è nellanima Per platone risiede invece sul piano delle idee ELVIRA VALLERI

20 Approfondimento Socrate per definire le singole virtù cercava di cogliere la nota comune Socrate pensava di cogliere tali valori nellinteriorità dellanima attraverso il concetto Per Platone la validità di quei concetti è data solo dal fatto che essi rimandano a delle realtà (diverse da quelle fisiche) stabili essenze, realtà eterne e immutabili conoscibili solo dalla mente che egli chiama forme o idee Platone mira dunque a porre i fondamenti della verità non nellanima, ma sul piano dellessere, in una realtà che trascende il piano della particolarità e costituisce un ORDINE OGGETTVO ELVIRA VALLERI

21 Unopera che non si può scrivere Assenza di unopera specifica sulla teoria delle idee Ne ha parlato nei suoi dialoghi come il fulcro della sua visione del mondo Nella lettera VII scrive: su questa questione di fondo della mia filosofia non esiste,né mai ci sarà, alcun mio trattato Platone sostiene che essa sarebbe difficile da comprendere La ricerca sulle idee non è comunicabile in forma scritta ELVIRA VALLERI

22 IDEA: parola chiave nel lessico platonico La parola proviene dal termine greco éidos che significa forma, figura, idea ma con unaccezione molto diversa dal nostro linguaggio quotidiano Sviluppando la ricerca di Socrate sulla conoscenza, intesa come scienza, dunque volta ad individuare criteri oggettivi validi universalmente Platone li individua nelle idee: enti reali eterni e immutabili, come lessere di Parmenide, che servono da modello per gli enti sensibilidi cui abbiamo esperienza Le idee costituiscono lessenza ultima delle cose, un modello di perfezione e un criterio di giudizio, cui guardare per potere determinare le proprietà delle cose e delle azioni che giudichiamo Idea ELVIRA VALLERI


Scaricare ppt "NOI E LE GRANDI DOMANDE ELVIRA VALLERI 2010-11 1 Platone."

Presentazioni simili


Annunci Google