La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA. Rischio idraulico in ambito urbano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA. Rischio idraulico in ambito urbano."— Transcript della presentazione:

1 LA VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA

2 Rischio idraulico in ambito urbano

3 Fattori antropici Diffusa urbanizzazione in territori prima agricoli Incremento delle superfici impermeabili Forte riduzione degli invasi non regolamentati Fattori naturali Conformazione del territorio Sensibili mutazioni climatiche (eventi estremi in un breve tempo), Manutenzione Interventi insufficienti Sistema di gestione delle emergenze Sistema di gestione inadeguato o inesistente Rete di raccolta e smaltimento delle acque meteoriche insufficienti rispetto ai nuovi eventi / inadeguate rispetto ai nuovi insediamenti CRITICITÀ

4 1. Sistema di raccolta e smaltimento delle acque meteoriche rete fognaria urbana 2.Collettori di recapito sistema delle ACQUE BASSE (a servizio dei territori sotto il livello del mare o a quota fino a qualche metro sopra) sistema delle ACQUE ALTE (fiumi arginati, con acque soprastanti i territori che attraversano; costituiscono i corpi ricettori della rete delle acque basse) 3.Impianti di sollevamento SISTEMI IN CRISI

5

6 CENNI DI NORMATIVA VIGENTE D.G.R. n del D.G.R. n del D.G.R. n del D.G.R. n del Norme che introducono le Valutazioni di Compatibilità Idraulica ed il concetto di Invarianza Idraulica. Ordinanze Commissario ing. Carraro del

7 CENNI DI NORMATIVA VIGENTE D.G.R. n del per le Varianti Urbanistiche dovrà essere redatta una specifica Valutazione di compatibilità idraulica dalla quale si desuma, in relazione alle nuove previsioni urbanistiche, che non viene aggravato lesistente livello di rischio idraulico né viene pregiudicata la possibilità di riduzione, anche futura, di tale livello. la V.C.I. dovrà indicare altresì le misure compensative introdotte nello strumento urbanistico ai fini del rispetto delle condizioni sopra esposte. fornisce per la prima volta gli indirizzi operativi e le linee guida per la verifica della compatibilità idraulica delle previsioni urbanistiche con la realtà idrografica e le caratteristiche idrologiche ed ambientali del territorio

8 CENNI DI NORMATIVA VIGENTE Lentrata in vigore della L.R n. 11, nuova disciplina regionale per il governo del territorio, ha modificato sensibilmente lapproccio per la pianificazione urbanistica (non più P.R.G., ma P.A.T e P.I.). Questo ha evidenziato la necessità che anche la valutazione di compatibilità idraulica venisse adeguata alle nuove procedure. Proprio per aggiornare le modalità operative al nuovo assetto nel frattempo intervenuto e per aggiornare i contenuti e le procedure anche sulla base dellesperienza maturata, si è reso necessario ridefinire le Modalità operative e indicazioni tecniche relative alla Valutazione di compatibilità idraulica per la redazione degli strumenti urbanistici. E stata quindi emanata una nuova D.G.R., LA 1322/2006 che sostituisce la DGR 3637/2002. D.G.R. n del D.G.R. n del

9 CENNI DI NORMATIVA VIGENTE D.G.R. n del Allegato A - Introduce il concetto di invarianza idraulica Definisce i principali contenuti dello studio: descrizione della variante oggetto di studio - individuazione e descrizione degli interventi urbanistici descrizione delle caratteristiche dei luoghi - caratteristiche idrografiche ed idrologiche - caratteristiche delle reti fognarie - descrizione della rete idraulica ricettrice - caratteristiche geomorfologiche,geotecniche e geologiche con individuazione - della permeabilità dei terreni (laddove tali caratteristiche possano essere - significative ai fini della compatibilità idraulica) valutazione delle caratteristiche sopra descritte in riferimento ai contenuti della Variante - analisi delle trasformazioni delle superfici delle aree interessate in termini di - impermeabilizzazione - valutazione della criticità idraulica del territorio - valutazione del rischio e della pericolosità idraulica proposta di misure compensative e/o di mitigazione del rischio - indicazioni di piano per lattenuazione del rischio idraulico - valutazione ed indicazione degli interventi compensativi

10 CENNI DI NORMATIVA VIGENTE D.G.R. n del Allegato A - Definisce le Indicazioni Operative da seguire per la redazione dello studio idraulico: Tempo di ritorno = 50 anni Coefficienti di deflusso prestabiliti:0,1 per le aree agricole 0,2 per le superfici permeabili (aree verdi) 0,6 per le superfici semi-permeabili 0,9 per le superfici impermeabili Metodi per il calcolo delle portate di piena (di tipo concettuale ovvero modelli matematici) Classi di intervento

11 CENNI DI NORMATIVA VIGENTE D.G.R. n del

12 CENNI DI NORMATIVA VIGENTE Dalla D.G.R. n del alla D.G.R. n del Stabilisce che la professionalità necessaria per la redazione dello studio in questione quella dellingegnere idraulico con laurea di 2° livello, diversamente a quanto stabilito con la precedente citata D.G.R. 3637/2002 che ammetteva anche quella di geologo. D.G.R. n Per tale ragione la D.G.R. n è stata, quindi, impugnata innanzi al TAR Veneto dallOrdine dei Geologi del Veneto che ne ha chiesto lannullamento, previa sospensione. Con sentenza n. 1500/07 del 17/05/2007 il TAR del Veneto, pur ritenendo legittima lindividuazione della professionalità dellingegnere idraulico per redigere siffatti studi, ha altresì, sostenuto che non possa essere escluso il geologo dalla previsione astratta, le quante volte lapporto delle sue competenze specifiche risulti necessario o utile per la più adeguata redazione delle menzionate valutazioni. D.G.R Alla luce di quanto sopra il TAR del Veneto ha annullato la citata D.G.R del 10 maggio 2006 nella parte in cui non prevede, tra le professionalità richieste per la redazione dello studio di compatibilità idraulica, anche la figura del geologo, e la Regione Veneto, applicando tale sentenza, ha approvato la D.G.R del Successivamente, avverso il suddetto provvedimento lOrdine dei Geologi agiva in ottemperanza innanzi al TAR sostenendo che la Regione non aveva correttamente applicato la sentenza 1500 e chiedendone lesatta esecuzione. Il nuovo contenzioso veniva risolto dal TAR con sentenza n. 938/08 che, fornendo una sorta di interpretazione autentica della precedente pronunzia, accoglieva completamente la tesi dellOrdine dei Geologi annullando la D.G.R. 1841/ dovranno essere redatti da un tecnico di comprovata esperienza nel settore Pertanto la Regione Veneto ha approvato una nuova Deliberazione di Giunta, la 2948 del , la quale stabilisce che gli studi idraulici dovranno essere redatti da un tecnico di comprovata esperienza nel settore.

13 CENNI DI NORMATIVA VIGENTE Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri (OPCM) n.3621 del L'Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri (OPCM) n.3621 del che d'intesa con il Dipartimento della Protezione Civile nomina il Commissario Delegato, fa seguito alla Dichiarazione dello stato di emergenza per una parte del territorio della Regione Veneto dopo gli eventi alluvionali del 26 settembre 2007, costituisce una prima risposta dello Stato alle istanze provenienti dalle Comunità locali, volte a ricercare soluzioni rapide ed efficaci che scongiurino il ripertersi di allagamenti delle aree urbane in concomitanza di piogge intense. Nell' OPCM 3621/2007 sono stabiliti gli incarichi e definiti i compiti del del Commissario che è chiamato innanzitutto a ripristinare le condizioni di sicurezza nei territori mettendo in atto tutte le misure ritenute necessarie per uscire dalla situazione di emergenza. L'Ordinanza dispone inoltre che il Commissario si occupi della puntale ricognizione e quanficazione dei danni subiti dai beni pubblici e privati, che pianifichi azioni ed interventi volti a ridurre definitivamente gli allagamenti, conseguenti all'inadeguatezza della rete di smaltimento delle acque e stanzia anche i primi fondi. A seconda dell'evolvere della situazione l'Ordinanza viene emendata o modificata in alcune sue parti per consentire al Commissario Delegato di svolgere la sua attività nella maniera più efficacie possibile, avvalendosi di tutte le deroghe alle disposizioni vigenti ritenute necessarie, offrendo la possibilità di attingere a determinate risorse finanziare o di dotarsi di strumenti e strutture efficienti all'espletamento del suo incarico.

14 ORDINANZE COMMISSARIO Idee e Contenuti salienti estendere lapplicazione del concetto di invarianza idraulica degli interventi di trasformazione del territorio, anche a Livello di Piano Urbanistico Attuativo e di Progetto Edilizio, favorendone il recepimento nei Regolamenti Edilizi Comunali e nelle Norme Tecniche di Attuazione dei Piani. Nellambito dellattività programmata dal Commissario Delegato sono stati disposti 3 specifici provvedimenti: Ordinanza n.2: disposizioni inerenti lefficacia dei titoli abilitativi relativi ad interventi edilizi non ancora avviati interventi edilizi abilitati, ma con lavori non ancora iniziati. Ordinanza n.3: disposizioni inerenti il rilascio di titoli abilitativi sotto i profili edilizio ed urbanistico strumenti urbanistici attuativi o interventi edilizi non ancora abilitati. Ordinanza n.4: disposizioni inerenti gli allacciamenti alla rete fognaria pubblica interventi edilizi abilitati, realizzati ma non ancora allacciati alla rete di smaltimento delle acque bianche e privi della certificazione di agibilità Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri (OPCM) n.3621 del

15 ORDINANZE COMMISSARIO

16

17 CENNI DI NORMATIVA VIGENTE

18 Applicazione dello Ordinanze Ordinanze Commissario ing. Carraro Lentrata in vigore delle Ordinanze Commissariali ha portato i Soggetti/Enti interessati, a formulare una serie di quesiti circa lapplicazione delle stesse. Per rispondere a tali richieste, il Commissario ha emanato le seguenti note: Primi indirizzi e raccomandazioni per lapplicazione delle ordinanze 2, 3 e 4 del in materia di prevenzione del rischio idraulico – Prot del ; Ulteriori precisazioni relative allapplicazione delle Ordinanze del Commissario Delegato n.2, 3 e 4 del in materia di prevenzione del rischio idraulico – Prot /58 del ;

19 INQUADRAMENTO METODOLOGICO INQUADRAMENTO TERRITORIALE - estratto catastale (scala 1:2.000) - estratto corografico (scale 1:5.000 o 1:10.000) STATO DI FATTO - documentazione fotografica; - indicazione della Superficie del lotto intervento; - piano quotato esteso alle proprietà e viabilità confinanti; - indicazione dellattuale percorso di scarico fino al ricettore finale; - calcolo dellattuale coefficiente udometrico u (se agricolo imporre 10 l/s per ha); - se non agricolo, individuare il valore massimo della portata scaricata Q, individuato non come picco di portata ma come valore medio dellidrogramma di piena. (Q e u = limiti da imporre allo stato di progetto per linvarianza idraulica) STATO DI PROGETTO - planimetria quotata di progetto; - indicazione della Superficie di progetto; - indicazione del percorso di scarico fino al ricettore finale (profilo, sezioni e foto); n.b.:qualora il sedime del ricettore risultasse di proprietà diversa dalla Ditta richiedente, la stessa dovrà specificare a che titolo eserciti le servitù di scarico e di conseguenza alleghi leventuale accettazione da parte del fondo servente di una maggiore portata rispetto alle correnti condizioni - calcolo del coefficiente udometrico u di progetto; - calcolo della portata massima (Qmax) generata; - dimensionamento e verifica dello sfioro di troppo pieno e della capacità di smaltimento del ricettore; - dimensionamento e verifica idraulica del dispositivo di regolazione delle portate (luce a battente); - Calcolo dei volumi di invaso necessari per rispettare linvarianza idraulica; - Planimetria e profili della rete idraulica di progetto; - Particolari costruttivi del manufatto di regolazione delle portate.

20 INQUADRAMENTO METODOLOGICO Allanalisi delle Ordinanze e della DGR1322/06 emerge che linvarianza idraulica è data da: Invarianza della portata generata dallarea di intervento Invarianza altimetrica Invarianza della capacità di deflusso delle aree limitrofe Invarianza del recapito finale

21 INQUADRAMENTO METODOLOGICO Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI DI LAMINAZIONE Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI DI LAMINAZIONE La scelta del tipo di dispositivo necessario a garantire linvarianza idraulica può essere condotta in funzione della matrice, e delluso del suolo. In particolare: a seconda del tipo di uso del suolo, al dispositivo di laminazione può dover essere associato un dispositivo per contenere le acque di prima pioggia. in terreni ad alta capacità drenanti si possono studiare sistemi di infiltrazione LA SCELTA DEL TIPO DI DISPOSITIVO DA ADOTTARE

22 INQUADRAMENTO METODOLOGICO Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI TRINCEE DRENANTI Scavate nel terreno, riempite con ghiaia a copertura di una condotta forata protetta da geotessuto creano superfici per stazionamenti temporanei dellacqua piovana.

23 INQUADRAMENTO METODOLOGICO Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI VASCHE SOTTERRANEE Sono vasche sotterranee che possono essere collegate tra loro per il drenaggio di vaste aree aumentando la loro efficacia nella riduzione del rischio idraulico. Possono essere realizzate in opera o tramite elementi prefabbricati.

24 INQUADRAMENTO METODOLOGICO VASCHE SOTTERRANEE Sono vasche sotterranee che vengono normalmente realizzate in cls. Possono essere a camera singola o multicamera, disposte in serie o in parallelo Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI

25 INQUADRAMENTO METODOLOGICO SISTEMI MODUALRI Sono dispositivi prefabbricati che possono essere usati per creare sotto il terreno strutture in grado di contenere grandi quantità, permettendo al contempo linfiltrazione nel terreno, vengono ricoperti con strati in ghiaia, geotessuto e terreno o pavimentazioni stradali. Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI

26 INQUADRAMENTO METODOLOGICO Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI BACINI DI LAMINAZIONE Sono superfici a verde depresse studiate per trattenere lacqua piovana in eccesso e farla infiltrare successivamente nel terreno, facilitando un lento deflusso delle acque durante fenomeni di piogge intense.

27 INQUADRAMENTO METODOLOGICO Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI BACINI DI LAMINAZIONE Sono superfici a verde depresse studiate per trattenere lacqua piovana in eccesso e farla infiltrare successivamente nel terreno, facilitando un lento deflusso delle acque durante fenomeni di piogge intense.

28 INQUADRAMENTO METODOLOGICO Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI BACINI DI LAMINAZIONE I Bacini di laminazione, normalmente asciutti sebbene possono avere piccole vasche piene tra le insenature e nelle vicinanze dei canali di scolo, e possono essere usati per funzioni ricreative.

29 INQUADRAMENTO METODOLOGICO Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI VASSOI Sono formati da zone depresse lineari che raccolgono flussi dacqua da zone impermeabili. Dove possibile, possono essere progettati in modo da consentire infiltrazioni. Possono sostituire i sistemi convenzionali di drenaggio dellacqua.

30 INQUADRAMENTO METODOLOGICO Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI Invarianza della portata generata dallarea di intervento DISPOSITIVI IDRAULICI: ESEMPI VASSOI Sono formati da zone depresse lineari che raccolgono flussi dacqua da zone impermeabili. Dove possibile, possono essere progettati in modo da consentire infiltrazioni. Possono sostituire i sistemi convenzionali di drenaggio dellacqua.

31 INQUADRAMENTO METODOLOGICO INVARIANZA ALTIMETRICA

32 INQUADRAMENTO METODOLOGICO INVARIANZA DELLA CAPACITÀ DI DEFLUSSO DELLE AREE LIMITROFE

33 CONSIDERAZIONI SUI RICETTORI Elementi di criticità: Valutazione del contesto – La proprietà privata da trasformare – Il recapito finale – Il percorso fino al recapito finale – L autorizzazione allo scarico – Linvarianza idraulica – L ubicazione di eventuali aree di laminazione – Il deflusso dei terreni limitrofi – Le quote altimetriche

34 CONSIDERAZIONI SUI RICETTORI LA PROGRAMMAZIONE DELLA MANUTENZIONE La corretta manutenzione della rete idrica risulta fondamentale per la prevenzione del rischio idraulico nel territorio. Ciascun Ente deve provvedere a garantire lefficienza dei fossi e dei canali di propria competenza ponendo particolare attenzione allimportanza idraulica di ciascun collettore.

35 PRESCRIZIONI DELLENTE GESTORE Una volta effettuata lindagine conoscitiva dello stato dei luoghi e dei ricettori finali, è importante conoscere quelle che possono essere le prescrizioni impartite dagli Enti Gestori del recapito finale (Fognatura pubblica o Canali di Bonifica), al fine di inquadrare meglio il progetto che si va a redarre. In particolare: la portata scaricata dal nuovo intervento non dovrà essere superiore a quella attuale; oppure la portata scaricata dal nuovo intervento non dovrà essere superiore a quella desunta da un coefficiente udometrico pari a 10 l/sec per ha; la portata in eccesso dovrà essere totalmente laminata allinterno dellarea di intervento, mediante la creazione di volumi d'invaso compensativi, resi idraulicamente efficaci da idonei dispositivi di regolazione delle portate; la rete di smaltimento delle acque meteoriche dovrà essere preferibilmente progettata in modo da garantire un funzionamento a pelo libero; qualora, in considerazione del livello di massimo invaso, la rete di raccolta delle acque meteoriche dovesse funzionare a pressione, dovrà essere rilasciata dal collaudatore delle opere idrauliche una certificazione attestante lefficacia della tenuta dei tubi; il setto di laminazione presente allinterno del manufatto di regolazione delle portate, dovrà essere reso facilmente removibile ed ispezionabile; le aree di nuova urbanizzazione, ad eccezione della quota di calpestio degli edifici, dovranno attestarsi ad una quota altimetrica non superiore al valore medio del piano campagna attuale; in alternativa, dovrà essere compensato il volume dinvaso teorico perso dallinnalzamento della quota del piano campagna; eventuali locali interrati, dovranno essere dotati di adeguati sistemi di impermeabilizzazione, drenaggio e sollevamento delle acque; non dovrà essere creato pregiudizio allo scolo delle acque dei terreni limitrofi;

36 FOSSO TOMBINATO = perdita del volume dinvasoFOSSO APERTO = mantenimento del volume dinvaso PRESCRIZIONI DELLENTE GESTORE LOTTIZZAZIONI - tombinamenti NO SI

37 SUPERFICI IMPERMEABILI = AUMENTO DELLE PORTATESUPERFICI DRENANTI = CAPACITA DI ASSORBIMENTO NOSI PRESCRIZIONI DELLENTE GESTORE LOTTIZZAZIONI – superfici drenanti

38 DIRETTI = aumento della portata e possibile rigurgitoPORTA A VENTO E BOCCA TARATA= maggiore invaso PRESCRIZIONI DELLENTE GESTORE scarichi NOSI

39 CON TUBAZIONE = DIFFICOLTA DI DEFLUSSO - RIDUZIONE DELLA SEZIONE - DIFFICOLTA DI PULIZIA A LUCE NETTA = MANTENIMENTO DELLA SEZIONE IDRAULICA PRESCRIZIONI DELLENTE GESTORE Ponti e accessi NOSI


Scaricare ppt "LA VALUTAZIONE DI COMPATIBILITA IDRAULICA. Rischio idraulico in ambito urbano."

Presentazioni simili


Annunci Google