La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 1 La revisione aziendale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 1 La revisione aziendale."— Transcript della presentazione:

1 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 1 La revisione aziendale

2 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 2 La Revisione aziendale: definizione 4E prevalentemente una funzione amministrativa atta a meglio qualificare lazione di governo delle imprese e a corrispondere, più correttamente, alle attese di conoscenza dei soggetti i cui interessi, diretti o indiretti, sono coinvolti nelle sorti delle imprese stesse. 4Può essere realizzata internamente (Revisione Interna) o esternamente mediante lassegnazione di incarichi specifici (Revisione Esterna).

3 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 3 La revisione interna La revisione interna è realizzata da organi facenti parte dellazienda principalmente al fine di garantire laffidabilità dei dati che convergono verso lalta direzione, perché questa possa trarre migliore consapevolezza della gestione e perché tutte le procedure amministrative possano essere oggetto di un più attento e sistematico controllo.

4 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 4 La revisione interna 4La revisione interna si prefigge, inoltre, di mettere in luce elementi e circostanze tali da coinvolgere in maniera determinante le scelte e le decisioni operative e strategiche della gestione aziendale. 4In via gerarchica i revisori interni (internal auditor) dipendono dallalta direzione aziendale (top management) per il cui conto agiscono e a cui devono rispondere.

5 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 5 La revisione esterna 4La revisione esterna è svolta da professionisti e/o società professionali indipendenti dallazienda. 4La revisione esterna è realizzata principalmente al fine di dare credibilità alle informazioni che affluiscono allesterno e, più in particolare, alle rendicontazioni che del loro operato fanno gli amministratori agli azionisti a ai terzi in genere. 4La revisione contabile è certamente il momento più significativo, anche se non esclusivo, della revisione indipendente esterna

6 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 6 La revisione operativa 4La revisione operativa può essere definita, in generale, come una funzione amministrativa che riguarda il processo di controllo del sistema operativo aziendale, inteso come accertamento volto a definire la regolarità degli atti amministrativi.

7 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 7 La revisione operativa Lambito proprio della revisione operativa riguarda le funzioni/ processi di: 4 acquisizione dei fattori; 4 produzione; 4 vendita dei prodotti; 4 gestione delle risorse umane; 4 gestione delle risorse finanziarie.

8 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 8 La revisione contabile 4La revisione contabile riguarda, in generale, il controllo del sistema contabile dellazienda e la relativa rendicontazione. 4In particolare ha come obiettivo la verifica della capacità dellazienda di catturare, processare e consuntivare le operazioni aziendali nel rispetto della normativa di riferimento (ad esempio, C.C. e P.P.C.C.).

9 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 9 La revisione contabile 4La revisione contabile del bilancio desercizio (Auditing esterna) è volta allespressione di un giudizio professionale che attesta che il bilancio della società cliente è stato redatto nel suo complesso con chiarezza e rappresenta in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria ed il risultato economico, in conformità alle norme che disciplinano il bilancio medesimo.

10 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 10 La revisione contabile: Le tipologie dincarico 4Revisione completa (es. Bilancio desercizio) 4Revisione limitata (es. Relazione semestrale) 4Procedure concordate con il cliente 4Valutazione del sistema di controllo interno La revisione contabile può essere: 4Legale (ad esempio D.Lgs. 58/98) 4Volontaria

11 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 11 Soggetti abilitati al controllo legale dei conti 4D.Lgs 88/<1992 in attuazione delle direttive CEE n. 84/253. 4Istituzione del Registro dei revisori contabili tenuto dal Ministero di Grazia e Giustizia.

12 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 12 Soggetti abilitati al controllo legale dei conti Persone fisiche: 4Conseguimento del diploma di laurea in materie economiche o diploma universitario triennale. 4Tirocinio triennale 4Sostenimento dellesame di stato

13 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 13 Soggetti abilitati al controllo legale dei conti Società di revisione: 4Sede principale o secondaria in Italia 4Oggetto sociale limitato alla revisione e organizzazione contabile 4Maggioranza di soci costituita da revisori contabili

14 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 14 4Codice Civile 4DPR 136/75 (parzialmente valido) 4Decreto Legislativo 58/98 (Legge Draghi) 4 Legge Mirone-Castelli (3 ottobre 2001) 4Principi Contabili Italiani (P.P.C.C.) 4Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) 4Principi di Revisione Italiani (PR) 4Principi di Revisione Internazionali (ISA) 4Delibere, Regolamenti e Comunicazioni Consob 4Documenti di ricerca Assirevi Principali fonti normative e interpretative

15 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 15 Sezione IX – Del Bilancio Art Redazione del bilancio (i postulati di bilancio) Art. 2423–bis Principi di redazione del bilancio Art. 2423–ter Struttura dello stato patrimoniale e del conto economico Codice Civile

16 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 16 Sezione IX – Del Bilancio Art Contenuto dello stato patrimoniale Art. 2424–bis Disposizioni relative a singole voci dello stato patrimoniale Art Contenuto del conto economico Art. 2425–bis Iscrizione dei ricavi, proventi, costi ed oneri Codice Civile

17 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 17 Sezione IX – Del Bilancio Art Criteri di valutazione Art Contenuto della nota integrativa Art Relazione sulla gestione Codice Civile

18 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 18 4Il DPR 136/75 Disciplina delle Società di Revisione è stato parzialmente abrogato dal D.Lgs. 58/98 del 24 febbraio 1998 – Testo Unico della Finanza (TU) o Legge Draghi. 4Il TU Parte IV, articoli da 148 a 165, disciplina la Corporate Governance nelle società di capitali con azioni quotate nei mercati regolamentati; in particolare nella Sezione V viene trattato il Collegio Sindacale, nella Sezione VI viene trattata la normativa in tema di Società di Revisione e di revisione contabile. DPR 136/75 e Legge Draghi

19 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 19 4Da certificazione a giudizio (art. 156) 4Assegnazione dellincarico (art. 159) 4Controlli nel corso dellesercizio (art. 155) 4Revisione delle controllate (art. 165) 4Contenuto del libro della revisione (art. 155) 4Pareri di congruità su aumenti di capitale con esclusione del diritto di opzione (art. 158) 4Parere sui conferimenti in natura (art c.c.) 4Distribuzione acconti su dividendi (art bis c.c.) Legge Draghi: gli elementi della revisione contabile

20 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 20 4Nellambito del disegno di legge di riforma del diritto societario, definitivamente approvato dal parlamento (3 ottobre 2001), è compresa la definizione delle linee guida cui dovrà attenersi il Governo nel riformare la nuova disciplina delle S.p.A. non quotate. In particolare vengono previste importanti novità in materia di: 4Diversi modelli di amministrazione e controllo 4Disciplina del bilancio 4Falso in bilancio Legge Mirone-Castelli

21 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 21 La riforma prevede, per le S.p.A. la possibilità di scegliere tra i seguenti modelli di amministrazione e controllo (art. 4): 1. il sistema vigente che prevede un organo di amministrazione (CdA) e un collegio sindacale; 2. un sistema che preveda la presenza di un consiglio di gestione e di un consiglio di sorveglianza eletto dalla assemblea; 3. un sistema che preveda la presenza di un consiglio di amministrazione, allinterno del quale sia previsto un comitato preposto al controllo interno sulla gestione. 4. per le società non soggette a revisione contabile esterna, che utilizzeranno i modelli di cui ai precedenti punti 2 e 3 saranno previste adeguate forme di controllo contabile Legge Mirone-Castelli

22 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 22 La revisione della disciplina del bilancio sarà ispirata dai seguenti principi e criteri direttivi: 4Eliminazione delle interferenze fiscali sul bilancio desercizio 4Obbligo di contabilizzazione degli effetti della fiscalità differita 4Regolamentazione delle poste di patrimonio netto (formazione ed utilizzo) Legge Mirone-Castelli

23 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 23 La revisione della disciplina del bilancio sarà ispirata dai seguenti principi e criteri direttivi: 4Disciplina delle operazioni in valuta estera, degli strumenti finanziari derivati e delle operazioni di locazione finanziaria 4Prevede le condizioni in presenza delle quali le società possano utilizzare per il bilancio consolidato gli IAS-IFRS (Principi contabili internazionali) 4Amplia le ipotesi di utilizzo di uno schema di bilancio abbreviato Legge Mirone-Castelli

24 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 24 4Riscrittura del reato di falso in bilancio basato sulla esposizione in scritture contabili di fatti non rispondenti al vero, idonei a trarre in errore, con lintenzione di ingannare soci o pubblico. 4Diventa poi necessario lelemento dellingiusto profitto per se o per altri e la necessità che le informazioni fornite o omesse siano rilevanti. 4Previste conseguenze diverse a seconda che la condotta abbia provocato o meno un danno patrimoniale. 4Limiti quantitativi Legge Mirone-Castelli

25 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 25 4Principi contabili emessi Consigli Nazionali dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri (Delibera Consob 1079 dell8 aprile 1982, dal n. 1 al n. 18 e comunicazione Consob n del 1° dicembre 1999) e, dove mancanti 4International financial reporting standard (ex IAS) 4Raccomandazioni e comunicazioni Consob (per società quotate). 4Documenti di ricerca Assirevi. I principi contabili di riferimento in Italia

26 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 26 n. 11 Bilancio desercizio finalità e postulati n. 12 Composizione e schemi del bilancio desercizio di imprese mercantili, industriali, e di servizi n. 13 Le rimanenze di magazzino n. 14 Disponibilità liquide n. 15 Crediti n. 16 Immobilizzazioni materiali n. 17 Il bilancio consolidato n. 18 Ratei e risconti n. 19 I fondi per rischi ed oneri – Il trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato - I debiti n. 20 Titoli e partecipazioni I principi contabili di riferimento in Italia

27 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 27 n. 21 Il metodo del patrimonio netto n. 22 Conto dordine n. 23 Lavori in corso su ordinazione n. 24 Le immobilizzazioni immateriali n. 25 Il trattamento contabile delle imposte sul reddito n. 26 Operazioni e partite in moneta estera n. 27 Introduzione dellEuro quale moneta di conto n. 28 Il patrimonio netto I principi contabili di riferimento in Italia

28 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 28 n. 29 Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime contabili, correzioni di errori, eventi e operazioni straordinari, fatti intervenuti dopo la data di chiusura dellesercizio n.30 Bilanci intermedi SERIE INTERPRETAZIONI n.1 Classificazioni nel conto economico dei costi e dei ricavi secondo corretti principi contabili I principi contabili di riferimento in Italia

29 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 29 4International Accounting Standard Committee (IASC): organismo internazionale costituito nel 1973 dalle principali associazioni professionali contabili nazionali (circa 50 paesi tra cui lItalia). 4Recentemente lo IASC è stato riorganizzato con la creazione di un Board per la definizione dei prossimi principi contabili (IFRS) e ha assunto il nome di IASB. 4Obiettivo: formulare e divulgare principi contabili uniformi (standards) per la redazione e revisione dei bilanci delle imprese. Principi contabili internazionali (IAS)

30 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 30 Si suddividono in: 4IAS / IFRS – Principi contabili per aree di bilancio e/o problematica 4SIC – Documenti interpretativi di aspetti specifici Principi contabili internazionali (IAS)

31 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 31 Gli IAS verranno utilizzati dal 2005 per la predisposizione del bilancio consolidato delle società quotate (Direttiva UE). La legge Mirone per la riforma del diritto societario, prevede la delega per la definizione dei casi in cui anche le società non quotate potranno utilizzare gli IAS/IFRS per la redazione del bilancio consolidato. Principi contabili internazionali (IAS)

32 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 32 n. 1 Concetti generali n. 2 Norme etico professionali n. 3 Norme tecniche di svolgimento della revisione contabile – Norme generali n. 3.1 Sistema di controllo interno e revisione contabile n. 3.2 Il controllo interno nelledp n. 4 Documentazione del lavoro di revisione contabile n. 5 Procedure di revisione del bilancio desercizio Principi di revisione italiani fino al novembre 2002

33 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 33 n. 5 Procedure di revisione del bilancio desercizio n. 6 Giacenze di magazzino n. 7 Crediti n. 8 Cassa e banche n. 9 Immobilizzazioni materiali e fondi di ammortamento n. 10 Immobilizzazioni immateriali ed ammortamento n. 11 Titoli di credito a reddito fisso e partecipazioni n. 12 Debiti n. 13 Ratei e risconti attivi e passivi Principi di revisione italiani fino al novembre 2002

34 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 34 n. 14 Fondi passivi n. 15 Capitali sociale e riserve n. 16 I conti dordine n. 17 Il conto profitti e perdite n.19 Principi di revisione del bilancio di unazienda bancaria n.20 Principi di revisione per i fondi comuni dinvestimento n. 21 Continuità aziendale Principi di revisione italiani fino al novembre 2002

35 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 35 4International Federation of Accountants (IFAC): organismo internazionale costituito nel 1977, rappresentativo delle organizzazioni professionali di revisione (circa 50 parse tra cui lItalia). 4Obiettivo: formulare e divulgare principi di revisione uniformi con riferimento a: -general standards; -standards of field work; -standards of reporting. Principi di revisione internazionali (ISA)

36 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 36 4La delibera CONSOB n del 30 ottobre 2002 raccomanda alle società di revisione lutilizzo dei nuovi principi di revisione emanati dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e dal Consiglio Nazionale dei Ragionieri e dei Periti Commerciali. 4Molto simili agli ISA adattati in base alla legge ed ai regolamenti nazionali. 4Sostituiscono i precedenti ad eccezione del n. 19 (Principi di revisione del bilancio di unazienda bancaria) e del n. 21 (continuità aziendale). Nuovi Principi di revisione italiani

37 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 37 n. 200 Obiettivi e principi generali della revisione contabile del bilancio n. 220 Controllo della qualità del lavoro di revisione contabile n. 230 Documentazione del lavoro n. 250 Gli effetti connessi alla conformità a leggi ed a regolamenti n. 300 Le pianificazioni n. 310 La conoscenza dellattività del cliente Nuovi Principi di revisione italiani

38 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 38 n.320 Il concetto di significatività nella revisione n.400 La valutazione del rischio e il sistema di controllo interno n.401 La revisione contabile in un ambiente di elaborazione elettronica dei sistemi informativi n.402 Considerazioni sulla revisione contabile di imprese che utilizzano fornitori di servizi n. 500 Gli elementi probativi della revisione Nuovi Principi di revisione italiani

39 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 39 n. 501 Gli elementi probativi-Considerazioni addizionali per casi specifici n. 505 Le conferme esterne n. 510 Le verifiche dei saldi di apertura a seguito dellassunzione di un nuovo incarico n. 520 Le procedure di analisi competitiva n. 530 Campionamento di revisione ed altre procedure di verifica con selezione delle voci da esaminare n. 540 La revisione delle stime contabili Nuovi Principi di revisione italiani

40 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 40 n. 550 Le parti correlate n. 560 Eventi successivi n. 580 Le attestazioni della Direzione n. 610 Lutilizzo del lavoro di revisione interna n. 620 Lutilizzo del lavoro dellesperto Nuovi Principi di revisione italiani

41 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 41 4Principi attualmente in fase di elaborazione n. 210I termini dellincarico di revisione n. 240La responsabilità del revisore relativamente a frodi ed errori n. 545La revisione delle voci di bilancio valutate al valore equo n. 600Utilizzo del lavoro di un altro revisore n. 700La relazione del revisore Nuovi Principi di revisione italiani

42 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 42 4Provvede alla tenuta dellalbo speciale delle società di revisione. Solo le società di revisione iscritte nellalbo speciale possono effettuare le revisioni contabili prescritte dalla legge. 4Esercita la vigilanza sullattività delle società di revisione per controllare lindipendenza e lidoneità tecnica. 4La vigilanza viene esercitata attraverso la richiesta di dati e notizie e lesecuzione di ispezioni. Il ruolo della Consob in tema di revisione contabile

43 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 43 La Consob quando accerta irregolarità nello svolgimento dellattività di revisione può: 4intimare alla società di revisione di non avvalersi nellattività di revisione, per un periodo non superiore a due anni, del responsabile della revisione a cui sono iscrivibili le irregolarità; 4vietare alla società di revisione di accettare nuovi incarichi di revisione contabile per un periodo non superiore ad un anno. 4in casi di particolare gravità può disporre la cancellazione della società dallalbo speciale. Il ruolo della Consob in tema di revisione contabile

44 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 44 4 La Consob può raccomandare principi e criteri da adottare per la revisione contabile, richiedendo preventivamente il parere del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri (indirizzo tecnico). Il ruolo della Consob in tema di revisione contabile

45 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 45 4Associazione di categoria delle principali società di revisione operanti in Italia. 4Obiettivo: rappresentare un punto di riferimento professionale in materia contabile e di revisione. 4Opera principalmente attraverso lemissione di Documenti di Ricerca (attualmente 79). Assirevi

46 Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 46 4Organismo costituito il 27 novembre Obiettivo: allineare le regole contabili a quelle internazionali e ridurre le divergenze settoriali esistenti (es. Pubblico/Privato). 4Costituito da 15 membri scelti tra le associazioni di categoria interessate. Organismo italiano per la contabilità (OIC)


Scaricare ppt "Lucidi a cura di Silvia Fossati e Umberto Scaccabarozzi 1 La revisione aziendale."

Presentazioni simili


Annunci Google