La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INDUSTRIAL DESIGN (NEW PRODUCT DEVELOPMENT) a.a. 2008 / 2009 DocentI: A.Federico Giua, I. Tagliavini UNIVERSITA CARLO CATTANEO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INDUSTRIAL DESIGN (NEW PRODUCT DEVELOPMENT) a.a. 2008 / 2009 DocentI: A.Federico Giua, I. Tagliavini UNIVERSITA CARLO CATTANEO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA."— Transcript della presentazione:

1 INDUSTRIAL DESIGN (NEW PRODUCT DEVELOPMENT) a.a / 2009 DocentI: A.Federico Giua, I. Tagliavini UNIVERSITA CARLO CATTANEO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA CARLO CATTANEO

2 BRAINSTORMING SESSION a.a / 2009 DocentI A.Federico Giua, I. Tagliavini UNIVERSITA CARLO CATTANEO

3 INTRODUZIONE UNIVERSITA CARLO CATTANEO INNOVAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO Con Brainstorming, letteralmente tempesta di cervelli, si intende: una sessione creativa slegata da regole predefinite MA ottenuta attraverso luso di tecniche appropriate. Ideato negli Stati Uniti negli anni 30 da Alex Osborn, fondatore dellAgenzia Pubblicitaria Batten. Alex Osborn, inventore del brainstorming Una sessione di brainstorming a New York alla fine degli anni 50. Affisse sul muro a destra le regole fondamentali, e in basso la stenotipista che registra le idee prodotte

4 IL BRAINSTORMING UNIVERSITA CARLO CATTANEO INNOVAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO PER COSA SI USA? E molto usato per individuare soluzioni nuove e creative QUALE IL SUO OBIETTIVO? Generare idee in gruppo COME FUNZIONA? Per analogia, secondo il principio per cui le idee si legano luna allaltra e I commenti dei partecipanti stimolano una sorta di relazione a catena delle idee. Funziona focalizzando la discussione del gruppo su un problema reale, semplice e noto ai componenti e poi lasciando libero lo scambio comunicativo. Una sessione di brainstorming si suddivide in due fasi ben distinte: 1.FASE DIVERGENTE 2.FASE CONVERGENTE

5 1. LA FASE DIVERGENTE UNIVERSITA CARLO CATTANEO INNOVAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO Viene stimolata la produzione di idee a ruota libera. Una volta messo a fuoco il problema e fissato un tempo limite per la sessione, ciascuno esprimerà, per risolvere il problema posto allattenzione del gruppo, la prima idea che gli viene in mente in rapida sequenza e per associazione. I membri del gruppo sono invitati a non esprimere giudizi di valore o critiche e si cercherà di favorire lo scorrere della discussione, magari servendosi di una lavagna su cui appuntare parole chiave.

6 UNIVERSITA CARLO CATTANEO INNOVAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO QUATTRO REGOLE PER GESTIRE LA FASE DIVERGENTE: 1. GIOCO E fondamentale la dimensione del gioco quale modalità spensierata di relazione che permette di liberare la creatività dei singoli e del gruppo, normalmente impedita da una serie di inibizioni. 2. TANTE IDEE E importante produrre il maggior numero di idee possibile, anche a discapito della qualità delle stesse: più alto è il numero delle idee prodotte, più alta sarà la probabilità che qualcuna di esse sia una buona idea. 3. ASCOLTO Occorre che I membri del gruppo si ascoltino reciprocamente e cerchino dei punti di incontro attorno ai quali far ruotare le loro proposte. 4. SEPARAZIONE DELLE FASI E essenziale che la fase di generazione delle idee sia separata dalla fase di giudizio del pensiero: al gruppo viene chiesto di produrre nuove idee rispetto ad una questione, senza preoccuparsi del loro valore, almeno in fase iniziale. Le idee espresse da ciascun individuo non devono essere sottoposte immediatamente a critica o ad un giudizio di valore da parte degli altri, ciò avviene solo in una fase successiva di verifica. 1. LA FASE DIVERGENTE

7 2. LA FASE CONVERGENTE UNIVERSITA CARLO CATTANEO INNOVAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO SELEZIONE, VALUTAZIONE, RIELABORAZIONE, SCELTA Le idee vengono selezionate al fine di individuare e condividere quelle più interessanti. Sottoponendo le proposte emerse ad un processo sempre più affinato di rielaborazione, di approfondimento e di revisione da parte del gruppo si ritiene di poterle tradurre in idee più realistiche e realizzabili.

8 UNIVERSITA CARLO CATTANEO INNOVAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO LE DOMANDE DA PORSI PER GESTIRE PER GESTIRE LA FASE CONVERGENTE: PUNTI DI FORZA Quali sono I punti di forza dellidea? In cosa consiste il benefit per il consumatore? Di quali competenze disponiamo per svilupparla? Siamo in grado di generare un vantaggio competitivo sostenibile? Creiamo nuovi segmenti di mercato o nicchie interessanti? Quali altre opportunità potrebbero emergere se avremo successo? PUNTI DI DEBOLEZZA Che difficoltà possiamo incontrare? Dove lidea presenta più limiti e carenze? Quali sono gli svantaggi e gli ostacoli? Quali sono I potenziali rischi? 2. LA FASE CONVERGENTE

9 UNIVERSITA CARLO CATTANEO INNOVAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO 1.COMPRENDERE E SPERIMENTARE LE MODALITA E LE DINAMICHE DI UN BRAINSTORMING 2.CERCARE DI PRODURRE UNIDEA INNOVATIVA SUL PRODOTTO ASSEGNATO 3.SINTETIZZARE LESPERIENZA SVOLTA, SIA NEI CONTENUTI CHE NELLA FORMA, E PRESENTARLA DURANTE LA PROSSIMA LEZIONE MOTIVANDOLA OPPORTUNAMENTE. GLI OBIETTIVI DI OGGI


Scaricare ppt "INDUSTRIAL DESIGN (NEW PRODUCT DEVELOPMENT) a.a. 2008 / 2009 DocentI: A.Federico Giua, I. Tagliavini UNIVERSITA CARLO CATTANEO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA."

Presentazioni simili


Annunci Google