La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Statistiche forestali per il Protocollo di Kyoto Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007 Marina Vitullo, Riccardo De Lauretis.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Statistiche forestali per il Protocollo di Kyoto Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007 Marina Vitullo, Riccardo De Lauretis."— Transcript della presentazione:

1 Statistiche forestali per il Protocollo di Kyoto Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007 Marina Vitullo, Riccardo De Lauretis

2 Linventario nazionale delle emissioni in atmosfera LAPAT è responsabile della compilazione dellInventario Nazionale delle emissioni dei gas serra, secondo la Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC) e del reporting per il Protocollo di Kyoto, destinato a concorrere alla verifica della compliance per lItalia durante il primo periodo di impegno. Linventario consiste in una quantificazione annuale (stima) a livello nazionale di inquinanti e gas serra (21 sostanze) di 360 categorie emissive a partire da indicatori statistici di attività reperiti dalla documentazione ufficiale (Annuario ISTAT, Bilancio Energetico Nazionale, Conto Nazionale Trasporti, TERNA ecc.), da comunicazioni dirette delle associazioni di categoria e dai fattori di emissioni nazionali ed internazionali (EMEP/CORINAIR, EPA, IPCC, studi specifici di settore). Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007

3 A che serve linventario? quantificare i livelli di emissione, identificare le fonti principali e valutare limpatto sulla salute e sui materiali, attraverso appropriati modelli; verificare il rispetto dei limiti di emissione nazionali e degli impegni di riduzione intrapresi nei diversi contesti internazionali; sviluppare strategie di abbattimento e individuare priorità attraverso analisi costi- effetti e modelli integrati; verificare le conseguenze a diversi livelli (settoriale, regionale, nazionale ed internazionale) delle politiche e misure intraprese per ridurre le emissioni; verificare linterazione tra le politiche settoriali, i conti economici e gli impatti ambientali; fornire informazione confrontabile e accessibile al pubblico attraverso opportuni indicatori; Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007

4 Convenzioni internazionali UN-FCCC Convenzione sui Cambiamenti Climatici e Protocollo di Kyoto stime annuale delle emissioni e assorbimenti di gas serra con effetto diretto CO 2, CH 4, N 2 O, HFC s, PFC s, SF 6, e indiretto SO 2, NO x, NMVOC, CO e delle proiezioni; la metodologia di riferimento è quella indicata dall IPCC. UN-ECE Convenzione sullinquinamento transfrontaliero delle emissioni in atmosfera (CLRTAP, 1979) e relativi protocolli di riduzione delle emissioni: trasmissione annuale delle emissioni e proiezioni di SO 2, NO x, NH 3, NMVOC, CO, HMs (Cd, Pb, Hg), PM, POP s (Diossine e Furani, IPA), ogni 5 anni disaggregazione territoriale sul grigliato EMEP, metodologia di riferimento EMEP/CORINAIR. Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007

5 Qualità dellinventario. Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007 trasparenza : le assunzioni e le metodologie devono essere chiaramente spiegate per facilitare la riproducibilità e la verifica delle stime; consistenza : linventario deve essere internamente consistente in tutti i suoi elementi con gli inventari degli altri anni; comparabilità: le stime riportate dalle Parti devono essere confrontabili tra loro completezza: linventario deve comprendere tutte le sorgenti di emissione e di assorbimento incluse nelle linee guida IPCC ; accuratezza: linventario non deve essere sistematicamente sovra o sottostimato, e lincertezza sulle stime deve essere ridotta quanto possibile; rispetto delle scadenze : linventario con la documentazione completa richiesta deve essere consegnato ogni anno nei tempi previsti.

6 Processo internazionale di review cadenza annuale team di esperti designati dal Segretariato della Convenzione sui Cambiamenti Climatici dal 2007 ogni anno viene effettuata la in-country review (per lItalia lultima ha avuto luogo nel settembre 2005 e la prossima avrà luogo dal 4 al 9 giugno 2007) vengono esaminate in dettaglio le serie storiche delle emissioni e le metodologie di stima, le procedure, la qualità dei dati di base utilizzati, il National Inventory System, le attività QA/QC, le stime di incertezza, larchiviazione della documentazione. Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007

7 LInventario Nazionale delle emissioni di gas serra prevede un settore per la stima degli assorbimenti e delle emissioni di gas serra derivanti da uso del suolo e cambiamento di uso del suolo. Per ognuna delle categorie duso del suolo in cui è suddiviso il settore [ Forest Land, Cropland, Grassland, Wetlands, Settlements, Other Lands ], vengono attualmente stimate emissioni ed assorbimenti, seguendo la metodologia adottata a livello internazionale ( Good Practice Guidance for Land Use, Land Use Change and Forestry, IPCC). Per la categoria Forest Land, le stime ed il reporting vengono effettuati per ognuno dei serbatoi previsti dal rapporto Good Practice Guidance, secondo la seguente organizzazione: living biomass = aboveground biomass + belowground biomass dead organic matter = deadwood + litter soils = soil organic matter Il settore Land Use, Land Use Change and Forestry (LULUCF) Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007

8 Il settore Land Use, Land Use Change and Forestry (LULUCF) Le stime del carbonio presente nei diversi serbatoi forestali sono state effettuate tramite luso di un modello basato sulla metodologia IPCC; il modello For-est è stato usato per stimare levoluzione nel tempo degli stock dei serbatoi forestali italiani per linventario nazionale dei gas serra. I dati di superficie forestale, per Regione e categoria inventariale, utilizzati come input per il modello, sono stati ricavati dal primo Inventario Forestale Nazionale (1985) e dai risultati preliminari del Inventario Forestale Nazionale e dei Serbatoi di Carbonio. Le altre fonti di dati utilizzate per le stime sono: Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007 AutoreAnnoTitoloCollezioneEditore ISTATserie storica coltivazioni legnose e foraggiere - coltivazioni (dal 1999) annuari; statistiche dell'agricoltura; dati congiunturali (dal 1999) ISTAT serie storica Incendi forestali e superfici forestali percorse dal fuoco Annuario, Statistiche Ambientali ISTAT serie storica Utilizzazioni legnose Annuario, Statistiche Ambientali, Statistiche dell'agricoltura ISTAT

9 Forest Land: variazioni di stock di carbonio nei serbatoi forestali

10 Forest Land: stock di carbonio nei serbatoi forestali

11 Il settore LULUCF ed il Protocollo di Kyoto Il Protocollo di Kyoto prevede, per lItalia, prevede, una riduzione del 6,5% delle emissioni dei gas serra (GHG) in confronto al livello del 1990 per il primo periodo dimpegno (2008 – 2012) e, in base a quanto stabilito negli art. 3.3, 3.4 e successivi accordi negoziali, limpiego di sinks di carbonio per la riduzione del bilancio netto nazionale delle emissioni di gas serra. Art. 3.3: stabilisce che le emissioni e gli assorbimenti di CO 2 ed altri gas serra risultanti dalla costituzione di nuove foreste ( afforestation, reforestation ) e dalla conversione delle foreste in altre forme duso del suolo ( deforestazion ), effettuati dopo il 1990, devono essere contabilizzati nei bilanci nazionali delle emissioni e degli assorbimenti di gas serra. Art. 3.4: dichiara che è possibile contabilizzare emissioni ed assorbimenti di gas serra relativi alle attività addizionali, purché abbiano avuto luogo dal 1990 e siano state intenzionalmente causate dalluomo. Gli Accordi di Marrakesh fissano, relativamente al periodo , le attività LULUCF di cui allarticolo 3.4: Forest management, Cropland management, Grazing land management, Revegetation Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007

12 Il settore LULUCF ed il Protocollo di Kyoto LItalia ha deciso di eleggere, come attività addizionale, la gestione forestale ( forest management ); nellapplicazione del Protocollo di Kyoto, per il primo periodo dimpegno, sono da considerare aree soggette a gestione forestale tutte le superfici del territorio nazionale, non soggette ad attività di afforestazione, riforestazione o deforestazione. I crediti di carbonio generati dalle aree soggette a gestione forestale vanno conteggiati come variazione, tra il 2008 ed il 2012, degli stock di carbonio relativi ai diversi serbatoi e delle emissioni nette dei gas serra non-CO 2. LItalia può certificare ed emettere crediti di carbonio per una quantità pari al valore numerico, assegnato allItalia per il primo periodo di impegno. Dopo uniniziale assegnazione pari a 0.18 Mt C per anno, a seguito di un processo negoziale, il valore del tetto massimo, approvato dagli organi tecnici della UNFCCC e successivamente formalizzato durante la COP/MOP2 nel dicembre 2006, è passato a 2.78 Mt C per anno x 5 anni del primo periodo di impegno ( ). Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007

13 Il settore LULUCF ed il Protocollo di Kyoto La definizione di foresta adottata dallItalia nellambito del Protocollo di Kyoto è coerente con le definizioni FAO-FRA; i parametri soglia assunti sono: - estensione minima di superficie:0.5 ha; - copertura arborea minima:10% - altezza minima a maturità in situ: 5 m LItalia ha inoltre deciso di contabilizzare i crediti di carbonio legati alle attività previste dagli articoli 3.3 e 3.4 per lintero periodo dimpegno. Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007

14 Criticità e proposte Superficie forestale: lISTAT fornisce stime annuali di superficie forestale; la definizione di foresta adottata dallISTAT prevede una copertura minima del 50% su unestensione maggiore di 0,5 ha: tale definizione comporta una sottostima delle attuali risorse forestali, se si fa riferimento alle definizioni adottate nellambito del Protocollo di Kyoto. Nellambito della realizzazione delle stime degli assorbimenti si è fatto riferimento alle superfici riportate negli Inventari Forestali. Utilizzazioni forestali: I dati di utilizzazione forestali sono rilevati dallISTAT, sulla base delle informazioni relative alle autorizzazioni al taglio boschivo, raccolte da vari enti, a livello regionale. Tali dati sono conformi alle diverse definizioni operative di foresta adottate a livello regionale ed ai diversi regolamenti forestali vigenti. Le statistiche prodotte risentono quindi delle difformità esistenti, a livello sub- nazionale, e tendono a sottostimare i reali prelievi legnosi. Il progetto ESA GMES- Forest Monitoring, relativo ad una macroregione appenninica, parrebbe indicare prelievi superiori a quelli ufficialmente pubblicati (circa 45%). Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007

15 Criticità e proposte Superficie percorsa da incendio: E necessaria la creazione di un archivio di dati relativo alle superfici (non solo forestali) percorse da incendio, che comprenda attributi finora non rilevati, come la valutazione del danno riportato ed informazioni sulla tipologia di soprassuolo esistente prima dellincendio che consentano di stimare con minore incertezza la quantità di carbonio. Variazioni uso del suolo e deforestazione Non esiste ad oggi una banca dati nazionale che riporti i dati relativi a variazioni di uso del suolo ed in particolare da foresta ad altro uso del suolo. E necessario ricostruire il flusso informativo dei dati amministrativi che registrano tali variazioni duso del suolo, nonché realizzare una banca di metadati, relativi a tali registrazioni, che permetta un confronto tra le diverse realtà territoriali ed un uso corretto dei dati. Ai fini della realizzazione delle stime per il Protocollo di Kyoto è necessario ricostruire una serie storica dal Biomasse forestali utilizzate a fini energetici Le statistiche disponibili di prelievi di legna da ardere, congiuntamente ai dati relativi allimport/export, non riescono a rappresentare lentità del consumo a fini energetici; indagini mirate sul consumo di legna da ardere, come quella condotta per lAPAT da Arpa Lombardia nel 2006, o indagini precedenti (ENEA, 1997 e 1999) mostrano valori notevolmente superiori ai dati pubblicati ufficialmente. E necessario individuare le motivazioni di tali differenze.

16 Criticità e proposte Se nellambito della convenzione quadro sui cambiamenti climatici, luso dei dati statistici per il reporting degli assorbimenti e le emissioni del settore LULUCF, in sede di reporting per il Protocollo di Kyoto, la definizione di foresta adottata dallItalia e le regole imposte per effettuare laccounting degli stock di carbonio possono portare ad inconsistenze o incoerenze. E necessario pianificare una strategia condivisa, tra i diversi soggetti coinvolti, per implementare il sistema di rilevazioni dati, che tenda ad unarmonizzazione delle statistiche forestali. E necessario inoltre, per le specifiche esigenze del Protocollo di Kyoto, arrivare alla definizione di un sistema che permetta di contabilizzare i crediti di carbonio legati alle attività previste dagli articoli 3.3 e 3.4. Il nuovo sistema di contabilità dovrà essere basato su una base di dati georeferiti, ricostruito su dati inventariali e/o su immagini fotorilevate per la certificazione delle attività previste agli articoli 3.3 e 3.4 del Protocollo di Kyoto. Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007


Scaricare ppt "Statistiche forestali per il Protocollo di Kyoto Il sistema nazionale delle statistiche forestali Roma, 29 maggio 2007 Marina Vitullo, Riccardo De Lauretis."

Presentazioni simili


Annunci Google