La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LEADERSHIP AVANZATA. 2 Diapositive dellintervento: www.paoloruggeri.it www.paoloruggeri.it.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LEADERSHIP AVANZATA. 2 Diapositive dellintervento: www.paoloruggeri.it www.paoloruggeri.it."— Transcript della presentazione:

1 1 LEADERSHIP AVANZATA

2 2 Diapositive dellintervento:

3 3

4 4 Un breve ripasso…

5 5 Causa ed Effetto Per risolvere un problema o per controllare una situazione che non va come vorremmo dobbiamo vederci come la causa di tale situazione. Se non lo facciamo, la situazione controllerà noi. Se non ci vediamo come la causa delle prestazioni e rendimento dei nostri collaboratori, loro di fatto ci controllano. Case history scuola

6 6 Primo dato relativo alla Leadership Riuscirai ad avere Leadership solamente sulle persone del cui comportamento ti consideri completamente CAUSA.

7 7 Quello che il personale considera più motivante ricevere dai propri responsabili Pieno apprezzamento per il lavoro svolto Sentirsi coinvolti nei problemi del lavoro Comprensione ed interesse verso i problemi personali Sicurezza del posto di lavoro Buon livello salariale Lavoro interessante Promozioni e crescita insieme allazienda Lealtà della direzione verso i lavoratori Buone condizioni di lavoro Una disciplina non opprimente Case HistoryMatematica Motori

8 8 MOTIVAZIONE DEL PERSONALE QUANDO PARLIAMO DI MOTIVARE QUALCUNO INTENDIAMO: RIUSCIRE A FAR DIMOSTRARE A QUALCUNO LA PROPRIA COMPETENZA, LE PROPRIE CAPACITA VOI SIETE L ALLENATORE!

9 9 ORIENTAMENTO DEL MANAGER Si necessita che lorientamento del manager passi da: Manager che fa il lavoro a Manager che fa eseguire il lavoro, Manager che crea delle persone produttive

10 10 QUAL E IL VALORE DI UNIDEA IMPRENDITORIALE?

11 11 STRATEGIA DELLIMPRENDITORE MODERNO PER QUEL CHE RIGUARDA LE R.U. Gestire al meglio le risorse umane esistenti mentre si cerca anche di attirare nellimpresa personale dal potenziale più elevato.

12 12 1)PERSEGUI UNA META

13 13 METE Se non abbiamo una meta chiara, è la vita che controlla noi Non siamo noi a controllare la vita

14 14 CERCARE DI GUADAGNARE DENARO E FUTILE…

15 15 LA RICCHEZZA ACCADE MENTRE SI INSEGUE UNA VISION

16 16 LE PERSONE CHE GUADAGNANO PIU DI 100,000 DOLLARI LANNO PENSANO IN TERMINI DI TRE-CINQUE ANNI QUANDO PIANIFICANO I ritorni economici di oggi gli interessano molto meno rispetto a come sta andando la costruzione del loro capolavoro

17 17 LA VITA E UNA SERIE DI EVENTI CASUALI A MENO CHE TU NON ABBIA UNA META

18 18 TUTTE LE COSE VENGONO CREATE DUE VOLTE. LA PRIMA VOLTA NELLA NOSTRA TESTA.

19 19 RIASSUNTO Non puoi ottenere quello che non riesci ad immaginare. Tutte le cose vengono create due volte: la prima volta nella nostra mente. Una volta che hai avuto unidea, un sogno o una meta devi continuare a credere in essa nonostante le circostanze avverse, e se continui ad agire in quel modo prima o poi quellidea si materializzerà. Se non hai una meta o un sogno che ti guidi, la tua vita verrà creata per default e sarà creata dal destino.

20 20 Che cose una meta ? Una meta è una descrizione precisa di una determinata scena che al momento non esiste, ma che si desidera realizzare. Una meta non è una sensazione. E una fotografia ben precisa di quello che dovrà accadere nella tua vita.

21 21 ESERCIZIO Scrivi 10 mete che ti poni da qui a 12 mesi. Devi scriverle in modo chiaro e specifico. Scrivi cose concrete piuttosto che cose vaghe. Non una rete agenti che va bene, ma 5 agenti carichi e motivati, che vendono 1 milione al mese. Nel farlo devi ingannare la trappola del tempo. Quindi scrivile utilizzando il tempo presente in prima persona: io dirigo…. io posseggo….

22 22 –QUANDO DESIDERI QUALCOSA, TUTTO LUNIVERSO COSPIRA AFFINCHE TU REALIZZI IL TUO DESIDERIO. - Paulo Coelho -

23 23 –NEL MOMENTO IN CUI TI DEDICHI DAVVERO A QUALCOSA E LA SMETTI DI CHIAMARTI FUORI, TUTTI I TIPI DI AVVENIMENTI E DI INCONTRI IMPREVISTI SI PRESENTANO AD AIUTARTI. IL SEMPLICE FATTO DI IMPEGNARSI IN QUALCOSA E UN POTENTE MAGNETE PER LAIUTO. - Napoleon Hill -

24 24 PERCHE AVERE UNA META? Quando in un gruppo non cè una meta, ogni membro del gruppo se ne cercherà una nuova Una buona meta può essere eseguita anche da un management scadente Senza una meta positiva, il management dellazienda non riesce ad avere lappoggio del gruppo

25 25 CHE COSE UN GRUPPO? Un gruppo non è solo una serie di persone, è una serie di persone che ha in comune uno scopo, principi etici e motivazioni. Quali sono i vantaggi che io collaboratore avrei nel momento in cui perseguissi la meta aziendale?

26 26 2) GESTISCI IL TEMPO!

27 27 URGENTE VS. IMPORTANTE Qual è quellattività che, se fatta regolarmente per i prossimi mesi (anni?), farebbe unenorme differenza per la tua azienda?

28 28

29 29 Urgenti Non Urgenti Importanti Non Importanti Quadrante I Crisi Attività fondamentali del proprio ruolo Attività che portano al raggiungimento del budget Quadrante II Attività per aumentare il potenziale aziendale, del personale e del marketing Progressi strategici Prevenzione Marketing Formazione Pianificazione Quadrante III Alcune telefonate che si ricevono Qualche riunione Fare il lavoro dei propri collaboratori Problemi pressanti ma non importanti Quadrante IV Attività inutili che fai quando sei scoppiato Internet Mondoffice Lavoro fisico Ecc.

30 30 CRISI Quadrante I Quadrante IIIQuadrante IV Quad. II Tempo del Manager mediocre

31 31 CRISI Quadrante I Quadrante II Tempo del Manager efficace Attività di prevenzione, formazione e miglioramento

32 32 Lavorando sulle coseimportanti ma non urgenti il manager efficace comprime le crisi del futuro

33 33 Come operare nel quadrante II 1.Identificare gli obiettivi di prevenzione, formazione, miglioramento (i progressi strategici) che si vorranno eseguire nelle prossime settimane. 2.Fissare delle date IRREVOCABILI in agenda per quando ci si dovrà occupare di tali obiettivi. Agenda + drill

34 34 SECONDA GIORNATA

35 35 Causatività Coinvolgere le persone emotivamente –Apprezzamenti –Coinvolgimento –Interesse 1) Spingere il gruppo verso una meta 2) Dedica tempo alle cose importanti

36 36 3) COMPRENDI LA LEADERSHIP

37 37 PRIMO DATO RELATIVO ALLA LEADERSHIP LAREA NELLA QUALE UN INDIVIDUO HA LEADERSHIP E UGUALE ALLAREA PER LA QUALE LUI SI SENTE COMPLETAMENTE CAUSA

38 38 Le caratteristiche della Leadership La prima prova che un seguace richiede ad un leader è che lui sia competente. Il Leader sa quello che fa ? E importante che chi dirige sia in grado di attrarre attenzione, entusiasmare ed interessare le altre persone. Un denominatore comune di tutti i buoni dirigenti è labilità di comunicare, di provare interesse per larea e le persone che gestiscono e di essere in grado di comprendere appieno le circostanze in cui i propri collaboratori operano Labilità di dirigere può anche essere composta di forza e capacità di chiedere ai propri collaboratori Tutti i grandi leader hanno uno scopo che perseguono con intensità elevatissima. In presenza di leadership la comunicazione è possibile Competenza psicologica Un leader deve avere la capacità di avere affetto per le persone che guida Un leader deve essere in grado di suscitare nelle persone che guida un certo affetto per sé.

39 39 MANAGER AI VARI LIVELLI DELLA SCALA ALLEGRIA/FORTE INTERESSE: Persone cariche, motivate e produttive LOGICITÀ: Persone produttive ma un po demotivate NOIA: Persone produttive ma che si sentono abbandonate dallazienda

40 40 OSTILITÀ: Persone corrono piu per paura che per motivazione. Diventano esecutrici, liniziativa latita. COLLERA: Le persone sono solo esecutrici. Molti scoppiano. Alto turn over (dei migliori) RISENTIMENTO: Rimangono i peggiori. ANSIA/APATIA: Anarchia e abbandono.

41 41 Forte Interesse / Allegria Lemozione che prova verso le altre persone e quindi verso i problemi, guai e inefficienza degli altri è Forte Interesse. Atteggiamento liberale (non dittatoriale). Passa le comunicazioni positive. Cerca di tagliare o di ridurre al minimo le comunicazioni negative e generalmente non le ritrasmette. Si guadagna lappoggio altrui grazie al suo ragionamento creativo e la sua vitalità. (notate qui la differenza con il tono di ostilità che pensa di guadagnarsi lappoggio con critiche e minacce) Lavora sui lati positivi dei suoi collaboratori.

42 42 LAVORARE SUI LATI POSITIVI La maggior parte dei motivi di lamentela che abbiamo nei confronti dei nostri collaboratori non sono basati su cattiva condotta ma su cattiva comprensione. Lunico capitale che un dirigente possiede è la volontà di lavorare dei suoi collaboratori. Proteggila. Nessuno può essere costretto a lavorare (come è stato scoperto da ogni società schiavista). Quando un uomo viene frustato il lavoro che poi svolge è comunque dovuto unicamente alla sua volontà. La collera lha ridotta.

43 43 LE VERE CAUSE DEGLI ERRORI O SCARSE PRESTAZIONI DEL PERSONALE A) 90% cattiva comprensione, mancanza di strumenti ed assistenza, debolezza di carattere. B) 10% ragioni disciplinari. Lerrore più comune del dirigente è quello di trattare tutti gli errori e scarse prestazioni come se fossero dovute a B. Invece nella maggior parte dei casi sono dovute ad A.

44 44 MORALE NELLA MAGGIOR PARTE DEI CASI, ANCHE QUANDO IL NOSTRO COLLABORATORE FA UN ERRORE O NON PRODUCE COME DOVREBBE E MOSSO DA INTENZIONI POSITIVE. SE LO COLPIAMO RIDUCIAMO SOLO LA SUA DEDIZIONE.

45 45 CREDERE NELLE PERSONE Nella misura in cui, nonostante le circostanze avverse, continuiamo a credere nelle nostre idee queste si materializzeranno. Nella misura in cui, spinti da effetti avversi, abbandoniamo il sogno iniziale, questo non si materializzerà. NELLA MISURA IN CUI, NONOSTANTE GLI EFFETTI AVVERSI CONTINUIAMO A CREDERE IN QUALCUNO, LUI CRESCERA. QUANDO SMETTIAMO DI CREDERE IN LUI, LUI SMETTE DI CRESCERE. ANCHE QUANDO LO CORREGGIAMO, DOBBIAMO CONTINUARE A CREDERE IN LUI!

46 46 ESERCIZIO

47 47 4) COSTRUISCI QUALCOSA CHE FUNZIONI ANCHE SENZA DI TE

48 48 FALLIAMO NELLA GESTIONE DEL PERSONALE PERCHE SCEGLIAMO DI PERCORRERE LA STRADA PIU FACILE

49 49 LEADERSHIP E DELEGA PRIMA VINCI TU IN QUESTO MODO COSTRUISCI IL SISTEMA VINCENTE ORA PUOI DELEGARLO PER DELEGARLO DEVI FORNIRE ALLA PERSONA UN ESATTO MANUALE DUSO CIRCA IL COME SI FA SE HAI IL MANUALE, PUOI SBAGLIARE LA PERSONA (LA PRIMA VOLTA) MA POI CE LA FAI.

50 50 5) LIBERA IL POTERE DEL GRUPPO

51 51 La leadership richiede un grande disegno, grandi doti organizzative, buone capacità finanziarie

52 52 LIPNOSI Lambiente intorno a noi ci sottopone a una costante ipnosi che anestetizza la nostra capacità di ideare grandi progetti. Non si può fare E difficile Ma anche LA SCENA ESISTENTE attorno a noi ci ipnotizza facendoci pensare che quella è la scena che è sempre stata e che sarà sempre.

53 53 SUPERI LIPNOSI IN DUE MODI A) Frequentando altri leader, gente che gestisce grandi organizzazioni (persone grandi, non persone famose) B) Uscendo dal tempo e dallo spazio ed entrando in contatto con lanima delluniverso (il mondo del 99%) tramite la contemplazione, la meditazione, la riflessione, le buone azioni

54 54 Avuto il grande disegno, devi organizzare Oggi il pesce veloce mangia il pesce lento Organizzi per creare limpeto Limpeto non è necessariamente una caratteristica degli uomini ma dellorganizzazione

55 55 Rispetto Spirito Onore e Amicizia Comando

56 56 IL RISPETTO 1) Lavorare duro: Gli uomini non rispettano chi lavora meno duramente di loro e chi persegue standard bassi. Sarà semmai un amico ma non un leader.

57 57 LO SPIRITO 1) Vedere oltre la pietra: In che cosa è predestinato a diventare un grande? 2) Capire i suoi sogni: Che cosa desidera nel profondo del cuore? 3) Le profezie di Celestino: Perché Dio/il creatore/luniverso ci ha fatti incontrare? Qual è il grande disegno che ci vuole uniti? 4) Che cosa cè per lui in questa torta? E una fetta bella grossa? Tu saresti motivato da quello che proponi a lui? 5) Stai accendendo il fuoco della sua ambizione? Gli stai facendo le prospettive?

58 58 TU LO VEDI PER CHE COSA SEI PREDESTINATO?

59 59 LONORE E LAMICIZIA 1) Sei libero dai conflitti di interesse nel guidarlo? Puro come la neve? 2) Sa che non lo lascerai solo? 3) Gli presteresti i tuoi soldi? 3) Può stare tranquillo nel mettere la sua vita nelle tue mani? 4) Senti che lui è un tuo fratello di sangue?

60 60 IL COMANDO Sei severo nelle richieste? Le tue richieste lo mettono al di fuori della sua zona di comfort? Hai drive? Le persone sentono la tua spinta? Timore: deve sentire che non si arretra e che gli obiettivi vanno raggiunti. Ha un po di paura di te?

61 61 IL DENARO PRETENDE RISPETTO, PRETENDE CHE PENSI A LUI, CHE NON LO SPRECHI, CHE LO INVESTI PERCHE SI MOLTIPLICHI. IL DENARO DEVE SERVIRE A QUALCOSA DI IMPORTANTE, ALTRIMENTI SE NE VA


Scaricare ppt "1 LEADERSHIP AVANZATA. 2 Diapositive dellintervento: www.paoloruggeri.it www.paoloruggeri.it."

Presentazioni simili


Annunci Google