La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

BIOGRAFIA. Fu scelto per presentare il programma Non è mai troppo tardi, che lo rese conosciutissimo e che fu concepito come strumento di ausilio nella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "BIOGRAFIA. Fu scelto per presentare il programma Non è mai troppo tardi, che lo rese conosciutissimo e che fu concepito come strumento di ausilio nella."— Transcript della presentazione:

1 BIOGRAFIA

2 Fu scelto per presentare il programma Non è mai troppo tardi, che lo rese conosciutissimo e che fu concepito come strumento di ausilio nella lotta all'analfabetismo. Il programma riproduceva in televisione delle vere e proprie lezioni di scuola primaria, con metodologie didattiche rivoluzionarie per l'epoca (Manzi al suo "provino" strappò il copione che gli era stato dato e improvvisò una lezione alla sua maniera), dinanzi a classi composte di adulti, appunto analfabeti.

3 L'effetto della trasmissione, che andò in onda per quasi un decennio, fu certamente di grande interesse e di grande rilevanza sociale: si stima che quasi un milione e mezzo di persone abbiano potuto conseguire la licenza elementare grazie a queste innovative lezioni a distanza, svolte di fatto secondo un vero e proprio corso di scuola serale. Le trasmissioni avvenivano nel tardo pomeriggio, prima di cena, Manzi utilizzava un grosso blocco di carta montato su cavalletto sul quale scriveva, con l'ausilio di un carboncino, semplici parole o lettere, accompagnate sempre da un accattivante disegnino di riferimento. Usava anche una lavagna luminosa (per quei tempi assai suggestiva). La ERI (casa editrice della RAI) pubblicava materiale ausiliario per le lezioni, quali quaderni e piccoli testi.

4 La "disobbedienza" fu sanzionata con la sospensione dall'insegnamento e dalla paga. L'anno successivo il Ministero della Pubblica Istruzione torna a far pressione sull'insegnante cercando di convincerlo a scrivere le valutazioni tanto attese. Manzi fa intendere di non avere cambiato opinione, ma si mostra disponibile nel redigere una valutazione riepilogativa comune per tutti i ragazzi tramite un timbro; il giudizio era: "fa quel che può, quel che non può non fa". Il Ministero della Pubblica Istruzione si mostra subito contrario alla valutazione timbrata. Manzi risponde dicendo: «Non c'è problema, posso scriverlo anche a penna». Ad Alberto Manzi è dedicata una scuola con centrale e succursale risiedente a Roma (la quale scuola porta anche il sottinteso nome di "Alberto Manzi"), in Via Del Pigneto e in Via Luigi De Magistris e dal 2008 anche una scuola elementare di Bellaria Igea Marina in provincia di Rimini. Ad Alberto Manzi è dedicata una scuola con centrale e succursale risiedente a Roma (la quale scuola porta anche il sottinteso nome di "Alberto Manzi"), in Via Del Pigneto e in Via Luigi De Magistris e dal 2008 anche una scuola elementare di Bellaria Igea Marina in provincia di Rimini.

5 Fu sindaco di Pitigliano per i Democratici di Sinistra dal 1995 al 1997.

6

7 Cari ragazzi di quinta Abbiamo camminato insieme per cinque anni. Per cinque anni abbiamo cercato, insieme, di godere la vita; e per goderla abbiamo cercato di conoscerla, di scoprirne alcuni segreti.Abbiamo cercato di capire questo nostro magnifico e stranissimo mondo non solo vedendone i lati migliori, ma infilando le dita nelle sue piaghe, infilandole fino in fondo perché volevamo capire se era possibile fare qualcosa, insieme, per sanare le piaghe e rendere il mondo migliore. Abbiamo cercato di vivere insieme nel modo più felice possibile. E vero che non sempre è stato così, ma ci abbiamo messo tutta la nostra buona volontà. E in fondo siamo stati felici. Abbiamo vissuto insieme cinque anni sereni (anche quando borbottavamo) e per cinque anni ci siamo sentiti "sangue dello stesso sangue". Ora dobbiamo salutarci. Io devo salutarvi. Spero che abbiate capito quel che ho cercato sempre di farvi comprendere: NON RINUNCIATE MAI, per nessun motivo, sotto qualsiasi pressione, AD ESSERE VOI STESSI. Siate sempre padroni del vostro senso critico, e niente potrà farvi sottomettere. Vi auguro che nessuno mai possa plagiarvi o "addomesticare" come vorrebbe………………

8 Ora le nostre strade si dividono. Io riprendo il mio consueto viottolo pieno di gioie e di tante mortificazioni, di parole e di fatti, un viottolo che sembra sempre identico e non lo è mai. Voi proseguite e la vostra strada è ampia, immensa, luminosa. E vero che mi dispiace non essere con voi, brontolando, bestemmiando, imprecando; ma solo perché vorrei essere al vostro fianco per darvi una mano al momento necessario. Daltra parte voi non ne avete bisogno. Siete capaci di camminare da soli e a testa alta, PERCHE NESSUNO DI VOI E INCAPACE DI FARLO. Ricordatevi che mai nessuno potrà bloccarvi se voi non lo volete, nessuno potrà mai distruggervi, SE VOI NON VOLETE. Perciò avanti serenamente, allegramente, con quel macinino del vostro cervello SEMPRE in funzione; con laffetto verso tutte le cose e gli animali e le genti che è già in voi e che deve sempre rimanere in voi; con onestà, onestà, onestà, e ancora onestà, perché questa è la cosa che manca oggi nel mondo, e voi dovere ridarla; e intelligenza, e ancora intelligenza, e sempre intelligenza, il che significa prepararsi, il che significa riuscire sempre a comprendere, il che significa sempre riuscire ad amare, e... amore, amore. Se vi posso dare un comando, eccolo: questo io voglio. Realizzate tutto ciò, ed io sarò sempre in voi, con voi. E ricordatevi: io rimango qui, al solito posto. Ma se qualcuno, qualcosa, vorrà distruggere la vostra libertà, la vostra generosità, la vostra intelligenza, io sono qui, pronto a lottare con voi, pronto a riprendere il cammino insieme, perché voi siete parte di me, e io di voi. Ciao. Alberto Manzi

9 Il nome richiama la memoria di Alberto Manzi, uomo di cultura, pedagogista e sindaco di Pitigliano fino al 1997, che per primo concepì lidea di questo museo allaperto. La parte riguardante la città dei vivi si colloca allinterno dellarea archeologica attigua alla via cava del Gradone e propone un percorso sullevoluzione dei modelli abitativi presenti nel territorio, dalla ricostruzione della capanna a pianta ellittica delletà del Bronzo Finale, fino alla casa etrusca. Pannelli esplicativi illustrano gli ambienti che costituivano la casa etrusca arcaica: la cucina, la stanza destinata alle attività femminili dove è posto il telaio e, infine, la camera nuziale.

10 Il passaggio alla città dei morti, lungo lantico tracciato etrusco, scosceso e ripido, che conduce alla necropoli, è sottolineato da una tomba ricostruita minuziosamente nella struttura e negli arredi. Essa offre al visitatore la possibilità di cogliere gli aspetti ideologici legati al rito funebre e al culto dei morti, predisponendolo alla successiva visita della necropoli. La funzione didattica del parco è valorizzata dalla perfetta sintesi che si realizza tra le strutture prodotte dalluomo e lelemento naturale, così suggestivo da trasmettere al visitatore forti emozioni.

11 Una produzione di: Alessandro Cini Federico Pioli Germano Rossi Leonardo Paoli Lorenzo Pellegrini


Scaricare ppt "BIOGRAFIA. Fu scelto per presentare il programma Non è mai troppo tardi, che lo rese conosciutissimo e che fu concepito come strumento di ausilio nella."

Presentazioni simili


Annunci Google