La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

REPORT RICERCA PROGETTO “Alla scoperta della differenza” Commissione Pari Opportunità del Comune di Cagliari Istituto F. Ciusa – Cagliari (Anno scolastico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "REPORT RICERCA PROGETTO “Alla scoperta della differenza” Commissione Pari Opportunità del Comune di Cagliari Istituto F. Ciusa – Cagliari (Anno scolastico."— Transcript della presentazione:

1 REPORT RICERCA PROGETTO “Alla scoperta della differenza” Commissione Pari Opportunità del Comune di Cagliari Istituto F. Ciusa – Cagliari (Anno scolastico ) AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

2 REPORT RICERCA PROGETTO “Alla scoperta della differenza” ricerca svolta presso l’Istituto Comprensivo Ciusa di Cagliari nell’A.S. 2014/2015 AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

3 LA RICERCA Classi e alunni coinvolti 16 di terza 16 di terza 15 di quarta 15 di quarta 35 di quinta 35 di quinta TOTALE ALUNNI COINVOLTI: maschi 41 maschi 25 femmine 25 femmine AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

4 Il questionario utilizzato per la ricerca è composto da 15 domande e si proponeva come obiettivo quello di rilevare, conoscere e fotografare le visioni di genere dei bambini. Il questionario è strutturato in 2 parti: la prima parte è composta da 9 domande volte a indagare sulla percezione dell’appartenenza sessuale e di genere dei bambini e delle bambine, e su come sono strutturati i rapporti fra loro (maschi/maschi, femmine/femmine, maschi/femmine). la prima parte è composta da 9 domande volte a indagare sulla percezione dell’appartenenza sessuale e di genere dei bambini e delle bambine, e su come sono strutturati i rapporti fra loro (maschi/maschi, femmine/femmine, maschi/femmine). la seconda parte del questionario comprende invece 6 domande sulle tematiche del lavoro per verificare la loro personale visione: come vedono il lavoro dei propri genitori e come immaginano e proiettano se stessi calati in una realtà lavorativa che nel futuro li vedrà attori nella loro realizzazione professionale. la seconda parte del questionario comprende invece 6 domande sulle tematiche del lavoro per verificare la loro personale visione: come vedono il lavoro dei propri genitori e come immaginano e proiettano se stessi calati in una realtà lavorativa che nel futuro li vedrà attori nella loro realizzazione professionale. Il questionario è stato somministrato nelle classi senza dare ai bambini e alle bambine troppi dettagli sul progetto per evitare di canalizzare le risposte eliminando la spontaneità e la coerenza logica delle risposte e con la collaborazione delle insegnanti, indispensabile per aiutare i bambini ad esprimere al meglio le proprie idee e opinioni. IL QUESTIONARIO AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

5 RISULTATI 1 parte del questionario AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

6 Tra i giochi maggiormente citati dei bambini troviamo i giochi elettronici (72; 22,57%), soprattutto dai maschi (29,51% contro il 13,24% delle femmine). Più specificatamente: la PlayStation (28) la PlayStation (28) il computer-tablet (23) e le varie consolle: wii (8), Xbox (6) il computer-tablet (23) e le varie consolle: wii (8), Xbox (6) e anche i telefoni smartphone (7). e anche i telefoni smartphone (7). I bambini citano anche i loro videogiochi preferiti. Tra questi troviamo per esempio God and war, Call of duty, Cat Mario ma anche quelli sportivi come Eleven: calcio online, One 10: volley online, Fifa, basket, tennis, ciclismo, Formula 1, arti marziali, pugilato, wrestling. Come altri giochi, tra i preferiti indicati dai bambini troviamo gli sport: il calcio (36; 11,29%), soprattutto i maschi (M: 16,94%; F: 3,68%) il calcio (36; 11,29%), soprattutto i maschi (M: 16,94%; F: 3,68%) la pallavolo (17; 5,33%), soprattutto le bambine (F: 9,56%; M: 2,19%) la pallavolo (17; 5,33%), soprattutto le bambine (F: 9,56%; M: 2,19%) il basket (12; 3,76%) scelto maggiormente dai bambini (M: 4,92%; F: 2,21%) il basket (12; 3,76%) scelto maggiormente dai bambini (M: 4,92%; F: 2,21%) e la danza: classica, moderna, break dance, rap (11; 3,45%), scelta soprattutto dalle bambine (F: 6,62%; M: 1,09%). e la danza: classica, moderna, break dance, rap (11; 3,45%), scelta soprattutto dalle bambine (F: 6,62%; M: 1,09%). Item 1 – Quali sono i tuoi giochi preferiti? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

7 Più o meno la stessa frequenza degli sport vengono citati i giochi di movimento come nascondino (16; 5,02%) soprattutto le bambine (F: 6,62%; M: 3,28%) nascondino (16; 5,02%) soprattutto le bambine (F: 6,62%; M: 3,28%) acchiapparello (12; 3,76) soprattutto i bambini (M: 4,92%; F: 2,21%). acchiapparello (12; 3,76) soprattutto i bambini (M: 4,92%; F: 2,21%). tocco fulmine (11; 3,45%) e giochi con la corda (8; 2,51%) in particolare le bambine (F: 5,88%; M: 0%) tocco fulmine (11; 3,45%) e giochi con la corda (8; 2,51%) in particolare le bambine (F: 5,88%; M: 0%) o da fare comunque all’aria aperta tipo campana-pindaco (8; 2,51%, correre, fare acrobazie, cavalcare (7; 2,19) o da fare comunque all’aria aperta tipo campana-pindaco (8; 2,51%, correre, fare acrobazie, cavalcare (7; 2,19) Troviamo poi da un lato i giochi a forte connotazione maschile che vengono effettivamente citati maggiormente dai bambini e cioè: macchinine/pista/elicotteri (M: 4,92%; F: 1,47%) macchinine/pista/elicotteri (M: 4,92%; F: 1,47%) combattere/lottare/fare la guerra (M: 3,83%; F: 0%) combattere/lottare/fare la guerra (M: 3,83%; F: 0%) e dall’altro i giochi a connotazione femminile che vengono invece citati solo dalle bambine e cioè: bambole/barbie/violetta (F: 5,88%; M: 0%) bambole/barbie/violetta (F: 5,88%; M: 0%) giocare a fare la maestra/a mamma e figlia ecc. (F: 3,68%; M: 0%) giocare a fare la maestra/a mamma e figlia ecc. (F: 3,68%; M: 0%) giocare alla parrucchiera/a farsi le unghie/a truccarsi (F: 2,94%; M: 0%) giocare alla parrucchiera/a farsi le unghie/a truccarsi (F: 2,94%; M: 0%) cucire/lavorare a maglia o a uncinetto/cucinare (F: 1,47%; M: 0%). cucire/lavorare a maglia o a uncinetto/cucinare (F: 1,47%; M: 0%). Item 1 – Quali sono i tuoi giochi preferiti? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

8 Giochi da maschio Tra i giochi che vengono definiti da maschio troviamo il calcio e il giocare a pallone (60; 19,29%) considerato maschile soprattutto dalle bambine (F: 21,24%; M: 18,18%) il calcio e il giocare a pallone (60; 19,29%) considerato maschile soprattutto dalle bambine (F: 21,24%; M: 18,18%) i giochi elettronici (59; 18,97%) ritenuti invece maschili soprattutto dai bambini (M: 23,74%; F: 10,62%). i giochi elettronici (59; 18,97%) ritenuti invece maschili soprattutto dai bambini (M: 23,74%; F: 10,62%). il basket (30; 9,65%) considerato maschile soprattutto dalle bambine (F: 11,5%; M: 8,59%) il basket (30; 9,65%) considerato maschile soprattutto dalle bambine (F: 11,5%; M: 8,59%) macchinine/aerei telecomandati/pista/auto/mini moto (24, 7,72%) considerati da maschio soprattutto dalle bambine (F: 11,5%; M: 5,56%) macchinine/aerei telecomandati/pista/auto/mini moto (24, 7,72%) considerati da maschio soprattutto dalle bambine (F: 11,5%; M: 5,56%) combattimenti/lottare/pugilato/pistole (20; 6,43%) considerati invece maschili soprattutto dai bambini (M: 8,08%; F: 3,54%). combattimenti/lottare/pugilato/pistole (20; 6,43%) considerati invece maschili soprattutto dai bambini (M: 8,08%; F: 3,54%). Inoltre come giochi maschili le bambine citano anche in percentuali maggiori rispetto ai bambini pokemon/dragon ball/supereroi (F: 6,19%; M: 0,51%) e Power rangers /Ben ten/Goku/Spiderman (F: 6,19%; maschi: 0%). Va infine rilevata la risposta di una bambina di terza che ha sostenuto che nei giochi non ci sono differenze tra maschi e femmine. Item 2 – Quali sono i giochi definiti da femmina e quali quelli definiti da maschio? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

9 Giochi da femmina Tra i giochi che vengono invece definiti da femmina troviamo le bambole come Barbie, Winxs e Violetta (63; 26,81%) citate soprattutto dai bambini (M: 29,93%; F: 22,45%) le bambole come Barbie, Winxs e Violetta (63; 26,81%) citate soprattutto dai bambini (M: 29,93%; F: 22,45%) danza e ballo (30; 12,77%) anche questa citata maggiormente dai bambini (M: 14,6%; F: 10,20%) danza e ballo (30; 12,77%) anche questa citata maggiormente dai bambini (M: 14,6%; F: 10,20%) giocare a fare la parrucchiera, a fare le unghie, a truccarsi e pettinarsi (26; 11,06%) citate invece in percentuali maggiori dalle bambine (F: 16,33%; M: 7,39%) giocare a fare la parrucchiera, a fare le unghie, a truccarsi e pettinarsi (26; 11,06%) citate invece in percentuali maggiori dalle bambine (F: 16,33%; M: 7,39%) la pallavolo (16; 6,81), citata in percentuali simili da bambini e bambine (M: 7,30%; F: 6,12%). la pallavolo (16; 6,81), citata in percentuali simili da bambini e bambine (M: 7,30%; F: 6,12%). Infine sono presenti 4 alunni (1 bambina di terza, 2 bambini e 1 bambina di quinta) che ritengono che non ci siano differenze tra giochi da maschi e da femmine. Item 2 – Quali sono i giochi definiti da femmina e quali quelli definiti da maschio? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

10 Il 50,77% dei bambini (55% maschi e 46% femmine) ha affermato che ci sono dei maschi che vorrebbero fare giochi da femmina ma non lo fanno per diverse motivazioni. Principalmente ritengono che non lo facciano perché: hanno vergogna, si sentono ridicoli e non vogliono essere giudicati (27,59%), hanno vergogna, si sentono ridicoli e non vogliono essere giudicati (27,59%), pensano che i giochi da femmina debbano usarli solo le femmine, o che alcuni giochi siano troppo femminili e ancora che le bambine siano diverse dai bambini (13,79%). pensano che i giochi da femmina debbano usarli solo le femmine, o che alcuni giochi siano troppo femminili e ancora che le bambine siano diverse dai bambini (13,79%). Come ulteriori motivazioni poi troviamo: perché altrimenti verrebbero presi in giro (6,90%) perché altrimenti verrebbero presi in giro (6,90%) perché potrebbe essere imbarazzante / perché hanno una dignità (5,17%) perché potrebbe essere imbarazzante / perché hanno una dignità (5,17%) perché i giochi da femmina si fanno da piccoli (5,17%). perché i giochi da femmina si fanno da piccoli (5,17%). Item 3 – Secondo te, ci sono dei maschi che vorrebbero giocare con giochi da femmina? giocare con giochi da femmina? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

11 Alla domanda opposta il 60,42% degli alunni ha risposto che ci sono femmine che vorrebbero fare giochi da maschi ma anche in questo caso non lo fanno soprattutto perché hanno vergogna, si sentono in imbarazzo, hanno paura di essere prese in giro (40,38%) hanno vergogna, si sentono in imbarazzo, hanno paura di essere prese in giro (40,38%) pensano che certi giochi siano da maschi e non da femmine (7,69%). pensano che certi giochi siano da maschi e non da femmine (7,69%). Tra le altre motivazioni che vengono fornite troviamo: l’idea che in certi giochi ci vuole forza, che non si vogliono fare male (3,84%) e anche che i maschi non le vogliono (1,92%) l’idea che in certi giochi ci vuole forza, che non si vogliono fare male (3,84%) e anche che i maschi non le vogliono (1,92%) Infine, c’è anche chi dice che a certe bambine piace fare i giochi da maschi ma non vogliono ammetterlo (1,92%) Item 4 – Secondo te, ci sono delle femmine che vorrebbero giocare con giochi da maschio? giocare con giochi da maschio? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

12 A questa domanda il 65,85% dei maschi ha risposto che preferisce giocare con i bambini dello stesso sesso, soprattutto i bambini più piccoli: terza 88,89% terza 88,89% quarta 75% quarta 75% quinta 54,17%. quinta 54,17%. Da rilevare la presenza di un bambino di quinta che ha affermato di preferire giocare con le femmine, risposta questa che si ritrova poi anche in quelle date dallo stesso bambino agli item dal 6 al 9 che confermano questa sua preferenza. Le bambine invece hanno sostenuto di preferire giocare con i compagni di entrambi i sessi (72%), in particolare quelle di quinta (81,82%) e di terza (71,43%). La percentuale di bambine che preferiscono giocare con coetanee dello stesso sesso è pari invece al 24%. Anche in questo caso, è presente una bambina di terza che ha sostenuto che preferisce giocare con i maschi. Item 5 – Con chi preferisci giocare? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

13 La maggior parte delle risposte dei bambini e delle bambine è incentrata su caratteristiche tradizionalmente riferite alla figura maschile, come la forza e la resistenza fisica (16; 12,90%). In particolare i bambini sostengono di apprezzare dei maschi soprattutto la forza e la resistenza fisica (M: 16,46%; F: 6,67%) la forza e la resistenza fisica (M: 16,46%; F: 6,67%) l’essere veloci (M: 12,66%; F: 2,22%) l’essere veloci (M: 12,66%; F: 2,22%) Le bambine invece considerano i maschi prevalentemente: simpatici e scherzosi (F: 15,56%; M: 3,80%), simpatici e scherzosi (F: 15,56%; M: 3,80%), movimentati (F: 13,33%; M: 1,27%) movimentati (F: 13,33%; M: 1,27%) spiritosi e divertenti (F: 15,56%; M: 3,80%). spiritosi e divertenti (F: 15,56%; M: 3,80%). Infine, sia le bambine che i bambini citano come qualità interessante dei maschi l’essere bravi a giocare a calcio (M: 6,33%: F: 6,67%) Item 6 – Che cosa ti piace dei maschi e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

14 Tra le risposte interessanti che sono state date a questo item e che confermano numerosi stereotipi sulle caratteristiche maschili e femminili sono: Che sanno picchiare (maschio di terza) Che sanno picchiare (maschio di terza) Che non mi tradiscono (maschio di terza) Che non mi tradiscono (maschio di terza) Certi sono carini, mi piace quando ci difendono (femmina di quarta) Certi sono carini, mi piace quando ci difendono (femmina di quarta) Non mi piace niente perché sono troppo movimentati (maschio di quinta) Non mi piace niente perché sono troppo movimentati (maschio di quinta) Che sono più sinceri e le cose te le dicono in faccia (maschio di quinta) Che sono più sinceri e le cose te le dicono in faccia (maschio di quinta) A me piace di più essere maschio perché ci sono giochi più fighi (maschio di quinta) A me piace di più essere maschio perché ci sono giochi più fighi (maschio di quinta) Che non sono pettegoli (maschio di quinta) Che non sono pettegoli (maschio di quinta) Item 6 – Che cosa ti piace dei maschi e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

15 Ci sono però anche delle risposte contrarie agli stereotipi tradizionali espresse sia direttamente dai maschi come il bambino di quinta che afferma ”A me i maschi non piacciono come si comportano e i giochi che fanno” ”A me i maschi non piacciono come si comportano e i giochi che fanno” ma soprattutto dalle bambine, che sostengono per esempio di gradire dei maschi: Che sono gentili e aiutano le persone (femmine di terza e di quarta) Che sono gentili e aiutano le persone (femmine di terza e di quarta) Che ti parlano e che ci sono certi maschi che giocano con le femmine (femmina di quinta) Che ti parlano e che ci sono certi maschi che giocano con le femmine (femmina di quinta) A me piace giocare con F. e L., non mi interessa se sono maschi, loro sono simpatici, corrono, saltano, tipo F. che balla con noi femmine, è per questo che mi piace come maschio (femmina di quinta) A me piace giocare con F. e L., non mi interessa se sono maschi, loro sono simpatici, corrono, saltano, tipo F. che balla con noi femmine, è per questo che mi piace come maschio (femmina di quinta) Item 6 – Che cosa ti piace dei maschi e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

16 Anche in questo item le percentuali più alte di ciò che è maggiormente apprezzato nelle femmine rispecchia gli stereotipi tradizionali. La maggior parte dei bambini infatti afferma di apprezzare le femmine per la bellezza (19; 17,76%) soprattutto i bambini (M: 22,64%; F: 12,50%) per la bellezza (19; 17,76%) soprattutto i bambini (M: 22,64%; F: 12,50%) per la gentilezza (14; 13,08%) e l’eleganza (9; 8,41%), in particolare le bambine (17,86% e 10,71% vs 11,32% e 5,66% dei maschi). per la gentilezza (14; 13,08%) e l’eleganza (9; 8,41%), in particolare le bambine (17,86% e 10,71% vs 11,32% e 5,66% dei maschi). Ci sono poi 9 bambini, prevalentemente di quinta (5) che affermano che delle femmine non gli piace niente (16,98%). Le altre doti piacevoli attribuite alle bambine, sempre in linea con gli stereotipi di genere sono: l’essere buone, brave, dolci (9, 8,41%) l’essere buone, brave, dolci (9, 8,41%) simpatiche e amichevoli (8; 7,48%) simpatiche e amichevoli (8; 7,48%) calme e tranquille (6; 5,61%). calme e tranquille (6; 5,61%). Item 7 – Che cosa ti piace delle femmine e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

17 Le frasi più curiose e particolari dette dai bambini rispetto alle caratteristiche positive delle femmine sono: Perché sono gentili e tifose di noi maschi (maschio di quarta) Perché sono gentili e tifose di noi maschi (maschio di quarta) Sono gracili e noi le proteggiamo (maschio di quinta) Sono gracili e noi le proteggiamo (maschio di quinta) Sanno cucinare / cucinano bene (maschio rumeno di quarta) Sanno cucinare / cucinano bene (maschio rumeno di quarta) Mi piace che sono molto peperute come me (femmina di quinta) Mi piace che sono molto peperute come me (femmina di quinta) Sono sentimentali, ti capiscono, sono simpatiche e amichevoli, comprensive anche con i maschi e proteggono le loro amiche (femmina di quinta) Sono sentimentali, ti capiscono, sono simpatiche e amichevoli, comprensive anche con i maschi e proteggono le loro amiche (femmina di quinta) Delle femmine mi piace quando sono tranquille, quando non litigano e lasciano perdere gli sciocchi (maschio di quinta) Delle femmine mi piace quando sono tranquille, quando non litigano e lasciano perdere gli sciocchi (maschio di quinta) Item 7 – Che cosa ti piace delle femmine e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

18 Tra gli aspetti che invece che vengono apprezzati di meno dei maschi troviamo il fatto che sono violenti, a volte picchiano, alzano le mani, sono prepotenti ecc. (16; 19,51%), risposta data prevalentemente dai bambini (M: 22,22%; F: 16,22%) sono violenti, a volte picchiano, alzano le mani, sono prepotenti ecc. (16; 19,51%), risposta data prevalentemente dai bambini (M: 22,22%; F: 16,22%) sono monelli, cattivi e aggressivi (13; 15,85%), risposta data invece maggiormente dalle bambine (F: 27,03%; M: 6,67%) sono monelli, cattivi e aggressivi (13; 15,85%), risposta data invece maggiormente dalle bambine (F: 27,03%; M: 6,67%) scocciano, disturbano, danno fastidio (11; 13,41% / M: 15,56%; F: 10,81%) scocciano, disturbano, danno fastidio (11; 13,41% / M: 15,56%; F: 10,81%) Troviamo poi l’essere scortesi e il comportarsi in modo antipatico (8; 9,76%) citati in misura più o meno simile dai bambini e dalle bambine (M: 8,89%; F: 10,81%) l’essere scortesi e il comportarsi in modo antipatico (8; 9,76%) citati in misura più o meno simile dai bambini e dalle bambine (M: 8,89%; F: 10,81%) il parlare male, litigare, dire parolacce (6; 7,32%) citato maggiormente dai bambini (M: 8,89%; F: 5,41%) il parlare male, litigare, dire parolacce (6; 7,32%) citato maggiormente dai bambini (M: 8,89%; F: 5,41%) Item 8 – Cosa non ti piace dei maschi e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

19 Tra le risposte interessanti fornite a questo item troviamo: Non mi piace quando alzano le mani (femmina di terza) Non mi piace quando alzano le mani (femmina di terza) Giudicano le femmine, tipo lo sport che fanno le femmine (femmina di quarta) Giudicano le femmine, tipo lo sport che fanno le femmine (femmina di quarta) Sono vendicativi, a volte non rispettano le regole (maschio di quarta) Sono vendicativi, a volte non rispettano le regole (maschio di quarta) Perché a volte ricattano, imbrogliano e dicono bugie (maschio di quarta) Perché a volte ricattano, imbrogliano e dicono bugie (maschio di quarta) Perché sono sporcaccioni (maschio di quarta) Perché sono sporcaccioni (maschio di quarta) Quello che non mi piace dei maschi è che fanno giochi stupidi e faticosi come il calcio e poi una cosa proprio brutta è che sono violenti io no (maschio di quinta) Quello che non mi piace dei maschi è che fanno giochi stupidi e faticosi come il calcio e poi una cosa proprio brutta è che sono violenti io no (maschio di quinta) Quando fanno giochi stupidi (maschio di quinta) Quando fanno giochi stupidi (maschio di quinta) Usano troppo la violenza perché a volte si possono usare perché è natura però non siamo animali, abbiamo bocca per chiarirci e poi perché alcuni se la prendono con i più deboli e questo mi irrita (maschio di quinta). Usano troppo la violenza perché a volte si possono usare perché è natura però non siamo animali, abbiamo bocca per chiarirci e poi perché alcuni se la prendono con i più deboli e questo mi irrita (maschio di quinta). Da segnalare poi la risposta di 2 bambini di quinta “Molti sono dolci e gli piacciono le cose da ragazze” citata in modo ironico per giudicare negativamente questi compagni. Item 8 – Cosa non ti piace dei maschi e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

20 Gli aspetti meno apprezzati delle bambine invece sono la vanità e la presunzione (12; 16%) che infastidisce più le femmine (33,33%) che i maschi (6,25%) ma anche la vanità e la presunzione (12; 16%) che infastidisce più le femmine (33,33%) che i maschi (6,25%) ma anche l’aggressività (11; 14,67%) citate in misura simile dai bambini e dalle bambine (M:14,58%; F: 14,81%). l’aggressività (11; 14,67%) citate in misura simile dai bambini e dalle bambine (M:14,58%; F: 14,81%). Per contro ci sono ben 10 alunni/e (6 bambine e 4 bambini) che sostengono di apprezzare tutto delle femmine e cioè come giocano, a cosa giocano ecc. I bambini invece sembrano non apprezzare il fatto che spesso le femmine scoccino, li disturbino e non li lascino in pace (5; 10,42%) e le femmine scoccino, li disturbino e non li lascino in pace (5; 10,42%) e ancora che litigano facilmente (3; 6,25%), ancora che litigano facilmente (3; 6,25%), chiacchierano troppo (3; 6,25%), chiacchierano troppo (3; 6,25%), sono spinette, capricciose e fanno i dispetti (3; 6,25%). sono spinette, capricciose e fanno i dispetti (3; 6,25%). Item 9 – Cosa non ti piace delle femmine e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

21 Tra le risposte curiose e particolari date a questo item troviamo: A volte tradiscono, vanno con le altre (femmine di terza) A volte tradiscono, vanno con le altre (femmine di terza) Quando fanno preferenze (femmine di terza) Quando fanno preferenze (femmine di terza) Il loro egoismo, perché sono egoiste (maschio di quarta) Il loro egoismo, perché sono egoiste (maschio di quarta) Si cambiano spesso, indossano una cosa e non le piace, ne indossano un'altra e non le piace lo stesso (femmine di quarta) Si cambiano spesso, indossano una cosa e non le piace, ne indossano un'altra e non le piace lo stesso (femmine di quarta) Non mi piace delle femmine che urlano perché vogliono le cose con la forza (maschio di quinta) Non mi piace delle femmine che urlano perché vogliono le cose con la forza (maschio di quinta) Non fanno giocare a nessuno e litigano e rompono le amicizie, come L. e M. litigano sempre e rompono l'amicizia (maschio di quinta) Non fanno giocare a nessuno e litigano e rompono le amicizie, come L. e M. litigano sempre e rompono l'amicizia (maschio di quinta) Si arrabbiano subito e cercano qualcuno per difendersi (maschio di quinta) Si arrabbiano subito e cercano qualcuno per difendersi (maschio di quinta) Molte volte si ribellano ai nostri diritti e fanno come dicono loro / Molte volte si ribellano al nostro potere (maschi di quinta) Molte volte si ribellano ai nostri diritti e fanno come dicono loro / Molte volte si ribellano al nostro potere (maschi di quinta) A volte sono vanitose, si tingono i capelli quando sono ancora piccole, si fanno i pearsing (femmine di quinta) A volte sono vanitose, si tingono i capelli quando sono ancora piccole, si fanno i pearsing (femmine di quinta) Non mi piace che vogliano diventare adulte prima del tempo colorandosi i capelli e mostrando un atteggiamento autoritario (femmine di quinta) Non mi piace che vogliano diventare adulte prima del tempo colorandosi i capelli e mostrando un atteggiamento autoritario (femmine di quinta) Significativa per evidenziare la diversità tra maschi e femmine è la risposta di un bambino di terza che dice “Sono incomprensibili”. Item 9 – Cosa non ti piace delle femmine e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

22 RISULTATI 2 parte del questionario AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

23 Poiché la maggior parte delle mamme degli alunni che hanno partecipato alla ricerca non lavora, i bambini hanno evidenziato i vantaggi che il non lavorare della madre ha per loro e cioè in primo luogo la casa è sempre pulita e ordinata (15; 28,30%) la casa è sempre pulita e ordinata (15; 28,30%) può cucinare e preparare cose buone (7; 13,21%) può cucinare e preparare cose buone (7; 13,21%) ha più tempo libero da trascorrere con loro (6; 11,32%). ha più tempo libero da trascorrere con loro (6; 11,32%). Riguardo invece ai casi in cui le madri lavorano ci sono stati 6 bambini (12,5%) che hanno sostenuto che apprezzano il poter andare a lavoro con lei e 6 bambini (12,5%) che hanno sostenuto che apprezzano il poter andare a lavoro con lei e 5 bambini (9,43%) che hanno affermato che ciò che gli piaceva di più del lavoro delle madri era il fatto che aiutassero delle persone anziane o ammalate. 5 bambini (9,43%) che hanno affermato che ciò che gli piaceva di più del lavoro delle madri era il fatto che aiutassero delle persone anziane o ammalate. Per il resto le risposte date dai singoli bambini sono state molto variegate, per esempio: rientra presto, mi protegge, guadagna tanto, ha conosciuto diverse persone ecc. rientra presto, mi protegge, guadagna tanto, ha conosciuto diverse persone ecc. Item 1A – Cosa ti piace del lavoro della tua mamma? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

24 Le risposte prevalenti dei bambini rispetto agli aspetti meno piacevoli del lavoro materno (casalingo o esterno) sono legati a: la preoccupazione per il troppo lavoro svolto dalla madre che finisce per affaticarla troppo, farla tornare a casa stanca o pallida (11; 31,43%), preoccupazione espressa soprattutto dai maschi (41,18% rispetto al 22,22% delle femmine). la preoccupazione per il troppo lavoro svolto dalla madre che finisce per affaticarla troppo, farla tornare a casa stanca o pallida (11; 31,43%), preoccupazione espressa soprattutto dai maschi (41,18% rispetto al 22,22% delle femmine). che rientra tardi da lavoro e di conseguenza trascorre poco tempo con loro (10; 28,57%). che rientra tardi da lavoro e di conseguenza trascorre poco tempo con loro (10; 28,57%). Seguono gli aspetti legati al guadagno e cioè che guadagna poco, a volte non le danno i soldi, non ha un lavoro fisso (3; 8,57% espresso solo dalle bambine) e il fatto che talvolta viene trattata male sul posto di lavoro (2; 5,71% espresso solo dai maschi). Relativamente alle mamme casalinghe troviamo, infine, 2 bambine (5,71%) che affermano di non apprezzare il fatto che la propria madre stia sempre in casa e non esca per conoscere nuove colleghe. Item 1B – Cosa non ti piace del lavoro della tua mamma? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

25 A questa domanda non hanno risposto 13 alunni/e poiché 6 di loro non hanno più il padre e 7 hanno un padre che non lavora. Ci sono stati poi 6 bambini (11,32%) soprattutto maschi che hanno riportato solo il lavoro svolto dal padre: sarto, fruttivendolo, magazziniere, pescatore, elettricista ecc. La maggior parte dei bambini invece ha affermato di gradire tutto (o quasi tutto) del lavoro paterno (10; 18,97%), soprattutto le bambine (25% rispetto al 15,15% dei maschi). Seguono con la stessa percentuale (9; 16,98%) le risposte legate ai vantaggi diretti che ne derivano per la famiglia dal lavoro del padre mi piace che va a pescare e porta granchi o pesci buoni; che posso mangiare tante arselle e pasta con i ricci; che porta la carne dalla macelleria o porta frutta buona; che fa i dolci o le pizze buone ecc. mi piace che va a pescare e porta granchi o pesci buoni; che posso mangiare tante arselle e pasta con i ricci; che porta la carne dalla macelleria o porta frutta buona; che fa i dolci o le pizze buone ecc. o i vantaggi legati all’utilità generale del lavoro paterno mi piace che costruisce le case; che lava le macchine; evita che rubino; perché così le strade sono pulite e così via. mi piace che costruisce le case; che lava le macchine; evita che rubino; perché così le strade sono pulite e così via. Item 2A – Cosa ti piace del lavoro di tuo padre? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

26 Troviamo poi le risposte in cui i bambini dimostrano di essere contenti perché il lavoro permette al padre di guadagnare e di conseguenza anche di comprare loro delle cose o dei giochi (5; 9,43%) e il lavoro permette al padre di guadagnare e di conseguenza anche di comprare loro delle cose o dei giochi (5; 9,43%) e di poter andare anche loro sul posto di lavoro del padre (4; 7,55%). di poter andare anche loro sul posto di lavoro del padre (4; 7,55%). Ci sono poi 2 bambini che sottolineano il fatto di poter imparare qualcosa dal lavoro del padre (3,77%): “mio padre fa l'avvocato e mi piace perché imparo un sacco di cose e conosco tanti amici” (maschio di quinta) “mio padre fa l'avvocato e mi piace perché imparo un sacco di cose e conosco tanti amici” (maschio di quinta) “mi piace ascoltare le cose interessanti sulle barche” (maschi di quinta). “mi piace ascoltare le cose interessanti sulle barche” (maschi di quinta). Infine, tra le risposte curiose date dai singoli bambini troviamo “sono fiera del lavoro di papà perché a lui piace il suo lavoro e questo è importante” (femmina di terza). “sono fiera del lavoro di papà perché a lui piace il suo lavoro e questo è importante” (femmina di terza). Item 2A – Cosa ti piace del lavoro di tuo padre? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

27 Tra gli aspetti invece ritenuti meno piacevoli del lavoro paterno vengono citate prevalentemente le numerose ore in cui il padre sta fuori di casa che per i bambini comporta di conseguenza il vederlo poco, lo stare poco insieme e non poter fare delle cose con lui (16; 47,06%). le numerose ore in cui il padre sta fuori di casa che per i bambini comporta di conseguenza il vederlo poco, lo stare poco insieme e non poter fare delle cose con lui (16; 47,06%). A queste risposte vanno poi aggiunte le risposte di 2 bambini (5,88%) che si lamentano per il fatto che il proprio padre lavora fuori e quindi sta lontano da casa a volte anche per parecchi giorni. Seguono le risposte dei bambini che citano come aspetti negativi del lavoro il fatto che a volte il padre si fa male (si punge con l’ago; ogni volta rientra con una ferita nuova ecc.) o si può far male (6; 17,65%). Tra le risposte particolari date dai singoli bambini ve ne sono poi 2 da cui emerge indirettamente il desiderio che il padre possa svolgere un lavoro più interessante o più prestigioso: “non mi piace perché è noioso” (maschio di quinta) “non mi piace perché è noioso” (maschio di quinta) “non mi piace che non è molto importante il ruolo che ha nel battaglione” (maschio di quinta). “non mi piace che non è molto importante il ruolo che ha nel battaglione” (maschio di quinta). Item 2A – Cosa non ti piace del lavoro di tuo padre? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

28 Qui è stato dato un elenco di professioni chiedendo ai bambini di dirci, secondo loro, se erano riferibili al maschio, alla femmina o ad entrambi. In generale, le professioni che sono state maggiormente attribuite ai maschi, sia dai bambine che dalle bambine sono: elettricista: 14,47% (M: 13,79%; F: 15,65%) elettricista: 14,47% (M: 13,79%; F: 15,65%) pilota: 12,89% (M: 12,81%; F: 13,04%) pilota: 12,89% (M: 12,81%; F: 13,04%) vigile urbano: 11,32% (M: 10,34%; F: 13,04%) vigile urbano: 11,32% (M: 10,34%; F: 13,04%) politico: 10,38% citata soprattutto dalle bambine (M: 8,37%; F: 13,91%) politico: 10,38% citata soprattutto dalle bambine (M: 8,37%; F: 13,91%) contadino: 9,12% (M: 8,37%; F: 10,43%) contadino: 9,12% (M: 8,37%; F: 10,43%) autista di autobus: 8,18% (M: 8,37%; F: 7,83%) autista di autobus: 8,18% (M: 8,37%; F: 7,83%) Item 3 – Secondo te, chi può svolgere questi lavori? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

29 I lavori che sono stati invece considerati femminili sono nell’ordine: infermiera: 27,4%, citata soprattutto dai bambini (M: 29,55%; F: 24,14%) infermiera: 27,4%, citata soprattutto dai bambini (M: 29,55%; F: 24,14%) parrucchiera: 16,44% indicata soprattutto dalle bambine (M: 13,64%; F: 20,69%) parrucchiera: 16,44% indicata soprattutto dalle bambine (M: 13,64%; F: 20,69%) insegnante: 12,33% citata soprattutto dai bambini (M: 15,91%; F: 6,9%) insegnante: 12,33% citata soprattutto dai bambini (M: 15,91%; F: 6,9%) segretaria: 12,33% indicata soprattutto dalle bambine (M: 9,09%; F: 17,24%) segretaria: 12,33% indicata soprattutto dalle bambine (M: 9,09%; F: 17,24%) cassiera del supermercato: 10,96% espressa soprattutto dalle bambine (M: 9,09%; F: 13,79%). cassiera del supermercato: 10,96% espressa soprattutto dalle bambine (M: 9,09%; F: 13,79%). Nell’insieme dunque i bambini e le bambine sembrano pensarla in modo simile anche se gli stereotipi di ruolo sembrano influenzare leggermente di più le bambine dei bambini. Item 3 – Secondo te, chi può svolgere questi lavori? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

30 Rispetto al lavoro da fare da grande sono state citate numerose professioni di vario genere, che vanno da lavori meno qualificati come lo spazzino a lavori più prestigiosi come l’avvocato, il giudice fino ad arrivare al “presidente mondiale”. In generale comunque i bambini e le bambine hanno espresso preferenze diverse. Tra i maschi infatti emerge il desiderio di fare il calciatore (16,95%) non solo perché gli piace giocare a calcio ma anche e soprattutto per diventare famoso e guadagnare molti soldi. il calciatore (16,95%) non solo perché gli piace giocare a calcio ma anche e soprattutto per diventare famoso e guadagnare molti soldi. il poliziotto (13,56%) per poter proteggere la città, aiutare le persone e arrestare i cattivi, il poliziotto (13,56%) per poter proteggere la città, aiutare le persone e arrestare i cattivi, i mestieri legati alla passione per cucina come il pizzaiolo o il pasticciere (6,78%) perché piace e per seguire le tradizioni familiari i mestieri legati alla passione per cucina come il pizzaiolo o il pasticciere (6,78%) perché piace e per seguire le tradizioni familiari il militare (5,08%) per poter andare in guerra. il militare (5,08%) per poter andare in guerra. Troviamo poi delle risposte curiose e cioè il desiderio di diventare scienziato (5,08%) adducendo motivazioni tipo “perché sono pazzo, invento la macchina del tempo, faccio esperimenti e faccio il cane parlante”. Item 4 – Da grande che lavoro vorresti fare e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

31 Tra i mestieri citati invece dalla maggior parte delle femmine troviamo: la parrucchiera (18,75%) perché lo considerano un lavoro divertente e perché a loro piace fare le pettinature, lavare i capelli, fare la tinta la parrucchiera (18,75%) perché lo considerano un lavoro divertente e perché a loro piace fare le pettinature, lavare i capelli, fare la tinta l’estetista (15,63) per gli stessi motivi e cioè perché è divertente e piacevole fare le unghie e truccare le persone. l’estetista (15,63) per gli stessi motivi e cioè perché è divertente e piacevole fare le unghie e truccare le persone.Seguono la veterinaria (15,63%) per poter stare a contatto con gli animali, curarli e prendersi cura di loro la veterinaria (15,63%) per poter stare a contatto con gli animali, curarli e prendersi cura di loro la commessa (9,38%) in un negozio di animali o, come afferma una bambina di quinta, aprendo un “negozio di roba da maschio e da femmina sia da grande che da bambini per poter realizzare il mio sogno” la commessa (9,38%) in un negozio di animali o, come afferma una bambina di quinta, aprendo un “negozio di roba da maschio e da femmina sia da grande che da bambini per poter realizzare il mio sogno” la stilista (9,38%) in generale o di animali dal momento che a queste bambine piacciono gli abiti e vorrebbero disegnare vestiti, anche per cuccioli. la stilista (9,38%) in generale o di animali dal momento che a queste bambine piacciono gli abiti e vorrebbero disegnare vestiti, anche per cuccioli. Item 4 – Da grande che lavoro vorresti fare e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

32 A questa domanda, rispetto alla precedente hanno risposto meno bambini e anche la tipologia delle risposte è minore. Tra i lavori non graditi troviamo le forze dell’ordine (poliziotto o carabiniere) sia per le femmine (14,81%) che per i maschi (14%) perché è un mestiere violento e pericoloso e c’è il rischio di morire ma anche perché i bambini sostengono che i poliziotti vengono presi in giro. le forze dell’ordine (poliziotto o carabiniere) sia per le femmine (14,81%) che per i maschi (14%) perché è un mestiere violento e pericoloso e c’è il rischio di morire ma anche perché i bambini sostengono che i poliziotti vengono presi in giro. il maestro o l’insegnante (14%) citato soprattutto dai maschi “per non dover tornare a scuola”, “per non sgolarsi” e perché “non mi piacerebbe impazzire con i bambini come la mia maestra” (maschio di quinta). il maestro o l’insegnante (14%) citato soprattutto dai maschi “per non dover tornare a scuola”, “per non sgolarsi” e perché “non mi piacerebbe impazzire con i bambini come la mia maestra” (maschio di quinta). la veterinaria (11,11%) citato soprattutto dalle bambine sia per non vedere soffrire gli animali che perché alcuni animali sono schifosi la veterinaria (11,11%) citato soprattutto dalle bambine sia per non vedere soffrire gli animali che perché alcuni animali sono schifosi la dottoressa (11,11%) perché dà sensazioni strane e per non vedere troppo sangue e organi. la dottoressa (11,11%) perché dà sensazioni strane e per non vedere troppo sangue e organi. i mestieri legati alla ristorazione e cioè il cuoco (8%) non graditi dai maschi perché non amano cucinare e per non sentire gli odori ma anche pizzaiolo, panettiere, pasticciere (8%) che sono stati raggruppati in un’unica categoria. i mestieri legati alla ristorazione e cioè il cuoco (8%) non graditi dai maschi perché non amano cucinare e per non sentire gli odori ma anche pizzaiolo, panettiere, pasticciere (8%) che sono stati raggruppati in un’unica categoria. il venditore o commesso (6%) perché ritengono sia faticoso e noioso stare ad aspettare il cliente. il venditore o commesso (6%) perché ritengono sia faticoso e noioso stare ad aspettare il cliente. Item 5 – Da grande che lavoro NON vorresti fare e perché? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

33 In questo item ha risposto di SI la maggioranza dei bambini e delle bambine (84,85%) con percentuali però superiori per le femmine (92%) rispetto ai maschi (80,49%). Le motivazioni sono state numerose e di vario tipo: alcuni hanno sottolineato il fatto che maschi e femmine sono uguali, che non ci sono molte differenze, che non esistono lavori da maschio e lavori da femmina ma tutti possono fare il lavoro che vogliono alcuni hanno sottolineato il fatto che maschi e femmine sono uguali, che non ci sono molte differenze, che non esistono lavori da maschio e lavori da femmina ma tutti possono fare il lavoro che vogliono altri hanno posto maggiormente l’accento sul fatto che le persone devono poter scegliere il lavoro che più gli piace a seconda dei loro gusti altri hanno posto maggiormente l’accento sul fatto che le persone devono poter scegliere il lavoro che più gli piace a seconda dei loro gusti altri ancora che non ci sono differenze perché tutti hanno gli stessi diritti e “non c’è una legge che dice che maschi e femmine non possono fare gli stessi lavori” (femmina di quinta). altri ancora che non ci sono differenze perché tutti hanno gli stessi diritti e “non c’è una legge che dice che maschi e femmine non possono fare gli stessi lavori” (femmina di quinta). Tra le motivazioni che spiegano invece perché i maschi e le femmine NO n possono svolgere gli stessi lavori troviamo l’idea che alcuni lavori possano essere svolti da entrambi ma non tutti poiché vi sono mestieri che svolgono solo le femmine perché più adatti a loro e vi sono mestieri che svolgono solo le femmine perché più adatti a loro e ce ne sono altri che è preferibile che vengano svolti dai maschi (per esempio: “magari c’è un lavoro pericoloso che alle donne non lo fanno fare e il presidente d’Italia preferiscono farlo fare ai maschi” (maschio di quinta) ce ne sono altri che è preferibile che vengano svolti dai maschi (per esempio: “magari c’è un lavoro pericoloso che alle donne non lo fanno fare e il presidente d’Italia preferiscono farlo fare ai maschi” (maschio di quinta) Item 6 – I maschie le femmine possono fare gli stessi lavori? AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

34 Dall’analisi effettuata attraverso la somministrazione del questionario nella scuola in cui è stato realizzato il progetto emerge che sono presenti immagini stereotipate del genere maschile e femminile relativamente a: le caratteristiche attribuite ai due sessi le caratteristiche attribuite ai due sessi i giochi e i giocattoli i giochi e i giocattoli le rappresentazioni delle professioni. le rappresentazioni delle professioni. Rispetto agli sport e ai giochi preferiti dai bambini si rileva infatti una suddivisione tra giochi e sport maschili (calcio, basket, macchinine, combattimenti ecc.) e maschili (calcio, basket, macchinine, combattimenti ecc.) e femminili (pallavolo, danza, bambole, giocare alla maestra, alla parrucchiera ecc.). femminili (pallavolo, danza, bambole, giocare alla maestra, alla parrucchiera ecc.). Emerge comunque la voglia di esplorare anche il mondo dell’altro. Sia i bambini che le bambine sostengono infatti che giocherebbero anche con giochi tradizionalmente considerati tipici dell’altro sesso, ma spesso non lo fanno per vergogna o per paura di sentirsi ridicoli e di essere presi in giro. Emerge comunque la voglia di esplorare anche il mondo dell’altro. Sia i bambini che le bambine sostengono infatti che giocherebbero anche con giochi tradizionalmente considerati tipici dell’altro sesso, ma spesso non lo fanno per vergogna o per paura di sentirsi ridicoli e di essere presi in giro. Per quanto concerne invece l’immagine che i/le bambini/e hanno dei due sessi, dai questionari emerge come ciò che viene apprezzato di più nei maschi è la forza, la resistenza fisica e la velocità, anche se molti/e bambini/e affermano di gradire quando sono simpatici, scherzosi e divertenti e al contrario di non apprezzare quando sono troppo movimentati e/o violenti. CONCLUSIONI AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

35 Anche l’immagine femminile che emerge dai questionari presenta le caratterizzazioni tipiche di genere. Ciò che viene infatti apprezzato maggiormente è la bellezza, la gentilezza, l’eleganza ma anche la bellezza, la gentilezza, l’eleganza ma anche l’essere buone, dolci, amichevoli, calme e tranquille. l’essere buone, dolci, amichevoli, calme e tranquille. Va però rilevato il rifiuto non solo di caratteristiche portate all’eccesso sia quelle che solitamente sono considerate femminili, come la vanità, sia quelle che solitamente sono considerate femminili, come la vanità, sia quelle attribuite solitamente ai maschi come l’aggressività che iniziano ad aumentare anche nelle bambine. sia quelle attribuite solitamente ai maschi come l’aggressività che iniziano ad aumentare anche nelle bambine. In alcuni casi si evidenzia inoltre l’idea di fragilità della figura femminile per supplire alla quale occorre far riferimento ai maschi espressa sia dalle bambine (“dei maschi mi piace quando ci difendono”) ma anche dai bambini (“sono gracili e noi le proteggiamo”). Tale idea la si ritrova anche nelle preoccupazioni espresse dai/dalle bambini/e quando parlano delle madri che lavorano e si stancano troppo o quando i bambini evidenziano i vantaggi di avere la madre casalinga, vantaggi che confermano gli stereotipi dei ruoli familiari e cioè che la madre debba stare in casa a pulire, cucinare e accudire i bambini. CONCLUSIONI AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS

36 Per quando riguarda le professioni, nonostante nella domanda diretta la maggioranza delle bambine ma anche dei bambini ha sostenuto che maschi e femmine possono fare gli stessi lavori, perché sono uguali, perché hanno gli stessi diritti e perché è giusto facciano ciò che più gli piace, nel caratterizzare poi le professioni sono emerse visioni stereotipate legate al mondo del lavoro. Le professioni considerate maschili sono infatti l’elettricista, il pilota, il vigile urbano mentre quelle femminili sono quelle più orientate al lavoro di cura come l’infermiera o al lavoro educativo come l’insegnante o ancora legate in qualche modo all’immagine di bellezza che la donna deve mantenere nella società come la parrucchiera. Quest’ultima professione, insieme a quella di estetista e di stilista, si ritrova tra l’altro anche nell’elenco dei lavori che le bambine vorrebbero fare da grandi. In conclusione dunque la ricerca evidenzia la presenza di alcuni stereotipi di genere nei bambini della scuola che hanno partecipato al progetto. CONCLUSIONI AGAPE COOPERATIVA SOCIALE ONLUS


Scaricare ppt "REPORT RICERCA PROGETTO “Alla scoperta della differenza” Commissione Pari Opportunità del Comune di Cagliari Istituto F. Ciusa – Cagliari (Anno scolastico."

Presentazioni simili


Annunci Google