La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Un approccio neuroscientifico cognitivo verso i disturbi di apprendimento. Docente di PsicoBiologia e di Psicologia dellAttenzione Università di Genova.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Un approccio neuroscientifico cognitivo verso i disturbi di apprendimento. Docente di PsicoBiologia e di Psicologia dellAttenzione Università di Genova."— Transcript della presentazione:

1 Un approccio neuroscientifico cognitivo verso i disturbi di apprendimento. Docente di PsicoBiologia e di Psicologia dellAttenzione Università di Genova Polo Universitario di ricerca e intervento sui disturbi del linguaggio e dellapprendimento M.T. Bozzo Prof. Francesco Benso Palafiori SanRemo 29 Marzo 2008

2 Disturbi di Apprendimento Il disturbo di lettura

3 Disturbo specifico di lettura: diagnosi La caratteristica fondamentale del Disturbo della lettura è data dal fatto che il livello raggiunto, in precisione, velocità o comprensione della lettura si situa sostanzialmente al di sotto di quanto ci si aspetterebbe data letà cronologica del soggetto, mentre la valutazione psicometrica dellintelligenza e listruzione risultano adeguate alletà. Tale disturbo, inoltre, deve interferire in modo significativo con lapprendimento scolastico o con le attività della vita quotidiana che richiedono capacità di lettura.

4 Diagnosi criteri di inclusione Essi sono: Livello di lettura di due deviazioni standard inferiore alla media Quoziente intellettivo (QI) nella norma,

5 Diagnosi criteri di esclusione Assenza di cause neurologiche e/o sensoriali Interferenza significativa con lapprendimento scolastico e con le attività della vita quotidiana che richiedono capacità di lettura Persistenza del disturbo nonostante listruzione

6 Diagnosi in Italia In base a recenti evidenze sperimentali (Stella Biancardi, 1996) è stato dimostrato che i bambini diagnosticati come dislessici in base alla loro lentezza nella lettura necessitano di maggior tempo per il recupero riabilitativo rispetto a coloro che risultano dislessici in base al numero di errori commessi. Esiste quindi una differenza nel grado di disabilità in base al tipo di indicatori diagnostici utilizzati: gli errori o i tempi di lettura.

7 Diagnosi in Italia Va osservato che la diagnosi di dislessia cambia da paese a paese, cambiano infatti la lingua e le sue strutture ortografiche e fonetiche. In una lingua trasparente come litaliano, dove a una certa serie di lettere corrisponde abbastanza univocamente un certo suono, la diagnosi di dislessia non va eseguita sulla base degli errori commessi, ma in base al tempo di lettura.

8 Diagnosi in Italia Recenti osservazioni di Wimmer (1993) con bambini austriaci, di Stella (2000), di Stella, di Blasi, Giorgetti e Savelli, (2003) e di Tressoldi (1998) con bambini italiani, hanno confermato limportanza critica della verifica dei tempi per la diagnosi dei disturbi di lettura.

9 Prime Riflessioni E molto importante allora conoscere le sillabe al secondo (velocità di lettura) del singolo soggetto. Le sill/s. DOVREBBERO APPARIRE IN CHIARO SU OGNI CARTELLA CLINICA Ciò faciliterebbe la comprensione della vera difficoltà che deve sostenere il Bambino..

10 Estratto da cartella clinica (gentilmente fornito dalla Dott.ssa Sabrina Berriolo) La lettura si trova pienamente nellarea patologica essendo al di sotto della media di ben 3 deviazioni. La bambina legge come si può vedere dai dati in chiaro 0,41 sillabe al secondo mentre i pari età sono già oltre alle 3 sillabe al secondo.

11 Estratto da cartella Clinica (gentilmente fornito dalla Dott.ssa Sabrina Berriolo) Ciò fa immediatamente comprendere come il soggetto in questione necessiti di più di 6 volte del tempo utilizzato dai pari età ed abbia bisogno di una contestualizzazione orale o di una pre lettura del materiale che dovrà leggere.

12 Sempre per quanto riguarda la lettura bisogna valutare che, senza opportuna e costante stimolazione, i soggetti con difficoltà possono guadagnare 0,29 sillabe al secondo lanno; Mentre i normolettori guadagnano circa 0,5 sillabe al secondo allanno (Stella Faggella Tressoldi, 2001).

13 Bisogna, inoltre, tener conto dellinevitabile basso livello di autostima prodotto da questi bambini che vivono questi disagi (si vanno così a modificare ed alterare anche gli aspetti relazionali). Vanno sostenuti attraverso approcci delicati e pacati e soprattutto attraverso il consolidamento delle abilità (operazione assolutamente necessaria per raggiungere lautoefficacia e quindi il potenziamento della motivazione e dellautostima; vedi De Beni 2006). NEL SENSO CHE LAUTOSTIMA AUMENTA CON IL POTENZIAMENTO DIRETTO DELLE ABILITA CARENTI E NON CON SOSTEGNI CHE NEL TEMPO DIVENTANO POCO CREDIBILI PER IL SOGGETTO

14 In questo quadro si innesta la debolezza delle risorse attentive non sufficienti per alimentare i processi più complessi. Tali risorse non sono ricuperabili attraverso la volontà, ma solo attraverso lesercizio specifico, spesso tralasciato (comunque bisogna considerare che non è compito facile misurare e stimolare lattenzione per chi non se ne occupa direttamente. Vedi protocollo Benso, 2004).

15 Secondo punto collegato alla necessità di conoscere la velocità di lettura: >. Sono fonte di errori metodologici anche nella ricerca Creano il rischio di generare spiegazioni circolari, modelli tautologici e stereotipi insostenibili dal punto di vista scientifico. Possono fuorviare le conclusioni e gli interventi

16 Numero di casi Valore medio Area di diagnosi della dislessia Velocità di lettura (Sillabe per unità di tempo) Deviazione standard Numero di casi Valore medio Area di diagnosi della dislessia Numero di errori Deviazione standard

17

18

19 Numero di casi Valore medio Area di diagnosi della dislessia Velocità di lettura (Sillabe per unità di tempo) Deviazione standard Numero di casi Valore medio Area di diagnosi della dislessia Numero di errori Deviazione standard

20 Esempio semplice Es. Bambino di terza elementare media in sillabe al secondo = 3 deviazione St. =.76 3 – (0,8 x2) = 3-1,6 = 1,4 valore della media meno due deviazioni. TUTTI i VALORI < o = a 1,4 cadono nella patologia, Ma un Bambino che legge ad 1,8 sill/s. che per la convenzione (DSM4 ICD 10) dei manuali diagnostici statistici non cade nellarea patologica, obiettivamente… come dovrebbe essere trattato a scuola e a casa se legge praticamente anche lui con un tempo doppio dei pari età ?.. Torniamo allimportanza delle sillabe a secondo IN CHIARO

21 Il processo di apprendimento della lettura è molto complesso e spesso in passato di fronte ad una diagnosi che dichiarava un disturbo specifico dellapprendimento della lettura, il clinico e tutto lentourage rimanevano impotenti e potevano indirizzarsi solo verso gli strumenti compensativi e il miglioramento del terreno attorno al soggetto dislessico (nella migliore delle ipotesi). Grazie alla neuropsicologia si aprono nuove frontiere sui processi sottostanti la capacità di lettura: visuo percettivi, linguistici, mnestici ed attentivi.

22 Il problema delletichetta diagnostica che diventa: Mero principio esplicativo, tautologico, fuorviante Formazione di stereotipi che falsano limmagine del soggetto Cosa fare? È necessario quindi una visione neuropsicologica funzionale che si addentri sulle cause sottostanti (percezione, memorie, diversi tipi di attenzione) Il quadro neuropsicologico è fondamentale per impostare trattamenti efficaci e sensati.

23

24

25 Il problema delle cause sottostanti Pur riscontrando un certo accordo tra i ricercatori in merito ai criteri di inclusione ed esclusione per la diagnosi della dislessia, per quanto riguarda le cause a livello cognitivo sono emerse linee di pensiero molto diverse e, spesso, in contrasto tra loro. Solo di recente emergono modelli che portano ad una certa uniformità.

26 La diagnosi osservativa è importante per cominciare ad isolare il problema e a certificare, ma è poco utile per capire come funziona il sistema di quello specifico soggetto. Lintervento neuropsicologico contiene gli strumenti per le diagnosi funzionali differenziali. E il mondo della ricerca che deve informare il clinico e sostenerlo. Tuttavia la clinica attraverso lesperienza sul campo deve orientare la ricerca.

27 DISLESSIA E MODELLI TEORICI DI RIFERIMENTO LINGUAGGIO può essere associata alla consapevolezza fonologica (Bradley and Bryant, 1983) PERCEZIONE VISIVA a deficit visuopercettivi che coinvolgono il sistema visivo magnocellulare o transiente (Best and Demb, 1999; Facoetti and Molteni, 2001), alla latenza nella persistenza visibile (Coltheart, 1980) e nella transizione dalla memoria iconica alla memoria a breve termine (Stanley, 1975), alla processazione a breve termine dei segnali visivi (Di Lollo et al., 1983), alla conversione grafema-fonema (Golden and Zenhausern, 1983), al crowding asimmetrico(Geiger and Lettvin, 1987) ATTENZIONE a deficit attenzionale (Stein and Walsh, 1997; Steinman et al., 1998), a deficit di attenzione spaziale (Facoetti and Molteni, 2001; Facoetti and Turatto, 2000; Facoetti, Paganoni, Lo Russo, 2000), o oculomotorio a deficit degli spostamenti oculari (Biscaldi et al., 1994; Biscaldi et al., 2000).

28 Pertanto la dislessia è un disturbo da non confondere con le abilità intellettive, ma comunque un disturbo con basi neuronali che non può essere ricuperato con tecniche o metodi solo di tipo scolastico. Per il trattamento sono necessari (anche e soprattutto) interventi mirati sulle abilità sottostanti: memorie, percezione visiva, linguaggio e i diversi tipi di attenzione. I risultati ottenuti utilizzando questi metodi cominciano a divenire confortanti (vedi articolo Benso, Berriolo et altri su Dislessia e sempre su Dislessia maggio 2007 due articoli Ripamonti et altri…; Wolf)

29 Per capire di più dobbiamo valutare cosa è e come funziona un modulo (sistema specifico) e come intervengono i sistemi centrali sul modulo stesso

30 ESEMPIO DI UN PROCESSORE CHE SUPERVISIONA UN MODULO ASSEMBLATO PROCESSORE CENTRALE MODULO

31 Effetto STROOP (1935)

32 LIBRO TRE PIAZZA POLLO PIALLA PORTA AMICO DUE UNO MAREA LAVORO PORTO ECO TAVOLO PISTA VOLTO STATO PAROLA ALA CONTO LATINO CORTO SEI LUNGO

33 Effetto STROOP (1935) ROSSO GIALLO BLU VERDE BLU VERDE ROSSO GIALLO ROSSO GIALLO VERDE BLU VERDE ROSSO GIALLO BLU GIALLO BLU VERDE ROSSO ROSSO BLU VERDE GIALLO

34 Processore Centrale MODULI LETTURALINGUAGGIOSCRITTURA Lobo Frontale

35 Quando le risorse attentive sono poche il soggetto ha difficoltà a concentrarsi ad essere pronto a solgere compiti complessi o protratti nel tempo e soprattutto a richiamere volontariamente lattenzione. Dire: > ad un soggetto debole nelle risorse attentive è paradossale come dire: > a chi soffre di insonnia. In questi casi lattenzione può essere richiamata dallesterno, ma deve e può essere sviluppata con specifici training. Vedi Benso (2004) Neuropsicologia dellAttenzione.

36 Lattenzione è una componente che appare debole in diversi suoi aspetti in diversi soggetti dislessici (di orientamento visuo spaziale, di focalizzazione, di selezione o ancora di risorse dedicate al compito lettura). In qualsiasi tipo di apprendimento se si sa misurare con la testistica adatta, si isola sempre un aspetto attentivo collegato. Questo implica che per trattare i disturbi oltre che lavorare direttamente sugli apprendimenti sofferenti è necessario stimolare lintero sistema attentivo. Il modello di Moscovitch e Umiltà fornisce copertura teorica a quanto affermato (vedi dopo) Così come confermano i risultati da noi ottenuti nei traumatizzati adulti(e pubblicati) nel recupero della memoria, delle funzioni linguistiche e percettive, e NEI SOGGETTI DISLESSICI (vedi dopo)

37 PROCESSORE CENTRALE o Sistema Esecutivo o Sistema Attentivo Supervisore (SAS; Shallice, 1989), si colloca come substrato anatomico prevalentemente nei lobi frontali, nei gangli della base e nel cervelletto;è multicomponenziale.

38 Esso è deputato a: fornire risorse attentive (che sono a capacità limitata); a sostenere lattenzione; alle funzioni di controllo del pensiero e dellazione; ad inibire i distrattori; allorganizzazione, alla pianificazione; a mantenere la concentrazione sullo scopo; alla modularizzazione delle funzioni specifiche (es. apprendimento motorio); a fornire le risorse attentive ai processi di memorizzazione in genere.

39 Caduta in lettoscrittura (aspetti attentivi spaziali, percettivi visivi, linguistici, o di risorse dedicate al modulo lettura). Diapositiva 53Diapositiva 53 Caduta nella comprensione del testo scritto (componenti delineate sopra e funzione esecutiva gestire linterferenza dei distrattori) es. Il leone è un animale domestico (V, F) Il gelato è un cibo che si consuma solo in alta montagna (V, F) Lorologio misura il tempo (V, F) Caduta nel problem solving (a parità di aspetti intuitivi…componenti delineate sopra e difficoltà di risorse del sistema esecutivo deputato al riaggiornamento in memoria di lavoro). Es. Gatto Tetto Pipa (Mare Sogno)

40 Riprendendo sulle cause sottostanti In base a quanto osservato con un tentativo di sintesi, Benso, Stella, Zanzurino e Chiorri (2005) (pubblicato su Dislessia ed.Erickson) hanno cercato di individuare nella letteratura le conclusioni comuni sulle cause del fenomeno.

41 Dal loro articolo è emerso che i modelli e le cause della dislessia sembrerebbero tante e variegate, ma possiamo ridurre il tutto a tre grandi categorie: deficit a livello di linguaggio, percezione e attenzione.

42 Cè la tendenza per il linguista, il percettologo visivo e di chi si occupa di attenzione a confermare il modello monocomponenziale invece che ricercarne la falsificazione popperiana. Ma la falsificazione avviene attraverso un metapuntodivista che valuta le pubblicazioni che tendono a giustificare la monocomponente

43 Gli autori propongono anche un modello unificatore derivato da Moscovitch e Umiltà 1990 e da Benso (2004/2007) in grado di considerare i tre fattori cognitivi più rilevanti per la dislessia, divenendo quindi uno strumento utile ed operativo per suggerire nuove prove di valutazione e di intervento.

44 MODELLO multicomponenziale Percezione di configurazioni Semplici. MODULO I tipo Percezione di suoni elementari MODULO I tipo Coordinamento delle unità percepite MODULO I tipo Coordinamento fonatorio MODULO I tipo Risorse attentive implicite PROCESSORE DEDICATO Risorse attentive implicite PROCESSORE DEDICATO Risorse attentive esplicite PROCESSORE CENTRALE Mod. II tipo PERCEZIONE VISIVA Mod. II tipo LINGUAGGIO LETTURA Mod. III tipo Moscovitch e Umiltà, 1990

45 Es. prendiamo un modulo di terzo tipo che fonde laspetto linguistico fonologico a quello percettivo come quello della lettura. Importanza preventiva : della fonologia, dei ritmi, delle rime; delleducazione allimmagine; dellesplorazione visiva; della stimolazione attentiva; del processore centrale.

46 Se è vero che il modello della lettura è multicomponenziale: linguaggio e percezione visiva assemblati dalle risorse del Processore Centrale allora somministrando prove diversificate per le tre componenti a soggetti con disturbo specifico dellapprendimento della lettura, dovremmo ottenere cadute nei diversi tipi di test (attentivi-esecutivi, linguistici e visuo-percettivi). Se sarà solo una componente a sostenere lapprendimento della lettura, allora la caduta sarà evidenziata dai test che la rappresentano. Questo,però, non porterà a trarre conclusioni certe perché le altre aree potrebbero essere rappresentate da prove non sufficientemente potenti statisticamente.

47 GS: 12 / 20 GC: 0 / 20 Dalla tabella di contingenza si ricava: χ2 = 17,243 p >.0001 (con correzione di Yates) p <.0001 Specificità = 1 Sensibilità = 0,6 Viene confermata la specificità dei due sottomoduli della lettura percezione visiva e linguaggio. Insieme dei test linguistici (6 prove) Soggetti che cadono al test Soggetti che superano il test

48 GS: 10 / 20 GC: 0 / 20 Dalla tabella di contingenza si ricava: χ2 = p =.001 (con correzione di Yates) p =.001 Specificità = 1 Sensibilità = 0,5 Viene confermata la specificità dei due sottomoduli della lettura percezione visiva e linguaggio. Insieme dei test visuo-percettivi (5 prove) Soggetti che cadono al test Soggetti che superano il test

49 GS: 17 / 20 GC: 7 / 20 (falsi allarmi) Dalla tabella di contingenza si ricava: χ2 = 10,417 p =.005 (con correzione di Yates) p =.002 Specificità = 0,65 Sensibilità = 0,85 I test Attentivi sono meno specifici ma molto sensibili (Benso 2007) I test che valutano lattenzione e le funzioni esecutive manifestano anche dei falsi allarmi ciò si spiega con il fatto che essendo, tali funzioni, di sostegno per tutti gli apprendimenti (Moscovitch e Umiltà, 1990) i test misurano nel Gruppo di Controllo degli aspetti ancora diversi da quelli sottostanti la lettura Insieme delle prove (4) che valutano funzioni esecutive Soggetti che cadono al test Soggetti che superano il test

50 Risultati conclusivi

51 Una veloce considerazione sulla riabilitazione. Un esempio che vale per molti altri aspetti. Soffermiamoci un attimo sui movimenti oculari..

52 MOVIMENTI OCULARI DI UN NORMOLETTORE MOVIMENTI OCULARI DI UN DISLESSICODiapositiva 37Diapositiva 37

53 Tra parentesi ( questo fa parte della teoria della riabilitazione) Importanza di raggiungere i 200 ms. (tempo minimo di programmazione di una saccade) di esposizione con il Tachistoscopio per centrare il movimento oculare e favorire la lettura attraverso la via lessicale Quindi iniziare con parole bisillabe piane (mare, cane, topo) per cercare di facilitare per scendere appena possibile sotto i 200 ms di esposizione, piuttosto che con: gnomo, consiglio, giglio…; lette per ore di (inutile) training a 800 / 1000 ms.di esposizione. Osservazione: se non si conoscono i meccanismi fisiologici, funzionali e neuropsicologici cognitivi che sottendono il processo di lettura gli strumenti riabilitativi vengono mal utilizzati. Il tachistoscopio è uno strumento utile solo se adoperato secondo certi criteri (ciò vale per tutti gli strumenti di questo genere). Esercitarsi per mesi con il tachistoscopio tutti i giorni sopra i 200 ms. di esposizione serve a poco, così come lasciare imparare le liste di parole a memoria diventa una perdita di tempo e altro….. (vedi Benso, 2004)

54 Conclusioni La lettura è un modulo complesso formato da aspetti percettivi, linguistici, attentivi (attenzione intesa sia come processo che come sistema che fornisce risorse). Per stimolare meglio il modulo (lapprendimento automatizzato) bisogna occuparsi anche dellattenzione. La velocità di lettura che incide sulla memoria di lavoro nei testi più complessi è lindice più importante da rilevare nelle lingue trasparenti come litaliano Il disturbo di apprendimento in quanto tale è lemergere di disfunzioni anche lievi a livello neuronale che non sono recuperabili più con interventi prettamente scolastici (sicuramente utili e necessari come rifinitura e contorno delle riabilitazioni dei processi sottostanti: percezione memorie e sistemi attentivi)

55 Il clinico, linsegnante e il genitore devono conoscere i dati delle diagnosi e soprattutto nella dislessia le sillabe al secondo. Le diagnosi devono completarsi nel giro di UN MESE. I dati vanno messi in chiaro e discussi con genitori, insegnanti e/o clinici di supporto I protocolli per i trattamenti devono avere basi neuroscientifiche solide e modelli di guida validati scientificamente in modo che si possano sfruttare al meglio gli strumenti proposti. Devono essere rilevati i dati prima e dopo il trattamento e discussi con genitori ed insegnanti. In questo momento molti tipi di ricerche sulla dislessia stanno svolgendosi in tutto il mondo e le università italiane sono ricche di lavori di assoluto valore scientifico. Compito di chi fa ricerca nel campo degli apprendimenti è, pertanto, quello di divulgare i dati che si vanno consolidando, specialmente quelle osservazioni che possono essere comprese ed utilizzate proficuamente nellambito clinico, scolastico e familiare.

56 DIPARTIMENTO DI SCIENZE ANTROPOLOGICHE UNIVERSITÀ DI GENOVA Polo di ricerca e intervento sui disturbi del linguaggio e dellapprendimento Maria Teresa Bozzo Prof. Francesco Benso Docente di Psicobiologia e di Psicologia DellAttenzione Riceve il martedì dalle 12 alle 14 DISA Sez. Psicologia 4° piano Corso Podestà 2 Genova


Scaricare ppt "Un approccio neuroscientifico cognitivo verso i disturbi di apprendimento. Docente di PsicoBiologia e di Psicologia dellAttenzione Università di Genova."

Presentazioni simili


Annunci Google