La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lesperienza delle reti in Friuli Venezia Giulia prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lesperienza delle reti in Friuli Venezia Giulia prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis."— Transcript della presentazione:

1

2 Lesperienza delle reti in Friuli Venezia Giulia prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

3 La strada Prime iniziative: anni 90, Malignani di Udine con consenso del Ministero Fine anni 90: Primi contatti con Università di Venezia Febbraio 2000: Rete clil di Udine con 4 scuole Rotazioni di coordinamento, dal 2009 Uccellis scuola capofila 40 scuole in rete tra 1° e 2° ciclo prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

4 Caratteristiche della regione Friuli Venezia Giulia prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

5 Caratteristiche della regione Friuli Venezia Giulia Connotazione fortemente transfrontaliera Realtà molto diversificata dai monti al mare I progetti europei transfrontalieri condivisi di alcune scuole e regione FVG anche con stanziamenti finanziari Necessità di elementi unificatori e di diffusione non solo di tipo progettuale prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

6 Laccordo di rete Titolo I costituzione e oggetto (articoli: obiettivi, azioni, adesioni e recesso) Titolo II organi (articoli: composizione, competenze, funzionamento, funzioni del presidente, comitato tecnico, gruppi di ricerca, coordinamento regionale, durata e rinnovo) Firme degli aderenti prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

7 Laccordo di rete ACCORDO DI RETE "RETE PROVINCIALE CLIL 2° CICLO - UDINE" (CONTENT AND LANGUAGE INTEGRATED LEARNING) come modificato in data 13 novembre 2008 prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

8 Le attività della rete Formazione docenti Riunioni di coordinamento, organizzazione, condivisione Ricerca di finanziamenti (interni ed esterni alla rete) Suddivisione in sottoreti e sovrareti prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

9 La formazione docenti A livello di singole scuole A livello provinciale A livello regionale prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

10 La formazione docenti Livello regionale Livello provinciale Singole scuole Corsi di metodologia con esperti nazionali e internazionali Diffusione di best practices Rapporti con decisori politici Corsi di lingua Corsi subject specific Reperimento fondi formazione Corsi di metodologia Corsi di lingua Implementazione pratica prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

11 Dimensione plurilinge Insegnamento Clil apre a metodologie eterogenee Apre ad utenza eterogenea: vengono facilitati studenti di varie origini linguistiche e culturali Nella provincia di Udine: 4 lingue utilizzate per clil, 8 le materie maggiormente utilizzate per veicolazione I docenti possono impiegare la propria provenienza linguistica e culturale Se ben impiegato il Clil diventa un modo di essere docenti e non solo di fare lezione prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

12 I docenti, le metodologie e i testi Docenti anche di madrelingua Si favorisce per tutti i docenti lapprendimento di una lingua straniera (corsi, scambi, soggiorni allestero…) Testi della disciplina pubblicati allestero Molte lezioni di tipo laboratoriale Uso di strumenti alternativi ai testi (giornali, video, canzoni, teatro…) prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

13 Le difficoltà I testi sono complessi Docenti stranieri vanno istruiti al modello educativo italiano e viceversa Classi di livelli differenti Inizialmente si sacrifica un po il programma Allievi e docenti devono abituarsi a pensare e produrre in lingua prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

14 I punti di forza Allievi si abituano a pensare in lingua Livelli linguistici molto alti (certificazioni internazionali anche di livello C1) Si impara anche un metodo di studio alternativo, tipico di altri paesi Diversi punti di vista: il risorgimento da un punto di vista austriaco, per es. Lezioni molto variate prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

15 I risultati Il contenuto si arricchisce di punti di vista diversi (il Risorgimento, la Seconda Guerra mondiale, le scienze …) Acquisizione di un metodo pluridisciplinare Facilita il prosieguo degli studi alluniversità Raggiungimento del livello C1 di conoscenza delle lingue (tre certificazioni esterne internazionali- CELI, SPRACHDIPLOM, CAE) Notevole capacità comunicativa in tre lingue prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis

16 citazione prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis


Scaricare ppt "Lesperienza delle reti in Friuli Venezia Giulia prof. Vania Di Narda coordinatrice Clil della provincia di Udine Educandato Statale Uccellis."

Presentazioni simili


Annunci Google