La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Gli obblighi previdenziali nella gestione dell'impresa INPS DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Gli obblighi previdenziali nella gestione dell'impresa INPS DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE."— Transcript della presentazione:

1 1 Gli obblighi previdenziali nella gestione dell'impresa INPS DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE

2 2 E il più grande Ente previdenziale italiano - 19 milioni i lavoratori assicurati (quasi tutti appartengono al settore privato o svolgono lavoro autonomo) - oltre 15 milioni i pensionati - 5 milioni le aziende e le imprese iscritte miliardi di euro tra entrate e uscite di bilancio dipendenti Che cosa è lINPS?

3 3 Secondo il principio sancito dallart. 38 della Costituzione italiana, lINPS provvede, principalmente, alla liquidazione e al pagamento delle pensioni sia di natura previdenziale che assistenziale. Provvede, inoltre, al pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito (es: disoccupazione, malattia, maternità, mobilità, assegni al nucleo familiare, cassa integrazione guadagni e trattamento di fine rapporto di lavoro). Cosa fa?

4 4 Articolo 38 della Costituzione Italiana Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all'assistenza sociale. I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria. Gli inabili ed i minorati hanno diritto all'educazione e all'avviamento professionale. Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o integrati dallo Stato. L'assistenza privata è libera.

5 5 LINPS fa fronte a tutte le sue prestazioni previdenziali, determinate sulla base di rapporti assicurativi, tramite prelievi contributivi obbligatori. Le prestazioni di carattere assistenziale che lINPS eroga per conto dello Stato, vengono finanziate con le risorse a tale scopo destinate, nellambito delle competenze dello Stato Sociale. Con quali risorse?

6 6 Fondazione della Cassa nazionale di previdenza per linvalidità e la vecchiaia degli operai (primo presidente il principe Alfonso Doria Pamphilj). Si tratta di unassicurazione su base volontaria Lassicurazione per linvalidità e la vecchiaia diventa obbligatoria e si passa da a 12 milioni di lavoratori iscritti LIstituto Nazionale della Previdenza Sociale, nuova denominazione della CNAS, assume la veste di Ente di diritto pubblico con personalità giuridica e gestione autonoma Il percorso di sviluppo

7 7 Vengono costituite tre distinte Casse: 1) coltivatori diretti, mezzadri e coloni; 2) artigiani; 3) commercianti Nasce la Pensione Sociale e la Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS) Vengono istituite le assicurazioni contro la disoccupazione e la tubercolosi e per gli assegni familiari. Vengono, altresì, introdotte le integrazioni salariali per i lavoratori sospesi o ad orario ridotto Viene istituito il Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Viene affidata allINPS la riscossione dei contributi di malattia Il percorso di sviluppo

8 8 Entra in vigore la legge n. 88/89 di ristrutturazione dellINPS che introduce i criteri di economicità e di imprenditorialità e separa, finanziariamente, lassistenza dalla previdenza Introduzione del sistema duale che attribuisce al Consiglio di Indirizzo e Vigilanza (CIV) un ruolo di indirizzo politico e di vigilanza e al Consiglio di Amministrazione (C.d.A.) la responsabilità della gestione dellEnte LINPS adotta lattuale nuovo modello organizzativo Il percorso di sviluppo

9 9 Secondo i criteri dettati dalla legge n.70/1975, lINPS è individuato e classificato come Ente Pubblico necessario, soggetto allo Statuto del parastato. E Ente Pubblico Nazionale erogatore di servizi, sottoposto alla vigilanza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministero dellEconomia e delle Finanze. Agisce in regime di diritto amministrativo. LIstituto nellambito della P.A.

10 10 Scenari futuri La vision aziendale per i prossimi anni è orientata alladozione di un Bilancio sociale e di un Codice etico che caratterizzino, certificandola, la natura etica dellIstituto LINPS, inoltre, intende attuare una politica di marketing sociale in termini di: valorizzazione del Rapporto annuale dellIstituto sviluppo di un progetto volto a realizzare un Centro Studi di eccellenza reingegnerizzazione del portale web potenziamento della capacità e della qualità della comunicazione verso gli assicurati, le parti sociali e il mondo esterno

11 11 Scenari futuri allinnalzamento della qualità delle prestazioni attraverso lapplicazione di una modalità di lavoro a flusso continuo senza interruzioni di attività: tempo reale alla realizzazione di una intensa politica delle entrate basata sul recupero dei crediti e sulla qualità degli accertamenti ispettivi Sul fronte delle attività istituzionali, lINPS punta:

12 12 LINPS, come ogni organizzazione durevole, intende mantenere la capacità di rispondere efficacemente alle mutevoli esigenze del cittadino attraverso cambiamento dei programmi, intesi come piani, processi, procedure, regolamenti…. cambiamento delle strutture: organizzazione, organi, persone, tecnologia cambiamento della cultura, cioè dei modelli cognitivi e comportamentali delle persone o dei gruppi che partecipano al sistema sociale Il cambiamento strategico

13 13 Il modello organizzativo attuale si basa sullo sviluppo sia dellimpresa rete INPS, sia della rete che lega lIstituto alle altre realtà pubbliche e private La cooperazione e la sinergia con altri Enti realizzano: razionalizzazione dei servizi pubblici, economia di spesa, ottimizzazione del patrimonio informativo, lotta al proliferare dei fenomeni degenerativi Si fonda sulluso ottimale dei mezzi che offre oggi lalta tecnologia informatica Il sistema integrato della P.A.

14 14 Larticolazione territoriale dellINPS DIREZIONE GENERALE DIREZIONE REGIONALE (20) DIREZIONE PROVINCIALE / SUBPROVINCIALE AGENZIA (343) legenda

15 15 DIREZIONE GENERALE con funzioni di indirizzo e controllo di gestione DIREZIONE REGIONALE con funzioni di gestione, coordinamento e controllo delle strutture del territorio DIREZIONE PROVINCIALE/ SUBPROVINCIALE/ AGENZIA con funzioni di produzione ed erogazione dei servizi sul territorio Larticolazione territoriale

16 16 E linsieme di attività finalizzate alla riscossione e alla gestione dei contributi obbligatori per lavoratori dipendenti e autonomi (industria, artigianato, commercio, agricoltura), lavoratori domestici e liberi professionisti non iscritti ad altre casse previdenziali Secondo la categoria di contribuenti cui si rivolge, si divide in: Gestione del soggetto contribuente

17 17 Ciascuno dei due processi si svolge attraverso le stesse tre fasi Iscrizione soggetto Riscossione contributi Recupero crediti Gestione del soggetto contribuente

18 18 Si tratta della fase costitutiva del rapporto contributivo: iscrizione e inquadramento lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, parasubordinati-liberi professionisti, agricoli) variazioni, cancellazioni delle posizioni lavorative Gestione del soggetto contribuente

19 19 Si tratta della fase centrale del rapporto contributivo: Acquisizione bollettini contributi fissi e percentuali ART/COM e gestione ricicli Acquisizione versamenti e gestione ricicli parasubordinati-liberi professionisti Gestione conto lavoratori autonomi in agricoltura Riemissione bollettini ricalcolati ART/COM Gestione del soggetto contribuente

20 20 E la fase in cui si gestisce la patologia del rapporto contributivo: Normalizzazione bollettini da recupero crediti ART/COM Gestione ricorsi e rimborsi Gestione recupero crediti ART/COM (diffida amministrativa ed iscrizione a ruolo) Gestione crediti iscritti a ruolo ART/COM Gestione condoni lavoratori autonomi (ART/COM) Verifica correntezza e regolarità contributiva Gestione del soggetto contribuente

21 21 attività Chi esercita professionalmente unattività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi è imprenditore. Il soggetto contribuente Lordinamento vigente prevede un particolare regime di tutela previdenziale per coloro i quali esercitano attività di lavoro nei settori: artigianato, commercio, agricoltura, attività professionali prive di apposita cassa.

22 22 Allinizio della propria attività tali lavoratori autonomi debbono iscriversi allapposita Gestione Inps e, ai sensi dellart. 1 della legge 233/90, debbono versare i contributi relativi ai periodi durante i quali viene svolta lattività lavorativa Il soggetto contribuente

23 23 La qualifica di impresa artigiana si ottiene tramite liscrizione allAlbo delle imprese artigiane su delibera della competente Commissione Provinciale per lArtigianato, istituita presso le Camere di Commercio. Liscrizione allAlbo comporta automaticamente liscrizione, presso lInps, alla Gestione speciale per gli artigiani ai fini dellassicurazione IVS. Lobbligo contributivo per gli artigiani decorre dal ai sensi della legge 463/59 L Impresa artigiana

24 24 Artigiani - Requisiti oggettivi Lattività deve essere esercitata in forma di Impresa Deve essere diretta alla produzione di beni o alla prestazione di servizi (escluse le attività agricole e commerciali) Per alcune attività è richiesto il possesso di ulteriori requisiti tecnico-professionali Il numero dei dipendenti non deve superare quello previsto dalla legge in relazione al tipo di attività

25 25 Artigiani - Requisiti soggettivi Il titolare deve partecipare allattività personalmente, professionalmente e con apporto di lavoro anche manuale; non è sufficiente la sola direzione dellazienda Deve assumere la piena responsabilità dellimpresa, assumendone gli oneri e i rischi della gestione Lattività deve essere prevalente rispetto ad altre attività lavorative esercitate contemporaneamente; La prevalenza si valuta principalmente con riferimento al tempo dedicato personalmente a ciascuna attività

26 26 Forme delle società artigiane Lattività artigiana può essere organizzata in: Società in nome collettivo (s.n.c.) Società in accomandita semplice (s.a.s.) Società a responsabilità limitata (s.r.l.)

27 27 Modalità di iscrizione e cancellazione dellartigiano Lorgano competente a deliberare liscrivibilità nella gestione speciale per gli artigiani è la Commissione provinciale dellartigianato (CPA), istituita presso le Camere di commercio

28 28 Commercianti Limprenditore è il titolare di una impresa organizzata prevalentemente con lavoro proprio ed eventualmente con quello dei componenti la famiglia. Esso assume la piena responsabilità degli oneri e dei rischi connessi alla direzione e alla gestione dellimpresa e svolge la propria attività con carattere di abitualità e prevalenza. Lattività deve essere svolta nel rispetto delle norme che la regolamentano Tali norme in alcuni casi prevedono liscrizione in albi e ruoli obbligatori nonché il possesso di specifiche autorizzazioni e licenze, in assenza delle quali lattività è considerata abusiva e pertanto non soggetta allobbligo contributivo Per alcune categorie è richiesta la presenza di ulteriori requisiti

29 29 LImprenditore commerciale Lobbligo contributivo per i commercianti, imposto con la legge 613/66, decorre dal con listituzione della Gestione speciale per lIVS dei commercianti (legge 160/75, art. 29) Lassetto complessivo della gestione commercianti è stato ridisegnato dalla legge 662/96, estendendo la possibilità di iscrizione a nuove attività e a soggetti che erano esclusi dalla precedente normativa

30 30 Commercianti – Requisiti oggettivi Lattività deve essere esercitata in forma di Impresa Deve essere organizzata e/o diretta prevalentemente con il lavoro proprio del titolare e dei familiari, a prescindere dal numero di dipendenti Deve essere svolta nel rispetto delle norme che la regolamentano (possesso di licenze, autorizzazioni, iscrizioni in albi, registri o ruoli)

31 31 Commercianti – Requisiti soggettivi Il titolare deve partecipare al lavoro aziendale personalmente e abitualmente; deve avere la piena responsabilità dellimpresa, con assunzione degli oneri e dei rischi della gestione (requisito non richiesto per i familiari preposti e per i soci di Srl) Lattività deve essere prevalente rispetto ad altre attività lavorative esercitate contemporaneamente; la prevalenza si valuta principalmente con riferimento al tempo dedicato personalmente a ciascuna attività

32 32 Elenco attività commerciali Le attività che consentono liscrizione alla Gestione commercianti sono: attività commerciali in senso proprio (legge 160/75 circ. Inps 29/84) attività turistiche (legge 217/83 circ. Inps 106/88) attività ausiliare del commercio (legge 217/83 circ. Inps 104/87) attività del terziario (legge 662/96 circ. Inps 25/97) attività di promozione finanziaria (legge 662/96 circ. Inps 17/97 e 39/97) attività di produttori assicurativi di 3° e 4° gruppo (legge 326/03 circ. Inps 12/04) attività di affittacamere (circ. Inps 110/95) attività stagionali (circ. Inps 147/07) agenti di spettacolo (circ. Inps 171/03) gestione immobili (circ. Inps 171/03) coadiutori di farmacia (circ. Inps 70/04) ostetriche (circ. Inps 272/90) preposti (circ. 171/03) SONO ESCLUSE LE ATTIVITÀ PROFESSIONALI E ARTISTICHE, NONCHÉ QUELLE CHE ABBIANO OTTENUTO LA QUALIFICA ARTIGIANA

33 33 Soggetti esclusi soci delle società per azioni soci delle società per azioni soci non lavoratori delle Srl soci non lavoratori delle Srl soggetti che hanno delegato a terzi la conduzione dellimpresa, conservando solo la titolarità della autorizzazione comunale soggetti che hanno delegato a terzi la conduzione dellimpresa, conservando solo la titolarità della autorizzazione comunale soci accomandanti delle Sas; gli stessi possono essere assicurati come dipendenti o come coadiutori, in presenza dei requisiti prescritti (msg. Inps del ) soci accomandanti delle Sas; gli stessi possono essere assicurati come dipendenti o come coadiutori, in presenza dei requisiti prescritti (msg. Inps del ) associati in partecipazione, in quanto non hanno la piena responsabilità dellazienda (circ. Inps 29/84) associati in partecipazione, in quanto non hanno la piena responsabilità dellazienda (circ. Inps 29/84) agenti di cambio agenti di cambio mandatari di prodotti ittici mandatari di prodotti ittici Farmacisti (circ. Inps 249/81) ad eccezione dei coadiuvanti (circ. Inps 70/04) Farmacisti (circ. Inps 249/81) ad eccezione dei coadiuvanti (circ. Inps 70/04) grossisti di prodotti ortofrutticoli non iscritti allalbo di categoria e al Registro imprese grossisti di prodotti ortofrutticoli non iscritti allalbo di categoria e al Registro imprese

34 34 SOCIETÀ COMMERCIALI Se lattività commerciale o del terziario è svolta da una società, liscrizione allInps è obbligatoria per i soci che partecipano al lavoro aziendale con carattere di: ABITUALITÀ e di PREVALENZA e che la società sia ORGANIZZATA e/o DIRETTA PREVALENTEMENTE CON IL LAVORO DEI SOCI e dei loro familiari

35 35 SOCIETÀ COMMERCIALI Sono interessati i soci: di società in nome collettivo ed i loro familiari coadiutori accomandatari di società in accomandita semplice accomandanti della sas che siano familiari coadiutori degli accomandattari di società a responsabilità limitata

36 36 Modalità di iscrizione e cancellazione I commercianti presentavano il modello Arco alla sede Inps competente, che verificava i requisiti di iscrivibilità. Fino al Sulla base delle risultanze degli atti e sulla scorta della propria attività istruttoria, la sede emetteva la delibera che veniva acquisita in procedura per laggiornamento dellarchivio di gestione

37 37 Modalità di iscrizione e cancellazione Attualmente i commercianti presentano le domande di iscrizione, complete delle notizie relative ai requisiti previsti ai fini previdenziali, al Registro delle Imprese delle Camere di Commercio della provincia di competenza, sia per il titolare che per i soci dopera delle società Dal Le Camere di Commercio, tramite l'Unioncamere, trasmettono periodicamente alla Direzione Centrale Sistemi Informativi e Telecomunicazioni (DCSIT) dell'Istituto i dati necessari ai fini dell'accertamento dell'obbligo contributivo.

38 38 La DCSIT, verificati i dati provenienti dalla CCIAA, elabora 3 liste: 1a lista: contiene tutte le posizioni iscrivibili, in quanto il loro codice attività rientra fra quelli inquadrabili nelle relative gestioni. L'iscrizione avviene automaticamente e ai soggetti interessati la DCSIT invia la lettera che notifica il provvedimento, con la richiesta di informazioni circa l'eventuale iscrizione di familiari coadiutori; 2a lista: contiene le posizioni dei soggetti iscritti in CCIAA in qualità di soci di società; per tali soggetti la DCSIT richiede direttamente ai soci le opportune notizie riguardanti la partecipazione all'attività dell'impresa. 3a lista: contiene le posizioni non iscrivibili; tali liste sono gestite direttamente dalle sedi che si dovranno attivare per gestire le anomalie, analizzando il motivo dello scarto e apportando le opportune modifiche. Modalità di iscrizione e cancellazione

39 39 La comunicazione Unica IL FUTURO Modalità di iscrizione e cancellazione


Scaricare ppt "1 Gli obblighi previdenziali nella gestione dell'impresa INPS DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE."

Presentazioni simili


Annunci Google