La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Quarta lezione: Aggiungere le proprie informazioni Punti, linee, poligoni Cos'è un GPS come si usa come si caricano i dati.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Quarta lezione: Aggiungere le proprie informazioni Punti, linee, poligoni Cos'è un GPS come si usa come si caricano i dati."— Transcript della presentazione:

1 Quarta lezione: Aggiungere le proprie informazioni Punti, linee, poligoni Cos'è un GPS come si usa come si caricano i dati

2 QGIS -Creare nuove carte vettoriali Vediamo ora come costruire e modificare nuovi dati geografici vettoriali In ogni vettore (shapefile) non possono esistere tipi diversi di geometrie quindi un dato vettoriale conterrà solo punti, oppure linee o poligoni Le icone dedicate a questa funzionalità, chiamata digitalizzazione o editing sono: Avvio e fine della sezione di modifica Aggiungere elemento poligonale Aggiungere elemento lineare Aggiungere elemento puntiforme Inserire un buco in un poligono Aggiungere un elemento collegato ad un altro Spostare un elemento selezionato Tagliare elementi selezionati Cancellare gli elementi selezionati Aggiungere vertici ad un elemento Cancellare vertici ad un elemento Muovere vertici di un elemento Tagliare elementi selezionati Copiare elementi selezionati Incollare elementi tagliati o copiati

3 Impostazioni per la modifica Prima di iniziare è necessario fissare il raggio di ricerca per il nostro puntatore ed il livello di tolleranza (detta anche snapping) Il primo è il raggio d'azione del puntatore che permette di selezionare un oggetto od un vertice senza dover cliccare su di esso in modo estremamente preciso Il secondo è quella distanza al di sotto della quale due punti o due vertici che andiamo a disegnare si uniscono in modo automatico questo permette ad esempio di unire in modo più facile due linee disegnate in due momenti diversi oppure di disegnare con più facilità due poligoni adiacenti Entrambi dipendono dalla scala di lavoro: tanto più è grande la scala tanto più elevati dovranno essere tali valori e viceversa

4 Raggio di ricerca Innanzitutto occorre caricare un dato da utilizzare come base per capire dove posizionare gli elementi che stiamo creando Carichiamo lo strato raster Roma_P.tif e impostiamo la scala al valore 1: Attivare la linguetta Digitalizzazione nella finestra Opzioni QGIS tramite il percorso Impostazioni Opzioni... Nella sottosezione Snapping impostare il valore Search radius for vertex edits (in layer units) pari a 100 Ciò vorrà dire che quando vorrò selezionare un punto sarà sufficiente cliccare ad una distanza inferiore ai 100 metri (sulla mappa)

5 Livello di tolleranza Avviata la digitalizzazione di un vettore occorre impostare il livello di tolleranza attivando la finestra Proprietà della Proiezione tramite il percorso Impostazioni Proprietà del progetto e scegliendo la linguetta Generale Nella sottosezione Digitalizzazione vistiamo le opzioni e clicchiamo sul tasto Snapping Options impostando la modalità To vertex and segment e la Tolerance a 100 Ciò significa che quando modifico il vettore evito sovrapposizione tra elementi e che voglio che vertici e linee, ad una distanza inferiore a 100 metri, si uniscano in modo automatico

6 Modifica - elementi puntiformi Carichiamo lo strato raster Roma_P.tif e impostiamo la scala a 1: Creiamo un nuovo strato vettoriale cliccando sull'icona Nuovo layer vettoriale Nella finestra di inizializzazione sceglieremo il Tipo di geometria (punto) e determineremo il nome e il tipo dei campi della tabella che assoceremo al vettore. Nome campo anni con contenuto di numeri interi (Tipo Integer) Si preme il tasto OK e si sceglie nella nuova finestra il nome del nuovo file (alberi_secolari) e la cartella in cui salvarlo

7 Modifica - elementi puntiformi Impostiamo il livello di tolleranza per questo strato al valore di 100 metri ed avviamo la digitalizzazione con l'icona Toggle editing Clicchiamo sull'icona Inserisci punto e disegnamo il primo elemento facendo un unico click su un punto della mappa Si aprirà la finestra degli attributi in cui inserire i valori relativi a quel punto per i campi creati. Una volta terminata tale operazione si premerà il tasto OK nella finestra ed il punto comparirà dove avevamo cliccato Ripetiamo l'operazione fino ad avere una decina di punti disegnati sulla mappa

8 Modifica - elementi puntiformi Se abbiamo posizionato in modo non corretto un punto e vogliamo spostarlo si seleziona il punto utilizzando l'icona Seleziona geometrie e, dopo aver cliccato sull'icona Move Feature si trascina il punto nella nuova posizione Se vogliamo eliminare dei punti si seleziona il punto/i in questione utilizzando l'icona Seleziona geometrie e si clicca sull'icona Elimina selezione Una volta terminata l'operazione di modifica si clicca l'icona Toggle editing e si salvano le modifiche premendo Save nella nuova finestra Il nuovo dato vettoriale potrà essere gestito in modo identico agli altri vettori puntiformi

9 Modifica – elementi lineari Supponiamo di voler invece creare un vettore di linee relativo a dei corsi d'acqua. Creiamo il nuovo vettore scegliendo come geometrie Linea e come campi della tabella: Nome (String) e Lunghezza (Real) Impostiamo il livello di tolleranza con valore 100 ed avviamo la digitalizzazione cliccando l'icona Toggle editing Modifichiamo selezionando l'icona Inserisci linea e cliccando sulla mappa con il tasto sinistro del mouse per definire la posizione dei vertici dei singoli segmenti contigui che costituiscono la linea Una volta terminata la prima linea si clicca con il tasto destro del mouse e si interrompe la sua modifica; inseriamo nella finestra i valori dei campi prima creati. I vertici tra un segmento ed un altro sono rappresentati da piccoli cerchi semitrasparenti

10 Modifica – elementi lineari Per spostare un vertice: utilizziamo l'icona Sposta vertice e trasciniamolo fino alla nuova posizione con il tasto sinistro Per aggiungere un nuovo vertice e definirne la nuova posizione: clicchiamo sull'icona Aggiungi vertice e aggiungiamolo cliccando con il tasto sinistro lungo il segmento di una linea. Se quando clicchiamo non rilasciamo il tasto sinistro, spostandoci potremo definire subito la sua posizione Per eliminare un vertice: si attiva l'icona Elimina vertice e si clicca sul vertice da eliminare; la linea tra i vertici contigui a quello eliminato tornerà ad unirsi in modo retto Per eliminare una linea: si seleziona utilizzando l'icona Seleziona geometrie e si clicca sull'icona Elimina selezione per eliminarla

11 Modifica – elementi lineari Se vogliamo proseguire un tratto di linea aggiungendo nuovi segmenti in contiguità con quelli esistenti sfrutteremo il livello di tolleranza impostato Clicchiamo l'icona Aggiungi linea ed iniziamo la nuova digitalizzazione il più vicino possibile ad un'estremità della linea; il nuovo vertice coinciderà automaticamente con questa estremità e proseguendo otterremo una unica linea continua La stessa funzionalità permette di spostare un vertice esistente e di farlo coincidere con un altro ponendo i due elementi in contiguità Terminata l'operazione di modifica si clicca l'icona Toggle editing e si salvano le modifiche premendo Save Il nuovo vettore potrà essere gestito in come gli altri elementi lineari

12 Modifica – elementi poligonali Vogliamo ora creare una carta poligonale che rappresenti i diversi uso del suolo (bosco, coltivazione, laghi, zone edificate...) presenti in un territorio Creiamo il nuovo vettore scegliendo come geometrie Poligono e attributi relativi al codice che assegniamo ad ogni uso del suolo (codice, integer) ed una sua descrizione (desc, string) Impostiamo il livello di tolleranza con valore 100 e avviamo la digitalizzazione cliccando l'icona Toggle editing Selezioniamo l'icona Inserisci linea e cominciamo a digitalizzare l'area del primo poligono cliccando sulla mappa con il tasto sinistro per definire la posizione dei vertici del poligono Una volta terminato il poligono si clicca con il tasto destro del mouse, si interrompe così la sua digitalizzazione e si inseriscono i valori nei campi prima creati

13 Modifica – elementi poligonali Per spostare un poligono utilizziamo l'icona Move Feature e trasciniamolo tenendo premuto il tasto sinistro Per spostare un vertice utilizziamo l'icona Sposta vertice e trasciniamolo nella nuova posizione tenendo premuto il tasto sinistro Per aggiungere un nuovo vertice e definirne la nuova posizione: clicchiamo sull'icona Aggiungi vertice e clicchiamo lungo il lato di un poligono. Se non rilasciamo il tasto sinistro, spostandoci potremo definire subito la sua posizione Per eliminare un vertice si attiva l'icona Elimina vertice e si clicca sul vertice da eliminare, esso scomparirà e il lato tra i vertici contigui a quello eliminato tornerà ad unirsi in modo retto

14 Modifica – elementi poligonali Per eliminare un poligono si seleziona utilizzando l'icona Seleziona geometrie e si clicca sull'icona Elimina selezione Per creare un piccolo buco all'interno di un poligono esistente si clicca l'icona Add a ring e come per creare un poligono, disegniamo un buco all'interno di uno già esistente Se vogliamo creare un oggetto composto da più poligoni che si comportino come un unico elemento e che quindi siano associati ad un unico record si può creare il cosiddetto 'multipoligono' Si clicca l'icona Seleziona geometrie e si seleziona un poligono esistente, si clicca sull'icona Add Island e si inizia la digitalizzazione del nuovo poligono. Una volta concluso si potrà vedere che interrogando l'uno o l'altro poligono otterremo la stessa informazione associata e che selezionando uno si seleziona automaticamente anche l'altro elemento

15 Modifica – elementi poligonali Per disegnare un poligono confinante con uno già esistente, evitando di creare buchi od intersezioni lungo il confine tra i due, possiamo sfruttare il livello di tolleranza Con l'icona Aggiungi poligono creiamo il nuovo elemento. Iniziamo la digitalizzazione il più vicino possibile ad uno dei vertici od ad un lato di un poligono già esistente I vertici o i lati posti a distanza inferiore del valore impostato andranno a coincidere automaticamente La stessa funzionalità permette di spostare i vertici di un poligono esistente e di farne coincidere il lato con quello di un altro Terminata la modifica si clicca sull'icona Toggle editing e si salvano le modifiche premendo Save

16 GPS GPS significa Global Positioning System, ovvero Sistema Globale di Rilevamento della Posizione si basa su una serie di satelliti che mandano segnali sulla terra il nostro ricevitore riceve i segnali e calcola la posizione in cui ci troviamo Il sistema GPS è in grado quindi di fornire in tempo reale la posizione del ricevitore, oltre alla direzione e alla velocità di marcia normalmente l'errore è di pochi metri Ricevitori GPS si trovano anche nei navigatori satellitari e in alcuni telefoni

17 Catturare punti GPS Con un GPS raccogliamo alcuni punti (waypoints) relativi alla nostra posizione Colleghiamo il GPS al computer (ad es. tramite cavo USB) e avviamo il plugin di QGIS con l'icona Strumenti GPS per leggere e proiettare sulla mappa il dato registrato Nell'interfaccia Strumenti GPS selezioniamo l'etichetta Download dal GPS Scegliamo: la porta a cui è collegato il GPS tramite la linguetta Porta dove e con che nome salvare il file (.gpx) in cui memorizzare i dati tramite la specifica File di output che nome dare allo strato caricato in mappa Nome layer

18 Visualizzare punti GPS Il nome dello strato apparirà in legenda ma i punti non dovrebbero essere visibili Cliccando sull'icona Vista massima i punti dovrebbero apparire lontanissimi dalla loro corretta posizione Questo per il fatto che i nostri punti sono in coordinate latitudine-longitudine e sistema di proiezione WGS 84 mentre i nostri dati cartografici sono in coordinate metriche e sistema di proiezione UTM EDL79 fuso 32N Occorrerà quindi riproiettare tutto in un unico sistema di proiezione per visualizzare correttamente i dati

19 Visualizzare punti GPS Si apre l'interfaccia Proprietà della proiezione seguendo il percorso Impostazioni Proprietà del progetto e si attiva la linguetta Proiezione. Tra la lista delle proiezioni disponibili cerchiamo la proiezione UTM EDL79 fuso 32N in modo da riproiettarvi i dati del GPS Scriviamo il codice della proiezione (PostGIS:2077) nello spazio bianco della sottosezione Cerca e premiamo il tasto Trova; sarà selezionata la riga EL79/UTM zone 32N, si spunterà l'opzione Abilita la proiezione al volo e si premerà il tasto OK Premendo l'icona Vista massima visualizzeremo i dati cartografici ed i punti scaricati da GPS nella loro posizione corretta; se vi trovate nel Lazio i punti cadranno all'interno dei dati cartografici caricati, altrimenti andranno a cadere in un'altra zona d'Italia

20 Visualizzare punti GPS Se non abbiamo a disposizione un GPS, oppure vogliamo caricare i dati precedentemente scaricati: attiviamo il plugin Strumenti GPS scegliendo l'opzione Carica file GPX clicchiamo sul tasto Browse per cercare il file di tipo gpx prima creato oppure il file GPS_Roma.gpx presente nella cartella dei dati di esempio, lasciamo spuntato solo la voce Waypoints nella sottosezione Tipo di dati e premiamo il tasto OK ripetiamo l'operazione di riproiezione Se tutto è eseguito correttamente i dati scaricati si posizioneranno nella corretta posizione i punti del file GPS_Roma.gpx si posizioneranno nel comune di Roma


Scaricare ppt "Quarta lezione: Aggiungere le proprie informazioni Punti, linee, poligoni Cos'è un GPS come si usa come si caricano i dati."

Presentazioni simili


Annunci Google