La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Leonardo Da Vinci. La vita… 1452 - Il 15 Aprile nasce ad Anchiano, presso Vinci, figlio naturale del notaio Ser Piero e di donna Caterina 1457 - A 5 anni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Leonardo Da Vinci. La vita… 1452 - Il 15 Aprile nasce ad Anchiano, presso Vinci, figlio naturale del notaio Ser Piero e di donna Caterina 1457 - A 5 anni."— Transcript della presentazione:

1 Leonardo Da Vinci

2 La vita… Il 15 Aprile nasce ad Anchiano, presso Vinci, figlio naturale del notaio Ser Piero e di donna Caterina A 5 anni va ad abitare a Vinci, nella casa del padre che nel frattempo si era sposato con Albiera Amadori Si trasferisce con il padre a Firenze Entra come apprendista nella bottega darte di Andrea del Verrocchio Si trasferisce a Milano, alla corte di Ludovico il Moro presentandosi come ingegnere, architetto, scultore pittore ed anche musico, incarico con il quale viene assunto. In questo primo periodo milanese lavora soprattutto come pittore dipingendo il ritratto di Cecilia Galerani "Dama con lErmellino" e la prima versione della "Vergine delle rocce" Inizia a dipingere la sua opera più famosa " Ultima cena" in S. Maria delle Grazie. Lopera verrà terminata nel Caduto il duca Ludovico il Moro, sotto lincalzare delle armate francesi di Luigi XII, Leonardo lascia Milano ed inizia il suo pellegrinare passando da Mantova, Venezia, poi in Friuli Torna per un breve periodo a Firenze 1

3 La vita di Leonardo E al servizio di Cesare Borgia E a Firenze dove inizia a dipingere la Gioconda Alterna brevi soggiorni a Milano ed a Firenze Ritorna per un altro lungo periodo a Milano dove riprende gli studi di anatomia, urbanistica, ottica ed ingegneria idraulica Restaurato a Milano il governo degli Sforza, Leonardo si trasferisce a Roma, presso il nuovo Pontefice Giuliano dei Medici Accogliendo linvito del Re di Francia, Francesco I, Leonardo si trasferisce al Castello di Cloux, presso Amboise, dove ricopre lincarico di "primo pittore ed ingegnere del Re" Muore il 2 maggio nella residenza di Cloux, viene sepolto nella chiesa di S. Valentino presso Amboise. Con testamento, datato 23 aprile dello stesso anno, Leonardo lascia tutti i suoi manoscritti, disegni e strumenti vari al caro e prediletto allievo Francesco Melzi ed i dipinti (fra cui la Gioconda, il S. Gerolamo, e la S. Anna) che si trovavano ancora nel suo studio, allaltro discepolo, Salai. A partire dal 1570, dopo la morte del Melzi, inizia la dispersione delleredità di Leonardo. 2

4 Le invenzioni… La barcadi Leonardo da Vinci. Un problema che Leonardo si pone e' quello di rendere più spedita e facile la navigazione. Naturalmente la forma dello scafo aveva una grande importanza e Leonardo se ne interessò. Pensò inoltre di equipaggiare certe barche con grandi pale che, azionate cadauna da un uomo tramite manovelle, avrebbero aumentato il ritmo e l'efficacia rispetto al tradizionale remo. In questo progetto gli uomini che dovevano far forza erano posizionati sotto il ponte della barca, da dove, tramite una cinghia ( o funi), mettevano in movimento il grande tamburo centrale che ingranava con un sistema a ruote, con pioli e lanterna. Leonardo era consapevole che cosi' come era disegnato il meccanismo non poteva funzionare ( le pale avrebbero infatti girato in senso inverso una dall'altra) e che occorreva pertanto interporre un altro meccanismo. 3

5 Barca di Leonardo Da Vinci… 4

6 Unaltra invenzione…La balestra gigantedi Leonardo da Vinci. In qualità di ingegnere e progettista di macchine belliche di offesa e difesa, Leonardo non trascurò i mezzi di guerra tradizionali, come balestre e catapulte. Questa balestra veniva presentata come un grande strumento di guerra che, nelle intenzioni di Leonardo, doveva servire a scagliare grandi dardi creando panico e spavento fra i nemici. Per aumentare flessibilità e potenza, il gigantesco arco, doveva essere realizzato a sezioni lamellari; la corda di tiro poteva essere arretrata con un sistema meccanico e veniva fatta successivamente scattare per percussioni o mediante leva.. Le sei ruote di trasporto potevano essere inclinate per garantire una maggiore stabilità di tiro. 5

7 Balestra gigante di Leonardo da Vinci... 6

8 Unaltra invenzione… Il carro armatodi Leonardo da Vinci. 7 Per portare panico e distruzione tra le truppe nemiche, Leonardo pensa e disegna un carro a forma di testuggine, rinforzato con piastre metalliche, con torretta interna di avvistamento ed armato di cannoni. Il movimento del carro era garantito da 8 uomini che azionavano dallinterno un sistema di ingranaggi collegato alle ruote. Dalle note che accompagnano il disegno si deduce che Leonardo pensò di utilizzare dei cavalli al posto degli uomini, ma la possibilità che gli animali si imbizzarrissero in uno spazio così ristretto e rumoroso dovette ben presto dissuaderlo. La direzione del fuoco poteva essere decisa dagli uomini posti nella parte alta del carro, da dove, attraverso delle strette fessure, potevano vedere il campo di battaglia.

9 Carro Armato di Leonardo da Vinci...

10 Museo Nazionale di Leonardo da Vinci... Leonardo, mentre intuiva la difficoltà di realizzare il grande sogno di poter volare con macchine volanti a propulsione umana, si orientava verso il volo librato. Nell'aliante da lui concepito la posizione del volatore è studiata in modo che egli si possa bilanciare mediante opportuni movimenti della parte inferiore del corpo. Le ali, che imitano quelle dei pipistrelli e dei volatili di grandi dimensioni, appaiono fisse nella parte più interna (quella vicino alla persona), e mobili in quella esterna. Questa parte può infatti essere piegata attraverso un cavo di comando azionato dal volatore per mezzo di maniglie. Leonardo era giunto a tale soluzione studiando la struttura alare degli uccelli e osservando che la parte interna delle loro ali si muoveva più lentamente di quella esterna e che perciò serviva più a sostenere che a spingere in avanti.

11 Unaltra invenzione…il paracadutedi Leonardo da Vinci. Leonardo annoto' che con una tenda di lino a forma piramidale, la cui base fosse tenuta rigidamente aperta e fosse larga 12 braccia (circa 7 metri) e profonda altrettanto "ognuno si potrà gettare da qualsiasi altezza senza alcun rischio".

12 Il paracadute di Leonardo da Vinci...


Scaricare ppt "Leonardo Da Vinci. La vita… 1452 - Il 15 Aprile nasce ad Anchiano, presso Vinci, figlio naturale del notaio Ser Piero e di donna Caterina 1457 - A 5 anni."

Presentazioni simili


Annunci Google