La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le imprese che operano in tale mercato producono un bene perfettamente omogeneo. Il bene venduto da un'impresa è un sostituto perfetto dei beni venduti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le imprese che operano in tale mercato producono un bene perfettamente omogeneo. Il bene venduto da un'impresa è un sostituto perfetto dei beni venduti."— Transcript della presentazione:

1 Le imprese che operano in tale mercato producono un bene perfettamente omogeneo. Il bene venduto da un'impresa è un sostituto perfetto dei beni venduti da tutte le altre imprese. Per tanto, il bene deve essere venduto ad un unico prezzo. Il mercato è popolato da un numero molto rilevante di imprese, teoricamente infinito, ognuna delle quali produce una quota irrilevante dell'output complessivo le imprese sono price taker Nel lungo periodo i fattori della produzione sono perfettamente mobili e non vi sono barriere di nessuna sorta all'entrata e all'uscita di imprese nel mercato. Nel breve periodo, invece, noi assumeremo che le imprese presenti sul mercato non lo possano abbandonare numero imprese fisso Le imprese e i consumatori hanno informazione perfetta ovvero hanno accesso senza costo a tutte le informazioni che sono rilevanti per le loro decisioni. Questa ipotesi è stata già ampiamente adottata, esplicitamente o implicitamente, in questo testo e viene qui ripresentata per completezza. Il mercato di concorrenza perfetta Ipotesi

2 l'impresa spingerà la produzione fino a quando i costi marginali non sono uguali al prezzo. MR = P(Q) Date le ipotesi condizione di equilibrio MC(q*) = P Il ricavo marginale diventa Ricavo marginale formula generale

3 Profitto Ricavi totali Costi totali

4 Questa è una condizione necessaria ma non sufficiente. Condizione del secondordine Uguale a zero perché MR è costante Da un punto di vista analitico Deve essere positiva perché la SOC sia soddisfatta Il profitto è massimo solo nel tratto crescente della curva dei costi marginali

5 Questa è una condizione necessaria ma non sufficiente. = P q - AVC B q – FC = (P - AVC B ) q - FC Da un punto di vista economico Il profitto è massimo ma non necessariamente positivo Se P

6

7

8 Funzione di offerta di breve periodo: impresa individuale Associa ad ogni prezzo la quantità ottimamente offerta Coincide con il tratto crescente dei MC che giace al di sopra dei costi medi variabili

9 Sovrappiù del produttore La differenza fra quanto l'impresa riceve in termini monetari dalla vendita del proprio prodotto sul mercato (Ricavo) e la somma minima che l'impresa richiederebbe per vendere il proprio prodotto. Sovrappiù e profitto S P = TR - VC B = + FC Area P 1 A q 1 0 Ricavo Area sottostante i MC Costi variabili

10 Offerta aggregata

11

12 Equilibrio aggregato (di mercato)

13 E rappresenta una situazione d'equilibrio, a quel prezzo tutti gli agenti che prendono parte al mercato, consumatori e imprese, vedono realizzati i loro piani e sono soddisfatti delle loro scelte dati i vincoli cui sono soggetti. Il prezzo è uguale al costo marginale. Lo scambio marginale avviene, infatti, quando il prezzo di riserva del consumatore, ovvero il prezzo massimo al quale il consumatore sarebbe disposto ad acquistare il bene è perfettamente uguale al costo di riserva del produttore. La somma dei sovrappiù del consumatore e del produttore è massimizzata. Il mercato concorrenziale riesce ad estrarre tutto il possibile vantaggio dello scambio. Proprietà equilibrio

14 In concorrenza perfetta è massimo surplus aggregato

15 Equilibrio lungo periodo

16 Nel lungo periodo vi è piena liberta di entrata e di uscita delle imprese; se i profitti sono superiori al normale nuove imprese entrano nel mercato S PCPC > 0 Altre imprese entrano nel mercato P

17 Equilibrio lungo periodo Nel lungo periodo vi è piena liberta di entrata e di uscita delle imprese; se i profitti sono inferiori al normale alcune imprese escono nel mercato S PdPd < 0 Alcune imprese escono dal mercato P

18 il costo marginale di lungo periodo sia uguale al prezzo, il prezzo sia uguale al costo medio Equilibrio lungo periodo: caratteristiche equilibrio MC = AC il prezzo = al costo medio minimo

19 La curva di offerta aggregata: settore a costi costanti

20 La curva di offerta aggregata: settore a costi decrescenti

21 La curva di offerta aggregata: settore a costi crescenti

22 Concorrenza perfetta considerazioni finali l'ipotesi sulla struttura tecnologica è alquanto irrealistica il caso di perfetta omogeneità dei beni è quasi inosservabile fra i prodotti industriali nella realtà non vi è informazione perfetta

23 Linteresse della concorrenza perfetta Alcuni mercati si avvicinano alle ipotesi Settore agricolo La CP costituisce una sorta di benchmark da utilizzare per valutare le forme di mercato più realistiche. La CP costituisce una sorta di situazione limite dalla quale le moderne imprese tentano con tutti i gli strumenti che hanno a disposizione - innovazione, marketing, pubblicità, accordi collusivi, etc. - di sfuggire, una palude nella quale le imprese tentano continuamente di non cadere o, se vi sono, di uscirne al più presto.

24 Concorrenza e innovazione (di processo) B r e v e p e r i o d o Lungo periodo


Scaricare ppt "Le imprese che operano in tale mercato producono un bene perfettamente omogeneo. Il bene venduto da un'impresa è un sostituto perfetto dei beni venduti."

Presentazioni simili


Annunci Google