La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituzioni di linguistica a.a. 2012-2013 Federica Da Milano

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituzioni di linguistica a.a. 2012-2013 Federica Da Milano"— Transcript della presentazione:

1 Istituzioni di linguistica a.a Federica Da Milano

2 Fonologia Mentre la fonetica si occupa dellaspetto fisico dei suoni, la fonologia si occupa della funzione linguistica dei suoni Fono : fonetica = fonema : fonologia Fonologia: disciplina che ha per oggetto i suoni linguistici, non considerati nel loro aspetto fisico (acustico-articolatorio), ma in quanto elementi di un sistema

3 Fonologia Fono parole Fonema langue Quando due suoni ricorrono nelle medesime posizioni e non possono essere scambiati tra loro senza con ciò mutare il significato delle parole o renderle irriconoscibili, allora questi due suoni sono realizzazioni fonetiche di due diversi fonemi [kane] [pane]/k/ /p/ /kane//pane/ Coppia minima: coppia di parole uguale in tutto tranne che per la presenza di un fonema al posto di un altro in una certa posizione Prova di commutazione Fonema: la più piccola unità linguistica dotata di valore distintivo

4 Fonologia Quando due suoni della stessa lingua compaiono nelle medesime posizioni e si possono scambiare tra loro senza creare variazione di significato nella parola, questi due suoni sono soltanto varianti fonetiche facoltative di un unico fonema Allofoni es. nasali

5 Fonologia Fonemi: unità minime di seconda articolazione Identificati sulla base delle caratteristiche articolatorie che li contrassegnano Es. /p/ occlusiva bilabiale sorda In ogni sistema, ogni unità si definisce in relazione a tutte le altre unità; ogni fonema viene indicato in modo univoco da un fascio di tratti distintivi

6 Fonologia Le caratteristiche articolatorie diventano, sul piano della fonologia, proprietà astratte, tratti distintivi o pertinenti Due fonemi sono differenziati da almeno un tratto fonetico pertinente

7 I fonemi dellitaliano Non tutte le lingue hanno gli stessi fonemi, né tutte hanno lo stesso numero di fonemi Litaliano standard ha 30 fonemi

8 La sillaba Sillaba minima in italiano: vocale (nucleo sillabico) Struttura sillabica canonica in italiano: CV [kane] V [amo] VC [ente] CCV [grano] CVC [manto] CCCV [spremo] (attacco) nucleo (coda) Sillabe con coda si dicono chiuse, sillabe senza coda si dicono aperte

9 Fatti prosodici (o soprasegmentali) Relazioni tra foni sullasse sintagmatico Accento: forza o intensità di pronuncia di una sillaba rispetto ad altre sillabe Accento prosodico vs. accento grafico La posizione dellaccento può essere fissa (es. francese) o libera (es. italiano) Accento con valore distintivo: /ankora/

10 Fatti prosodici (o soprasegmentali) Tono: altezza relativa di pronuncia di una sillaba, dipendente dalla velocità e frequenza delle vibrazioni delle corde vocali Lingue tonali (es. cinese): il tono ha valore distintivo Intonazione: andamento melodico con cui è pronunciata una frase o un intero gruppo tonale (es. frasi interrogative in italiano)

11 Fatti prosodici (o soprasegmentali) Lunghezza: estensione temporale relativa con cui i foni e le sillabe sono prodotti La quantità delle vocali o delle consonanti può avere valore distintivo Lunghezza consonantica in italiano Lunghezza vocalica in italiano


Scaricare ppt "Istituzioni di linguistica a.a. 2012-2013 Federica Da Milano"

Presentazioni simili


Annunci Google