La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Convegno Parliamo di dislessia: sono intelligente e creativo ma... LA CONSAPEVOLEZZA FONOLOGICA E LAPPRENDIMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA SANREMO 29.3.2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Convegno Parliamo di dislessia: sono intelligente e creativo ma... LA CONSAPEVOLEZZA FONOLOGICA E LAPPRENDIMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA SANREMO 29.3.2008."— Transcript della presentazione:

1 Convegno Parliamo di dislessia: sono intelligente e creativo ma... LA CONSAPEVOLEZZA FONOLOGICA E LAPPRENDIMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA SANREMO Paola Maccagno

2 DI COSA PARLERO…. LE ABILITA FONOLOGICHE LA COMPETENZA METAFONOLOGICA GLI INTERVENTI PREVENTIVI

3 ASPETTI CHE DIFFERENZIANO LA LINGUA ORALE E LA LINGUA SCRITTA Modalità di apprendimento Lingua orale: è sufficiente lesposizione per lapprendimento,importanti le informazioni soprasegmentali e paralinguistiche. Lingua scritta: appresa con specifico insegnamento. Prodotto culturale.E unimmagine della lingua orale.

4 ASPETTI CHE DIFFERENZIANO LA LINGUA ORALE E LA LINGUA SCRITTA Unità minime Lingua orale: i fonemi non sono dotate di significato, non sono unità distinte del segnale acustico della parola lunità naturale di produzione linguistica è la sillaba Lingua scritta: le lettere sono ben distinte visivamente e fanno riferimento ad unità astratte i fonemi (italiano 30 fonemi e 21 lettere: non sempre vi è corrispondenza biunivoca)

5 ASPETTI CHE DIFFERENZIANO LA LINGUA ORALE E LA LINGUA SCRITTA La struttura la struttura linguistica è altamente contestualizzata e condivisa la struttura del testo i riferimenti sono interni al testo, esplicitazioni lessicali, diverse le strutture morfo- sintattiche (quando parliamo non usiamo quasi mai subordinate ma coordinate)

6 Espressione orale »la TV »la favola Espressione scritta »SMS »lettere IERI E OGGI

7 Abilità rilevanti per lacquisizione della letto-scrittura Conoscenza linguistica (le conoscenze metalinguistiche) Abilità linguistica (fonetico,fonologico,grammaticale, narrativo) Memoria a breve termine Strategie di comprensione generale Livello di sviluppo cognitivo

8 Fonologia studia il modo in cui i suoni si comportano sistematicamente in una lingua. Lunità linguistica oggetto di studio è il fonema, cioè la più piccola particella nel linguaggio che produce distinzioni nel significato (es. rana/tana) discriminazione e identificazione fonemica programmazione fonologica, ripetizione di parole, nonparole, frasi

9 Abilità fonologiche Ripetizione di parole Ripetizione di nonparole Ripetizione di frasi Denominazione per parole complesse

10 Metafonologia Consiste in conoscenze esplicite o abilità di manipolazione deliberata delle caratteristiche delle unità linguistiche Capacità di percepire/riconoscere, per via uditiva, i fonemi che compongono le parole del linguaggio parlato Saper operare trasformazioni con gli stessi APPRENDIMENTO EFFICACE/EFFICIENTE LETTURA / SCRITTURA CONSAPEVOLEZZA FONOLOGICA

11 Consapevolezza fonologica globale

12 Consapevolezza fonologica analitica o consapevolezza fonemica E la capacità di analizzare separatamente - a livello percettivo uditivo - i singoli suoni o fonemi - che compongono le parole (t, a, v, o, l, o). Si sviluppa successivamente alla consapevolezza fonologica globale. La competenza fonologica si acquisisce gradualmente, perciò nel bambino si manifesta inizialmente con la semplice capacità di riconoscere almeno il primo suono della parola. E un prerequisito fondamentale per lacquisizione della lettura e della scrittura. G. Stella

13 Consapevolezza fonologica Capacità di identificare le componenti fonologiche (sillabe e fonemi) in un continuum fonico (ad esempio una breve sequenza parlata) e di saperle intenzionalmente manipolare. Si tratta di unabilità cruciale per lacquisizione del sistema alfabetico che si basa sulla corrispondenza biunivoca tra fonema (suono) e grafema (lettera scritta). G. Pinto, L Bigozzi Ci si riferisce ad un tipo particolare di consapevolezza metalinguistica che ha per oggetto la struttura fonologica del linguaggio: ciò che si scrive è il suono della parola, non il significato. A. Martini

14 COMPETENZA LINGUISTICO-COMUNICATIVA SEGMENTAZIONE FLUSSO CONTINUO LAMAMMAPREPARALAPAPPABUONA MAMMA LA PREPARA PAPPALABUONA LA MAMMAPREPARALAPAPPABUONA

15

16

17 saper riconoscere le unità sonore del linguaggio CONSAPEVOLEZZA FONOLOGICA O METAFONOLOGIA LANA L – A – N -A LANA T – A – N -A

18 Consapevolezza fonologica Dire se due fonemi, due sillabe o due parole sono uguali o diverse Individuare tra diverse figure rappresentanti oggetti i cui nomi differiscono per un fonema, quella denominata dallesaminatore Discriminazione di coppie minime (coppie di parole differenti per un fonema, es. passo/basso) Associazione di coppie minime alle rispettive figure

19 Abilità metafonologiche Identificazione di unità linguistiche Sintesi sillabica/fonemica Scomposizione sillabica/fonemica Manipolazioni fonemiche (elisioni, sottrazioni, addizioni, inversioni, scambi) Produzione e giudizio di rime Segmentazione lessicale Giudizi su proprietà e somiglianze /differenze tra parole

20 Imparare la corrispondenza grafema-fonema Insegnare a identificare le unità fonemiche a cui sono collegate le unità grafiche

21 Importante ! I fonemi possiamo distinguerli per luogo di articolazione e modo di articolazione I tratti distintivi Nella fase iniziale di apprendimento è importante proporre al bambino fonemi con tratti distintivi il più possibile diversificati

22 Le unità di base dellatto di parola sono le sillabe nella loro diversa struttura ed è il gioco regolare e graduale della loro selezione e combinazione che consente al bambino la costruzione rapida e produttiva delle parole. Anche nellapprendimento della letto- scrittura è consigliabile procedere tramite unimpostazione graduale delle diverse configurazione sillabiche, muovendo dalle configurazioni più semplici per passare progressivamente a quelle di maggior complessità dal linguaggio …..alla scrittura

23 durante lacquisizione del linguaggio, i bambini includono nel loro vocabolario le parole in relazione alla loro composizione sillabica o fonemica (correlazione tra configurazioni sillabiche padroneggiate dal bambino e parole prodotte e la loro frequenza duso). Le configurazioni sillabiche acquisite più precocemente e utilizzate con maggior frequenza sono quelle con struttura CV (Consonante Vocale)

24

25 Il bambino in età prescolare : la corrispondenza fonema-grafema ha esperienza con rappresentazioni uditive (suoni, linguaggio comunicativo, musica, filastrocche, ecc.) acquisisce via via dimestichezza con rappresentazioni grafiche, più o meno simboliche (disegno, immagini, icone, simboli) non ha consapevolezza della reciproca corrispondenza fra suoni, i fonemi, e segni, i grafemi

26 La corrispondenza fonema-grafema lassociazione di un segno grafico con un suono della lingua, quale è il fonema, è una scoperta per il bambino nel periodo iniziale dello sviluppo della competenza alfabetica il bambino è ancora ancorato alla rappresentazione figurativo-simbolica e non segnica

27 Sequenza stadiale proposta da Uta Frith

28 La strategia logografica Consente listantaneo riconoscimento di parole familiari che avviene attraverso lidentificazione di lineamenti salienti, mentre lordine delle lettere è ignorato e i fattori fonologici sono ignorati. Consente la lettura di parole note identificate come un insieme globale.

29 La strategia alfabetica Le abilità alfabetiche consistono nella conoscenza e nelluso dei singoli fonemi e grafemi e delle loro corrispondenze. Consentono la lettura di parole nuove e non parole

30 Le abilità ortografiche comportano lanalisi istantanea delle parole nelle loro unità ortografiche senza necessità della conversione fonologica dei singoli grafemi. La strategia ortografica si distingue da quella logografica perché è sistematicamente analitica e da quella alfabetica perché opera con unità maggiori ed è non-fonologica. La strategia ortografica

31 Consente la correttezza nella lettura e scrittura di parole irregolari e la discriminazione delle parole e stringhe omofone. Prevede linstaurarsi di automatismi nelle attività di lettura e nella scrittura La strategia ortografica

32 La consapevolezza fonologica è la conoscenza esplicita della struttura fonologica della propria lingua, cioè la capacità di identificare le componenti fonologiche allinterno delle unità linguistiche più ampie e di manipolarle intenzionalmente. è cruciale sia in lettura che in scrittura:spesso i due disturbi sono associati

33 La consapevolezza fonologica E una competenza molto articolata, che si struttura progressivamente, dapprima con lo sviluppo del linguaggio orale ed in seguito, in particolare con lapprendimento delle regole del linguaggio scritto.

34

35 possono essere attivate operazioni di confronto, memoria o individuazione di fonemi (es. dire quale parola, tra tre, inizia o non inizia con un dato fonema, o nasce dallelisione del dato fonema, identificare quale parola nasce dalla fusione dei fonemi presentati uditivamente…). ma anche filastrocche rime è arrivato un bastimento carico di …

36 Altri esempi: raggruppare parole che condividono il suono iniziale scartare da una lista una parola che non condivide il suono iniziale con le altre togliere o aggiungere suoni a una parola scomporre una parola nei fonemi che la compongono costruire la parola partendo dai suoi singoli fonemi presentati separatamente in sequenza

37 Ed ancora… distinzione consonante - vocale alternanza CV entro la parola: gli errori riproducono la struttura sequenziale più semplice CVCVCV identità del grafema quantità dei grafemi conoscenza dei legami e confini tra le parole (e situazioni di omofonia)

38 Tenere conto della struttura grafosillabica riferita alla successione di consonanti e vocali (in scala gerarchica basata sul criterio di semplicità CV, VCV,CCV, CCCV, VCC, ecc.) Bisillabe: raddoppiamento di CV lette prima (es.: popa, pupi, pupo …) tenendo ferma una sillaba (es.: la prima PE, pepa, pepe, pepi, pepo, pepu) poi tenendo ferma la seconda sillaba (es.: PA, pipa, pepa, pupa …)

39 Lettura di gruppi CV+CV diversi Introduzione di lettura legata ad un significato: ascolto parola indicazione di figura (es.: pipa, pipe, pupa, papà), scrittura e rilettura di ciò che il bambino ha scritto Lettura parola ricerca tra le figure mescolate poi scrittura Lettura di frasiEs: Nina tira i dadi Lettura di raccontini Introduzione di altre strutture sillabiche (es. CVC, CCV)

40 Efficacia del training delle abilità fonologiche Numerosi studi evidenziano lesistenza di un rapporto fra consapevolezza fonologica e apprendimento della lettura Ma non vi è accordo nello stabilire la direzione di tale relazione Secondo alcuni autori un certo grado di consapevolezza è necessario per imparare a leggere e a scrivere

41 Altri studi evidenziano che solo lesposizione alla lingua scritta e lapprendimento delle regole alfabetiche di conversione fonema-grafema consentono lo svilupparsi della consapevolezza fonologica delle unità minime di suono (i singoli fonemi). Efficacia del training delle abilità fonologiche

42 Solo la lingua scritta, traducendo i singoli suoni nelle lettere corrispondenti, rende oggettive e percepibili anche le unità linguistiche minime (i fonemi) che nel discorso orale si presentano inglobate in unità più ampie (la sillaba) Secondo questi autori quindi è con lesperienza scolastica che si sviluppa appieno la consapevolezza fonologica Efficacia del training delle abilità fonologiche

43 Efficacia del training nelle abilità fonologiche Si può concludere con il riconoscimento di una mutua influenza: le differenze individuali precedenti listruzione formale influenzano lapprendimento imparare a leggere e scrivere, di per sé, facilita lulteriore sviluppo della competenza fonologica

44 Qua nule rode Dumond rivo culi mille da quark amar sala lore compenso di cavu pinsocae raoradi fermarlo. A la campa gnadite Ano. Oh, Beh.Disco fice lurò e Ca Tusi loredelì Talia Mapo carì baldi vide che cami lo penso di cavu rima seco lo papa e delli Talia niente olio a fare; e carì baldi se neioala Mary cando continuò ad ifende reli debbo lidali soprusi deli forti. Morale: lubbi di Enza non sempre con Pensa.


Scaricare ppt "Convegno Parliamo di dislessia: sono intelligente e creativo ma... LA CONSAPEVOLEZZA FONOLOGICA E LAPPRENDIMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA SANREMO 29.3.2008."

Presentazioni simili


Annunci Google