La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

P OTENZIAMENTO DELLE COMPETENZE METAFONOLOGICHE E NARRATIVE 24/10/2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "P OTENZIAMENTO DELLE COMPETENZE METAFONOLOGICHE E NARRATIVE 24/10/2012."— Transcript della presentazione:

1 P OTENZIAMENTO DELLE COMPETENZE METAFONOLOGICHE E NARRATIVE 24/10/2012

2 La competenza metafonologica è la capacità : - percepire e riconoscere per via uditiva, i suoni che compongono le parole - riflettere e manipolare il materiale fonologico Prerequisito necessario per lapprendimento della letto-scrittura

3 Processi presenti nelle competenze metafonologiche: - Sensibilità per la struttura sonora della parola di tipo globale - Capacità di segmentazione e manipolazione di singoli fonemi, che presuppongono operazioni di astrazione e categorizzazione di esperienze di percezione acustica

4 Gerarchia di sviluppo delle abilità metafonologiche. - rappresentazione sillabica naturale poiché cè un preciso referente a livello acustico - manipolazione dei fonemi legata ad un cambiamento nelle capacità di processamento dellinformazione e a consapevoli processi cognitivi

5 C ONSAPEVOLEZZA MF GLOBALE Riflessione sulla fonologia del linguaggio relativa alle capacità di: Discriminazione dei suoni (coppie minime) Classificazione (riconoscimento rime e sillabe) Fusione e segmentazione sillabica

6 L ASCOLTO È un aspetto delleducazione sensoriale alla base dello sviluppo cognitivo. Ascoltare è udire con attenzione, è un processo attivo e creativo Per facilitare lascolto bisogna attivare lattenzione

7 Chi ascolta deve: - assorbire il messaggio - capirlo - evocare esperienze passate - metterlo in relazione con i contenuti precedenti

8 Bisogna avviare il b.: - a percepire e riconoscere i suoni - a cogliere la differenza fonica e semantica delle parole Lo si può fare con giochi finalizzati. Es. Tombole con versi di animali Gioco dei suoni e dei rumori Caccia al suono Telefono senza fili

9 G IOCHI DI RITMO Aiutano i b. a diventare più attenti alla durata e alla intensità dei suoni. Il ritmo - affina lorganizzazione dei movimenti - conduce allindividuazione di simultaneità - di successione - della sequenza - della ricorrenza di sequenze - del numero e del tempo

10 G IOCHI DI RINFORZO DEI MOVIMENTI BUCCO - FONATORI Stimolare giocando la sensibilità e la motricità della muscolatura orale nella sua parte anteriore - labbra e lingua (prassie) Giochi col soffio: - del palloncino - delle candele - dellelefante

11 Le parole pronunciate seguono un andamento ritmico dettato dagli accenti, la parola stessa è composta da sillabe in sequenza. Giochi : - la ranocchia salterina - i soldatini - gli indiani - il percorso

12 Competenza fonologica globale: - riconoscimento e produzione rime - segmentazione di parole in sillabe - fusione sillabica - riconoscimento in parole diverse di sillaba iniziale uguale - elisione di sillaba iniziale - riconoscimento del suono iniziale di parola

13 G IOCHI FONOLOGICI Attività-gioco con le vocali per esercitare la motilità delle labbra e il controllo respiratorio. Giochi: - lorchestra - il serpente - indovina la vocale Giochi di parole: - il coso e la cosa - è arrivato un trenino carico di - la parola misteriosa - indovina chi è - che cosa fa - rime, filastrocche e conte

14 L ATTIVITÀ FONOLOGICA Inserire nella vita quotidiana scolastica attività mirate per portare i b. ad una maggiore consapevolezza metalinguistica e fonologica. Lappello Gli incarichi Il calendario Il tempo Il menù Il supermercato Banca delle parole

15 Studi longitudinali hanno dimostrato che i b. più abili fonologicamente imparano con più facilità a stabilire la corrispondenza grafema/fonema, essenziale nelle prime fasi di acquisizione della letto/scrittura.

16 C OMPETENZE NARRATIVE La narrazione di storie è una delle attività più comuni nella scuola dellinfanzia Risulta gradita ai b. per la ricchezza e la varietà di contenuti Comporta unintensa attività cognitivo- linguistica

17 CARATTERISTICHE DELLA NARRAZIONE - non vi è alternanza dei turni conversazionali - non essendoci interazione, richiede una pianificazione al fine di esplicitare luoghi, personaggi, circostanze e connessioni spazio- temporali - si discosta dalla situazione presente poiché si fa riferimento a eventi inventati o passati

18 A TTIVITÀ COGNITIVO - LINGUISTICA Esprime le conoscenze che possiede il b. a diversi livelli: - lessicale - morfologico - sintattico - strutturale La narrazione per la struttura logico-temporale che la distingue si colloca come passaggio verso le forme scritte e rappresenta un ponte tra la lingua orale e quella scritta.

19 Il racconto di storie aiuta i b. -A crearsi una mappa semantica ricca e integrata -Migliora la convergenza tra pensiero e linguaggio -Facilita la decontestualizzazione Il racconto di storie va programmato in modo graduale, il b. sarà in grado di descrivere gli eventi se conosce e sa descrivere gli oggetti che ne fanno parte

20 Lunità di base di ogni storia è lEPISODIO che si compone: -Situazione iniziale con la presentazione dei personaggi, del luogo, del tempo. -Evento disturbante che crea un problema -Reazione del personaggio che formula un piano interiore -Attuazione del piano -Conclusione finale Più episodi si combinano per formare storie complesse

21 S CHEMA RACCONTO Situazione iniziale – personaggi Evento disturbante (causalità fisica) Reazione emotiva (causalità psicologica con formulazione piano interiore) Attuazione del piano Conclusione

22 La comprensione di una storia deriva dalla capacità di capire le relazioni che legano le frasi in un discorso, di fare inferenze e di anticipare il seguito. Per facilitare la costruzione di schemi-racconto occorre procedere con lascolto di numerose storie dalla trama analoga,con gli stessi personaggi chiave.

23 Le attività sulla narrativa orale favoriscono lacquisizione di capacità linguistiche più elaborate per legare le frasi in un discorso COERENTE. La coerenza è labilità nel selezionare, codificare e organizzare mentalmente con precisione e metodo i contenuti da esprimere in linguaggio.

24 Grazie alle storie il b. percepisce la CAUSALITA - FISICA - PSICOLOGICA La causalità psicologica non è mai esplicitamente illustrata nelle storie in sequenza, ma va ricavata per inferenze.

25 La comprensione e il racconto di storie aiuta ad esercitare contemporaneamente: - La rappresentazione simbolica - La sequenzialità - La graduale decontestualizzazione - Lassunzione dei ruoli

26 SVILUPPO ABILITÀ NARRATIVE 2 anni - Rappresentazione iniziale dellevento, si imitano sequenze di azioni. Riconosce levento 3 anni - Prime forme narrative, comincia a parlare della sua routine 4 anni - Ricordano parti della trama, non padroneggiano la struttura, prevale la descrizione. Difficoltà di individuazione dellevento problematico 5 anni - Utilizzano gli elementi fondamentali, riferiscono episodi incompleti 8 anni - Riproducono testi narrativi completi

27 Caratteristiche dei b. piccoli - scarsa mobilità e flessibilità degli schemi infantili - fanno fatica ad individuare la motivazione e la morale - colgono il significato letterale

28 Come scegliere il materiale da leggere? I testi devono essere interessanti per i b., catturare la loro attenzione e sollecitare la loro immaginazione Devono arricchire il vocabolario, la conoscenza della realtà circostante e presentare unampia gamma di modelli di frasi Lattività sarà efficace se seguita da discussione

29 S UGGERIMENTI SU COME LEGGERE Con b. piccoli, con poche esperienze di ascolto di lettura è bene limitarsi a tempi brevi Attivare lattenzione, usare immagini Vivacizzare la lettura cambiando voce a seconda del personaggio,accentuare espressioni mimiche e facciali, mostrare sorpresa o tristezza Proporre una lettura interattiva Dopo la lettura, discutere la storia Semplificare le parole o le frasi difficili, ma riprenderle alla fine della storia Cercare situazioni e contesti di vita quotidiana in cui possono essere utilizzate parole e frasi

30 Le esperienze linguistiche sono fondamentali per un insegnamento efficace della letto-scrittura e permettono al b. di acquisire conoscenze sulla realtà circostante, su di sé e sugli altri. Il ruolo della scuola dellinfanzia è molto importante nel sostenere e allenare le abilità che si sviluppano spontaneamente nel b prescolare, suscettibili di ulteriori miglioramenti con attività mirate a potenziarle.


Scaricare ppt "P OTENZIAMENTO DELLE COMPETENZE METAFONOLOGICHE E NARRATIVE 24/10/2012."

Presentazioni simili


Annunci Google