La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Capitolo 3 Il comportamento del consumatore. Slide 2 Le preferenze del consumatore Approccio cardinale: lutilità che un individuo riceve da un bene (paniere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Capitolo 3 Il comportamento del consumatore. Slide 2 Le preferenze del consumatore Approccio cardinale: lutilità che un individuo riceve da un bene (paniere."— Transcript della presentazione:

1 Capitolo 3 Il comportamento del consumatore

2 Slide 2 Le preferenze del consumatore Approccio cardinale: lutilità che un individuo riceve da un bene (paniere di beni) può essere misurata in modo cardinale come il peso, la statura ecc. La funzione di Utilità totale U=U(C,V) Proprietà: Funzione crescente Funzione concava

3 Slide 3 Le preferenze del consumatore Funzione di utilità totale è crescente (principio dellutilità totale crescente) Si definisce utilità marginale del bene C la variazione che subisce lutilità totale per effetto di una variazione infinitamente piccola di C (ferma restando la quantità degli altri beni) = U c (C,V)

4 Slide 4 Le preferenze del consumatore Per il principio dellutilità totale crescente si ha che: Lutilità marginale è positiva > 0

5 Slide 5 Le preferenze del consumatore Cibo Utilità Totale funzione di utilità totale

6 Slide 6 Le preferenze del consumatore Concavità della funzione di utilità totale Principio della utilità marginale decrescente: identici incrementi della quantità consumata apportano un aumento della soddisfazione maggiore se lincremento si realizza in condizioni di relativa scarsità del bene a disposizione. Lutilità marginale di un bene è una funzione decrescente rispetto alla quantità consumata del bene < 0

7 Slide 7

8 Slide 8 Le preferenze del consumatore Cibo Utilità Totale funzione di utilità totale

9 Slide 9 Le preferenze del consumatore Approccio ordinale: per definire le preferenze di un consumatore non serve tanto il livello di soddisfazione associato ad una combinazione di beni ma lordine che la combinazione occupa in una ipotetica graduatoria che il consumatore effettua.

10 Slide 10 Le preferenze del consumatore A2030 B1050 D4020 E3040 G1020 H1040 PaniereUnità di Cibo Unità di Vestiario

11 Slide 11 Il consumatore preferisce A a tutte le combinazioni nella scatola blu, mentre tutte quelle nella scatola rosa sono preferite a A. Le preferenze del consumatore Cibo Vestiario 50 G A EH B D

12 Slide 12 Le preferenze del consumatore Le curve di indifferenza rappresentano tutte le combinazioni di due beni che danno al consumatore lo stesso livello di soddisfazione. Curve di indifferenza

13 Slide 13 U1U1 Le combinazioni B,A, & D danno la stessa soddisfazione. E è preferità a U 1 U 1 è preferita a H & G Le preferenze del consumatore Cibo Vestiario 50 G D A E H B

14 Slide 14 Le preferenze del consumatore Proprietà delle curva di indifferenza: 1. Decrescenza Un aumento del consumo di C implica un incremento di utilità pari a: Poiché tutti i punti sulla curva di indifferenza generano lo stesso livello di utilità è necessario che il vestiario si riduca. Pertanto:

15 Slide 15 Le preferenze del consumatore 2. Quanto più una curva di indifferenza è lontana dallorigine, tanto maggiore sarà il livello di utilità totale ad essa associato. Una mappa di indifferenza è un insieme di curve di indifferenza che descrive le preferenze di un individuo per tutte le possibili combinazioni di due beni. 3. Due curve di indifferenza non possono mai intersecarsi

16 Slide 16 U2U2 U3U3 Le preferenze del consumatore Cibo Vestiario U1U1 A B D Il paniere A è preferito a B. Il paniere B è preferito a D.

17 Slide 17 U1U1 U2U2 Le preferenze del consumatore Cibo Vestiario A D B Il consumatore dovrebbe essere indifferente tra A, B e D. Tuttavia B contiene maggiori quantità di entrambi i beni rispetto a D.

18 Slide 18 A B D E G Osservare come lammontare di V ceduto in cambio di una unità di C diminuisce da 6 a 1 Le preferenze del consumatore Cibo Vestiario

19 Slide 19 Le preferenze del consumatore Il saggio marginale di sostituzione (SMS) rappresenta lammontare di un bene che un consumatore è disposto a cedere per ottenere una quantità maggiore di un altro bene. E misurato dalla pendenza della curva di indifferenza. Saggio Marginale di Sostituzione

20 Slide 20 Le preferenze del consumatore Cibo Vestiario A B D E G SMS = 6 SMS = 2

21 Slide 21 Le preferenze del consumatore Quarta proprietà delle curve di indifferenza: lungo una curva di indifferenza cè un saggio marginale di sostituzione decrescente. SMS: 6,4,2 Le curve di indifferenza sono convesse. Saggio Marginale di Sostituzione

22 Slide 22 Le preferenze del consumatore Perfetti Sostituti e Perfetti Complementi Due beni sono perfetti sostituti quando il SMS di un bene rispetto allaltro è costante. Due beni sono perfetti complementi quando le curve di indifferenza dei due beni hanno la forma di un angolo retto.

23 Slide 23 Le preferenze del consumatore Succo di arancia Succo di mela Perfetti Sostituti Perfetti Sostituti

24 Slide 24 Le preferenze del consumatore Scarpe destre Scarpe sinistre Perfetti Complementi Perfetti Complementi

25 Slide 25 Il vincolo di bilancio La retta di bilancio La retta di bilancio indica tutte le combinazioni di due beni per le quali vale leguaglianza tra reddito monetario e spesa totale. Lequazione della retta è:

26 Slide 26 Il vincolo di bilancio A04080 B D E G80080 Paniere Cibo Vestiario Spesa totale P C = (1)P V = (2)P C C + P V V = I

27 Slide 27 Retta di bilancio C + 2V = $80 (I/P V ) = 40 Il vincolo di bilancio Cibo = (I/P C ) A B D E G Vestiario P V = 2 P C = 1 I = 80

28 Slide 28 Il vincolo di bilancio La retta di bilancio La pendenza indica il saggio al quale i due beni possono essere sostituiti a parità di reddito speso. Lincercetta verticale (I/P V ) rappresenta lammontare massimo di V che può essere acquistato con il reddito I. Lintercetta orizzontale (I/P C ) rappresenta lammontare massimo di C che può essere acquistato con il reddito I

29 Slide 29 Il vincolo di bilancio Gli effetti di variazioni del reddito e dei prezzi Variazioni del Reddito Un aumento del reddito determina uno spostamento della retta di bilancio verso lesterno, parallelamente alla retta originaria. Una riduzione del reddito determina uno spostamento della retta di bilancio verso linterno, parallelamente alla retta originaria.

30 Slide 30 Il vincolo di bilancio Cibo Vestiario Un aumento del reddito sposta la retta di bilancio verso lesterno (I = 160) L2L2 (I = 80) L1L1 L3L3 (I = 40) Una riduzione del reddito sposta la retta di bilancio verso linterno

31 Slide 31 Il vincolo di bilancio Variazioni dei Prezzi Se il prezzo di un bene aumenta, la retta di bilancio si sposta verso linterno, facendo perno sullintercetta dellaltro bene. Se il prezzo di un bene si riduce, la retta di bilancio si sposta verso lesterno, facendo perno sullintercetta dellaltro bene.

32 Slide 32 Il vincolo di bilancio Cibo Vestiario (P F = 1) L1L1 Un aumento del prezzo del cibo a 2.00 modifica La pendenza della retta di bilancio e la ruotaverso linterno. L3L3 (P F = 2) (P F = 1/2) L2L2 Una riduzione del prezzo del cibo a.50 modifica la pendenza della retta di bilancio e la ruota verso lesterno.

33 Slide 33 La scelta del consumatore I consumatori scelgono una combinazione di beni che massimizzerà la soddisfazione che possono raggiungere, dato il bilancio a loro disposizione. Il paniere che massimizza la soddisfazione deve soddisfare due condizioni: 1) deve trovarsi sulla retta di bilancio. 2) deve offrire al consumatore la combinazione di beni maggiormente preferita.

34 Slide 34 Ricordando che la pendenza della curva di indifferenza è: La scelta del consumatore Essendo la pendenza della linea di bilancio:

35 Slide 35 La scelta del consumatore Si avrà che la soddisfazione è massima quando :

36 Slide 36 La scelta del consumatore Cibo Vestiario U1U1 B Linea del bilancio P V = 2 P C = 1 I = $80 Il punto B non massimizza la soddisfazione perchè il SMS (-(-10/10) = 1 è maggiore del rapporto tra i prezzi (1/2). -10V +10C

37 Slide 37 La scelta del consumatore Linea del bilancio U3U3 D Il paniere D non può essere ottenuto dato il vincolo di bilancio corrente. P V = 2 P C = 1 I = $80 Cibo Vestiario

38 Slide 38 U2U2 La scelta del consumatore P V = 2 P C = 1 I = 80 Retta del bilancio A In corrispondenza del paniere A la linea di bilancio e la curva di indifferenza sono tangenti e non si possono ottenere livelli di soddisfazione maggiori. In A: SMS =P c /P V =.5 Cibo Vestiario

39 Slide 39 A livello analitico: Utilità marginale e scelta del consumatore Ordinando:

40 Slide 40 Poichè: Utilità marginale e scelta del consumatore di C per V

41 Slide 41 Quando i consumatori massimizzano la soddisfazione: Utilità marginale e scelta del consumatore Essendo il SMS uguale al rapporto tra le utilità marginali del consumo di C e V, ne segue che:

42 Slide 42 Da qui può ricavarsi la condizione per la scelta ottima : Utilità marginale e scelta del consumatore

43 Slide 43 Lutilità totale è massimizzata quando il bilancio è allocato in modo tale che lutilità marginale per un dollaro di spesa è la stessa per ciascun bene. Questo rappresenta il principio di eguaglianza marginale. Utilità marginale e scelta del consumatore


Scaricare ppt "Capitolo 3 Il comportamento del consumatore. Slide 2 Le preferenze del consumatore Approccio cardinale: lutilità che un individuo riceve da un bene (paniere."

Presentazioni simili


Annunci Google