La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia politica Anno accademico 2004-05. Da che dipende la scelta 1 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) Riprendiamo il modello di base.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia politica Anno accademico 2004-05. Da che dipende la scelta 1 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) Riprendiamo il modello di base."— Transcript della presentazione:

1 Economia politica Anno accademico

2 Da che dipende la scelta 1 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) Riprendiamo il modello di base del consumatore Perciò la quantità acquistata di x 1, ossia la domanda di x 1, dipende da quelle tre grandezze; è una funzione di quelle tre grandezze. Scriveremo x 1 = x 1 (p 1, p 2, m). Lo stesso vale per x 2. Queste funzioni si chiamano funzioni di domanda. Sappiamo che la scelta delle quantità da acquistare (identificata, escludendo le soluzioni dangolo, dalla curva di indifferenza tangente alla retta del bilancio) dipende da tre grandezze date : i due prezzi p 1 e p 2 e il reddito m. Ora dobbiamo studiare come varia la domanda di x 1 (o di x 2 ) quando cambia di uno dei tre dati. Corso di economia politica

3 Semplifichiamo il modello 1 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) Cambiamo terminologia (e significato) alle variabili e ai dati. Fatto ciò, riscriviamo il vincolo di bilancio: px x a = m ( x a rappresenta la spesa per gli altri beni ) Useremo questo modello semplificato per studiare gli effetti sulla domanda del bene x provocati da variazioni del suo prezzo p e del reddito m a disposizione del consumatore. (1) Sostituiamo il pedice 2 col pedice a. SIGNIFICATO : x a tutti gli altri beni; p a costo medio degli altri beni. (2) Togliamo il pedice 1 (non serve più). (3) Per semplificare ulteriormente poniamo p a = 1. Corso di economia politica

4 Un aumento di m 3 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) Un primo esercizio di statica comparata consiste nel vedere cosa succede a x = x (p, p a, m) a seguito di un aumento del reddito m. x xaxa 0 V N m vm v m nm n Il prezzo relativo non cambia. Ci aspettiamo un aumento della domanda di x : Il consumatore, diventato più ricco, compra una quantità maggiore del bene (e anche degli altri beni). Questa è la situazione descritta Questa è la situazione descritta nel grafico (ed è la situazione normale). La curva di reddito-consumo congiunge le scelte ottime in corrispondenza di redditi diversi Corso di economia politica

5 Beni normali e beni inferiori 4 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) Un bene viene detto normale se il suo consumo aumenta al crescere del reddito. Il bene x del lucido precedente è normale. x xaxa 0 V N m vm v m nm n Un bene viene invece detto inferiore se il suo consumo diminuisce quando il reddito cresce. Un esempio di bene inferiore è riportato nel grafico. Si ha m n m v (il reddito aumenta) ma la nuova scelta è x n x v (il consumo del bene diminuisce). Si possono fare molti esempi di beni inferiori: tutti quelli, appunto, il cui consumo si riduce quando il consumatore diventa più ricco. xnxn xvxv Corso di economia politica

6 Variazione di m e curva di Engel 5 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica Introduzione

7 Variazione di m e curva di Engel 7 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

8 Variazione di m e curva di Engel 6 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

9 9 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

10 10 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

11 11 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

12 12 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

13 13 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

14 14 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

15 15 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

16 16 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

17 17 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

18 18 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

19 19 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

20 Un aumento di p 20 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) Il grafico della retta del bilancio si costruisce sempre nel solito modo. Il termine noto è m e il coefficiente angolare è p. Sappiamo che un aumento di p fa ruotare la retta facendo perno su m (lo dice la matematica e lo conferma leconomia). Vediamo cosa succede alla scelta. x1x1 xaxa 0 pvpv m V N Questa passa dal punto V, sulla vecchia retta del bilancio al punto N, sulla nuova. La domanda di x diminuisce (lascissa di N è più piccola di quella di V ). Ovvero laumento del prezzo ha ridotto la domanda. Questo risultato era atteso. ma laumento di p ha ridotto anche il consumo di x a. Come mai? pnpn al punto N, sulla nuova. Corso di economia politica

21 Calcolare il livello di p dalla retta del bilancio 21 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) Sappiamo che p è il coefficiente angolare della retta del bilancio. Possiamo calcolarlo come lordinata della retta del bilancio in corrispondenza di x 1 = 1 (partendo dal punto in cui la retta incontra lasse delle ascisse). Si ha infatti p = -Dxa/Dx, sicché, x1x1 x2x2 0 dbca 0 p pcpc pbpb Si ha infatti p = x 2 / x 1, sicché, quando x 1 = 1, segue p = x 2. Nel grafico viene fatto il calcolo per quattro diverse rette. Esso misura di quan- to il prezzo aumenta man mano che ci si sposta dalla retta a verso la retta d. pdpd papa Corso di economia politica

22 Costruiamo la curva di domanda 22 Economia - consumatore (Domanda) x1x1 x2x2 p pcpc pbpb pdpd papa x1x1 a b c d xdxd xaxa xbxb xcxc xaxa xbxb xdxd xcxc Curva di domanda Nel grafico accanto sono riportate le varie scelte del consumatore al crescere del prezzo (i valori di p sono quelli del lucido precedente). Si passa dal punto a, in cui si domanda x a, al punto b, in cui si Riportiamo queste quantità domandate nel grafico inferiore (allineato), che in A p a corrisponde x a, ecc. Tutte queste combinazioni di prezzi e quantità costitui- scono la curva di domanda. al punto b, in cui si domanda x b, al punto c, ecc. al punto c, ecc. che in ordinata porta i prezzi (ricavati dal LUCIDO precedente). Corso di economia politica (novembre 2004)

23 La curva di domanda 23 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) x p La curva di domanda identifica, per ogni dato livello del prezzo p, la quantità del bene x che il consumatore intende acquistare. La quantità domandata x è una funzione del prezzo p. Si scrive: In modo più preciso si scrive: x = x(p) La funzione x(p) non è per forza una retta, ma è decrescente : la quantità domandata aumenta se il prezzo diminuisce. papa pbpb xaxa xbxb D b 0 p 0 x 0, e viceversa. dove x(p) è una formula matematica. Per esempio, x = a b p (una retta). a Corso di economia politica

24 Domanda, reddito e prezzi 24 Economia - consumatore (Domanda) (ottobre-dicembre 2003) La curva di domanda mette in luce la relazione (decrescente) tra la quantità domandata x e il suo prezzo p. Ma, come sappiamo dal modello della scelta del consumatore, la quantità da lui domandata dipende anche dagli altri prezzi e dal suo reddito. La funzione di domanda mette in luce tutti gli effetti, nel senso che è una formula che fa dipendere x non solo da p ma anche da m e dagli altri prezzi. Per semplicità consideriamo solo altri due prezzi: p s (prezzo di un bene sostituto) e p c (prezzo di un bene complementare). La formula della funzione di domanda sarà allora: x = x(p, p s, p c, m) Corso di economia politica

25 Gli effetti delle altre variabili 25 Economia - consumatore (Domanda) (ottobre-dicembre 2003) Sappiamo che laumento del suo prezzo fa diminuire la quantità domandata: p 0 x < 0. Laumento del prezzo di un bene succedaneo fa (di solito) aumentare la quantità domandata di x : p s 0 x > 0 (si tende a sostituire con x, il bene succedaneo, ora più caro; questo purché leffetto reddito non batta quello sostituzione). Laumento del prezzo di un bene complementare fa diminuire la quantità domandata di x : p c 0 x < 0 (si riduce il consumo dei due beni che vengono usati insieme). Laumento del reddito del consumatore fa (di solito) aumentare la quantità domandata di x : p c 0 x < 0 leccezione riguarda i beni inferiori. Corso di economia politica

26 N Movimenti lungo la curva e spostamenti della curva 26 Economia - consumatore (Domanda) (ottobre-dicembre 2003) Quando aumenta (o diminuisce) p, il nuovo valore di y (la nuova quantità domandata) viene trovato identificando il nuovo punto sulla curva di domanda (vedi LUCIDO 85). Come si fa a rappresentare, sul grafico della curva di domanda, leffetto della variazione di un altro prezzo o del reddito? Quando cambia la grandezza di una variabile diversa da p (come m, p s o p c ) la quantità domandata di x cambia (nei modi che abbia-mo visto): a parità di p, y aumenta (o diminuisce). Nel grafico si vede leffetto di m > 0 su un bene normale. Questo significa V p p*p* D(mv)D(mv) 0 xvxv x D(mn)D(mn) xnxn m n > m v Questo significa che la curva di domanda si sposta. Corso di economia politica

27 27 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

28 28 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

29 29 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

30 30 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

31 31 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

32 32 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

33 33 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

34 34 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

35 Effetto reddito e sostituzione 35 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) La risposta allinterrogativo del LUCIDO 20 è che la variazione del prezzo ha due effetti sulla domanda del bene: (2)Effetto reddito ( ER ). Il consumatore, però, non può restare sulla stessa curva di indifferenza (vedi grafico del lucido precedente). Laumento del prezzo riduce il reddito reale. Perciò può succedere (può anche non succedere) che venga ridotto anche il consumo degli altri beni, non solo quello del bene x 1 diventato più costoso (a causa di p 1 0 ). (1)Effetto sostituzione ( ES ). Laumento di p accresce il prezzo relativo ( p a è il numerario); perciò conviene una scelta con un MRS maggiore (più in alto lungo la curva di indifferenza); il risultato è che, se potesse restare sulla stessa curva di indifferenza, il consumatore sceglierebbe un paniere con meno x 1 e più x 2. Corso di economia politica

36 Decomposizione di Hicks 36 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) NOTA. Se il prezzo diminuisce ( p 1 0 ), invece di aumentare, i due effetti si verificano ugualmente, ma a rovescio. x1x1 x2x2 0 V N S Consideriamo un aumento di p (che, come sappiamo, fa ruotare la retta del bilancio verso il basso). La scelta passa da V a N (notare che stavolta la domanda di x 2 aumenta). Per misurare l ES tracciamo una retta tangente alla vecchia curva di indifferenza con inclinazione pari al nuovo prezzo p n. Il passaggio da V a S è leffetto sostituzione. Il passaggio da S a N è leffetto reddito. Il passaggio da V a N è leffetto totale ( ET ): si ha cioè ET = ES ER. Corso di economia politica

37 Decomposizione di Slutsky 37 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) Il passaggio da V a S è la nuova misura delleffetto sostituzione. Il resto del discorso non cambia: leffetto reddito è sempre misurato dal passaggio da S a N. x1x1 x2x2 0 V N S Gli economisti hanno considerato anche un altro modo per misurare i due effetti. In quello che abbiamo visto ES viene ottenuto tenendo ferma la curva di indifferenza. Questa volta teniamo Con quel reddito reale e con i nuovi prezzi, il consumatore sceglierebbe S (perché?). Questa volta teniamo fermo il reddito reale (definito come la capacità di acquistare il paniere V ). Corso di economia politica

38 Il significato della distinzione 38 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) (2) p 1 0 rende il consumatore più povero (e questo provoca ER ). Questa volta ATTENZIONE. Comunque venga misurato ES (tenendo costante lutilità o tenendo costante il reddito reale), leffetto totale della variazione della domanda di x (al variare di p ) è sempre lo stesso: dal paniere V al paniere N. Perché scomponiamo leffetto totale in due pezzi ( ES ER )? (1) p 1 0 rende il bene più caro (e questo provoca ES ); Perché così mettiamo in luce che la variazione del prezzo influenza la domanda in due modi: Per leffetto sostituzione p 1 0 provoca sempre x 1 0 (perché?). Lo stesso non si può dire per leffetto reddito. Corso di economia politica

39 Bene di Giffen 39 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) che p 1 > 0 provoca p1 > 0 Se il bene è inferiore, lER 0 provoca una riduzione del reddito reale e quindi x 1 > 0. Abbiamo detto che leffetto sostituzione p1 > 0 provoca sempre x 1 < 0 Ora, se l ER è più intenso di ES (del bene inferiore) in valore assoluto, allora si avrà: In questo caso il bene è detto bene di Giffen. Corso di economia politica

40 Bene di Giffen 40 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) Il passaggio da V a S è la misura delleffetto sostituzione. Leffetto reddito (negativo) è misurato dal passaggio da S a N. x1x1 x2x2 0 V N S Con quel reddito reale e con i nuovi prezzi, il consumatore sceglierebbe S. Teniamo fermo il reddito reale (definito come la capacità di acquistare il paniere V ). Corso di economia politica

41 41 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

42 42 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica

43 43 Economia - Consumatore (novembre 2004) Corso di Economia Politica


Scaricare ppt "Economia politica Anno accademico 2004-05. Da che dipende la scelta 1 Economia - consumatore (Domanda) (novembre 2004) Riprendiamo il modello di base."

Presentazioni simili


Annunci Google