La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LESPERIENZA DELLISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LESPERIENZA DELLISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO."— Transcript della presentazione:

1 LESPERIENZA DELLISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO

2

3 LINGUAGGI E CONTINUITA: COSTRUIRE UN PERCORSO FORMATIVO UNITARIO DI MUSICA DOVE ABBIAMO INIZIATO ISTITUTO COMPRENSIVO dal primo biennio : accorpamento, conoscenza secondo biennio/triennio : curricolo interscambi progettualità ISTITUTO COMPRENSIVO dal primo biennio : accorpamento, conoscenza secondo biennio/triennio : curricolo interscambi progettualità

4 COME SI E PROCEDUTO 1.CONTESTO/AMBITO DI LAVORO 2.CONDIZIONI E FATTORI DETERMINANTI 3.AZIONI REALIZZATE

5 1 - AMBITO LOCALE SPECIFICO DIMENSIONE DI ISTITUTO COMPRENSIVO : - unitarietà e continuità tra i vari ordini di scuola - sinergia con il territorio di appartenenza CREAZIONE DI UN SISTEMA FORMATIVO INTEGRATO AUTONOMIA DIDATTICA E ORGANIZZATIVA: - Piano dellOfferta Formativa /Curricolo dIstituto POTENZIAMENTO DELLE ABILITÀ ESPRESSIVE (musica, teatro, danza…)

6 2 - AMBITO GENERALE LIVELLO UNITARIO Concetti – chiave comuni e trasversali: assi orizzontale (tutte le discipline) e verticale ( i tre ordini di scuola) LIVELLO DISCIPLINARE Aree disciplinari: scansione degli obiettivi e traguardi formativi (1^ annualità: articolazione curricolare) LIVELLO DISCIPLINARE Linee di lavoro per la costruzione dei curricoli disciplinari, coordinati da un esperto esterno (2^ annualità: approfondimento disciplinare) LIVELLO DISCIPLINARE Percorsi curricolari: continuità – curricolo verticale e curricolo locale - competenze – valutazione (1^ e 2^ annualità: progettazione curricolare) INDICAZIONI NAZIONALI SUL CURRICOLO

7 PROGETTO REGIONALE MUSICA Diffusione della pratica musicale Formazione e ricerca Promozione di progetti finanziamenti Promozione di progetti finanziamenti

8 3 - COSA SI E FATTO Curricolo Gruppo di ricerca sul curricolo di musica (docenti inf, primaria, secondaria 1^) formazione interna/scambio di competenze armonizzazione interno/esterno Curricolo Gruppo di ricerca sul curricolo di musica (docenti inf, primaria, secondaria 1^) formazione interna/scambio di competenze armonizzazione interno/esterno Pratica didattica Rafforzamento carattere laboratoriale attivo diffusione di interventi, iniziative progettualità/sperimentazione collaborazioni continuative /realtà musicali del territorio ( Scuola civica di musica Bononcini) Pratica didattica Rafforzamento carattere laboratoriale attivo diffusione di interventi, iniziative progettualità/sperimentazione collaborazioni continuative /realtà musicali del territorio ( Scuola civica di musica Bononcini)

9 PRATICA LABORATORIALE o storia delle singole scuole: - interventi e Progetti musicali nelle scuole - presenza e contributi delle scuole nel territorio (concerti, partecipazione a eventi) o corpo/movimento - percorsi musicali centrati su musica e movimento o strumenti musicali - sviluppo della pratica strumentale: dal piccolo strumentario (Orff) agli strumenti del laboratorio musiciale della scuola sec. I grado o MUSICA DINSIEME PRATICA LABORATORIALE o storia delle singole scuole: - interventi e Progetti musicali nelle scuole - presenza e contributi delle scuole nel territorio (concerti, partecipazione a eventi) o corpo/movimento - percorsi musicali centrati su musica e movimento o strumenti musicali - sviluppo della pratica strumentale: dal piccolo strumentario (Orff) agli strumenti del laboratorio musiciale della scuola sec. I grado o MUSICA DINSIEME

10 Scuole dellInfanzia un docente specializzato attività di progetto

11 Scuole primarie Una docente specializzata Referenti di laboratorio Collaborazioni continuative Progetto ponte

12 Scuola d'infanzia e primaria Alunni coinvolti: Scuole dinfanzia: n. 221 Scuole primarie: n. 523 Docenti coinvolti: Scuole dinfanzia:n. 2 interni - n. 2 esterni Scuole primarie: n. 25 interni - n. 3 esterni N. ore di attività: le ore previste nellorario curricolare e 260 ore di interventi specifici di Progetto

13 Risultati raggiunti: Per i docenti: - i docenti che curano l'ambito musicale, non in possesso di una formazione didattica specifica, hanno modo di specializzarsi in percorsi maggiormente mirati e acquisire competenze tramite la partecipazione alle attività svolte dagli esperti e alla condivisione progettuale dei percorsi proposti in un'ottica laboratoriale. Per gli studenti: - miglioramento e potenziamento dell'attenzione verso le attività musicali pratiche in generale: canto e strumento musicale - rilevamento di un vivo interesse verso un campo musicale specifico, quale il canto corale - rilevamento dell'adesione e del potenziamento verso un'attività particolare, come la pratica ritmica degli strumenti a percussione.

14 Scuola secondaria 1° grado Laboratorio attrezzato Progetti Scuole Aperte Progetti annuali (lezioni-concerto, laboratori di approfondimento…) Interventi sul territorio

15 ESPERIENZE: ESPERIENZE: SCUOLA DELLINFANZIA

16 LA MUSICA NELLA SCUOLA DELLINFANZIA J. MIRO^ La struttura organizzativa della scuola dell infanzia J. Mirò di Castelvetro: sei sezioni due insegnanti per sezione un insegnante di sostegno un insegnante di religione

17 Il curricolo di musica Sono impegnate: - uninsegnante di sezione, con specializzazione in didattica della musica, esperta per la scuola dellinfanzia e coinvolta nelle attività dellIstituto per il curricolo di musica; con formazione conseguita anche nellambito Progetto musica in Emilia Romagna - una docente esperta esterna della scuola civica di musica Circolo musicale Bononcinidi Vignola progettazione condivisa delle attivit à

18 Proposte musicali le attivit à scelte in base all et à dei bambini si sono concentrate su: ritmo coro ai bambini di cinque anni attivit à quali la sonorizzazione di canti, racconti e poesie, musica e movimento: un balletto sul Carnevale degli animali di Camille Saint-Saens e alcune danze

19 SCUOLE APERTE 2009 Scuola secondaria I grado: 1 pomeriggio aggiuntivo: Mercoledì pomeriggio dalle 14 alle 17; scansione oraria a rotazione nei laboratori Alunni coinvolti: n.127 (su n. 282 alunni) Docenti coinvolti: n. 4 esterni - n. 4 interni N. di ore re di attività: classi 3^: 42 ore laboratori musicali.; 18 ore Lingua inglese classi 1^ - 2^ : 31 ore laboratori musicali; 12 ore Lingua inglese

20 Risultati raggiunti: Per i docenti della disciplina musicale - osservare e mettere a confronto la propria esperienza didattica, con quella più specifica di percorsi musicali mirati e per piccoli gruppi - opportunità di svolgere riflessioni e trarre spunti didattici ed educativi di percorsi trasversali e svolti parallelamente con alunni della scuola, arricchendo la propria competenza didattica ed educativa Per i docenti di Lingua inglese: - far conoscere un repertorio di teatro in lingua inglese e l'esperienza di recitazione in piccoli gruppi e tramite un approccio ludico

21 Per gli studenti: - le attivit à di laboratorio hanno dato la possibilit à di creare gruppi di alunni di varie classi, che hanno relazionato tra loro in modo positivo, attraverso attivit à stimolanti e creative - si sono rilevati riscontri molto positivi per alunni stranieri e con sostegno: sia nella pratica musicale specifica, sia nell'inserimento scolastico - alcuni alunni con difficolt à relazionali e di apprendimento, hanno presentato miglioramenti, rilevati anche da altri docenti ed operatori educativi, in particolare nella relazione con gli altri e nella percezione di se stessi e delle proprie capacit à e potenzialit à ; hanno manifestato grande entusiasmo e l'intenzione a frequentare corsi musicali anche in orario extra scolastico

22 COSA si è ottenuto: un generale miglioramento nell'approccio alle attività musicali, alle pratiche esecutive e alle capacità creative degli alunni la sperimentazione di un orario scolastico flessibile, aperto, articolato oltre i gruppi classe, per attività di LABORATORIO un ampliamento dello strumentario, per attrezzare maggiormente i laboratori delle scuole, in collegamento alle attività musicali svolte condivisione e apprezzamento da parte dei genitori, rilevate sia allinizio, sia al termine delle attività didattiche anche tramite questionari qualitativi

23 CONCLUSIONI Fare musica nella scuola di base creare competenze offrire spazi di vita positivi creare occasioni di scambio e conoscenza contribuire a ridurre situazioni di disagio e difficoltà

24 GRUPPO DI LAVORO Dirigente Scolastico P.ssa Dunnia Berveglieri Referente P.O.F Nicoletta Balestri Docenti gruppo di ricerca Squillace Rosalba Giavoni Giovanna Casalini Roberta Giovannelli Marina Docenti scuola secondaria 1^ grado Spallanzani Rossella Cavani Martino Bergonzini Roberto


Scaricare ppt "LESPERIENZA DELLISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELVETRO."

Presentazioni simili


Annunci Google