La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La valutazione in fisica Perché valutare Come valutare Che cosa valutare Con quali strumenti valutare Come e perché documentare i processi e i risultati.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La valutazione in fisica Perché valutare Come valutare Che cosa valutare Con quali strumenti valutare Come e perché documentare i processi e i risultati."— Transcript della presentazione:

1 La valutazione in fisica Perché valutare Come valutare Che cosa valutare Con quali strumenti valutare Come e perché documentare i processi e i risultati della valutazione Sono utili le prove nazionali? Did5-1

2 Perché valutare in scienze per sondare conoscenze e capacità iniziali per monitorare il processo di insegnamento/apprendimento per indirizzare/stimolare lattenzione verso gli aspetti importanti per verificare lapprendimento (valutazione finale)

3 Come valutare in scienze La valutazione è parte integrante del processo educativo va pensata fin dallinizio, coerentemente allintervento didattico: se mi pongo un certo obiettivo, debbo anche pensare a come valuterò se è stato raggiunto si debbono adottare, per valutare, gli stessi metodi degli altri momenti dellintervento didattico: se ho adottato una didattica attiva, che stimola il pensiero divergente, non dovrei usare solo prove basate su conoscenze mnemoniche è essenziale mantenere anche nella valutazione un buon livello di partecipazione da parte degli allievi: rendere trasparenti modalità e criteri, discutere i risultati, ecc. evitare che si instauri un clima poliziesco, con il docente che passa dallaltra parte della cattedra

4 Che cosa valutare lo studente: acquisizione di concetti, di abilità e di atteggiamenti le competenze essenziali il processo: il curriculum, linsegnante, le strutture (coerenza, efficacia, economicità...)

5 Le competenze essenziali nelle scienze conoscitive linguistiche comunicative metodologiche operative relazionali nuclei fondanti della disciplina

6 Dal forum delle associazioni disciplinari: I nuclei fondanti sono quei concetti generali che ricorrono in vari luoghi di una disciplina e hanno perciò valore strutturante e generativo di conoscenze la fisica è una scienza sperimentale: Oggetto ==> mondo esterno Postulati ==> su base induttiva, per tentativi ed errori Riscontro ==> confronto teoria-dati sperimentali Struttura ==> logico-formale (leggi, modelli, teorie) nuclei disciplinarinuclei procedurali Nuclei fondanti della fisica

7 costruire i concetti competenze conoscitive formularli con linguaggio adeguato competenze linguistiche e comunicative grandezze e fenomeni fisici rilevanti relazioni fra grandezze leggi, modelli, teorie nuclei fondanti disciplinari: il caso della fisica

8 padroneggiare larte della sperimentazione competenze metodologiche usare dispositivi e strumenti di misura competenze operative lavorare in gruppo, rispettare le consegne competenze relazionali sperimentare misurare analizzare dati verificare leggi, modelli, teorie nuclei fondanti procedurali: il caso della fisica

9 Criteri da tenere presenti nella valutazione delle competenze cognitive, linguistiche, comunicative il riferimento agli obiettivi deve essere specifico e puntuale evitare valutazioni a tappeto, oppure generiche e poco informative la valutazione deve seguire da vicino lattività, anche se le valutazioni differite e globali possono avere la loro utilità valutare lutilizzo di un linguaggio specifico (termini scientifici) e le capacità di documentare e comunicare ricordare che la valutazione deve servire soprattutto a sondare conoscenze e capacità spontanee/iniziali monitorare il processo di insegnamento/apprendimento indirizzare/stimolare lattenzione verso i concetti importanti

10 La valutazione delle competenze metodologiche, operative e degli atteggiamenti osservare in modo autonomo/guidato usare strumenti e abilità operative in generale progettare, organizzare e strutturare il proprio lavoro raccogliere e organizzare e comunicare i dati comprendere le consegne e rispettare le regole lavorare in gruppo, eventualmente con ruolo di leader, ma condividendo sempre conoscenze e responsabilità

11 Valutare il processo: il curriculum, linsegnante, le strutture Valutare il curriculum: capire e valutare la struttura logica dei curricoli proposti/imposti introdurre elementi di innovazione/sperimentazione impostare una corretta metodologia e seguirla coerentemente, con attenzione alle impostazioni date nelle altre discipline, anche nei riguardi della valutazione

12 Valutare il processo: il curriculum, linsegnante, le strutture Autovalutazione dellinsegnante: strategie didattiche in rapporto all'insegnamento/apprendimento della fisica: definire il quadro generale in cui si inseriranno i vari interventi didattici (evitare limprovvisazione e la frammentazione, pur mantenendo una ragionevole flessibilità singolo intervento didattico: -programmazione corretta -prerequisiti adeguatamente rispettati -preparazione accurata e puntuale -attacco motivante -conduzione ben strutturata -modalità di valutazione mirate gestione della classe

13 Valutare il processo: il curriculum, linsegnante, le strutture Valutare le strutture (classe, laboratorio, scuola): ambiente: disposizione dei banchi, illuminazione, confort, ecc. attrezzature : lavagna, lavagna luminosa, mezzi multimediali -essere informati sulle novità tecniche e sui prezzi -predisporre piani di miglioramento locali destinati a laboratorio attrezzato norme di sicurezza: conoscenza, rispetto, requisiti "minimi

14 Strumenti di valutazione nel dominio cognitivo qualitativi non strutturati (registrazione, intervista) strutturati (check list, griglia) quantitativi prove chiuse (test, questionari) prove aperte (saggio, problema, interrogazione)

15 Strumenti di valutazione nel dominio cognitivo Un buon test/problema attenzione alla comprensione del testo ( literacy) creare glossari analizzare parole individuare linformazione deve (possibilmente): avere un argomento chiaro richiedere una risposta non ambigua mirare a un obiettivo specifico

16 Strumenti di valutazione nel dominio cognitivo Metodi quantitativi

17 Strumenti di valutazione nel dominio cognitivo Metodi qualitativi. sono utili: in situazioni complesse, non facilmente codificabili o generalizzabili nella sperimentazione iniziale di una attività innovativa quando occorre un atteggiamento analitico e aperto, con attenzione a singole situazioni.

18 Strumenti di valutazione nel dominio affettivo e comportamentale

19 La prova in ingresso tipologia: sondaggio, accoglienza deve dare indicazioni: sulle conoscenze acquisite dallallievo nelle classi precedenti o provenienti dallesperienza quotidiana (conoscenza e memoria) sulle capacità sviluppate per la soluzione di un problema o dellanalisi di un fenomeno (pensiero divergente e convergente) sugli atteggiamenti nei riguardi della disciplina (pensiero critico) ……. ma deve anche aiutare lallievo a prendere coscienza di ciò che già sa e ricorda (evitare la sindrome da anno zero!) servire a stabilire un buon rapporto di collaborazione e di fiducia con la classe

20 Suggerimenti per la prova in ingresso impostazione: evitare il sondaggio a tappeto, meglio mirare a pochi concetti sondare la padronanza di un quadro dinsieme più che di conoscenze puntuali sondare la capacità di correlare/separare concetti sondare capacità/atteggiamenti trasversali, in particolare operativi, organizzativi, relazionali, ecc. conduzione: sono adatte prove indirette, come gare, quiz, attività, giochi, ecc. griglia di analisi: per il singolo allievo: non deve necessariamente essere molto dettagliata né quantitativa ed evidenziare aspetti positivi e carenze gravi per la classe: individuare alcuni punti (obiettivi) rilevanti e possibilmente preparare una matrice a due ingressi: punti rilevanti sulle righe, allievi sulle colonne

21 La prova in itinere tipologia: monitoraggio, stimolo, verifica deve dare indicazioni: sulla comprensione e la capacità di applicazione di un certo concetto/legge (conoscenza, pensiero convergente) sulla capacità di collegare fra di loro concetti e fenomeni diversi (pensiero divergente e convergente) sulla capacità di riflettere sulla disciplina (pensiero critico) sulla livello generale della classe ……. ma deve anche aiutare lallievo a prendere coscienza di ciò che è importante capire e saper usare servire a rinforzare il rapporto di fiducia con lallievo e con la classe, mostrando il progresso nelle conoscenze e nella capacità di affrontare i problemi

22 Suggerimenti per la prova in itinere impostazione: mirare a un concetto/legge specifica porre molta attenzione alla formulazione della prova: linguaggio chiaro, termini non ambigui, alternative chiare nelle risposte (una sola corretta nel caso di risposte multiple, oppure vero/falso su ogni risposta) introdurre concetti o elementi correlati oppure distrattori intelligenti conduzione: test semiaperti (risposta multipla oppure vero/falso ma con motivazione della scelta) problema aperto, meglio se formulato con più domande di diversa difficoltà griglia di analisi: per il singolo allievo: dettagliata e quantitativa, con valutazione anche della parte aperta per la classe: matrice a due ingressi: punti rilevanti sulle righe, allievi sulle colonne

23 Il portfolio dellallievo che cosa NON è: non è una raccolta di esercizi/test di fine capitolo o di esame finale che lallievo deve dimostrare di saper risolvere che cosa dovrebbe essere la documentazione sintetica di ciò che lallievo sa o sa fare esercizi/test/risposte a domande particolarmente significativi, che costringano lallievo a uno sforzo di analisi critica e di sintesi con un confronto con le conoscenze precedenti dellallievo, in modo che aiutino lallievo a prendere coscienza del proprio progresso con una distribuzione nel tempo che preveda una effettiva costruzione personale del portfolio da parte dellallievo, anche attraverso colloqui/discussioni con linsegnante dellinsegnante la documentazione sintetica di ciò che ha fatto, capito, ragionato, osservato, ecc.

24 Documentare la valutazione Per uso personale raccolta di buoni test, problemi, esercizi, prove di valutazione che funzionano bene, suddivise per argomenti, competenze, livelli, ecc. analisi critica di problemi, test, esercizi di libri di testo: valutare lefficacia per la verifica degli obiettivi dichiarati o presunti, la formulazione, lutilità (… gli esercizi di fine capitolo) Per uso collettivo è il modo migliore di comunicare agli altri i contenuti svolti e le modalità di lavoro adottate (importante per la continuità) per contribuire a uniformare modalità di valutazione fra discipline diverse per condividere strumenti e risorse

25 Le prove nazionali (INVALSI) tipologia: monitoraggio generalizzato motivazione: le prove sono richieste per legge, per avere informazioni uniformi, statisticamente significative, sul territorio nazionale possono dare indicazioni: sulle conoscenze acquisite dagli allievi in classe o provenienti dallesperienza quotidiana (conoscenza e memoria) sulle capacità sviluppate per la soluzione di un problema o dellanalisi di un fenomeno (pensiero divergente e convergente) ……. ma dovrebbero permettere anche di confrontare situazioni di apprendimento a livello nazionale

26 Le prove nazionali raggiungeranno lobiettivo? Condizioni: la preparazione: deve essere mirata agli obiettivi specifici indicati in precedenza sarà valida solo se tali obiettivi saranno stati individuati correttamente non deve puntare solo alla conoscenza ma anche ai livelli più alti della tassonomia di Bloom la somministrazione: occorre evitare che si instauri un clima di controllo poliziesco, avente per scopo la classificazione in buoni e cattivi occorre coinvolgere gli insegnanti che debbono poter segnalare la congruità e utilità della prova per le proprie classi lutilizzo dei risultati: non debbono servire unicamente per confronti generali e generici a livello nazionale occorre estrarre analiticamente tutta linformazione contenuta e comunicarla alle scuole occorre aver chiaro che la qualità dellapprendimento non si valuta unicamente in questo modo


Scaricare ppt "La valutazione in fisica Perché valutare Come valutare Che cosa valutare Con quali strumenti valutare Come e perché documentare i processi e i risultati."

Presentazioni simili


Annunci Google