La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Daniele Archibugi METODI E OBIETTIVI DELLATTIVITA DI RICERCA Consigli ai giovani ricercatori Perché fare il ricercatore Venerdì 5 Novembre 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Daniele Archibugi METODI E OBIETTIVI DELLATTIVITA DI RICERCA Consigli ai giovani ricercatori Perché fare il ricercatore Venerdì 5 Novembre 2010."— Transcript della presentazione:

1 Daniele Archibugi METODI E OBIETTIVI DELLATTIVITA DI RICERCA Consigli ai giovani ricercatori Perché fare il ricercatore Venerdì 5 Novembre 2010

2 Che cosa non vi dovete aspettare Voli pindarici sulla metodologia delle scienze sociali (rivolgetevi a Max Weber) Riflessioni sulletica della comunità scientifica (parlatene con Hans Jones) Scorciatoie per entrare al Cnr o allUniversità (parlatene con qualcun altro) Come portare borse, valige e zainetti (chiedete ai baroni e a chi ha titoli nobiliari)

3 Che cosa vi potete aspettare Consigli pragmatici su come impostare la vita nel mondo della ricerca Identificare e capire le regole implicite della comunità internazionale Identificare e partecipare ad una comunità epistemica Valorizzare le ricerche pubblicando su riviste accademiche Strumenti per fare domande per borse di studio, soggiorni allestero e finanziamenti per la ricerca

4

5 La situazione della ricerca in Italia Drammatica situazione in Italia, dove letà media dei ricercatori e dei docenti universitari è la più alta del mondo Incertezze dovute alla mancanza di risorse destinate alla scienza, tecnologia, cultura e educazione nel nostro paese Ma visto linvecchiamento del personale docente, gli attuali strutturati andranno in pensione nel prossimo decennio. Saranno rimpiazzati? Chiedetelo al Ministro del Tesoro

6 Academic staff for age (dati OECD - Directorate for Education)

7 Distribuzione dei dipendenti CNR per fascia detà

8

9 Gli italiani fuori dItalia Franco Venturi, L'Italia fuori d'Italia, Storia dItalia Einaudi Continuano ancor oggi a far fortuna in altri paesi Posizioni rilevanti degli italiani, soprattutto dei giovani, in molti paesi avanzati …e si continua a parlare di fuga dei cervelli

10

11

12 Un popolo di eroi Enrico Fermi, Premio Nobel per la fisica, emigrato nel 1938 dopo aver ricevuto il Nobel, diresse negli Stati Uniti il Progetto Manatthan Franco Modigliani, Premio Nobel per leconomia, diventato cittadino americano dopo che dovette lasciare lItalia nel 1939 per le leggi razziali

13 Lo sforzo è tanto, il piacere è breve, la posizione è ridicola… Si lavora tanto (la giornata di lavoro del ricercatore non finisce mai) Si guadagna poco (confrontando le capacità organizzative ed intellettuali di un ricercatore capace col suo gemello, il ricercatore guadagna circa la metà) Si è circondati da gentaglia litigiosa (una delle professioni con il più alto contenzioso. Nei Dipartimenti di tutto il mondo ci sono colleghi che non si salutano o che si sopportano a mala pena)

14 La vita intellettuale come vocazione Una libertà selvaggia di pensare e di poter dire liberamente che cosa si è pensato Disporre del proprio tempo, o forse disporre della propria assenza di tempo Esercitare la coscienza critica A chi non piace, il lavoro del ricercatore è il più brutto del mondo

15 Non vale la pena di fare i ricercatori se si è sotto padrone Il ricercatore pagato dal contribuente deve disporre della: -Libertà di disporre del proprio tempo; -Libertà di poter fare ricerca sui campi di suo interesse e che ritenete più promettenti; -Libertà di entrare in contatto con gli studiosi che desidera; -Libertà di pubblicare ciò che ritiene valido

16 Riflessoni da fare prima di diventare ricercatore Che cosa vi appassiona veramente nella vita? Dobbiamo tutti diventare cantanti, attrici o calciatori? No, ma possiamo dedicarci a studiare questi fenomeni Dedicatevi allarea dove avete un vantaggio comparato e dove ci sono opportunità scientifiche e/o tecnologiche

17 Oscar Wilde Metto il mio talento nel mio lavoro e il mio genio nella mia vita Fortunato quelluomo che ha per hobby la sua professione

18 La visione di uno studioso Come sostiene Schumpeter, spesso la visione di uno studioso è pre-scientifica Ha a che vedere con le sue opinioni politiche, culturali, economiche, etiche, religiose Senza visione è difficile avere la spinta propulsiva Ricercate, ascoltate e nutrite la vostra visione, ma nel vostro lavoro non dimenticatevi mai di averla e quando potete togliete la tara

19 Si può essere obiettivi nelle scienze sociali? Un biologo studia i microbi ma non è un microbo, un fisico studia gli atomi ma non è un atomo, uno scienziato sociale studia la società di cui fa parte (Paolo Sylos Labini) Se non si può essere obiettivi, vale almeno la pena di essere trasparenti sui propri giudizi di valore (Gunnar Myrdal)

20 I miei giudizi di valore Estremista di sinistra nel pensiero politico Sostenitore delluguaglianza delle condizioni di partenza Fortemente meritocratico Insofferente nei confronti del conformismo Politically incorrect

21 Uno scienziato sociale di successo ha in genere un giusto equilibrio tra teoria e realtà Idee, ispirazione e fonti per la ricerca, non provengono solo dal mondo accademico Giornali, interviste, colloqui, visite, romanzi, films e osservazioni causali sono ugualmente importanti come fonti della conoscenza

22 Canali di trasmissioni del sapere: dai vecchi a giovani Come scegliersi i propri mentori Sulla base di quello che hanno da insegnare Sulla base della loro capacità di far crescere un giovane studioso Se I vostri possibili mentori hanno già una certa età, osservate se hanno fatto scuola

23 Mentori buoni e mentori cattivi Che cosa un mentore può insegnare nella sua materia Che capacità e volontà ha un mentore di insegnare e di far crescere i propri allievi Capacità di motivare i suoi allievi Non sempre un grande studioso è anche un grande maestro Ma sempre un grande maestro è anche un grande studioso

24 Quanto ha da insegnare Capacità maieutica Competenti generosi Generosi incompetenti Competenti ingenerosi Inompetenti & ingenerosi

25

26 Caso Stradivari Neppure i figli Francesco e Omobono riuscirono a capire (o a imitare) quale fosse il segreto della sua vernice I suoi violini sono i migliori che siano mai stati realizzati, ma la scuola di Cremona iniziò il declino dopo di lui

27 Check list del mentore Conosce la sua materia? E capace di articolarla e di trasferirla? Gode di una buona reputazione tra i suoi colleghi? E desideroso di trasferire conoscenze agli altri? Riesce a motivare e a spremere il massimo dai suoi allievi e collaboratori? Teme la concorrenza dei suoi allievi? Lascia spazio ad approcci diversi dal suo? E riuscito a fare scuola in passato? Ci sono alcuni dei suoi allievi che sono diventati o diventeranno più bravi di lui?

28

29

30 Valutate i mentori sulla base dei loro allievi Reiterazione nei comportamenti Un buon mentore continua ad essere tale per tutta la vita Un cattivo mentore non diventerà mai uno buono

31

32 Canali di trasmissioni del sapere: si impara molto dal compagno di banco Trasferimento di conoscenze intra-generazionale perché: Capacità di far girare linformazione è più rapida Non ci sono timori reverenziali Lo stile di vita è più simile I giovani sono più recettivi alle nuove idee

33 Gruppi chiusi e gruppi aperti Diffidate dalle carbonerie! Il sapere è una avventura aperta Interazione con gruppi di ricerca di altri paesi Interazione con altre discipline Capacità di commistione

34 Le condizioni di successo di un gruppo creativo Presenza di studiosi di diverse generazioni Commistione con studiosi di diversa formazione professionale Frequenti e intensi scambi allinterno dei membri del gruppo Fertilizzazione con elementi esterni (utilizzatori, committenti, vita sociale, economica e politica) Ricettività dallesterno Giusta combinazione tra leadership e lavoro di squadra

35 Il gruppo di Bloomsbury

36

37 I ragazzi di Via Panisperna

38 Il giusto equilibrio introspezione e estroversione Il presenzialismo (partecipare a tutte le conferenze, partecipare molti progetti e riempirsi di riunioni) spesso diverte lattenzione dalle poche cose che realmente ci servono Leccessivo isolamento non è neppure un buon compagno per ispirare lattività di ricerca Diventa cruciale selezionare le fonti e sfruttare al meglio le occasioni in cui ci si confronta con gli altri

39 … ma il gruppo non esime la responsabilità individuale Di fronte alla vita, alla morte e alla conoscenza lindividuo è solo La creazione, lintuizione e linvenzione avvengono spesso a seguito di un soliloquio Molte nuove idee sono quelle contro-corrente, vi dovete convincere voi prima di convincere gli altri

40 Due regole doro prima di prendere la penna in mano Essere sicuri che state iniziando a scrivere perché avete qualcosa da dire (e non iniziare a scrivere fino a quando non vi è chiaro che cosa volete dire) Identificate gli interlocutori con cui volete ingaggiare la discussione

41 Ricercare la giusta combinazione tra specializzazione e generalizzazione In quali aree approfondire o espandere le proprie conoscenze? Se la conoscenza che state sviluppando è specifica, ci sono metodiche che possono essere generalizzate? Non conta solo il rigore delle tematiche, ma anche la rilevanza

42 Opportunità scientifiche Si può essere sia creatori che sfruttatori di opportunità scientifiche Entrambi le strategie sono rischiose Mantenere gli occhi aperti sul dibattio scientifico Resistere al conformismo e valutare sempre criticamente gli assunti dominanti

43 Originalità scientifica Una cosa nota con una metodologia nota, ma applicarla, aggiornarla, estenderla Una cosa nota con una nuova metodologia Una cosa nuova con una nota metodologia Una cosa nuova con una nuova metodologia

44

45 Patate di contorno: non conta solo loriginalità scientifica Innovazione stilistica o comunque saggio scritto bene Saggio di divulgazione scientifica: riportare in modo accessibile informazioni per un pubblico ampio Utilità didattica Rassegna della letteratura Tempestività della comunicazione Ripresa di un vecchio dibattito in un nuovo contesto

46 Che cosa è il progresso nelle scienze sociali? Dice Schumpeter che il progresso è il progresso nelle tecniche di analisi Nuove tecniche sviluppate nella propria disciplina Tecniche importate da altre discipline Importanza della strumentazione, ma anche di come la si usa

47

48 Un paese di ricopioni? Professori che ricopiano da altri Fisiologia o patologia? Non aver paura di prendere a prestito da altri, a condizione che ne sia dato credito

49 Come evitare il plagio nellèra di Internet Trasparenza sulle fonti: abbondare nelle citazioni! Distinguere chiaramente il contributo proprio dal contributo degli altri Distinguere le parti che sono rassegne della letteratura dalle parti originali

50 Ma se qualche Barone vi sfrutta come negro senza farvi firmare ciò che fate…. Ricopiate, ricopiate, ricopiate e ricopiate! E quando le opere sono pubblicate con il nome del vostro Barone, speditele con loriginale a fronte a Prof. Federico Varese Dipartimento di Criminologia Università di Oxford


Scaricare ppt "Daniele Archibugi METODI E OBIETTIVI DELLATTIVITA DI RICERCA Consigli ai giovani ricercatori Perché fare il ricercatore Venerdì 5 Novembre 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google