La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL BILANCIO SOCIALE DELLA CASSA RURALE BCC DI TREVIGLIO Dr.ssa Damiana Bussini – resp. Ufficio Soci e Mutualità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL BILANCIO SOCIALE DELLA CASSA RURALE BCC DI TREVIGLIO Dr.ssa Damiana Bussini – resp. Ufficio Soci e Mutualità"— Transcript della presentazione:

1 IL BILANCIO SOCIALE DELLA CASSA RURALE BCC DI TREVIGLIO Dr.ssa Damiana Bussini – resp. Ufficio Soci e Mutualità

2 Le Casse Rurali: cenni storici La struttura stessa delle Banche di Credito Cooperativo, che si fonda su società di persone e non di capitali, lascia intendere che obiettivo primario non è il lucro, ma il soddisfacimento di esigenze di utilità sociale Giovanni Paolo II

3 Le Casse Rurali: cenni storici Le banche di credito cooperativo (BCC) – ex Casse Rurali ed Artigiane - sono società cooperative nate nel periodo a cavallo tra la fine dell'800 e il 900 ad opera di cooperatori ispirati dal Magistero sociale della Chiesa, con lo scopo di facilitare laccesso al credito alle fasce umili delle popolazioni rurali (agricoltori ed artigiani, allora categorie prevalenti e particolarmente fragili), sottraendole allusura e fornendo loro strumenti di affrancamento dalla miseria. Lo scopo di promozione economica non si esauriva nellesercizio della pura attività bancaria, ma si declinava in iniziative di varia natura, svolte direttamente o attraverso la costituzione di appositi enti: affittanze collettive, acquisto di sementi, concimi, macchine agricole, ecc. Le funzioni economiche, inoltre, si accompagnavano spesso ad iniziative volte a sostenere il miglioramento culturale e morale dei soci e delle comunità locali.

4 Le Casse Rurali: caratteristiche La normativa relativa alle Banche di Credito Cooperativo prevede che: la competenza territoriale sia definita ed i suoi soci (persone, imprese o associazioni) debbano essere residenti e svolgere la loro attività in via continuativa in tale zona; possano diventare soci gli esponenti di qualsiasi categoria professionale; venga erogato il credito prevalentemente a favore dei soci (applicazione del principio di mutualità): ciò comporta che più del 50% delle attività di rischio sia destinato ai soci e/o ad attività prive di rischio; ogni socio abbia diritto ad un solo voto indipendentemente dal numero di azioni posseduto, il cui valore nominale non può comunque essere superiore a euro; gli utili netti annuali vengano destinati almeno per il 70% a riserva legale e per il 3% ad un apposito Fondo mutualistico per la promozione e lo sviluppo della cooperazione; la quota rimanente, non utilizzata per la rivalutazione delle azioni o assegnata ad altre riserve o distribuita ai soci, debba essere destinata a fini di beneficenza o mutualità; i dividendi distribuiti ai soci non possano essere superiori ad una determinata soglia; le riserve patrimoniali siano indivisibili ed indisponibili: ciò significa che esse non possono essere ripartite fra i soci e che in caso di cessazione dellattività, esse devono obbligatoriamente essere destinate ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione.

5 I numeri delle BCC Italiane 438 BCC SPORTELLI SOCI 5 mln di CLIENTI COLLABORATORI

6 La Cassa Rurale di Treviglio fa parte di un Sistema a rete, nel quale, oltre alle singole Banche di Credito Cooperativo, sono presenti società (sistema imprenditoriale) e organismi di categoria (sistema associativo) che operano in una logica di collaborazione e complementarietà. Linsieme di prodotti e servizi per le BCC prende il nome di Sistema di Offerta del Credito Cooperativo. La forza di un sistema Sistema associativo 15 Federazioni Locali Federcasse Fondo Garanzia Depositanti Fondo Garanzia Obbligazionisti SeF Consulting Fondo Pensione Nazionale Ecra Cassa Mutua Nazionale Sistema imprenditoriale Iccrea Holding Iccrea Banca Iside Banca Agrileasing Aureo Gestioni BCC Vita BCC Capital BCC Web BCC Recupero Credito Consorzio UPF Gruppo Assimoco Credito Finance Casse Centrali delle CR di Trento e Bolzano Ciscra

7 Costituita nel 1893 da 10 contadini guidati da Mons. Ambrogio Portaluppi, la Cassa Rurale di Treviglio nacque come rimedio allusura allora imperante nelle campagne, con lo scopo di perseguire il miglioramento della vita dei contadini non solo dal punto di vista economico, ma anche sociale e culturale. Cassa Rurale di Treviglio: tutto iniziò nel 1893

8 La Cassa Rurale di Treviglio opera nel comprensorio della Gera dAdda, territorio che abbraccia i comuni delle Province di Bergamo, Milano, Lodi e Cremona, e dellIsola Bergamasca. Banca delle comunità locali

9 33 FILIALI 287 DIPENDENTI SOCI CLIENTI UNA SOLA MISSION: Nellesercizio della sua attività, la Società si ispira ai principi dellinsegnamento sociale cristiano e ai principi cooperativi della mutualità senza fini di speculazione privata. La Società ha lo scopo di favorire i soci e gli appartenenti alle comunità locali nelle operazioni e nei servizi di banca, perseguendo il miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche degli stessi e promuovendo lo sviluppo della cooperazione, leducazione al risparmio e alla previdenza, nonché la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale opera. La Società si distingue per il proprio orientamento sociale e per la scelta di costruire il bene comune. E altresì impegnata ad agire in coerenza con la Carta dei Valori del Credito Cooperativo e a rendere effettivi forme adeguate di democrazia economico-finanziaria e lo scambio mutualistico tra i soci. Art 2 Statuto Sociale-Principi Ispiratori La Mission

10 Documento in cui viene sintetizzata lattività di rendicontazione etico-sociale Bilancio sociale

11 Predisposizione di un sistema di misurazione, raccolta sistematica, organizzazione e comunicazione dei dati rilevanti relativi allimpatto delle attività di unimpresa sul benessere dei vari stakeholders. Valutazione della coerenza fra i risultati conseguiti e gli obiettivi derivanti dalla Mission e dai Valori di unimpresa Rendicontazione etico-sociale

12 Normativa Non esiste un obbligo di legge per la redazione del Bilancio Sociale. La redazione del bilancio sociale da parte di unazienda è frutto di una scelta volontaria.

13 I modelli di riferimento Principi di redazione del bilancio sociale (2001) proposti dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (modello GBS). Il Modello di redazione del Bilancio Sociale per il settore del credito (2001) proposto dallAssociazione Bancaria Italiana Lo schema di redazione del Bilancio sociale e di missione proposto da Federcasse.

14 Caratteristiche Documento AUTONOMO in grado di fornire informazioni qualitative e quantitative sugli effetti dellattività aziendale. Lautonomia riguarda il documento, non le informazioni in esso contenute, le quali devono presentare un forte aggancio con fonti certe e verificabili (bilancio economico, statistiche distituto, delibere del CdA, Piano Strategico, Statuto, Carta del Valori, ecc.). Per questo si parla di bilancio e non di resoconto o rapporto sociale

15 Documento CONSUNTIVO, redatto solitamente alla fine di ogni esercizio. Rende possibile un confronto tra i risultati raggiunti e gli obiettivi perseguiti e contiene indicazioni sui programmi futuri. Documento PUBBLICO rivolto agli interlocutori sociali che, direttamente o indirettamente, sono coinvolti nellesercizio dellattività (collaboratori, soci, comunità, ambiente, il sistema Credito Cooperativo).

16 1999 1ª edizione del Bilancio Sociale della BCC di Treviglio uno dei primi casi di rendicontazione sociale nel settore bancario ed, in particolare, nel mondo del credito cooperativo.

17 Dotarsi di uno strumento che consentisse di fotografare e comunicare in modo trasparente ed efficace la propria differenza rispetto alle altre banche. Le motivazioni della scelta

18 Bilancio ordinario INSUFFICIENTE a rappresentare adeguatamente lo specifico valore, proprio di unimpresa sociale PERCHE Ignora del tutto gli aspetti non quantificabili in termini monetari – come la partecipazione dei soci o la quantità e qualità delle relazioni intrecciate sul territorio; non considera risorse e servizi resi disponibili in forma gratuita o agevolata aI soci e alla collettività; in generale non offre una rappresentazione completa dellimpegno e della capacità di unimpresa di realizzare la propria mission sociale.

19 Consapevolezza che il B.S. è uno strumento strategico a disposizione degli organi direttivi e di tutto il personale per supportare il governo e la gestione di tale differenza. Dalla comunicazione alla strategia

20 Progressivo miglioramento CONTENUTO Riferimento a modelli : 1.i Principi di redazione del bilancio sociale (2001) proposti dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale, 2.il Modello di redazione del Bilancio Sociale per il settore del credito (2001) proposto dallAssociazione Bancaria Italiana, 3.lo schema di redazione del Bilancio sociale e di missione proposto da Federcasse. Ampliamento delle aree di rendicontazione PROCESSO INTERNO DI ELABORAZIONE Gruppo di lavoro interno

21 Elementi Essenziali Il bilancio sociale è articolato in 4 parti : L IDENTITA, che presenta sinteticamente gli elementi essenziali delle caratteristiche, della struttura e della visione strategica della Banca; la DIMENSIONE SOCIALE, che rende conto delloperato della Cassa nei confronti dei suoi principali portatori di interessi o stakeholders; la DIMENSIONE AMBIENTALE che esamina limpatto diretto e indiretto della Cassa nei confronti dellambiente; la DIMENSIONE ECONOMICA in cui vengono forniti alcuni fondamentali dati gestionali e analizzata la formazione e distribuzione del valore aggiunto ai vari portatori di interessi.

22 Stakeholders Vengono suddivisi in distinte categorie sulla base dei diversi interessi ed attese esistenti rispetto alloperato dellazienda. Nel caso specifico di una Banca di Credito Cooperativo tipicamente si distinguono: I SOCI I CLIENTI LE COMUNITÀ LOCALI IL PERSONALE I FORNITORI IL SISTEMA DEL CREDITO COOPERATIVO LAMBIENTE NATURALE

23 Stakeholders Mentre per gli stakeholders soci, clienti, fornitori, personale, sistema BCC risulta chiara e immediata la loro identificazione, è utile chiarire cosa si intende per comunità locali e ambiente. COMUNITA LOCALI COMUNITA LOCALI le associazioni, gli enti pubblici e privati, gli enti religiosi che operano sul territorio; AMBIENTE AMBIENTE lambiente naturale ma anche le generazioni future in quanto, secondo una definizione classica e ampiamente riconosciuta, uno sviluppo è sostenibile se soddisfa i bisogni dellattuale generazione senza compromettere la capacità di quelle future di rispondere ai loro.

24 Modalità di comunicazione soci Stampa del fascicolo e distribuzione ai soci presenti in assemblea ai soci Presentazione in assemblea ai soci dipendenti (durante la convention annuale Presentazione ai dipendenti (durante la convention annuale Consulta Soci Presentazione alla Consulta Soci Invio tramite posta alle altre BCC, agli organismi federativi, alle principali istituzioni del territorio. sito internet Pubblicazione nel sito internet della Cassa

25 Il nostro impegno Finanza per lo sviluppo, non finanza per la finanza 764 milioni di euro di crediti all'economia locale. Il 67,3 % del totale dei crediti alle piccole imprese artigiane. Il 31,7 % del totale dei crediti alle famiglie (3.140 i mutui prima casa per un totale di 193,3 milioni di euro con un aumento del 12,3% rispetto al 2004). Vantaggi per i soci 522 milioni di euro di crediti ai soci (+ 9% rispetto al 2004) pari al 68,3% del totale degli impieghi euro di ristorno figurativo euro erogati per borse di studio a favore dei soci

26 Linea di prodotti solidali Prodotti creditizi Mutuo Casa Solidale Mutuo Con Loro Conv. con ass. Casa Amica Prestiti donore Mutuo Ad Hoc Mutuo Cambio Lavoro Mutuo Cerco Lavoro Mutuo Temporanea difficoltà Prodotti di gestione del risparmio Certificati di deposito Banca Etica Prestito Obbligazionario Banca Etica Fondo Aureo WWF Pianeta terra Fondi Etica SGR Contributo a sostegno degli obbligazionisti argentini (5,4 milioni di euro)

27 Valore alle comunità locali 925 mila euro nel 2005 per lo sviluppo sociale e culturale delle comunità locali; 316 mila euro di mancato guadagno per la concessione gratuita di strutture; eventi ospitati gratuitamente nei locali della Cassa. Creazione della Fondazione Cassa Rurale Progetto Università a Treviglio

28 Banca per lo sviluppo sostenibile Adozione di politiche di green procurement Impegno ad incentivare pratiche gestionali virtuose dal punto di vista ambientale, sostenendo gli investimenti dei privati indirizzati alla ricerca di soluzioni coerenti con il principio dello sviluppo sostenibile (Energia rinnovabile). Promozione di una cultura di rispetto ambientale (Parco del Roccolo)


Scaricare ppt "IL BILANCIO SOCIALE DELLA CASSA RURALE BCC DI TREVIGLIO Dr.ssa Damiana Bussini – resp. Ufficio Soci e Mutualità"

Presentazioni simili


Annunci Google