La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LAPOSIZIONELAPOSIZIONE GEOGRAFICAGEOGRAFICA Verbania Vercelli Biella Torino Asti Cuneo Alessandria Novara Distretto di Oleggio e V.P.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LAPOSIZIONELAPOSIZIONE GEOGRAFICAGEOGRAFICA Verbania Vercelli Biella Torino Asti Cuneo Alessandria Novara Distretto di Oleggio e V.P."— Transcript della presentazione:

1

2 LAPOSIZIONELAPOSIZIONE GEOGRAFICAGEOGRAFICA Verbania Vercelli Biella Torino Asti Cuneo Alessandria Novara Distretto di Oleggio e V.P.

3 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

4 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

5 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

6 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

7 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

8 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

9 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

10 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

11 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

12 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

13 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

14 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

15 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

16 I comuni del distretto Agrate Conturbia Barengo Bellinzago Borgo Ticino Castelletto Ticino Divignano Marano Ticino Mezzomerico Momo Oleggio Pombia Vaprio dAgogna Varallo Pombia

17 Il riconoscimento legislativo Art. 36 L. 317/91 e successivo D.M. 21 aprile 1993 D.C.R. n del 18 giugno 1996 Art. 6 L. 140/99 D.C.R. n del 26 febbraio 2002

18 Caratteristiche strutturali del sistema Predominanza delle classi dimensionali inferiori Accentuata specializzazione produttiva Moltitudine e difformità localizzativa degli attori

19 Concentrazioni aziendali

20 Composizione per classi di addetti

21 La leadership dellintimo e mare

22 interconnessioni selettive, discontinue, a carat- tere prevalentemente subordinato, associate a un grado di apertura del sistema tenden- zialmente ridotto Latipicità del distretto: la struttura relazionale interazioni molteplici, sotto forma di rapporti di complementarietà, competizione e collabora- zione reciproca, spesso estese anche al di fuori del contesto locale. Modello teorico: Caso reale:

23 Relazioni interne Modello reticolare teorico Struttura interattiva reale

24 Relazioni esterne

25 Direttrici dei contatti

26 Dimensioni Produzione Inattività Qualità Diversific.ne Internaz.ne- estern.ne Dinamicità strategica Performance economiche CONTO PROPRIO Le tipologie imprenditoriali CONTO TERZI Medio/grandi Anche campionari e riassortimento Prolungata ma non intensa Obiettivo prioritario Clienti e metodi operativi Consistenti Elevata Positive Medio/piccoli Quasi esclusivamente a programma e pronto moda Prolungata e intensa Attenzione modesta Limitata Limitate Ridotta Spesso insoddisfacenti

27 Percorso evolutivo Globalizzazione dei mercati Riorientamento strategico del Sistema Moda Abbandono delle mere politiche dei costi e dei volumi Riqualificazione dei prodotti, dei processi e organizzativa Evoluzione della domanda Crescita di pvs e nics

28 … allinterno del distretto Fase 1 Decentramento locale delle funzioni labour intensive e a minor valore aggiunto Tentativi di diversificazione dellofferta Fase 2 Internazionalizzazione della produzione Crisi del terzismo locale

29 Giudizio sulla situazione attuale Aspetti positivi Caratteri del terzismo: gamma ristretta di funzioni/servizi qualità modesta subordinazione alla committenza incidenza pronto moda/ordini chiusi capitale umano/finanziario limitato Intenso e persistente sotto- utilizzo degli impianti Struttura organiz.va debole e scarsamente integrata Varietà delle specializzazioni e dei prodotti/servizi offerti Attenzione per la qualità Politiche di diversificazione (clientela, metodi produttivi, …) Fiducia e conoscenza reci- proche consolidate Industrial atmosphere Aspetti negativi

30 Scenari evolutivi futuri SCENARIO I SCENARIO II SCENARIO III SCENARIO IV

31 Scenari evolutivi futuri SCENARIO I SCENARIO II SCENARIO III SCENARIO IV Crescita del distretto e transizione verso una forma evoluta

32 Scenari evolutivi futuri SCENARIO I SCENARIO II SCENARIO III SCENARIO IV Progressiva de- specializzazione dellintimo e mare

33 Scenari evolutivi futuri SCENARIO I SCENARIO II SCENARIO III SCENARIO IV Delocalizzazione delle lavorazioni a basso V.A. e scomparsa della sub- fornitura locale

34 Scenari evolutivi futuri SCENARIO I SCENARIO II SCENARIO III SCENARIO IV Scomparsa del distretto e della sua specializzazio- ne produttiva

35 Politiche di intervento OBIETTIVI Capacità innovativa Flessibilità Qualità totaleInterazione Tempestività

36 Direttrici strategiche Sviluppo di competenze distintive Contenuto immateriale del prodotto Ammodernamento dei pattern organizzativi Miglioramento delle dotazioni infrastrutturali Potenziamento delle forme di internazionalizzazione Riqualificazione del capitale umano Rafforzamento delle iniziative consortili Informatizzazione e interconnettività

37 Direttrici strategiche Sviluppo di competenze distintive Contenuto immateriale del prodotto Ammodernamento dei pattern organizzativi Miglioramento delle dotazioni infrastrutturali Potenziamento delle forme di internazionalizzazione Riqualificazione del capitale umano Rafforzamento delle iniziative consortili Informatizzazione e interconnettività

38 Direttrici strategiche Sviluppo di competenze distintive Contenuto immateriale del prodotto Ammodernamento dei pattern organizzativi Miglioramento delle dotazioni infrastrutturali Potenziamento delle forme di internazionalizzazione Riqualificazione del capitale umano Rafforzamento delle iniziative consortili Informatizzazione e interconnettività

39 Direttrici strategiche Sviluppo di competenze distintive Contenuto immateriale del prodotto Ammodernamento dei pattern organizzativi Miglioramento delle dotazioni infrastrutturali Potenziamento delle forme di internazionalizzazione Riqualificazione del capitale umano Rafforzamento delle iniziative consortili Informatizzazione e interconnettività

40 Direttrici strategiche Sviluppo di competenze distintive Contenuto immateriale del prodotto Ammodernamento dei pattern organizzativi Miglioramento delle dotazioni infrastrutturali Stabilizzazione della subfornitura Riduzione della mono-direzionalità dei rapporti Incremento della collaborazione Coordinamento e progettualità sistemici

41 Direttrici strategiche Sviluppo di competenze distintive Contenuto immateriale del prodotto Ammodernamento dei pattern organizzativi Miglioramento delle dotazioni infrastrutturali Potenziamento delle forme di internazionalizzazione Atteggiamento dinamico e propositivo (pianificazione, marketing e coordinamento) IDE con finalità commerciali e non solo produttive Rivalutazione delle partnership con imprese straniere

42 Direttrici strategiche Sviluppo di competenze distintive Contenuto immateriale del prodotto Ammodernamento dei pattern organizzativi Miglioramento delle dotazioni infrastrutturali Potenziamento delle forme di internazionalizzazione Riqualificazione del capitale umano Rafforzamento delle iniziative consortili Informatizzazione e interconnettività Potenziamento del sistema formativo Crescita del management Cultura dellinnovazione

43 Direttrici strategiche Sviluppo di competenze distintive Contenuto immateriale del prodotto Ammodernamento dei pattern organizzativi Miglioramento delle dotazioni infrastrutturali Potenziamento delle forme di internazionalizzazione Riqualificazione del capitale umano Rafforzamento delle iniziative consortili Informatizzazione e interconnettività

44 Direttrici strategiche Sviluppo di competenze distintive Contenuto immateriale del prodotto Ammodernamento dei pattern organizzativi Miglioramento delle dotazioni infrastrutturali Potenziamento delle forme di internazionalizzazione Riqualificazione del capitale umano Rafforzamento delle iniziative consortili Informatizzazione e interconnettività


Scaricare ppt "LAPOSIZIONELAPOSIZIONE GEOGRAFICAGEOGRAFICA Verbania Vercelli Biella Torino Asti Cuneo Alessandria Novara Distretto di Oleggio e V.P."

Presentazioni simili


Annunci Google