La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IDM Sperimentiamo lo schema IDM IDM ( I nteractive D ialogue M odel ) Corsista : Destro Loretta DOL 2011-2012 Cl. I3 Tutor del Modulo : Simona Manzolillo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IDM Sperimentiamo lo schema IDM IDM ( I nteractive D ialogue M odel ) Corsista : Destro Loretta DOL 2011-2012 Cl. I3 Tutor del Modulo : Simona Manzolillo."— Transcript della presentazione:

1 IDM Sperimentiamo lo schema IDM IDM ( I nteractive D ialogue M odel ) Corsista : Destro Loretta DOL Cl. I3 Tutor del Modulo : Simona Manzolillo

2 Esplorare un sito a piacere tra i seguenti: IBS, Internet Bookshop Italia National Gallery di Washington Museo dArte Thyssen – Bornemisza Identificare: Almeno 2 single topics Almeno 2 topics Almeno 2 multiple topics Almeno 1 group of topics Almeno 1 multiple group of topics Almeno 3 relevant semantic relation

3 Single Topics Si considerano gli argomenti per i quali non ha senso stabilire relevant relation. Si riferisce all'argomento che può essere esplorato,ossia il contenuto che interessa lutente. Non tutti i contenuti dellapplicazione sono riducibili a dei topic. Un topic è un argomento del dialogo e ha una sua ricchezza informativa e quindi non ci si riferisce ad un frammento di informazione. Topic Multiple Topics Citazione da Paolini-Bolchini : Progettare Ipermedia … ciò che può essere largomento del dialogo (interazione) tra lutente e lapplicazione. Nel sito alcuni esempi di topic sono la stampa THE SICK CHILD (accessibile dalla sezione Highlights -> Masterpieces), oppure la tecnica DRYPOINT (accessibile dalla sezione Print techniques). Fa riferimento ad un argomento che può avere diversi esemplari. Dalla Dispensa precedentemente citata : Multiple Topic (o Kind of Topic): una categoria di possibili argomenti di conversazione. La categoria PRINT (stampa), oppure TECHNIQUE (tecnica) sono multiple topic, poiché possiamo avere diverse stampe, diverse tecniche ecc. THE SICK CHILD è un esempio di PRINT "i topic singoli sono tutti candidati per essere punti di partenza del dialogo (sempre accessibili). È sempre possibile cambiare argomento tra topic singoli e dunque le relevant relation (cambio di argomento che permette di passare da un topic allaltro) non servono, in questo caso.

4 Group of Topics Multiple Group of Topics Il group of topics è il raggruppamento degli argomenti,cioè un gruppo di possibili argomenti di conversazione per esempio nel sito presentato dalla dispensa MASTERPIECES (capolavori) indica un gruppo particolare di stampe, che raccoglie alcune tra le opere più rappresentative di Munch. Ossia una famiglia di group of topics. Le stampe, ad esempio, possono essere raccolte per tema (la gioia, la natura, la nostalgia ecc.). Tutte le stampe dello stesso tema costituiscono un group of topics. Le stampe del tema X è un gruppo di argomenti multipli, dal momento che ci saranno tanti di questi gruppi quanti saranno i temi. Fondamentale nella scelta è definire la cardinalità,ossia il numero minimo,massimo e atteso degli elementi (nel caso specifico le stampe di Munch o le tecniche o i movimenti artistici ) da visualizzare. Ciò consente allautore di stimare il costo complessivo del confezionamento finale del prodotto in tutte le parti sin qui considerate.

5 Relevant Semantic Relation Si riferisce al cambio di argomento che permette di passare da un topic allaltro,attraverso una relazione di significato oltre che di contenuto sostanziale. Le relazioni tra i topic consentono quindi di passare dalla stampa alla tecnica, dalla tecnica alle stampe, dallartista al movimento artistico, e così via.

6 Sito scelto Single topicTopic Relevan Semantic Relation Group of Topics Single topic Multiple Topics Multiple Gr.of Topic

7 Topic Single Topics Multiple Topic (o Kind of Topic): una categoria di possibili argomenti di conversazione. Altri argomenti di dialogo (interazione) tra utente e lapplicazione.

8 Relevan Semantic Relation Il contenuto dinteresse non si esaurisce nelle prime pagine del sito,ma il dialogo prosegue e si amplia passando ad altri argomenti correlati, permettendo così allutente di esplorare nuove tematiche e gestire un cambio di argomento guidato dallautore dellambiente

9 Come organizzare tali unità in relazione allesperienza di uso che desidero offrire? Valutare le scelte in considerazione delle domande dellutente e quindi dellesperienza duso Tener presente che l IDM (Interactive Dialogue Model) è un metodo di progettazione orientato al dialogo, che nasce dal connubio tra design di applicazioni web e scienze di comunicazione,dellinformazione automatica,dellambito concettuale e logico. Lattività di progettazione con IDM segue tre linee di indagine: 1. Che cosa può essere detto? 2. Quali sono i cambi di argomento rilevanti? 3. Quali sono le diverse strategie per organizzare il dialogo, cioè linterazione con lapplicazione? Per esperienza duso intendiamo ciò che lutente vuol poter fare con le informazioni, come vuole manipolarle, leggerle, cercarle, etc. nel caso di un sito web, navigare tra pagine seguendo link, un film lasciandosi trasportare dalla sequenza delle scene … Cosa si intende per Esperienza duso ? E tre semplici elementi : 1.Temi del dialogo topic 2.Relazioni rilevanti tra temi relevant relation 3.Gruppi di argomenti group of topics

10 Unapplicazione interattiva può parlare di un argomento (tema del dialogo),consentire di cambiare tema a partire da quello di cui si sta parlando (correlando temi tra loro) oppure permettere di esplorare uninsieme di temi (gruppi di argomenti) 29/01/2014 Corsista Destro Loretta Dol


Scaricare ppt "IDM Sperimentiamo lo schema IDM IDM ( I nteractive D ialogue M odel ) Corsista : Destro Loretta DOL 2011-2012 Cl. I3 Tutor del Modulo : Simona Manzolillo."

Presentazioni simili


Annunci Google