La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presentazione sul “sovvenire”

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presentazione sul “sovvenire”"— Transcript della presentazione:

1 Presentazione sul “sovvenire”
Il sostegno economico alla Chiesa: la storia prima e dopo il 1984 Gli strumenti post concordatari: 8xmille e Offerte Insieme ai sacerdoti Alcuni risultati: fondi 8xmille e raccolta Offerte I valori ecclesiali e civili della riforma Follow up 8 Marzo , MGB, SG, AT Tema: Presentare il gruppo SPSE ed i risultati ottenuti dal 1990 al 2003 Target: Società fornitrice che inizierà a collaborare con il gruppo Obiettivo: Offrire una panoramica delle attività del gruppo, come si è sviluppato ed i risultati ottenuti negli ultimi 13 anni slide 1/18 Bambino, Gasseri, Trettel Bambino, Gasseri, Trettel 1

2 “Sovvenire” ovvero: il sostegno economico alla Chiesa prima e dopo il 1984
Il 1984 è una data che fa da spartiacque: Stato italiano e Chiesa cattolica firmano la revisione del Concordato e cambia una situazione risalente al Risorgimento italiano. Prima del il sostegno economico della Chiesa cattolica si basava sulle offerte libere dei fedeli e sulla partecipazione statale sia per lo stipendio dei sacerdoti (congrua) che per l’edilizia di culto. Dopo il 1984 il sostegno economico della Chiesa cambia registro. Rimangono le offerte libere dei fedeli ma cessa la partecipazione diretta dello Stato. Nascono due nuove forme di sostegno economico alla Chiesa: 8xmille e Offerte per i nostri sacerdoti Ricordare che il sostegno economico del quale parliamo è relativo alla Chiesa Cattolica italiana e non al Vaticano slide 2/18 Bambino, Gasseri, Trettel Bambino, Gasseri, Trettel 2

3 “Sovvenire” ovvero: il sostegno economico alla Chiesa prima e dopo il 1984
Dal 1987 lo Stato non paga più le congrue ai sacerdoti e inizia a funzionare il nuovo sostentamento del clero; nel 1989 entrano in vigore le offerte destinate a questo scopo e, a maggio del 1990, i contribuenti si pronunciano per la prima volta sulla destinazione dell’8xmille del gettito complessivo dell’Irpef. Con la revisione concordataria sono stati aboliti anche i benefici ecclesiastici (di solito case e terreni) trasferiti ai nuovi Istituti diocesani per il sostentamento del clero. Questi organismi, con i redditi ricavati dall’amministrazione del patrimonio, concorrono ad assicurare il sostentamento di tutti i sacerdoti che svolgono il proprio ministero in servizio alle diocesi italiane. slide 3/18 Bambino, Gasseri, Trettel

4 “Sovvenire” ovvero: il sostegno economico alla Chiesa prima e dopo il 1984
La revisione del Concordato tra Chiesa e Stato Italiano nel 1984 ha dunque inaugurato un nuovo sistema coerente con il Concilio Vaticano II, in cui: “la Chiesa e la comunità politica sono indipendenti ed autonome l’una dall’altra” (Gaudium et spes n.76) nella reciproca stima e collaborazione. Inoltre, il nuovo sistema tiene conto anche dei principi della Costituzione repubblicana (artt. 3, 7, 8, 19, 20) nella quale sono contenute le disposizioni fondamentali del diritto ecclesiastico italiano, che danno forma ai principi di libertà religiosa, autodeterminazione delle confessioni e cooperazione tra Stato e Chiese. Con l’Accordo di revisione del Concordato (18 febbraio 1984) Repubblica e Santa Sede si riconobbero, dunque, “indipendenti e sovrani”, e pronti alla collaborazione “per la promozione dell’uomo e il bene del Paese”. slide 4/18 Bambino, Gasseri, Trettel

5 Cosa sono 8xmille e Offerte Insieme ai sacerdoti
L’8xmille A partire dal 1990 lo Stato italiano riserva ogni anno l’8xmille del gettito complessivo dell’Irpef per scopi sociali, umanitari, religiosi, caritativi e culturali a diretta gestione dello Stato o di altre confessioni religiose tra cui la Chiesa cattolica, e chiede ai contribuenti di indicare a chi deve essere destinata questa quota con una firma sulla dichiarazione dei redditi. Le Offerte Insieme ai sacerdoti Sono destinate esclusivamente al sostentamento dei 38mila sacerdoti diocesani. Entrano in vigore il 1° gennaio 1989 e hanno la novità della deduzione fiscale dal proprio reddito imponibile (l’Irpef) fino ad un massimo di 1032,91 euro annui. Sono intestate esclusivamente all’Istituto Centrale Sostentamento Clero che ha sede a Roma. slide 5/18 Bambino, Gasseri, Trettel Bambino, Gasseri, Trettel 5

6 L’8xmille alla Chiesa cattolica
E’ importante sottolineare che l’8xmille non è un privilegio della Chiesa cattolica. I soggetti destinatari possono variare ogni anno, perché il meccanismo è aperto: ogni confessione religiosa può infatti stipulare accordi con lo Stato italiano e chiedere di aderire al meccanismo dell’8xmille. La Conferenza Episcopale Italiana (C.E.I). è così definita nell’articolo 1 del suo Statuto: “unione permanente dei Vescovi delle Chiese che sono in Italia, i quali esercitano congiuntamente funzioni pastorali, anche con interventi legislativi, per promuovere la vita della Chiesa, sostenere la sua missione evangelizzatrice e sviluppare il suo servizio per il bene del Paese”. slide 6/18 Bambino, Gasseri, Trettel Bambino, Gasseri, Trettel 6

7 L’8xmille alla Chiesa cattolica
Una legge dello Stato italiano (L.222/85) vincola la Chiesa cattolica a destinare l’8xmille secondo tre destinazioni: * esigenze di culto della popolazione; * sostentamento del clero; * opere di carità in Italia e nel Terzo mondo. La ripartizione dei fondi viene discussa e decisa in occasione dell’Assemblea Generale dei Vescovi a maggio di ogni anno. Esprimere la propria scelta non comporta il pagamento di una tassa in più. Infatti la scelta sulla destinazione si riferisce ad una quota dell’intero gettito dell’Irpef e non all’Irpef personale. In sede di ripartizione, quindi, ogni firma vale allo stesso modo e non c’è differenza, ad esempio, tra quella di un imprenditore e di un operaio. slide 7/18 Bambino, Gasseri, Trettel Bambino, Gasseri, Trettel 7

8 L’8xmille alla Chiesa cattolica
Per destinare l’8xmille a favore della Chiesa cattolica basta firmare nella casella “Chiesa cattolica” sul proprio modello fiscale: •Unico, •CUD, • 730/1. In tutti e tre i modelli si trova anche lo spazio per destinare il 5xmille. Quest’ultimo non è assolutamente alternativo all’8xmille, né gli fa concorrenza. E’ una possibilità in più che non esclude o modifica la firma dell’8xmille. Ricordare concretamente i vari materiali prodotti: per quanto riguarda le campagne di pubblicità tutti ricorderanno quelle relative agli spot dell’otto per mille, cambiate nel tempo dalle più simboliche alle più concrete che raccontano le opere; campagne di marketing per le offerte fatte da mailing, ma anche di pubblicità; materiali inerenti questi argomenti destinati alle parrocchie; materiali formativi per le comunità ecclesiali fatti di sussidi multimediali; ricerhe varie slide 8/18 Bambino, Gasseri, Trettel Bambino, Gasseri, Trettel 8

9 I risultati delle firme 8xmille
( Valori %) 100 89,2 89,8 89,8 90 84,9 85,8 86,6 87,2 87,3 88,8 86,1 83,6 83,7 83,3 85,0 85,0 81,4 82,5 81,6 80 76,6 70 60 50 40 30 20 10 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 Anno La percentuale di scelte a favore di Chiesa cattolica negli ultimi anni si è attestata ad una percentuale intorno all’85% Il numero totale di firme per Chiesa cattolica è in crescita superando 15 milioni di firme. slide 9/18 Bambino, Gasseri, Trettel

10 I fondi 8xmille alla Chiesa cattolica
1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 ( Dati in milioni di euro ) Anno 751,4 714,3 685,9 755,6 642,5 A più di 20 anni dagli inizi di questo meccanismo i fondi assegnati alla Chiesa cattolica si sono quasi quintuplicati arrivando oltre i milioni di euro. slide 10/18 Bambino, Gasseri, Trettel

11 L’8xmille e la trasparenza con la Mappa delle Opere
Per dare conto di come la Chiesa cattolica impiega questi fondi è nata l’idea di un libro bianco elettronico chiamato Mappa8xmille (www.8xmille.it) dove è possibile, senza limiti di spazio, vedere le migliaia di interventi che vengono realizzati ogni anno con l’8xmille nelle nostre diocesi. slide 11/18

12 Le Offerte Insieme ai sacerdoti
L’8xmille copre una parte del fabbisogno annuo per i 38mila sacerdoti diocesani (61%). Un’altra fonte importante è rappresentata dalle Offerte destinate all’Istituto Centrale Sostentamento Clero e chiamate Insieme ai sacerdoti. Esse conservano il valore della donazione e quindi hanno un più alto significato ecclesiale, anche se ripagato in parte dalla deducibilità. Infatti queste Offerte possono essere dedotte interamente dal reddito imponibile fino ad un massimo di 1032,91 euro l’anno. Nel 2011 la raccolta complessiva si è fermata a 12,7 milioni di euro, contro i 14 milioni nel 2010: un calo di circa 1,2 milioni di euro (il 3% del fabbisogno complessivo annuo), con circa donazioni in meno. slide 12/18 Bambino, Gasseri, Trettel

13 Le Offerte Insieme ai sacerdoti
Le Offerte Insieme ai sacerdoti si possono effettuare tutti i giorni dell’anno. La data limite del 31 dicembre serve solo ai fini della deducibilità. I modi sono i seguenti: alla posta con il conto numero intestato a “Istituto Centrale Sostentamento Clero – Erogazioni liberali, via Aurelia 796 – Roma”; i titolari di un conto BancoPosta possono collegarsi su tramite bonifico bancario; tramite carta di credito CartaSi, Visa e Mastercard, chiamando il numero verde di CartaSi ; recandosi direttamente presso uno degli Istituti Diocesani Sostentamento Clero presenti in tutte le diocesi. Per altre informazioni dettagliate collegarsi al sito slide 13/18 Bambino, Gasseri, Trettel

14 Le Offerte Insieme ai sacerdoti
Il principio di fondo di questo sistema è quello della perequazione. Nessun prete deve vivere in condizioni poco dignitose, e quelli delle comunità più piccole e bisognose devono poter contare sulla generosità di tutti. Quando San Paolo organizzava collette dalla Chiesa di Corinto per le comunità più povere di Gerusalemme e Macedonia, scriveva: “Non si tratta di mettere in ristrettezza voi per sollevare gli altri, ma di fare uguaglianza”. La perequazione, dunque, è l’altro nome della comunione, che in questo caso vuol dire non sentirsi responsabili solo della propria piccola comunità, ma impegnarsi con un piccolo gesto per tutte le comunità d’Italia. slide 14/18 Bambino, Gasseri, Trettel

15 I valori del nuovo sistema
La revisione del Concordato ha fortemente innovato le forme del sostegno economico alla Chiesa cattolica. Ma forse l’innovazione più grande l’ha operata intervenendo sul modo di pensare, promuovendo la partecipazione dei fedeli alla vita della comunità. Il sistema si basa infatti su due convinzioni: • la principale responsabilità di provvedere alle necessità economiche della Chiesa cattolica non spetta né allo Stato né al Vaticano, ma ai fedeli (ad esempio attraverso le offerte domenicali); • tuttavia, a certe condizioni, è legittimo un aiuto dello Stato e dei cittadini. Ed ecco le Offerte Insieme ai sacerdoti e l’8xmille. In questo senso il nuovo sistema è veramente, come si diceva all’inizio, frutto del Concilio Vaticano II (oltre che della Costituzione repubblicana). slide 15/18 Bambino, Gasseri, Trettel

16 I valori del nuovo sistema
La Lettera dei Vescovi Sostenere la Chiesa per servire tutti, pubblicata il 4 ottobre 2008, riafferma il principio: “A dare senso al nuovo sistema è una precisa idea di Chiesa, radicata nel messaggio evangelico e fedele agli insegnamenti del Concilio Vaticano II: un’esperienza di comunione, che riconosce a tutti i battezzati una vera uguaglianza nella dignità e chiede loro l’impegno alla corresponsabilità e alla condivisione delle risorse”. Il canone 222 §1 del Codice di Diritto Canonico traduce poi tutto questo in una norma, affermando esplicitamente: “I fedeli sono tenuti all’obbligo di sovvenire alle necessità della Chiesa, affinché essa possa disporre di quanto è necessario per il culto divino, per le opere di apostolato e di carità e per l’onesto sostentamento dei ministri”. slide 16/18 Bambino, Gasseri, Trettel

17 I valori del nuovo sistema
Comunione Corresponsabilità Partecipazione dei fedeli Trasparenza Perequazione Solidarietà Sono alcuni valori ecclesiali e civili su cui si fonda il sostegno economico alla Chiesa che rendono più ricca l’intera comunità. slide 17/18 Bambino, Gasseri, Trettel

18 Prospettive future Nulla si può dare per scontato.
Ogni anno i fedeli dovranno confermare con una firma consapevole sulla dichiarazione dei redditi la loro fiducia alla Chiesa cattolica e farle destinare l’8xmille del gettito complessivo dell’Irpef. E ogni anno sarà sempre più significativa la partecipazione alla vita della Chiesa attraverso l’Offerta Insieme ai sacerdoti destinata all’Istituto Centrale Sostentamento clero. slide 18/18 Bambino, Gasseri, Trettel


Scaricare ppt "Presentazione sul “sovvenire”"

Presentazioni simili


Annunci Google