La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La disabilità nella Scuola: prevenzione primaria, riconoscimento precoce, prevenzione secondaria Roberta Penge Neuropsichiatra Infantile Sapienza Università

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La disabilità nella Scuola: prevenzione primaria, riconoscimento precoce, prevenzione secondaria Roberta Penge Neuropsichiatra Infantile Sapienza Università"— Transcript della presentazione:

1 La disabilità nella Scuola: prevenzione primaria, riconoscimento precoce, prevenzione secondaria Roberta Penge Neuropsichiatra Infantile Sapienza Università di Roma

2 DisabilitàHandicap qualsiasi limitazione o perdita (conseguente a menomazione) della capacità di compiere unattività nel modo o nellampiezza considerati normali per un essere umano condizione di svantaggio conseguente a una menomazione o a una disabilità che in un certo soggetto limita o impedisce ladempimento del ruolo normale per tale soggetto in relazione alletà, al sesso e ai fattori socioculturali (ICDH, 1980)

3 ICF, 1999 Strutture Funzioni Attività Partecipazione

4 Disabilità a Scuola e Disabilità Scolastica Quasi tutti i disturbi che provocano una seria compromissione dello sviluppo (globale o settoriale) di un bambino comportano anche una disabilità a Scuola (una riduzione della partecipazione) Alcuni di questi disturbi compromettono anche le possibilità di apprendimento scolastico (una riduzione di attività -> disabilità scolastica) Alcuni disturbi dello sviluppo determinano una disabilità solo scolastica (una riduzione di attività)

5 Per tutti questi disturbi è necessario un intervento che riduca le restrizioni nelle attività e nella partecipazione Per alcuni è possibile anche attuare un intervento che ne impedisca linstaurarsi

6 PREVENZIONE Il complesso di interventi tecnici, sociali e sanitari studiati ed elaborati dalla medicina preventiva per annullare o quanto meno consentire un controllo (prima ancora che abbia potuto arrecare danno) di qualsivoglia fattore che possa minacciare lo stato di benessere psicofisico di un individuo o della collettività.

7 Obiettivi della prevenzione Primaria Riduzione della prevalenza di un disturbo attraverso unazione sui fattori etiopatogentici Su popolazione generale o a rischioSecondaria Riduzione degli effetti negativi prodotti da un disturbo attraverso la sua cura tempestiva Su popolazione clinica (a rischio)

8 Prevenzione nella Scuola Interventi volti ad annullare o a controllare i fattori/disturbi che possono ridurre le possibilità di un alunno di usufruire appieno delle opportunità offerte dalla Scuola Formazione degli Insegnanti; Collaborazione con i Servizi Sanitari; Individuazione degli indici di rischio; Individuazione dei segnali precoci; Attivazione di interventi mirati

9 La prevenzione della disabilità nella scuola Lesempio delle difficoltà di apprendimento

10 Una difficoltà di apprendimento Può essere la conseguenza di uno svantaggio Può far parte di un quadro clinico più ampio Disturbo sensoriale Disturbo motorio Disturbo cognitivo Disturbo Generalizzato dello Sviluppo Disturbo Psicopatologico Può essere la conseguenza di un disturbo non risolto Disturbo Specifico di Linguaggio Disturbo della Coordinazione motoria Può costituire un disturbo settoriale Disturbo Specifico di Apprendimento (Lettura, Scrittura, Calcolo, misto)

11 Competenze senso-motorie Competenze visuo-grafiche Competenze linguistiche Competenze simboliche Competenze metalinguistiche Competenz e attentive e mnestiche Competenze visuo-grafiche Competenze linguistiche Competenze cognitive Competenze senso-motorie

12 La prevenzione primaria delle disabilità di apprendimento E possibile evidenziare in anticipo i soggetti che (non avendo già un Disturbo di Sviluppo) presenteranno una Difficoltà di Apprendimento? Un intervento precoce sui fattori di rischio è in grado di ridurre lincidenza delle DA?

13 Dai dati della letteratura internazionale e dalle esperienze italiane: Attraverso progetti di screening mirati è possibile individuare gruppi di soggetti a rischio per lo sviluppo delle abilità scolastiche; Gli stessi screening non sono però efficaci nellindividuare i singoli soggetti che presenteranno un disturbo negli anni successivi

14 Gli screening per le difficoltà di sviluppo permettono: di individuare le abilità più fragili allinterno di un gruppo classe; di programmare ed attivare interventi mirati per i gruppi a rischio; di oggettivare le impressioni degli insegnanti; di monitorare levoluzione dei singoli e dei gruppi; di segnalare le aree di fragilità agli ordini di scuola successivi

15 I fattori di rischio per la comparsa di una Difficoltà di Apprendimento Ritardo nelle acquisizioni linguistiche anche solo a livello fonologico anche se apparentemente risolte Ritardo nelle competenze metafonologiche Ritardo nelle acquisizioni prassiche più complesse Nodo Costruzioni Pedalare Ritardo o difficoltà nelle competenze grafico-rappresentative disegno narrativo

16 La prevenzione secondaria delle Difficoltà di Apprendimento

17 Prevenzione secondaria delle Difficoltà di Apprendimento 1 I DSL e le Disprassie oltre ad aver bisogno di un intervento in età pre-scolare sono un fattore di rischio per la comparsa di una DA Per oltre la metà dei bambini con questi disturbi Spesso anche quando sembrano averli risolti nell'ultimo anno di Scuola dell'Infanzia

18 Prevenzione secondaria nelle Difficoltà di Apprendimento 2 I DSA vengono riconosciuti spesso oltre la III elementare aumento di gravità e maggior impatto sull'apprendimento. comparsa di disturbi secondari psicopatologici, sociali cognitivi

19 Prevenzione secondaria nelle Difficoltà di Apprendimento 3 Il RML ed i Disturbi Borderline Cognitivi vengono riconosciuti spesso allingresso in scuola elementare: maggiori dissociazioni tra le competenze; maggior rischio di falsi apprendimenti; comparsa di disturbi secondari psicopatologici, sociali

20 Come riconoscere tempestivamente una Difficoltà di Apprendimento? Quando un rallentamento rischia di diventare un disturbo?

21 Caratteristiche del DA nel I ciclo elementare Acquisizione lenta e/o non automatizzazione della corrispondenza grafema-fonema Errori frequenti di transcodifica o di previsione semantica Difficoltà nella comprensione della lettura Difficoltà nella comprensione del compito

22 E necessario segnalare un bambino che a metà della I elementare: Non legge e non scrive autonomamente parole bisillabiche piane; Compie errori che deformano completamente la parole Non controlla il rapporto numero quantità

23 E necessario segnalare un bambino che alla fine della I elementare: Legge e scrive sillabando anche parole comuni; Compie errori che deformano la parola; Non legge o scrive autonomamente frasi; Non opera per scritto entro il 10;

24 E necessario segnalare un bambino che alla fine della II elementare: Legge ancora per parole; Compie errori fonologici in lettura e scrittura; Non sa staccare correttamente le parole; Non sa ripetere quello che ha letto; Non padroneggia gli algoritmi del contare e dei calcoli più semplici.

25 E necessario segnalare un bambino che nel secondo ciclo elementare: Legge in modo poco fluido; Compie errori nelle parole poco note; Compie molti errori ortografici in scrittura; Non controlla le regole del linguaggio scritto; Non sa ripetere quello che ha letto Non sa risolvere semplici problemi.

26 I rischi secondari per le difficoltà di apprendimento Disabilità Cognitive e Disturbi Specifici di Apprendimento

27 Voglio essere come gli altri Da solo non so fare Quando leggo io capisco e gli altri no Mi secca essere aiutata Non so se sono io o è il mio problema.. Fino a quando dovrò andare a Scuola? Da grande voglio fare il veterinario Non mi piace leggere Non voglio fare i compiti

28 Nel RM il rallentamento dello sviluppo delle diverse competenze Riduce il parallelismo tra fattori biologici, culturali ed ambientali Rende difficili o impossibili i normali appuntamenti evolutivi Rende difficile il coping con gli stimoli ambientali tarati sulletà cronologica

29 Il rischio psicopatologico nel RM È 3-4 volte superiore a quello della popolazione generale Un disturbo psicopatologico è presente circa nel 40% dei soggetti con RM in età evolutiva E possibile una sottostima o una diagnosi psichiatrica errata in relazione al livello di gravità del RM

30 La sintomatologia del disturbo psicopatologico Varia con il livello di gravità Appare poco caratterizzata Presenta numerose fluttuazioni Mescola caratteristiche diverse Si esprime in situazioni cliniche spesso più sfumate E quindi meno riconoscibile

31 Il rischio psicopatologico nei DSA Il 40% dei DSA non risente significativamente del disturbo; Il 30% presenta segnali di disagio o sofferenza non strutturati e/o temporanei; Il 30% manifesta disturbi psicopatologici conclamati; I problemi più frequenti sono Ansia, Depressione, ADHD e Disturbi del Comportamento; Il tipo di disturbo può variare in relazione alletà

32 Relazioni tra DSA e disturbi psicopatologici: Un DSA con associato disturbo dellattenzione/iperattività è a maggior rischio per disturbi oppositivo- provocatori e della condotta; Un DSA non riconosciuto o non adeguatamente trattato determina la comparsa di disturbi ansiosi e depressivi

33 Come attuare un prevenzione secondaria sulle Difficoltà di Apprendimento una volta riconosciute?

34 Problemi generali nella didattica dei DSA Gli apprendimenti vengono automatizzati con tempi più lunghi Si crea uno sfasamento tra fase attraversata dal bambino e proposte didattiche Contenuti alla portata del bambino non vengono appresi per deficit dello strumento di base Un controllo sufficiente degli strumenti maschera un non controllo dei contenuti Strumenti che per gli altri sono di aiuto costituiscono un ostacolo allapprendimento

35 Cosa non fare: Leggere di più (dopo le fasi iniziali) non migliora labilità di lettura Gli esercizi ripetitivi non provocano generalizzazione dellapprendimento Luso di un compenso/dispensa non riduce le possibilità di sviluppo della competenza Ciò che non è terminato a scuola non può essere finito a casa La quantità di lavoro a casa deve essere compatibile con il livello raggiunto dal bambino

36 Strategie didattiche 1. Scomposizione del compito Lavoro separato sulle diverse componenti Valutazione separata delle diverse componenti Definizioni di obiettivi compatibili con lorganizzazione del disturbo Uso di strumenti che aggirino il disturbo (e liberino energie per lapprendimento)

37 Strategie didattiche 2 Presa di coscienza della richiesta e delle caratteristiche del compito Frazionamento del compito per capirne i vari passaggi Guardare, scegliere, fare, verificare Trasferimento di acquisizioni Intermodalità Ricordo-recupero di processi

38 I due rischi dellintervento per le Difficoltà di Apprendimento Non ci si aspettano variazioni evolutive Si attende che si sblocchi Si esercitano le competenze stabilizzate Si lavora su competenze non ancora emerse

39 Modalità di attuazione dellintervento E necessario garantire la continuità dello sviluppo E necessario consentire anche uno sviluppo autonomo Esistono finestre terapeutiche sensibili Esistono miglioramenti legati allesperienza

40 Grazie per lattenzione Grazie per lattenzione

41 INDAGINE NEUROPSICOLOGICA E COGNITIVA IN SCUOLA MATERNA PER LINDIVIDUAZIONE DI UNAREA A RISCHIO PER I DISTURBI DI APPRENDIMENTO CIRCOLI DIDATTICI 125° ROMA E MONTECOMPATRI ASL 12 TERRAFERMA VENEZIANA ASL e CIRCOLI DIDATTICI ORISTANO ASL e CIRCOLI DIDATTICI TREVIGLIO (BG) UNIVERSITA DI ROMA LA SAPIENZA

42 Il campione normativo DATITRASVERSALI bambini 786 di 4 anni 799 di 5 anni 459 di 6 anni Provenienti dalle province di Roma, Venezia, Oristano, Bergamo PROGETTO LONGITUDINALE: 248 bambini della ASL 12 -Terraferma Veneziana Tempo 1: penultimo anno di scuola dellInfanzia Tempo 2: ultimo anno di scuola dellInfanzia Tempo 3: termine del I anno scuola primaria

43 Soggetti a rischio: 4 anni

44 Soggetti a rischio: 5 anni

45 Il gruppo dei soggetti a rischio a 4 anni Mantiene prestazioni significativamente inferiori a 5 ed a 6 anni in tutte le aree esplorate; A 6 anni mostra prestazioni significativamente inferiori in tutte le misure dellapprendimento scolastico

46 Implicazioni per la Scuola Le prove utilizzate possono costituire la base per la formazione degli Insegnanti; La batteria può essere utilizzata, nella Scuola, come strumento per la programmazione sulle aree/fasce di rischio; La batteria può costruire uno strumento per oggettivare le motivazioni di segnalazione ai Servizi.

47 Competenze coinvolte nellapprendimento del codice scritto Attenzione Selettiva visiva ed uditiva Simultanea Memoria di lavoro Verbale Visiva Cinestesica Memoria a lungo termine Semantica Enciclopedica …. Competenze visuo-percettive Analisi e riconoscimento dei grafemi (caratteristiche distintive lettera) Ordine sinistra destra Competenze grafo-motorie Rappresentazione Programmazione motoria Esecuzione Monitoraggio cinestesico Competenze metafonologiche Analisi e Sintesi fonologica Codifica fonologica Codifica ortografica Competenze linguistiche Magazzino lessicale-semantico Regole morfo-sintattiche Pianificazione morfosintattica e semantica Convenzioni che regolano gli atti linguistici (es. narrazione, argomentazione) Regole del linguaggio scritto Competenze cognitive Collegamento con le conoscenze precedenti Inferenze, deduzioni sulle informazioni non esplicite Riconoscimento e correzione incongruità, errori, ambiguità Competenze metacognitive Selezione modalità di lettura Monitoraggio prestazione Selezione di ausili Conoscenza dellargomento Scelta del contenuto Conoscenza del tipo di compito Conoscenza delle procedure del compito


Scaricare ppt "La disabilità nella Scuola: prevenzione primaria, riconoscimento precoce, prevenzione secondaria Roberta Penge Neuropsichiatra Infantile Sapienza Università"

Presentazioni simili


Annunci Google