La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Politica Agricola Comune e il nuovo sviluppo rurale Matteo Rastelli AGEA Ufficio di Rappresentanza presso lUE Bruxelles 16 maggio 2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Politica Agricola Comune e il nuovo sviluppo rurale Matteo Rastelli AGEA Ufficio di Rappresentanza presso lUE Bruxelles 16 maggio 2006."— Transcript della presentazione:

1 La Politica Agricola Comune e il nuovo sviluppo rurale Matteo Rastelli AGEA Ufficio di Rappresentanza presso lUE Bruxelles 16 maggio 2006

2 Struttura del presente lavoro 1)Introduzione storica delle politiche strutturali in agricoltura dal trattato di Roma ad oggi 2)Valutazione degli effetti delle misure per la competitività del settore agricolo 3)Suggerimenti e raccomandazioni in vista della prossima programmazione

3 Gli obiettivi della PAC Trattato di Roma (1956) Incremento produttiv. Aumento redditi agricoli Stabilizzazione mercati Assicurare auto- approvigionamento Indagine eurobar Cibi sicuri Rispetto dellambiente Protezione delle PMI Qualità della vita per popolazione rurale

4 Multifunzionalità dellagricoltura Politiche di sv rurale (II pilastro) Politiche di mercato (I pilastro) Funzione ruraleFunzione ambientale Produzione di derrate alim e fibre

5 Europa a

6

7

8

9 Una analisi dei primi risultati del periodo Le valutazioni di meta percorso dei PSR: lesempio del PSR Marche

10 PSR MARCHE mis A "investimenti nelle az. agricole" tipo di investimento effettuato numero casivalore mediototale immobiliare macchine trattrici miglioramenti fondiari misti* TOTALI *trattori + immobiliare + migl fondiario

11 Valutazioni degli effetti Due problemi: 1)Verificare gli obiettivi erano stati precisamente e quantitativamente formalizzati allinizio del periodo di programmazione 2)Necessità di disporre di dati quantitativi, affidabili che permettano di valutare gli effetti delle azioni strutturali in agricoltura in relazione ai suddetti obiettivi

12 Valutazioni degli effetti DATI DISPONIBILI: 1)Banca dati monitoraggio dei fondi strutturali (IGRUE) 2)Rapporti di valutazione dei PSR e POR

13 Conclusioni periodo Obiettivi non ben definiti allinizio del presente periodo di programmazione Dati di monitoraggio fisico validi a livello di territorio, ma di difficile aggregazione Rapporti di valutazione con gradi di approfondimento disomogenei e che comunque rilevano a volte risultati non in linea con gli obiettivi prefissati

14 LE NOVITA DELLO SVILUPPO RURALE L Approccio Strategico: la strategia europea e la strategia nazionale

15 Le Fasi della programmazione 1)Linee guida per la Strategia Europea sullo Sviluppo rurale, che delinea le priorità europee per i 3 assi tematici 2)Piano strategico nazionale che adatta le priorità UE alla situazione nazionale, assicurando coerenza e complementairetà con le altre politiche (FES e FESR) 3)Programmi Nazionali o Regionali di Sviluppo Rurale contenenti i 4 assi, e il menu di misure con i relativi limiti e condizioni. 15

16 1. Strategia UE 1. competitività: priorità va data al trasferimento conoscenze, modernizzazione e innovazione delle filiere alimentari. 2. ambiente: priorità alla salvaguardia della biodiversità, e sviluppo di sistemi ad alto valore naturale, acqua e cambiamenti climatici 3. diversificazione: creazione di opportunità di lavoro nelle zone rurali 4. valorizzare il potenziale endogeno delle zone rurali 5. coerenza interna 6. coerenza esterna (con le altre politiche e risorse). Accordo politico del Consiglio, voto PE in gennaio 2006 NSP guidance template

17 2. Piano Strategico Nazionale 1.analisi della situazione economica, sociale ed ambientale e quantificazione degli indicatori 2.strategia globale, traduzione delle priorita UE e individuazione delle priorità nazionali 3.strategia per Asse inclusi obiettivi quantificati e indicatori da usare 4.numero dei PSR e distribuzione indicativa risorse 5.coerenza interna ed esterna complementarieta con gli altri Fondi 6.caratteristiche e risorse per la rete nazionale. N.B. 20 pag. eventuali dettagli in allegato, analisi regionali in allegato. NSP guidance template

18 La struttura del futuro Sviluppo Rurale: 3 assi prioritari + il metodo Leader 1° Asse: miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale: ristrutturazione e innovazione 2° Asse: protezione dellambiente attraverso il sostegno alla gestione sostenibile del territorio 3° Asse: miglioramento della qualità della vita e sostegno alla diversificazione delleconomia rurale 4° Asse: Il metodo Leader: approccio integrato e dal basso

19 Sviluppo rurale Asse Leader (min 5%) Asse 1 Miglioramento competitività (min 10%) Asse 2 Gestione del territorio e protezione ambientale (min 25%) Asse 3 Diversificaz. e qualità vita (min 10%) Semplificazione : quadro giuridico, finanziario, di sorveglianza, controllo e programmazione unica Fondo di sviluppo rurale unico (FEASR)

20 Regolamenti per il periodo Reg 1290/2005 sul finanziamento della PAC, pubblicato a Giugno (istituisce il FEAGA e il FEASR) Reg 1698/2005 sul sostegno allo Sviluppo Rurale da parte del FEASR, pubblicato a Settembre Regolamenti della Commissione (Sviluppo rurale, Finanziario controlli, Transizione): in fase di elaborazione, presentazione agli Stati membri prevista per dicembre/gennaio.

21 Suggerimenti per il Approccio strategico piu rigoroso Esplicitare gli obiettivi da qui al 2015 Attenta analisi dei bisogni del territorio Coinvolgimento del partenariato economico e sociale Fissazione di priorità, e di SCELTE coerenza interna (tra misure) Coerenza esterna (con le altre politiche)

22 Grazie per la vostra attenzione Matteo Rastelli AGEA Ufficio di Rappresentanza presso lUE Bruxelles 16 maggio 2006


Scaricare ppt "La Politica Agricola Comune e il nuovo sviluppo rurale Matteo Rastelli AGEA Ufficio di Rappresentanza presso lUE Bruxelles 16 maggio 2006."

Presentazioni simili


Annunci Google