La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Teoria e tecniche dei nuovi media Lezione n.2 – 2 marzo 2004.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Teoria e tecniche dei nuovi media Lezione n.2 – 2 marzo 2004."— Transcript della presentazione:

1 Teoria e tecniche dei nuovi media Lezione n.2 – 2 marzo 2004

2 Premessa Il linguaggio del multimedia è un metalinguaggio (nel quale si intersecano broken english e denominazioni tecniche) a volte eccessivamente esterofilo, altre tanto ermetico quanto i calendari Maya... Però, se ne conviene, qualche volta, termini come bulldozer sono più espressivi di locuzioni quali macchina cingolata per movimento terra.

3 Introduzione al mondo della comunicazione digitale

4 Cosa è il digitale? Cosa è il multimedia? Cosa è linterattività? Quale editoria oggi?

5 Cosa è il digitale?

6 analogico vs digitale

7 Analogico

8 Digitale

9 sequenziale vs reticolare

10 Innovazione digitale non solo un semplice incremento di funzioni e prestazioni dei prodotti ma….. di consumo dei prodotti (interattività, navigazione) di articolazioni dei segmenti industriali (convergenza tra mass media, telecomunicazione e informatica) del ciclo di produzione (tecniche di produzione innovative: nuove modalità gestionali, diverse qualificazione e quantità delle risorse umane - nuove professioni e project management) di sistema produttivo (conversione, industriale, flussi, attrezzature ed impianti - nuovi strumenti)

11 Cosa è il multimedia?

12 Definire il multimedia: accezione storica Uso contemporaneo di contributi mediali diversi (spettacoli teatrali, convention, seminari, fiere) Un insieme di reti televisive appartenenti al medesimo gruppo Prodotti con una diversificazione complementare (libro + audiocassetta; libro + cd)

13 Multimedia: accezione attuale PRODOTTO MULTIMEDIALE Contemporaneità e molteplicità Integrazione Pariteticità Interattività Complementarietà

14 Caratteristiche dei prodotti multimediali tridimensionalità dei contenuti (enciclopedie e monografie assieme) ipermedialità (evoluzione dellipertestualità) interattività

15 Modalità ipertestetuale, policentrica, asincrona, reticolare, multientrata

16 Cosa è linterattività?

17 Interazione /1 Spesso i nuovi media sono chiamati Media Interattivi (esistono molte ambiguità sulle denominazioni), in altri casi si parla (o si parlava) semplicemente di Multimedia. Linterazione del web degli esordi era limitata a poche funzionalità Form (moduli) Navigazione (ma controllata) Ma sappiamo cosa vuol dire INTERAZIONE?

18 Interazione /2 Interazione vuol dire poter variare lo stato di una cosa, uno strumento, di una situazione, indicando o meglio esercitando unazione alla ricerca di un effetto, o meglio, di una risposta. Uninterazione può avvenire anche con altri esseri umani ovviamente, ma verso uno strumento digitale può essere solo guidata. Sono i progettisti che decidono che tipo di interazione possa avvenire. Lo strumento o lapplicazione non possono fornire risposte ad azioni umane se qualcuno non ha previsto in qualche modo quel tipo di risposta. Ovvero… Parliamo di forme di Interazione controllata.

19 Interazione /3 Possiamo dire in modo semplice che linterazione con uno strumento digitale dipende da come il progettista ha studiato il sistema e da come lutente è stata addestrato a svolgere determinate azioni. Da questo semplice basilare assunto derivano interessanti e complessi ambiti di studio, legati alle discipline che studiano il comportamento dellutente (user experience) posto nella condizione di dover effettuare ragionamenti mediati, azioni controllate e svolgere compiti allinterno di un sistema informatico. Torneremo più volte al concetto di Interazione.

20 interattività StrutturaModalità conoscitiva InterattivitàRiflessività LibrosequenzialesimbolicaintransitivaAlta TvsequenzialepercettivaintransitivaBassa Libro multimedial e ramificataAttiva- percettivo- simbolica transitivaBassa Libro ipertestuale reticolaresimbolicacooperativaAlta Realtà virtuale flessibileattivatransitivaBassa Scrittura multimedial e ramificatasimbolico- percettiva cooperativaAlta Costruzione ipertestuale reticolaresimbolicacooperativaAlta da Calvani, I nuovi media nella scuola

21 Quale editoria oggi?

22 Dal dizionario Garzanti Lemma: editore Etimologia : Dal lat. edito¯re(m) 'chi dà fuori, chi pubblica' Definizione: s. m. [f. -trice] 1 imprenditore o società imprenditrice che stampa in proprio o fa stampare e pubblica per la vendita libri, periodici, quotidiani, testi musicali, o anche dischi, cassette, videocassette registrate e sim., apponendovi sopra il proprio marchio: un editore di libri d'arte; Ricordi fu editore delle musiche di Verdi || Usato anche come agg. : casa, società editrice

23 Quale editoria libraria oggi? Editoria disintermediata (amazon) Nuova editoria in internet –informediaries (www.searchbooks.com)www.searchbooks.com –servizi di comparative shopping –servizi per pubblicazione e la vendita di libri elettronici (www.eBookcity.com)www.eBookcity.com –print on demand freelosophy (quotidiani - enciclopedia britannica.com, garzanti.it)

24 Editoria multimediale Applicazioni tradizionali Cd-rom siti e portali Web tv digitale (pay tv - pay per view) Applicazioni innovative DVD portali Wireless e.book tv interattiva

25 Editoria multimediale off-line Multimedia off-line editoria elettronica - titoli e basi di dati su Cd-rom (in transito verso lon-line) giochi elettronici chioschi multimediali e.book

26

27 Editoria multimediale off-line

28 I settori del multimedia off-line Consumer Editoria elettronica Giochi multimediali Altro Business Cataloghi interattivi Presentazioni multimediali Altro

29 Editoria multimediale on-line Multimedia on-line siti e portali Web pay tv video on demand tv interattiva portali Wireless UMTS

30 Portali web comunicazione relazione transazione di beni

31 Portali web Orizzontali (generalisti) content (www.repubblica.it)www.repubblica.it context (www.finanza.it)www.finanza.it commerce (www.chl.it)www.chl.it community (it.geocities.yahoo.com/)it.geocities.yahoo.com/) communication (www.hotmail.com)www.hotmail.com connectivity (www.yahoo.it)www.yahoo.it)

32 Portali web Verticali (vortal) geografico per argomento per applicazione: specializzazione in certi formati (ad esempio i file.mp3)

33 Portali web Portali interni allazienda (workplace o corporate portal o enterprise portal) organizzano diversi documenti nella stessa architettura condivisa forniscono servizi comuni favoriscono un ambiente di lavoro collaborativo

34 Portali web Portali business to business (marketplace) fornisce informazioni ai clienti può raggiungere nuovi clienti diminuisce la necessità di scorte (supply chain)

35 Portali wireless Nel 1999 nascono i primi portali Wap (wireless application protocol) Prossime tipologie: il Gprs (general packet radio system) lUmts (universal mobile telecommunication system)

36 Il futuro dellon-line Da Internet specifico strumento di comunicazione A Internet mega-medium interattivo, dinamico e reticolare

37 Il futuro dellon-line (quello che cè già) Subscripiton TV (Sky) Video on demand (fastweb, raiclick) Web tv (internet nella tv) Tv interattiva (digitale terrestre) Interactive Distance Communication (formazione, training e aggiornamento professionale e la video- conferenza)

38 Il futuro dellon-line Il cellulare sarà il dispositivo hi-tech più diffuso nella società consumer (dal 2004 anche più dei televisori) Il mercato degli infodomestici passerà dagli 11 milioni di dispositivi venduti nel 2000 a 89 milioni nel 2004: –computer palmari e cellulari –consolle per videogame e WebTV –elettrodomestici evoluti (forni, frigoriferi e lavatrici intelligenti) –terminali per e.mail e web –telefoni pubblici muniti di piccolo schermo

39 Il futuro dellon-line La banda larga permetterà di passare dalla distribuzione interattiva di contenuti leggeri (prevalentemente dati, testo e immagini) alla distribuzione interattiva di contenuti pesanti (ad esempio, luso consistente di audiovisivi e animazioni 3D) si potrà: passare da un punto di un contributo audiovisivo a un altro fruire di più contenuti audiovisivi contemporaneamente accedere a filmati interattivi

40 Qualità del prodotto Utente Tecnologia Implicazione Usabilità Stimolo Funzionalità Istruttività AssetContenuto artistico motivazione istruzione creatività

41 Elementi di stima per la qualità di un prodotto multimediale Cultura Contenuti Usabilità Regolarità di funzionamento Performance Portabilità Copyright Appeal


Scaricare ppt "Teoria e tecniche dei nuovi media Lezione n.2 – 2 marzo 2004."

Presentazioni simili


Annunci Google