La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Giuseppe Celi IEG 2007 Lezione 9 Outsourcing. Giuseppe Celi IEG 2007 Introduzione La crescente integrazione dei mercati mondiali si è accompagnata negli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Giuseppe Celi IEG 2007 Lezione 9 Outsourcing. Giuseppe Celi IEG 2007 Introduzione La crescente integrazione dei mercati mondiali si è accompagnata negli."— Transcript della presentazione:

1 Giuseppe Celi IEG 2007 Lezione 9 Outsourcing

2 Giuseppe Celi IEG 2007 Introduzione La crescente integrazione dei mercati mondiali si è accompagnata negli ultimi decenni alla disintegrazione dei processi produttivi: alcune fasi della produzione manifatturiera e alcuni servizi sono delocalizzati allestero e sono combinati con quelli realizzati internamente. Questo fenomeno è stato identificato in numerosi modi dagli economisti: Krugman (1996) parla di slicing the value chain, Leamer (1996) preferisce il termine delocalization, Deardorff (2005) usa il termine fragmentation. E ancora numerose altre definizioni sono state utilizzate in letteratura: production sharing, globalized production, offshoring, outsourcing, etc.

3 Giuseppe Celi IEG 2007 Introduzione Alcuni economisti distinguono le tipologie di delocalizzazione a seconda della proprietà: si parla di vertical FDI o intra-firm trade o, talvolta, di offshoring quando la proprietà è della multinazionale che delocalizza; si parla di international outsourcing o arms length trade quando la proprietà e dellimpresa estera. Già a partire dalla metà degli anni 60 erano stati istituiti programmi di delocalizzazione produttiva dagli USA in Messico (Maquilladora) sotto un regime tariffario favorevole. E già negli anni 70 le imprese tedesche effettuavano delocalizzazioni produttive nell Asia orientale nel settore tessile. Tuttavia, è negli anni 80 che il fenomeno diventa consistente soprattutto per USA e Giappone.

4 Giuseppe Celi IEG 2007

5 Giuseppe Celi IEG 2007 Introduzione

6 Giuseppe Celi IEG 2007 Introduzione Mentre negli anni con il termine outsourcing si faceva riferimento soprattutto alla delocalizzazione di fasi produttive relative a beni fisici, negli anni recenti il termine si riferisce soprattutto al commercio internazionale di servizi: per esempio, call center delocalizzati a Bangalore per servire utenti di New York, radiografie trasmesse digitalmente da Boston per essere lette a Bombay, etc. Le nuove tecnologie informatiche e della comunicazione permetto di rendere tradable servizi che non lo erano in precedenza.

7 Giuseppe Celi IEG 2007 Introduzione Nella presente lezione, dopo un chiarimento sulla definizione di outsourcing secondo il WTO, passeremo a considerare alcuni schemi analitici che descrivono i possibli effetti delloutsourcing sul reddito nazionale, sui salari e sulla distribuzione del reddito. Inizialmente analizzeremo modelli come quello di Bhagwati et al. (2004) in cui loutsourcing (inteso come offshore trade in arms length service) può essere studiato come un semplice fenomeno di commercio internazionale e, pertanto, illustrato secondo gli schemi standard della teoria del commercio internazionale. Successivamente passeremo a considerare lo schema analitico di Baldwin che, basandosi su Blinder (2006) e Grossman, Rossi-Hansberg (2006), parla di un nuovo paradigma interpretativo associato alloutsourcing che va al di là degli schemi standard della teoria del commercio internazionale

8 Giuseppe Celi IEG 2007 Piano della lezione La definizione di outsourcing secondo il WTO Outsourcing e teoria standard del commercio internazionale nello schema di Bhagwati et al. (2004) Outsourcing: un nuovo paradigma interpretativo? Lanalisi di Baldwin (2006)

9 Giuseppe Celi IEG 2007 La definizione di outsourcing secondo il WTO Il WTO distingue 4 modalità in cui i servizi possono essere commerciati internazionalmente. Modalità 1. Il commercio in servizi consiste in uno scambio a distanza in cui il fornitore e lacquirente restano nelle proprie sedi (arms length trade). Le ICT hanno contribuito molto a questo tipo di scambio. Lo scambio può avvenire tra imprese (call center, back office, programmazione di software, contabilità, etc.) oppure tra fornitori individuali (architetti, designer, consulenti, etc) e consumatori (o imprese) Modalità 2. Il commercio in servizi consiste in uno scambio in cui lacquirente raggiunge la sede del fornitore. Esempi: il turismo, le cure mediche fornite a pazienti stranieri, listruzione fornita a studenti stranieri.

10 Giuseppe Celi IEG 2007 La definizione di outsourcing secondo il WTO Modalità 3. Il fornitore stabilisce una presenza commerciale nel paese straniero sede dellacquirente. Questa offerta di servizi implica un elemento di IDE, sia pur in forma limitata. Esempi: banche e assicurazioni. Modalità 4. Il commercio in servizi consiste in uno scambio in cui il fornitore raggiunge la sede dellacquirente. Esempi: costruzioni, attività di consulenza, cure mediche portate nel paese straniero, istruzione portata nel paese straniero. Questo tipo di scambio comporta unemigrazione temporanea. Paradossalmente, nelle trattative in sede GATT (WTO dopo) la modalità 1 risultò essere la meno controversa al contrario della 3 e 4. I paesi avanzati spingevano per favorire la presenza commerciale allestero (modalità 3), mentre si opponevano alla presenza straniera attraverso la modalità 4. Lattitudine dei paesi meno avanzati era opposta.

11 Giuseppe Celi IEG 2007 La definizione di outsourcing secondo il WTO Attualmente, la maggior parte degli economisti si riferisce alla modalità 1 quando parla di outsourcing. Tuttavia, nel dibattito pubblico (non solo accademico) sugli effetti delloutsourcing su salari e occupazione spesso si includono indiscriminatamente nella modalità 1 le importazioni di componenti da parte delle imprese manifatturiere o gli IDE. Ma questo è scorretto e crea confusione nella comprensione del fenomeno. Nel modello di Bhagwati et al. che ci apprestiamo a considerare loutsourcing consiste strettamente nella modalità 1 secondo la definizione WTO che abbiamo riportato.

12 Giuseppe Celi IEG 2007 Il modello di Bhagwati, Panagariya e Srinivasan (2004) Come si è detto, nel modello di BPS gli effetti delloutsourcing sono analizzati secondo lapproccio della teoria standard del commercio internazionale. Secondo questultima (per esempio il modello HOS), lanalisi procede guardando agli effetti del passaggio dallautarchia al free trade in termini di: 1) incremento del reddito nazionale di ciascuna nazione; 2) cambiamento nella distribuzione del reddito (dato che lanalisi è di lungo periodo e presuppone il pieno impiego, laggiustamento dei prezzi dei fattori necessario a garantire la piena occupazione ha effetti sulla distribuzione). Lo stesso approccio è seguito nel modello che segue.

13 Giuseppe Celi IEG 2007 Il modello di Bhagwati, Panagariya e Srinivasan (2004) Tre versioni del modello sono presentate. Nella prima, si considera un unico bene e due fattori di produzione (K e L). E chiaro che inizialmente, con un unico bene, non cè scopo per il commercio internazionale. Ma lopportunità delloutsourcing apre la possibilità di commerciale i servizi del lavoro per la produzione del bene finale. In questo caso, il modello conduce in modo non ambiguo ad un incremento di welfare con i consueti effetti redistributivi tra i fattori. Nella seconda, si considerano due beni e tre fattori (due specifici rispettivamente alla produzione di ciascun bene, K e L un, e il terzo usato in entrambe le produzioni, L sk ). Inizialmente, il modello prevede lo scambio internazionale convenzionale di beni a prezzi mondiali fissi. Successivamente, subentra loutsourcing e anche in questo caso il welfare aggregato aumenta ma con effetti redistributivi tra i fattori.

14 Giuseppe Celi IEG 2007 Il modello di Bhagwati, Panagariya e Srinivasan (2004) Nella terza versione del modello, si considerano tre beni e due fattori. Inizialmente, due beni sono tradable e il terzo è non tradable. Successivamente il bene non tradable diventa tradable on line ed è importato ad un prezzo più basso. In questo caso, loutsourcing conduce ad un incremento di welfare per entrambi i fattori. Il messaggio generale del modello di BPS è che loffshoring ha effetti generalmente positivi per leconomia. La versione 1 del modello è riportata nel grafico che segue. La curva MP L rappresenta la produttività marginale del lavoro (si assumono rendimenti decrescenti). La dotazione di lavoro è L 0 e W 0 rappresenta il salario reale iniziale. In questo caso, il monte salari è dato dallarea del rettangolo 0W 0 E 0 L 0. Il rendimento del capitale è dato dallarea al di sotto della curva MP L e al di sopra della linea W 0 E 0

15 Giuseppe Celi IEG 2007 Vantaggi delloutsoucing nel modello a un bene

16 Giuseppe Celi IEG 2007 Vantaggi delloutsoucing nel modello a un bene (1) Supponiamo che uninnovazione tecnologica permetta alleconomia di acquistare elettronicamente allestero i servizi del lavoro al salario W. Leconomia continua ad impiegare la stessa dotazione di lavoro domestico L 0 ma ad un salario più basso, W. Inoltre, leconomia acquisterà lavoro estero nella misura di L 0 L pagando il rettangolo L 0 LER. Il lavoro domestico riceve in aggregato 0L 0 RW e il capitale larea al di sotto della curva MP L e al disopra della linea orizzontale WE. Pertanto, Il reddito complessivo del paese crescerà di un ammontare pari allarea E 0 RE: questo è lincremento totale di welfare dovuto alloutsourcing. Ovviamente vi saranno effetti redistributivi con i lavoratori penalizzati in termini del rettangolo W 0 E 0 RW, e i capitalisti avvantaggiati in termini dellarea W 0 E 0 EW.

17 Giuseppe Celi IEG 2007 Vantaggi delloutsoucing in presenza di commercio (2) Come si è detto in precedenza, il secondo modello è a fattori specifici: il settore che produce il bene import-competing utilizza lavoro unskilled come fattore specifico, mentre il settore esportatore utilizza il capitale come fattore specifico. Il lavoro skilled è il fattore comune utilizzato in entrambe le produzioni. Nella figura che segue, vediamo che in corrispondenza dellequilibrio iniziale di free trade (senza outsourcing) lasse rappresenta la dotazione domestica di lavoro skilled. Le curve VMPL 1 e VMPL 2 rappresentano il valore del prodotto marginale del lavoro skilled nelle due produzioni. Lallocazione di equilibrio del lavoro skilled si ha in corrispondenza di S 0 dove il salario è lo stesso nelle due produzioni ed è pari a R 0. Il PIL è misurato dalla somma delle aree al di sotto delle due curve VMPL fino al punto S 0.

18 Giuseppe Celi IEG 2007 Vantaggi delloutsoucing in presenza di commercio (2)

19 Giuseppe Celi IEG 2007 Vantaggi delloutsoucing in presenza di commercio (2) Supponiamo ora che uninnovazione tecnologica permetta di fare outsourcing in termini di lavoro skilled. I servizi di questultimo verranno importati al salario R. In corrispondenza di questo nuovo salario, vi sarà un eccesso di domanda di lavoro skilled pari a GE. Questa domanda verrà soddisfatta con loutsourcing che espande lofferta di lavoro skilled di in modo che = GE. Nel nuovo equilibrio il settore 1 impiegherà S 0 S di lavoro importato e il settore 2 la quantità SS. Loutsourcing genera un aumento del reddito nazionale. Questultimo è misurato in termini di area al di sotto delle curve VMPL. Confrontando le aree prima e dopo loutsourcing, è facile verificare che lincremento di reddito è dato dalla somma delle due aree E 0 FE (settore 1) e ABE (settore 2). Per quanto riguarda gli effetti redistributivi, sotto lipotesi di rendimenti decrescenti, lincremento nelluso del lavoro skilled genererà un incremento del salario degli unskilled e un aumento del rendimento del capitale.

20 Giuseppe Celi IEG 2007 Vantaggi delloutsoucing in presenza di commercio (2) Loutsourcing è dunque benefico in termini aggregati se si fa lipotesi del paese piccolo. Se però si assume che il paese è abbastanza grande da influenzare i prezzi internazionali, leffetto aggiuntivo sulle ragioni di scambio potrebbe contrastare o esaltare lincremento di welfare generato dalloutsourcing. Se per esempio loutsourcing permette di aumentare lofferta del bene esportato al di sopra della domanda mondiale, si determinerà un deterioramento delle ragioni di scambio che eroderà i vantaggi delloutsourcing. Se invece loutsourcing permette di espandere loutput del bene import-competing, si ridurrà la domanda di importazioni determinando un miglioramento delle ragioni di scambio che si andrà ad aggiungere ai vantaggi delloutsourcing

21 Giuseppe Celi IEG 2007 Modello 3: entrambi i fattori guadagnano dalloutsourcing La versione 3 del modello di BPS, come si è detto, è a tre beni e due fattori: i beni 1 e 2 sono tradable, il bene 3 è un servizio non tradable. Il paese è piccolo e produce entrambi i due beni tradable ai prezzi internazionali. La concorrenza perfetta assicura che il costo unitario (che è funzione dei prezzi dei due fattori) sia uguale al prezzo internazionale per ciascuno dei due beni. Finchè i prezzi dei beni sono fissi (esogenamente determinati), anche i prezzi dei fattori saranno fissi. Questo implica che anche il costo unitario del bene 3 è ugualmente fissato, implicando una curva di offerta orizzontale. Supponiamo che il bene 3 diventi tradable ed è acquistabile allestero ad un prezzo più basso di quello praticato allinterno. Lofferta domestica del bene 3 scomparirà del tutto e i fattori produttivi saranno assorbiti nei settori 1 e 2. Le remunerazioni dei fattori in termini dei prezzi dei beni 1 e 2 rimarranno immutate, ma aumenteranno in termini del bene 3, dato che il prezzo di questo bene è diminuito. In questo modello, dunque, entrambi i fattori traggono vantaggio dalloutsourcing.

22 Giuseppe Celi IEG 2007 Outsourcing: un nuovo paradigma interpretativo? Recentemente alcuni eminenti economisti dellUniversità di Princenton, (Grossman, Blinder) hanno fatto notare che la globalizzazione è entrata in una fase nuova e del tutto differente da quella precedente, tanto da richiedere un nuovo paradigma per essere interpretata. I titoli degli articoli di questi due autori sullargomento sono emblematici: Grossman et al. (2006) The rise of Offshoring: its Not Wine for Cloth Anymore, Blinder (2006), Offshoring: the Next Industrial Revolution? Baldwin (2006), passando in rassegna i nuovi contributi che cercano di offrire una nuova chiave interpretativa delle tendenze recenti dei processi di internazionalizzazione, pone a confronto vecchio e nuovo paradigma della globalizzazione contribuendo a chiarirne le differenze.

23 Giuseppe Celi IEG 2007 Outsourcing: un nuovo paradigma interpretativo? Nella prima fase della globalizzazione (che include le due ondate che conosciamo), la riduzione dei costi di trasporto ha posto fine alla necessità di produrre i beni vicino ai luoghi di consumo. Nella seconda fase, la rapida caduta dei costi di comunicazione e di coordinamento ha permesso di porre fine alla necessità di concentrare spazialmente tutte le fasi di produzione di un bene. Più recentemente, la separazione spaziale ha riguardato i servizi. Quindi non solo la frammentazione delle fabbriche ma anche degli uffici. Mentre la teoria standard del commercio internazionale è il vecchio paradigma che serve a spiegare la prima fase della globalizzazione, un nuovo paradigma è necessario per comprendere la seconda fase

24 Giuseppe Celi IEG 2007 Outsourcing: un nuovo paradigma interpretativo? Nel primo paradigma interpretativo, lunità di analisi era il settore e le imprese allinterno di esso. Il commercio internazionale favoriva alcune imprese e danneggiava altre. Poiché la maggior parte delle imprese appartenenti ad un settore erano accomunate dalla stessa sorte, anche il tipo di lavoro utilizzato più intensivamente nel settore seguiva la stessa sorte delle imprese e del settore e quindi laccorpamento di questo tipo di lavoro (per esempio, skilled vs unskilled) in un unico aggregato era utile dal punto di vista analitico per valutare gli effetti redistributivi del commercio internazionale. Nella seconda fase della globalizzazione, la competizione non è tanto tra imprese o settori ma è tra task (mansioni, compiti) allinterno dellimpresa. Questa circostanza altera sostanzialmente lapproccio analitico precedente

25 Giuseppe Celi IEG 2007 T

26 Giuseppe Celi IEG 2007

27 Giuseppe Celi IEG 2007 Il vecchio paradigma Il vecchio paradigma si concentra, dunque, sui settori (non sui task) e sul costo declinante dei beni commerciabili (non delle idee). Il grafico che segue mostra la logica del vecchio paradigma. Lasse delle ordinate mostra i settori dellUE ordinati secondo il vantaggio comparato in ordine decrescente: i settori di vantaggio comparato sono più a sinistra, quelli meno competitivi sono a destra. La curva A mostra la produttività delle imprese UE. Il settore borderline is z: in questo settore, il differenziale di produttività dellUE nei confronti del Sud compensa esattamente il differenziale salariale (la curva A incrocia la retta del differenziale salariale). Pertanto, i settori a sinistra di z sono settori forti dellUE (in termini di prezzo, qualità, etc.) perché il differenziale di produttività più che compensa il differenziale salariale; i settori a destra sono quelli più deboli per il motivo opposto.

28 Giuseppe Celi IEG 2007

29 Giuseppe Celi IEG 2007 Il vecchio paradigma Se consideriamo i costi di trasporto, il costo dei prodotti UE sui mercati del Sud è maggiore; questa circostanza fa spostare a sinistra la curva A (che diventa Aτ): adesso in corrispondenza di z il Sud è più competitivo perché il differenziale di produttività UE non riesce a compensare il differenziale salariale. Allora il settore borderline con costi di trasporto per lUE diventa z x. I costo di trasporto hanno lo stesso effetto sulla competitivita del Sud sui mercati UE: in questo caso, la A slitta verso destra e diventa A/τ e il settore borderline con costi di trasporto per il Sud diventa z m. E evidente che i settori compresi tra z x e z m non saranno commerciati perché in questi settori lUE sul suo mercato interno è più competitiva del Sud ma è meno competitiva sui mercati del Sud.

30 Giuseppe Celi IEG 2007 Il vecchio paradigma Con la caduta dei costi di trasporto, il settore borderline dellUE slitta a destra e così aumenteranno le esportazioni nei settori da z x a z. Il settore borderline del Sud slitterà a sinistra e quindi le produzioni UE in questi settori prima non tradable saranno rimpiazzate dalle importazioni dal Sud (il Sud esporterà nei settori da z m a z). In conclusione, se la competizione internazionale avviene tra settori e se i costi di trasporto subiscono un calo generalizzato comune a tutti i settori, i settori vincenti saranno quelli che erano comunque di vantaggio comparato fin dallinizio e i lavoratori vincenti saranno quelli che lavorano più intensivamente nei settori vincenti. Lopposto accade per i settori declinanti e per i lavoratori di questi settori. E la storia raccontata dalla teoria standard del commercio internazionale (HOS).

31 Giuseppe Celi IEG 2007 Il vecchio paradigma Le implicazioni di policy associate al vecchio paradigma nel caso dellUE sono chiare: se la liberalizzazione commerciale avvantaggia i settori di vantaggio comparato (nel caso UE, quelli più skill intensive) allora le misure di politica economica devono puntare ad un upgrading nel livello di istruzione della forza lavoro (Società dellinformazione). La tabella che segue mostra che ad ogni livello di skill, nel caso della Germania Ovest, i task routinari seguono un trend decrescente. I sostenitori del vecchio paradigma interpreterebbero allora questa evidenza empirica come un inequivocabile upgrading nel livello di skill della forza lavoro e come un suggerimento a implementare politiche che accrescano il livello di skill della forza lavoro in futuro. Quando dal vecchio paradigma si passa al nuovo paradigma queste certezze in termini di policy sono meno chiare.

32 Giuseppe Celi IEG 2007

33 Giuseppe Celi IEG 2007 Vecchio e nuovo paradigma

34 Giuseppe Celi IEG 2007 Il nuovo paradigma Il diagramma che segue è molto simile a quello precedente, solo che adesso la competizione in Europa avviene tra task e non tra settori. Sullasse delle ascisse sono riportati i task ordinati in ordine decrescente secondo il vantaggio comparato (i task più competitivi sono a sinistra). E chiaro che il diagramma riporta una situazione diversa da quella precedente in quanto lelevata specializzazione in un task non coincide con il vantaggio comparato di un settore (in quanto lo stesso task può essere impiegato in settori disparati). Rispetto al diagramma precedente, vi è unaltra differenza sostanziale: gli avanzamenti nelle ICT riducono i costi di trasferimento di alcuni task ma non di altri (la riduzione dei costi non è generalizzata come nel caso precedente)

35 Giuseppe Celi IEG 2007

36 Giuseppe Celi IEG 2007 Il nuovo paradigma Nella figura, questa non generalizzazione del calo dei costi di trasferimento dei task è rappresentata da una retta A che non trasla in modo regolare: alcuni task (come il punto 1) iniziano ad essere esportati mentre altri iniziano ad essere importati (punto 2). Alcuni task dellUE hanno un grosso calo nei costi di trasferimento ma non un forte incremento di produttività: il Sud, nonostante il forte calo nei costi di trasferimento, mantiene un vantaggio nel task 3 prima e dopo la riduzione dei costi. Nella figura, il cambiamento nel costo di trasferimento dei task sembra arbitrario e questo è intenzionale.


Scaricare ppt "Giuseppe Celi IEG 2007 Lezione 9 Outsourcing. Giuseppe Celi IEG 2007 Introduzione La crescente integrazione dei mercati mondiali si è accompagnata negli."

Presentazioni simili


Annunci Google