La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CONTROLLO DI SUPPLY CHAIN MEDIANTE TECNICHE H-INFINITO E NEGOZIAZIONE M. Boccadoro, P. Valigi (DIEI, Università di Perugia) F. Martinelli (Università di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CONTROLLO DI SUPPLY CHAIN MEDIANTE TECNICHE H-INFINITO E NEGOZIAZIONE M. Boccadoro, P. Valigi (DIEI, Università di Perugia) F. Martinelli (Università di."— Transcript della presentazione:

1 CONTROLLO DI SUPPLY CHAIN MEDIANTE TECNICHE H-INFINITO E NEGOZIAZIONE M. Boccadoro, P. Valigi (DIEI, Università di Perugia) F. Martinelli (Università di Roma Tor Vergata) L. Adacher, F. Nicolò (Università di Roma Tre) Ricerca svolta nell'ambito del progetto PRIN 2005: "Analisi, ottimizzazione e coordinamento nei sistemi logistici e produttivi"

2 2/31 Sistemi di produzione distribuiti Produzione distribuita (Supply Chain) domanda spedizione

3 3/31 Modello di riferimento: Sito i-1 Sito i

4 4/31 Modello di riferimento: Sito i-1 Sito i

5 5/31 Modello di riferimento: Sito i-1 Sito i disponibilità domande in attesa

6 6/31 Modello variazionale Domanda nominale nota: calcolo ordini nominali per ottenere un livello di magazzino nominale desiderato Linearizzazione attorno ai valori nominali: (modello che evidenzia l'insorgenza dell'effetto bullwhip) Dinamica Variazionale: se cè sempre abbastanza scorta

7 7/31 Modello variazionale Domanda nominale nota: calcolo ordini nominali per ottenere un livello di magazzino nominale desiderato Linearizzazione attorno ai valori nominali: (modello che evidenzia l'insorgenza dell'effetto bullwhip) Dinamica Variazionale: se cè sempre abbastanza scorta

8 8/31 Simulazioni – effetto bullwhip 3

9 9/31 Indici di prestazione Intera Supply Chain Singolo sito

10 10/31 Intera Supply Chain Singolo sito Indici di prestazione

11 11/31 Intera Supply Chain Definizione di un indice di prestazione e.g. norma del max ( controllo H-infinito) norma L-1 (corrisponde al caso peggiore nel dominio del tempo cioè alla max fluttuazione nelle scorte) etc.

12 12/31 Controllo del sistema politica proporzionale allInventory Position politica Order-Up-To (con modello di previsione) etc. (e.g. Generalized Replenishment Rule…)

13 13/31 Controllo H-infinito Viene adottata la procedura di Chen: Per un sistema lineare z=Az+Bu+Ed * calcola il controllo u=F 1 x+F 2 d (stabilizzante) con il miglior possibile guadagno H-infinito uscita/disturbo con y=Cz+Du ** * necessaria estensione spazio di stato z(k):=[… u(k-2) u(k-1) x(k)] tale vettore di stato contiene linformazione necessaria per effettuare previsione della domanda ** tramite opportuna scelta delle matrici C, D si implementa la funzione costo e/o si maschera il comportamento in frequenza della politica di controllo (prefiltraggio)

14 14/31 Risultati applicando controllo H

15 15/31 Osservazioni e problemi implementativi Il controllo H infinito minimizza gli effetti delle fluttuazioni nella domanda esterna nel caso peggiore La minimizzazione nel caso peggiore può deteriorare le prestazioni medie del sistema Se si conosce (per esempio da dati storici) lo spettro delle fluttuazioni nella domanda, si può usare un opportuno filtraggio nella sintesi H-infinito per aumentare le prestazioni del sito in termini di oscillazioni dei magazzini, garantendo assenza di bullwhip Se i ritardi non sono costanti, si può considerare una implementazione a catena aperta della legge di controllo H infinito calcolata sui ritardi nominali

16 16/31 Controllo decentralizzato Singolo sito Intera SC: Si ha: Se nessun sito a valle causa il bullwhip, si ha: Sito i-1 Sito i

17 17/31 Controllo decentralizzato Una possibile strategia di controllo decentralizzato senza scambio di informazioni: Ogni sito ottimizza il suo costo locale di magazzino J x con il vincolo altruistico J u · 1 Questo garantisce che ogni termine di inventario in J SC non supera il costo locale corrispondente J x. (N.B. L'ottimizzazione col vincolo J u · 1 può causare costi di inventario maggiori del minimo ottenibile nei siti a valle) Se nessun sito a valle causa il bullwhip, si ha:

18 18/31 Controllo decentralizzato Controllo possibile con domanda futura nota:

19 19/31 Controllo decentralizzato e negoziazione Controllo basato sull'inventory position: Stessa funzione obiettivo definita prima:

20 20/31 Controllo decentralizzato e negoziazione Nel caso di una catena con due siti considerando il caso di una singola frequenza: costo al sito 1 costo al sito 2 2 Il costo del sito 1 dipende dalle scelte del sito 2: il sito 1 è interessato a influenzare la scelta del sito 2

21 21/31 Controllo decentralizzato e negoziazione La scelta di 2 che conviene al sito 2 potrebbe non coincidere con quella desiderata dal sito 1

22 22/31 Controllo decentralizzato e negoziazione

23 23/31 Algoritmo di negoziazione (singola frequenza) Passo 0: ogni sito sceglie il valore ottimale "egoistico" Passo m: ogni sito aggiorna il parametro in base alla negoziazione col sito a monte. costo legato a offerta dal sito i-1 costo locale

24 24/31 Proprietà dell'algoritmo di negoziazione L'algoritmo converge in N-1 passi Se P i =1 (i=1,..,N-1), per ogni i, con Ma quale P i conviene ai vari siti?

25 25/31 Proprietà dell'algoritmo di negoziazione Esempio: 2 siti, i =3, Q i =1, f=0.2 1 = costo al sito 1 - suo valore minimo 2 = costo al sito 2 - suo valore minimo SC = costo totale - suo valore minimo

26 26/31 Proprietà dell'algoritmo di negoziazione Esempio: 3 siti, i =3, Q i =1, f=0.2

27 27/31 Algoritmo di negoziazione nel caso di più frequenze Caso di due siti, due frequenze e norma L 1 : Ora, la scelta ottimale (per il sito 1) di 1 dipende da quello che fanno i siti a valle. La convergenza della negoziazione non è più garantita

28 28/31 Algoritmo di negoziazione nel caso di più frequenze Possibili strategie per gestire i casi non convergenti: modificare i valori di in "modo incrementale" cercare la convergenza a coppie (eventualmente con selezione della scelta più conveniente - nel caso di ciclo limite)

29 29/31 Algoritmo di negoziazione nel caso di più frequenze Esempio: 3 siti, i =3, Q i =1, f 1 =0.15, f 2 =0.23

30 30/31 Conclusioni È possibile definire una negoziazione tra i siti basata sull'offerta di una parte P del risparmio da parte dei siti a monte per convincere i loro siti a valle a ridurre la perturbazione negli ordini: nel caso di disturbo a singola frequenza si ottiene convergenza, cosa che non è sempre garantita nel caso di disturbo a più frequenze la percentuale P ottimale per il costo globale non coincide generalmente con quella che minimizza il costo locale dei siti più a monte il comportamento "altruistico" dei siti a monte implica una riduzione del costo globale della SC si potrebbe includere tale percentuale P tra le variabili negoziabili


Scaricare ppt "CONTROLLO DI SUPPLY CHAIN MEDIANTE TECNICHE H-INFINITO E NEGOZIAZIONE M. Boccadoro, P. Valigi (DIEI, Università di Perugia) F. Martinelli (Università di."

Presentazioni simili


Annunci Google