La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I FRONTI E LE PERTURBAZIONI. Alle medie latitudini il contrasto termico fra le zone polari e quelle tropicali determina un forte flusso di correnti occidentali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I FRONTI E LE PERTURBAZIONI. Alle medie latitudini il contrasto termico fra le zone polari e quelle tropicali determina un forte flusso di correnti occidentali."— Transcript della presentazione:

1 I FRONTI E LE PERTURBAZIONI

2 Alle medie latitudini il contrasto termico fra le zone polari e quelle tropicali determina un forte flusso di correnti occidentali in quota soggetto a ondulazioni orizzontali in direzione nord-sud. Le onde sono instabili e quando si rompono creano una struttura a vortice con bassa pressione al centro. Contemporaneamente alla formazione del ciclone, si ha la formazione dei fronti. Ciclogenesi: formazione dei cicloni extratropicali

3 Masse daria diverse a contatto non si mescolano e danno luogo a superfici di discontinuità Lintersezione col suolo prende il nome di fronte

4 I fronti atmosferici Zone di transizione tra due diverse masse daria che si distinguono per: densità temperatura umidità fronte freddo fronte caldo fronte occluso

5 Rappresentazione di un fronte caldo e freddo

6 Formazione di un fronte caldo e freddo

7 Fronte caldo Zona di separazione tra aria più calda umida ed instabile ed aria più fredda e secca preesistente Caratteristiche: * tendenza dellaria calda a risalire la massa daria fredda * nubi prevalentemente stratiformi * precipitazioni persistenti e diffuse * velocità 20 km/h

8

9

10 Fronte freddo Zona di separazione tra aria più calda, umida ed instabile scalzata da aria più fredda, secca e stabile Caratteristiche: * brusco calo della temperatura * la pressione è al minimo, poi in ripresa * rinforzo e rotazione dei venti da nord * aumento della nuvolosità e precipitazioni * velocità km/h

11

12

13 Sviluppo di un sistema frontale associato a formazione di un ciclone Fronte caldo davanti a quello freddo

14 Sviluppo di un sistema frontale associato a formazione di un ciclone Fronte freddo si avvicina a quello caldo

15 Sviluppo di un sistema frontale associato a formazione di un ciclone Fronte freddo raggiunge quello caldo: fase di occlusione

16 Fronte occluso il fronte freddo si muove più velocemente di quello caldo e quando lo raggiunge inizia la fase di occlusione

17 Occlusione fredda Tipico dellestate quando il continente è fortemente riscaldato Occlusione calda Tipico dellinverno quando laria atlantica è normalmente più calda di quella che ristagna sul continente

18 L Esempio 1: fronte freddo del 20 settembre 1999

19

20 Esempio 2: sistemi frontali del 9 giugno 2002


Scaricare ppt "I FRONTI E LE PERTURBAZIONI. Alle medie latitudini il contrasto termico fra le zone polari e quelle tropicali determina un forte flusso di correnti occidentali."

Presentazioni simili


Annunci Google