La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Daniele Coppa1 Daniele Coppa Classe V E Anno scolastico 2001 / 2002 – Esame di Stato Tesina multimediale LA RIVOLUZIONE DIGITALE e le sue conseguenze.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Daniele Coppa1 Daniele Coppa Classe V E Anno scolastico 2001 / 2002 – Esame di Stato Tesina multimediale LA RIVOLUZIONE DIGITALE e le sue conseguenze."— Transcript della presentazione:

1

2 Daniele Coppa1 Daniele Coppa Classe V E Anno scolastico 2001 / 2002 – Esame di Stato Tesina multimediale LA RIVOLUZIONE DIGITALE e le sue conseguenze nella società

3 Daniele Coppa2 LA RIVOLUZIONE DIGITALE Nicholas Negroponte, responsabile del Media Lab del Mit, ha lanciato lo slogan della rivoluzione digitale: il passaggio da una civiltà fondata sullatomo e sulla materia, ad una fondata sul bit, sullunità digitale.

4 Daniele Coppa3 INDICE DELLA TESINA 1) Introduzione alla tesina 2) Breve storia dellelaboratore elettronico 3) Breve storia dellIntelligenza Artificiale 4) Il dibattito sullIntelligenza Artificiale 5) La struttura del personal computer 6) Il sistema digitale 7) La rete di Internet e il Web 8) La società dellinformazione 9) La rivoluzione digitale 10) Le conseguenze della rivoluzione digitale nella società 11) Problematiche letterarie e filosofiche 12) Prospettive per il futuro 13) Conclusione 14) Bibliografia 15) Collegamenti interdisciplinari 16) Il Futurismo 17) Appendice storica

5 Daniele Coppa4 BREVE STORIA DELLELABORATORE ELETTRONICO Principi del funzionamento del moderno elaboratore elettronico da diverse discipline: * calcolo e matematica * fisica, chimica * scienze applicate * diverse tecnologie Rivoluzione industriale di fine Settecento esigenza di capacità di calcolo; inventata la calcolatrice meccanica industriale e progettato il primo calcolatore Il primo vero calcolatore elettronico verso la fine degli anni Trenta, in concomitanza con la Seconda Guerra Mondiale, per esigenze belliche

6 Daniele Coppa5 I.LA PRIMA GENERAZIONE [valvole] 1937 progettato il calcolatore elettromeccanico MarkI 1946 costruito ENIAC, primo vero calcolatore elettronico. Centinaia di volte più veloce del MarkI, impiega per funzionare W 1949 costruito EDSAC, calcolatore a programma memorizzato (modello di John Von Neumann) I primi elaboratori elettronici per esigenze militari o scientifiche, ma presto nuovi ambiti di applicazione. II.LA SECONDA E LA TERZA GENERAZIONE Levoluzione tecnologica degli elaboratori permette: * caduta dei costi (di fabbricazione/manutenzione); * riduzione dello spazio; * risparmio energetico; * maggiore velocità di elaborazione.

7 Daniele Coppa elaboratori della seconda generazione [transistor] Successivamente, elaboratori della terza generazione [circuiti integrati] III.DALLA QUARTA GENERAZIONE AD OGGI Quarta generazione [utilizzo dei circuiti a logica programmata] Quinta generazione [impiego dei microchip, microprocessori di ultima generazione]. Continua evoluzione della microelettronica. Il futuro sta nella miniaturizzazione: si arriverà ai microcomputer, per tappe graduali, come si è passati dai mainframe ai personal computer.

8 Daniele Coppa test di Turing, per permettere di stabilire se una macchina sia o no intelligente 1956 Conferenza di Dartmouth; parte la ricerca scientifica mondiale nel campo dellIA. Tappa fondamentale nella storia dellIA Marvin Minsky fonda il Mit AI Lab. Progressivo allentarsi della tensione tra i due blocchi contrapposti gli ambienti militari si disinteressano allIA Sogni originali dellIA (definiti da Simon negli anni Cinquanta): arrivare in dieci anni a programmi che battano il campione mondiale di scacchi, dimostrino nuovi teoremi di matematica e ispirino teorie psicologiche BREVE STORIA DELLIA

9 Daniele Coppa8 Dopo cinquantanni la maggior parte di questi sogni sono stati abbandonati; le previsioni degli anni Cinquanta si sono dimostrate esagerate e irrealistiche. Inoltre, il ruolo del calcolatore è stato ridimensionato. Solo in un campo le previsioni di Simon si sono avverate: nel 1997 il computer Deep Blue batte in un match di scacchi il campione del mondo Garry Kasparov. La macchina vince sulluomo. Il film A.I. – Artificial intelligence (2001) riapre il dibattito sullIA. Gli studiosi analizzano le prospettive per il futuro. Marvin Minsky crede che in un futuro prossimo gli uomini lasceranno il posto alle macchine; luomo è una sorta di gradino intermedio tra la scimmia e il computer; egli stesso diventerà a poco a poco una macchina…

10 Daniele Coppa9 Analisi della capacità umana di ragionare verso due obiettivi: la logica come il pensiero opera la gnoseologia che cosa sono mente e pensiero Su questi due punti: la ricerca dellIntelligenza Artificiale (IA). IA: possibilità che una macchina mostri comportamento intelligente. IA forte: gli attuali computer sono capaci di pensare. IA debole: il calcolatore è solo uno strumento. > IL DIBATTITO SULLINTELLIGENZA ARTIFICIALE

11 Daniele Coppa10 Indagine sulla logica: linguaggi formali (costruzione di linguaggi rigorosi). Per lavorare con essi: uso del moderno computer digitale. Indagine sulla gnoseologia: abbandonato schema dualistico cartesiano (pensiero-mente [r.cog] / materia- corpo [r.ext.]) Presupposti dellIA: acquisizioni scientifico-tecnologiche (nozioni di linguaggio formale, moderni computer,…) ipotesi scientifiche e filosofiche (su intelligenza e pensiero) Il modello computazionale della mente: - capacità di un organismo di recepire informazioni, di elaborarle, di fornire risposte - elaborazione in forma computazionale - molteplici sottosistemi collegati tra loro

12 Daniele Coppa11 Esiste analogia tra computer e mente umana, anche se la distanza non è breve. Ricerche su IA: no completa imitazione intell. umana, ma parti di intelligenza scrematura funzioni del pensiero (Hofstadter) Caratteristiche dellIA: 1)integrazione tra tutti i livelli del sistema 2)criteri di interpretazione di un evento nei diversi livelli di un sistema. 3)Almeno uno dei livelli più bassi: macchina logica Esistono limiti allapproccio computazionale: esplosione combinatoria e complessità delle situazioni reali. Per risolvere problemi: a)aumento capacità di calcolo b)ottimizzazione del calcolo (connessionismo) c)procedure euristiche

13 Daniele Coppa12 Luso di procedure euristiche obiezione radicale alla tesi forte dellIA. Obiezioni allIntelligenza Artificiale – critiche allIA: 1.assenza di coscienza di elaborazione: i computer seguono solo procedure meccaniche, non capiscono nulla delle operazioni. 2.assenza di comprensione, estesa a tutta lIA. 3.critica di John Searle: i computer non hanno comprensione del significato dei simboli: assenza di intenzionalità obiezione alla tesi forte. Esempio della stanza cinese (simile al test di Turing). Searle appartenente alla corrente dellIA debole. L'intelligenza artificiale.doc

14 Daniele Coppa13 Informazione in formato digitale Linguaggio macchina 2 cifre: 0 e 1 linguaggio binario 0 / 1 un bit di informazione Carattere 8 bit = un byte Memoria HD di un attuale PC: 40 Gb 40 mld di byte Tot. informazione mondiale: 71 mld di mld di byte (exabyte) E possibile digitalizzare: testi immagini suoni, filmati IL SISTEMA DIGITALE

15 Daniele Coppa14 Fine anni Sessanta nasce Internet negli USA per scopi militari [Arpanet] 1982 invenzione dei protocolli [ TCP/IP e IP] 1989 nasce il Web al CERN di Ginevra Dal CERN la rete si estende: World Wide Web (WWW) 1995 anno della svolta digitale; il fenomeno Internet esplode: 1. digitalizzazione risorse informative 2. diffusione di PC potenti e facili da utilizzare 3. estensione reti telematiche LA RETE DI INTERNET E IL WEB

16 Daniele Coppa15 La nostra società postindustriale In essa linformazione ha importanza fondamentale e diventa fattore della produttività. Società dellinformazione Lelaboratore elettronico cambia il volto della società: linformazione circola con un flusso di bit. Il computer è il protagonista della rivoluzione digitale. Viviamo nellera dellinformatica e delle telecomunicazioni. LA SOCIETA DELLINFORMAZIONE

17 Daniele Coppa16 Nicholas Negroponte, responsabile del Media Lab del Mit, ha lanciato lo slogan della rivoluzione digitale: il passaggio da una civiltà fondata sullatomo e sulla materia, ad una fondata sul bit, sullunità digitale. Il mondo dei bit è molto diverso: i bit non hanno peso, dimensioni, né colore o forma, viaggiano alla velocità della luce. I bit stanno rapidamente sostituendo gli atomi. Il passaggio da atomi a bit è irreversibile e inarrestabile. Il cambiamento è di tipo esponenziale. LA RIVOLUZIONE DIGITALE

18 Daniele Coppa17 Vantaggi: tutti i mezzi parlano lo stesso linguaggio; linterattività consente un flusso bidirezionale; fruizione di uninformazione personalizzata; velocità del flusso di informazione. la compressione dei dati; la correzione degli errori. Svantaggi: overload (sovraccarico) informativo; stress informativo; dubbia qualità informazione on-line. convergenza al digitale digitalizzazione convergenza al digitale

19 Daniele Coppa18 La rivoluzione digitale sta cambiando il mondo; le conseguenze: informazione personalizzata; [INFORMARCI] Webcommercio, e-commerce, e-business, telelavoro; [LAVORARE E ACQUISTARE] comunità virtuali, chat, ; [COMUNICARE] didattica a distanza, ipertesto; [STUDIARE] La rivoluzione digitale cambia la nostra vita. LE CONSEGUENZE DELLA RIVOLUZIONE DIGITALE NELLA SOCIETA

20 Daniele Coppa19 Grandi letterati e pensatori hanno avvertito la portata della rivoluzione digitale già negli anni Settanta – Ottanta. Lyotard nel 1979 scrive La condizione postmoderna e tratta la condizione del sapere nella società postindustriale. Dagli anni Cinquanta società nelletà postindustriale e culture nelletà postmoderna. La trasformazione incide direttamente sul sapere; esso diventa operativo solo se è traducibile in digitale. Come conseguenza il sapere diventa merce e perde il valore duso. PROBLEMATICHE LETTERARIE E FILOSOFICHE

21 Daniele Coppa20 Calvino nel 1985 è invitato a tenere un ciclo di lezioni- conferenze allUniversità di Harvard. Le sei conferenze trattano le sei qualità che la letteratura deve conservare nel prossimo millennio: 1. leggerezza; 2. rapidità; 3. esattezza; 4. visibilità; 5. molteplicità; 6. consistenza (tema non trattato). La prima conferenza spazia dalla leggerezza letteraria alla leggerezza del software dei computer e dei bits senza peso.

22 Daniele Coppa21 Il computer rappresenta il presente e il futuro. Il discorso sul futuro, sulla velocità dellinformazione tema della macchina. Il Futurismo rompe con il passato, proiettato nel futuro: esaltazione del progresso scientifico-tecnologico, della velocità della vita moderna, della macchina Manifesto del Futurismo [nasce ufficialmente il Futurismo]. IL FUTURISMO

23 Daniele Coppa22 Umberto Boccioni, La città che sale La città che sale.mov La città che sale.avi Luigi Russolo, Dinamismo di unautomobile Dinamismo di un'automobile.mov Dinamismo di un'automobile.avi IL FUTURISMO MULTIMEDIALE

24 Daniele Coppa23 Giosuè Carducci dellInno a Satana; Luigi Pirandello con I quaderni di Serafino Gubbio, operatore; il Futurismo letterario di Marinetti. IL TEMA DELLA MACCHINA NELLA LETTERATURA

25 Daniele Coppa24 Il cammino evolutivo della tecnologia informatica prosegue con: la domotica, che fornisce IA agli elettrodomestici; la rivoluzione Grid – nuova fase di Internet – per condividere capacità di calcolo e di elaborazione e una mole enorme di informazione trasformare milioni di PC in unico super-computer per applicazioni scientifiche; Internet2, evoluzione di Internet; Sviluppo dellinformatica nella teratecnologia; nanotecnologia; Intelligenza Artificiale e reti neurali. LE SFIDE DEL FUTURO


Scaricare ppt "Daniele Coppa1 Daniele Coppa Classe V E Anno scolastico 2001 / 2002 – Esame di Stato Tesina multimediale LA RIVOLUZIONE DIGITALE e le sue conseguenze."

Presentazioni simili


Annunci Google